La grande menzogna,il caso Serbia

Andris

Senior Member
Registrato
21 Febbraio 2019
Messaggi
24,258
Reaction score
5,225
La gran parte della stampa italiana sta spacciando falsità o mezze verità su quanto sta accadendo in Serbia.
Stanno facendo credere che la gente si stia ribellando al nuovo lockdown,come mesi fa negli USA per esempio.

Facciamo chiarezza,perchè è un caso che riguarda l'Italia per vari aspetti

La Serbia,come tutta l'Europa dell'ex Jugoslavia,si vantava di aver retto benissimo al coronavirus

Ha preso le sue restrizioni,ma poi improvvisamente a maggio sono svanite
In giro senza obbligo mascherine,locali tranquillamente pieni,nessun distanziamento sociale,telelavoro pressochè inesistente etc.

Basta citare un evento e non serve aggiungere altro:

Partizan - Stella Rossa del 10 giugno,gara di coppa nazionale a porte aperte con oltre 25 mila tifosi ammassati.
L'evento pubblico con più gente in meno spazio in Europa dall'inizio del lockdown generalizzato

Tra maggio e la terza settimana di giugno il governo ha pensato di organizzare le elezioni politiche nazionali con la campagna elettorale.

Ha mentito sui morti con coronavirus secondo un'inchiesta di Balkan Investigative Reporting Network,ma non spacciandoli tutti per covid19 come noi bensì quasi l'opposto: sono morte 632 persone,invece il governo ne ha dichiarati 244
I contagi anche nel week-end del voto erano 300 giornalieri,invece il governo ne ammetteva 97.
Sembrano pochi rispetto a noi purtroppo,ma sono numeri molto importanti in un piccolo paese che spostano il giudizio tra allarme a stare in guardia genericamente ma vivendo più sereni

In uno scenario che da anni vede denunce di oligopoli e monopoli dell'informazione,fotogramma che noi conosciamo bene essendo molto similare anche qui,chiaramente il governo in carica e il suo esponente principale Vucic hanno spadroneggiato ricevendo un vero plebiscito alle elezioni: 63% e 59 seggi in più della maggioranza precedente
Dunque ora per anni potrà fare qualunque cosa voglia

E dopo la vittoria festeggiamenti come se non ci fosse un domani nella sede del partito progressista serbo ed anche nei locali (balli,bande musicali pagate per l'occasione,cene etc),tanto che si sono contagiati anche dei politici tra cui il ministro della difesa e il presidente del parlamento.

Non appena si sono assegnati i seggi nel vero senso temporale,il presidente in carica ha iniziato a parlare di nuovi focolai e rischi con nuovo lockdown accusando i cittadini di non essere stati responsabili in particolare ha attaccato i musulmani per la preghiera

Solo a questo punto è scattata la rabbia popolare che si è aggiunta ai militanti delle opposizioni che non hanno riconosciuto il voto come libero

Vucic ha bollato i manifestanti come "estremisti di destra, criminali e terrapiattisti" facendo credere che il problema sia il lockdown,esattamente come una parte della stampa italiana.

Mentre la capitale Belgrado è stata riempita di proteste con decine di feriti,sapete cosa ha trasmesso la tv di stato martedì sera?
In onda programmi di intrattenimento,per cui solo tramite social e all'unica emittente indipendente N1 si poteva sapere la verità

Ora è impegnato nell'ennesimo tentativo internazionale di compromesso con il Kosovo ed ha nuovamente attaccato i manifestanti paragonandoli ai nazifascisti del 1941,oltre ad accusare paesi ex jugoslavi di mandare manigoldi in Serbia per destabilizzare il paese.

Freedom of House classifica la Serbia come "regime ibrido",dunque più vicino ad una dittatura che ad una democrazia,nonostante questo già nel 2012 quando è iniziato il "regno" Vucic è stato riconosciuto ufficialmente il processo di adesione all'UE

Detto questo,per onestà intellettuale c'è una piccola parte che tiene molto a far saltare l'accordo di pace con Kossovo ma non è certo la prima volta negli anni.

Ci sono video della brutalità della polizia,non so se sia peggio di quella statunitense ma per certo non ci sono le voci contrastanti degli USA nel dibattito a palesare il malessere
 
Alto
head>