Leao genderless in gonna. Tendenza e business.

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
200,117
Reaction score
25,697
La GDS in edicola su Leao in gonna l'altra sera al... Gran Galà del Calcio: l'ultima giocata l’ha messa a segno senza neanche scendere in campo, ed è stato un successo: sul red carpet del Gran Galà del calcio, l’altra sera a Milano, il look di Rafa Leao ha stracciato la concorrenza. La gonna del milanista — indossata sopra i pantaloni e accompagnata da una giacca lunga portata a petto nudo — è diventata l’argomento delle ultime ventiquattr’ore: Leao ha calamitato su di sé i flash dei fotografi e le condivisioni sui social, ha “oscurato” i colleghi del Napoli (e del miglior attacco dell’anno insieme a lui) Osimhen e Kvaratskhelia, elegantissimi ma classici in smoking, e ha messo all’angolo, per qualche ora, persino il suo stesso infortunio. Si è parlato più del suo look, curato dalla portoghese Ines Rebelo, che delle possibilità di recupero per l’Atalanta. Passione Potenza del calciatore glamour, capace di fare tendenza: Rafa lo fa praticamente da sempre, basta dare un’occhiata ai suoi social. Tra una foto di un gol e l’altra, compare in veste di modello: posa per il suo sponsor tecnico, Adidas, per le firme della moda con cui lo sponsor ha collaborato (da Gucci a Prada), ma anche per occhiali, gioielli e altri accessori di cui è testimonial. La gonna dell’altra sera ha attirato l’attenzione ma Leao non è nuovo allo stile genderless: qualche anno fa lo avevano paparazzato in via Monte Napoleone con una borsetta bianca a tra- colla. Il ragazzo non ha paura di osare insomma. Nel suo “catalogo” di outfit si va dalle camicie alla canottiera bianca con coppola “siciliana”, dalla t-shirt che omaggia Tupac, rapper americano ucciso a 25 anni e simbolo di una generazione (scatto in cui con Rafa posa l’amico Moise Kean, attaccante della Juve e della Nazionale), fino alle dediche a Nelson Mandela. Leao posa anche per “Son is Son”, il suo marchio di abbigliamento: la moda per lui non è solo passione ma anche business. La linea del suo brand è sportiva: felpe soprattutto, il capospalla preferito da Rafa. La stella della squadra si appassiona di moda e il Milan logicamente ne sfrutta le potenzialità: Leao è in prima fila tra i testimonial rossoneri di Off-White, brand di tendenza tra i più giovani che è Style and Culture Curator ufficiale del club. Non solo: Rafa è anche tra i più gettonati per promuovere i classici maglioni natalizi che popolano i social del Milan di questi tempi. Certe passioni nascono da sole, o forse no: papà Antonio, mentore di Rafa, al Galà sorrideva accanto a lui e alla madre. «Fin da quando ero bambino, mio padre mi ha sempre incoraggiato a vestirmi bene — ha raccontato Leao —. Non mi lasciava uscire di casa vestito male. Il mio buon gusto è stato anche merito suo, perché veste davvero bene. Mio padre è stato la mia ispirazione e spero un giorno di essere un punto di riferimento anche nel mondo della moda».

PULISIC E' LA CERTEZZA QUI -) Milan: Pulisic è la certezza.

GIROUD: TABU' DEA. LA FORMAZIONE PER BERGAMO QUI -) Giroud: tabù Dea. La formazione per Bergamo.


225109803-01feab32-306e-4858-8fc5-1db36df7dc6c.jpg
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
200,117
Reaction score
25,697
Cioè, se ci fate caso ste robe "Genderless" ormai sono tutte nostre. Non vedo giocatori di altre squadre con la gonna o vestiti di rosa. Cioè, al prossimo giro vedremo qualcuno in minigonna a girocefalo? Questi si portano Sangiovanni (altro macho) appresso anche quando in trasferta...

Per Dio, datemi Vannacci AD.
 

Milanismo

Well-known member
Registrato
4 Dicembre 2022
Messaggi
2,582
Reaction score
1,849
La GDS in edicola su Leao in gonna l'altra sera al... Gran Galà del Calcio: l'ultima giocata l’ha messa a segno senza neanche scendere in campo, ed è stato un successo: sul red carpet del Gran Galà del calcio, l’altra sera a Milano, il look di Rafa Leao ha stracciato la concorrenza. La gonna del milanista — indossata sopra i pantaloni e accompagnata da una giacca lunga portata a petto nudo — è diventata l’argomento delle ultime ventiquattr’ore: Leao ha calamitato su di sé i flash dei fotografi e le condivisioni sui social, ha “oscurato” i colleghi del Napoli (e del miglior attacco dell’anno insieme a lui) Osimhen e Kvaratskhelia, elegantissimi ma classici in smoking, e ha messo all’angolo, per qualche ora, persino il suo stesso infortunio. Si è parlato più del suo look, curato dalla portoghese Ines Rebelo, che delle possibilità di recupero per l’Atalanta. Passione Potenza del calciatore glamour, capace di fare tendenza: Rafa lo fa praticamente da sempre, basta dare un’occhiata ai suoi social. Tra una foto di un gol e l’altra, compare in veste di modello: posa per il suo sponsor tecnico, Adidas, per le firme della moda con cui lo sponsor ha collaborato (da Gucci a Prada), ma anche per occhiali, gioielli e altri accessori di cui è testimonial. La gonna dell’altra sera ha attirato l’attenzione ma Leao non è nuovo allo stile genderless: qualche anno fa lo avevano paparazzato in via Monte Napoleone con una borsetta bianca a tra- colla. Il ragazzo non ha paura di osare insomma. Nel suo “catalogo” di outfit si va dalle camicie alla canottiera bianca con coppola “siciliana”, dalla t-shirt che omaggia Tupac, rapper americano ucciso a 25 anni e simbolo di una generazione (scatto in cui con Rafa posa l’amico Moise Kean, attaccante della Juve e della Nazionale), fino alle dediche a Nelson Mandela. Leao posa anche per “Son is Son”, il suo marchio di abbigliamento: la moda per lui non è solo passione ma anche business. La linea del suo brand è sportiva: felpe soprattutto, il capospalla preferito da Rafa. La stella della squadra si appassiona di moda e il Milan logicamente ne sfrutta le potenzialità: Leao è in prima fila tra i testimonial rossoneri di Off-White, brand di tendenza tra i più giovani che è Style and Culture Curator ufficiale del club. Non solo: Rafa è anche tra i più gettonati per promuovere i classici maglioni natalizi che popolano i social del Milan di questi tempi. Certe passioni nascono da sole, o forse no: papà Antonio, mentore di Rafa, al Galà sorrideva accanto a lui e alla madre. «Fin da quando ero bambino, mio padre mi ha sempre incoraggiato a vestirmi bene — ha raccontato Leao —. Non mi lasciava uscire di casa vestito male. Il mio buon gusto è stato anche merito suo, perché veste davvero bene. Mio padre è stato la mia ispirazione e spero un giorno di essere un punto di riferimento anche nel mondo della moda».

PULISIC E' LA CERTEZZA QUI -) Milan: Pulisic è la certezza.

GIROUD: TABU' DEA. LA FORMAZIONE PER BERGAMO QUI -) Giroud: tabù Dea. La formazione per Bergamo.


225109803-01feab32-306e-4858-8fc5-1db36df7dc6c.jpg
Ci mancava solo questa per Dio...
 

Zenos

Senior Member
Registrato
30 Agosto 2012
Messaggi
22,185
Reaction score
10,278
La GDS in edicola su Leao in gonna l'altra sera al... Gran Galà del Calcio: l'ultima giocata l’ha messa a segno senza neanche scendere in campo, ed è stato un successo: sul red carpet del Gran Galà del calcio, l’altra sera a Milano, il look di Rafa Leao ha stracciato la concorrenza. La gonna del milanista — indossata sopra i pantaloni e accompagnata da una giacca lunga portata a petto nudo — è diventata l’argomento delle ultime ventiquattr’ore: Leao ha calamitato su di sé i flash dei fotografi e le condivisioni sui social, ha “oscurato” i colleghi del Napoli (e del miglior attacco dell’anno insieme a lui) Osimhen e Kvaratskhelia, elegantissimi ma classici in smoking, e ha messo all’angolo, per qualche ora, persino il suo stesso infortunio. Si è parlato più del suo look, curato dalla portoghese Ines Rebelo, che delle possibilità di recupero per l’Atalanta. Passione Potenza del calciatore glamour, capace di fare tendenza: Rafa lo fa praticamente da sempre, basta dare un’occhiata ai suoi social. Tra una foto di un gol e l’altra, compare in veste di modello: posa per il suo sponsor tecnico, Adidas, per le firme della moda con cui lo sponsor ha collaborato (da Gucci a Prada), ma anche per occhiali, gioielli e altri accessori di cui è testimonial. La gonna dell’altra sera ha attirato l’attenzione ma Leao non è nuovo allo stile genderless: qualche anno fa lo avevano paparazzato in via Monte Napoleone con una borsetta bianca a tra- colla. Il ragazzo non ha paura di osare insomma. Nel suo “catalogo” di outfit si va dalle camicie alla canottiera bianca con coppola “siciliana”, dalla t-shirt che omaggia Tupac, rapper americano ucciso a 25 anni e simbolo di una generazione (scatto in cui con Rafa posa l’amico Moise Kean, attaccante della Juve e della Nazionale), fino alle dediche a Nelson Mandela. Leao posa anche per “Son is Son”, il suo marchio di abbigliamento: la moda per lui non è solo passione ma anche business. La linea del suo brand è sportiva: felpe soprattutto, il capospalla preferito da Rafa. La stella della squadra si appassiona di moda e il Milan logicamente ne sfrutta le potenzialità: Leao è in prima fila tra i testimonial rossoneri di Off-White, brand di tendenza tra i più giovani che è Style and Culture Curator ufficiale del club. Non solo: Rafa è anche tra i più gettonati per promuovere i classici maglioni natalizi che popolano i social del Milan di questi tempi. Certe passioni nascono da sole, o forse no: papà Antonio, mentore di Rafa, al Galà sorrideva accanto a lui e alla madre. «Fin da quando ero bambino, mio padre mi ha sempre incoraggiato a vestirmi bene — ha raccontato Leao —. Non mi lasciava uscire di casa vestito male. Il mio buon gusto è stato anche merito suo, perché veste davvero bene. Mio padre è stato la mia ispirazione e spero un giorno di essere un punto di riferimento anche nel mondo della moda».

PULISIC E' LA CERTEZZA QUI -) Milan: Pulisic è la certezza.

GIROUD: TABU' DEA. LA FORMAZIONE PER BERGAMO QUI -) Giroud: tabù Dea. La formazione per Bergamo.


225109803-01feab32-306e-4858-8fc5-1db36df7dc6c.jpg
Io mi aspetto che da un momento all'altro spunti fuori da qualche parte un telone di scherzi a parte e sbuchi da dietro Silvio che sorridente esclama: mi sono burlato di voi per 12 anni!
Non è possibile essere passati dal club più temuto e rispettato al mondo a questo circo di pagliacci.
 
Registrato
8 Ottobre 2018
Messaggi
44,081
Reaction score
14,290
La GDS in edicola su Leao in gonna l'altra sera al... Gran Galà del Calcio: l'ultima giocata l’ha messa a segno senza neanche scendere in campo, ed è stato un successo: sul red carpet del Gran Galà del calcio, l’altra sera a Milano, il look di Rafa Leao ha stracciato la concorrenza. La gonna del milanista — indossata sopra i pantaloni e accompagnata da una giacca lunga portata a petto nudo — è diventata l’argomento delle ultime ventiquattr’ore: Leao ha calamitato su di sé i flash dei fotografi e le condivisioni sui social, ha “oscurato” i colleghi del Napoli (e del miglior attacco dell’anno insieme a lui) Osimhen e Kvaratskhelia, elegantissimi ma classici in smoking, e ha messo all’angolo, per qualche ora, persino il suo stesso infortunio. Si è parlato più del suo look, curato dalla portoghese Ines Rebelo, che delle possibilità di recupero per l’Atalanta. Passione Potenza del calciatore glamour, capace di fare tendenza: Rafa lo fa praticamente da sempre, basta dare un’occhiata ai suoi social. Tra una foto di un gol e l’altra, compare in veste di modello: posa per il suo sponsor tecnico, Adidas, per le firme della moda con cui lo sponsor ha collaborato (da Gucci a Prada), ma anche per occhiali, gioielli e altri accessori di cui è testimonial. La gonna dell’altra sera ha attirato l’attenzione ma Leao non è nuovo allo stile genderless: qualche anno fa lo avevano paparazzato in via Monte Napoleone con una borsetta bianca a tra- colla. Il ragazzo non ha paura di osare insomma. Nel suo “catalogo” di outfit si va dalle camicie alla canottiera bianca con coppola “siciliana”, dalla t-shirt che omaggia Tupac, rapper americano ucciso a 25 anni e simbolo di una generazione (scatto in cui con Rafa posa l’amico Moise Kean, attaccante della Juve e della Nazionale), fino alle dediche a Nelson Mandela. Leao posa anche per “Son is Son”, il suo marchio di abbigliamento: la moda per lui non è solo passione ma anche business. La linea del suo brand è sportiva: felpe soprattutto, il capospalla preferito da Rafa. La stella della squadra si appassiona di moda e il Milan logicamente ne sfrutta le potenzialità: Leao è in prima fila tra i testimonial rossoneri di Off-White, brand di tendenza tra i più giovani che è Style and Culture Curator ufficiale del club. Non solo: Rafa è anche tra i più gettonati per promuovere i classici maglioni natalizi che popolano i social del Milan di questi tempi. Certe passioni nascono da sole, o forse no: papà Antonio, mentore di Rafa, al Galà sorrideva accanto a lui e alla madre. «Fin da quando ero bambino, mio padre mi ha sempre incoraggiato a vestirmi bene — ha raccontato Leao —. Non mi lasciava uscire di casa vestito male. Il mio buon gusto è stato anche merito suo, perché veste davvero bene. Mio padre è stato la mia ispirazione e spero un giorno di essere un punto di riferimento anche nel mondo della moda».

PULISIC E' LA CERTEZZA QUI -) Milan: Pulisic è la certezza.

GIROUD: TABU' DEA. LA FORMAZIONE PER BERGAMO QUI -) Giroud: tabù Dea. La formazione per Bergamo.


225109803-01feab32-306e-4858-8fc5-1db36df7dc6c.jpg
si parla più del suo look che di lui perchè in campo fa piangere 2 volte su 3.
 

Toby rosso nero

Moderatore
Membro dello Staff
Registrato
29 Agosto 2012
Messaggi
39,924
Reaction score
19,744
Cioè, se ci fate caso ste robe "Genderless" ormai sono tutte nostre. Non vedo giocatori di altre squadre con la gonna o vestiti di rosa. Cioè, al prossimo giro vedremo qualcuno in minigonna a girocefalo? Questi si portano Sangiovanni (altro macho) appresso anche quando in trasferta...

Per Dio, datemi Vannacci AD.

Avendo come vero proprietario Peppe Fetish... non possiamo aspettarci altro...
 

Toby rosso nero

Moderatore
Membro dello Staff
Registrato
29 Agosto 2012
Messaggi
39,924
Reaction score
19,744
Alla prossima andrà in giro come il modell* Adidas che avevamo postato tempo fa nel topic woke.
Già al tempo avevamo notato la somiglianza :asd:

Attenzione, solo per stomaci forti.

Schermata-2023-05-18-alle-09.56.44.png.webp
 
Registrato
10 Marzo 2021
Messaggi
14,372
Reaction score
14,166
E beh, dopo Origi ci voleva un altro rincojonito in squadra.
Forse chi faceva il paragone con Niang non aveva tutti i torti. Sul lato calcistico non ci ha azzeccato, ma forse per quanto riguarda la vita extra-calcistica del giocatore... :asd:

Bene bene, saranno contenti i 'nostri' proprietari che pensano più alle caxxate genderfluid piuttosto che ai risultati sportivi della squadra.

Prossimo step: Leao sulla copertina di Vogue con il tutù rosa.
 

Igor91

Member
Registrato
17 Aprile 2018
Messaggi
2,478
Reaction score
248
La GDS in edicola su Leao in gonna l'altra sera al... Gran Galà del Calcio: l'ultima giocata l’ha messa a segno senza neanche scendere in campo, ed è stato un successo: sul red carpet del Gran Galà del calcio, l’altra sera a Milano, il look di Rafa Leao ha stracciato la concorrenza. La gonna del milanista — indossata sopra i pantaloni e accompagnata da una giacca lunga portata a petto nudo — è diventata l’argomento delle ultime ventiquattr’ore: Leao ha calamitato su di sé i flash dei fotografi e le condivisioni sui social, ha “oscurato” i colleghi del Napoli (e del miglior attacco dell’anno insieme a lui) Osimhen e Kvaratskhelia, elegantissimi ma classici in smoking, e ha messo all’angolo, per qualche ora, persino il suo stesso infortunio. Si è parlato più del suo look, curato dalla portoghese Ines Rebelo, che delle possibilità di recupero per l’Atalanta. Passione Potenza del calciatore glamour, capace di fare tendenza: Rafa lo fa praticamente da sempre, basta dare un’occhiata ai suoi social. Tra una foto di un gol e l’altra, compare in veste di modello: posa per il suo sponsor tecnico, Adidas, per le firme della moda con cui lo sponsor ha collaborato (da Gucci a Prada), ma anche per occhiali, gioielli e altri accessori di cui è testimonial. La gonna dell’altra sera ha attirato l’attenzione ma Leao non è nuovo allo stile genderless: qualche anno fa lo avevano paparazzato in via Monte Napoleone con una borsetta bianca a tra- colla. Il ragazzo non ha paura di osare insomma. Nel suo “catalogo” di outfit si va dalle camicie alla canottiera bianca con coppola “siciliana”, dalla t-shirt che omaggia Tupac, rapper americano ucciso a 25 anni e simbolo di una generazione (scatto in cui con Rafa posa l’amico Moise Kean, attaccante della Juve e della Nazionale), fino alle dediche a Nelson Mandela. Leao posa anche per “Son is Son”, il suo marchio di abbigliamento: la moda per lui non è solo passione ma anche business. La linea del suo brand è sportiva: felpe soprattutto, il capospalla preferito da Rafa. La stella della squadra si appassiona di moda e il Milan logicamente ne sfrutta le potenzialità: Leao è in prima fila tra i testimonial rossoneri di Off-White, brand di tendenza tra i più giovani che è Style and Culture Curator ufficiale del club. Non solo: Rafa è anche tra i più gettonati per promuovere i classici maglioni natalizi che popolano i social del Milan di questi tempi. Certe passioni nascono da sole, o forse no: papà Antonio, mentore di Rafa, al Galà sorrideva accanto a lui e alla madre. «Fin da quando ero bambino, mio padre mi ha sempre incoraggiato a vestirmi bene — ha raccontato Leao —. Non mi lasciava uscire di casa vestito male. Il mio buon gusto è stato anche merito suo, perché veste davvero bene. Mio padre è stato la mia ispirazione e spero un giorno di essere un punto di riferimento anche nel mondo della moda».

PULISIC E' LA CERTEZZA QUI -) Milan: Pulisic è la certezza.

GIROUD: TABU' DEA. LA FORMAZIONE PER BERGAMO QUI -) Giroud: tabù Dea. La formazione per Bergamo.


225109803-01feab32-306e-4858-8fc5-1db36df7dc6c.jpg

Per me puo` girare anche con le palline stimolanti in cluo, non mi frega nulla, e mi fanno pena i poveracci di giornalisti che prima fanno gli articoli LGBT e poi ne fanno un'altro dove esaltano e si scandalizzano che si sia messo in gonna.

Caxxi suoi, pensasse piuttosto a fare 20/30 gol a stagione.
 
Alto
head>