ItalJuve, ItalMilan e confronti tra rose

Mou

New member
Registrato
25 Febbraio 2013
Messaggi
3,107
Reaction score
17
Dopo la patetica eliminazione di ieri sera sono andati a guardarmi le rose dell'Italia quando ha vinto i Mondiali nell'82 e nel 2006. Chiaramente m'è sceso il gelo nel cuore notando il crollo di qualità che abbiamo subito:

Rosa 1982
Portieri: Zoff, Bordon, Galli
Difensori: Baresi, Bergomi, Cabrini, Collovati, Scirea, Gentile, Vierchowod
Centrocampisti: Antognoni, Dossena, Marini, Oriali, Tardelli, Causio, Conti
Attaccanti: Rossi, Graziani, Altobelli, Selvaggi, Massaro

Qui il blocco Juve fu decisivo, avevamo in campo Zoff, Cabrini, Scirea, Gentile, Tardelli e Rossi, 6/11 della formazione titolare erano bianconeri. La marcatura che fece Gentile su Maradona è storia, Rossi in quel mese entrò in stato di grazia e ogni palla che toccava era gol, l'esultanza di Tardelli in finale ce la ricordiamo tutti.

Rosa 2006
Portieri: Buffon, Peruzzi, Amelia
Difensori: Zambrotta, Nesta, Cannavaro, Grosso, Zaccardo, Barzagli, Materazzi, Oddo
Centrocampisti: Camoranesi, Pirlo, Gattuso, Barone, De Rossi, Perrotta, Totti
Attaccanti: Toni, Gilardino, Del Piero, Inzaghi, Iaquinta

Il Mondiale 2006 è stata la massima espressione di una generazione d'oro del calcio italiano. La formazione titolare era: Buffon (Juventus, apice della carriera), Zambrotta (Juventus, apice della carriera), Cannavaro (Juventus, apice della carriera), Nesta (Milan, uno dei più forti difensori degli ultimi 30 anni)/Materazzi (Inter, fece un Mondiale miracoloso), Grosso (Palermo, apice della carriera, anche lui miracoloso), Pirlo e Gattuso (Milan, nel 2007 poi alzeranno l'ennesima Champions), Camoranesi (Juventus, apice della carriera), Totti (Roma, apice della carriera), Perrotta (Roma, miracoloso), Toni (Fiorentina, apice della carriera, gli entrava qualsiasi cosa, in campionato ne aveva appena messi 31).
I giocatori della Juventus erano tutti nel pieno della forma, in particolar modo in difesa, reparto che al Mondiale 2006 giocò in modo clamoroso (Cannavaro poi vinse il Pallone d'Oro. Secondo classificato Buffon, mi sembra).


Rosa 2017
Portieri: Buffon, Donnarumma, Perin
Difensori: Astori, Barzagli, Bonucci, Chiellini, D'Ambrosio, Darmian, Rugani, Spinazzola, Zappacosta
Centrocampisti: Bernardeschi, Candreva, De Rossi, El Shaarawy, Florenzi, Gagliardini, Jorginho, Parolo, Verratti
Attaccanti: Belotti, Eder, Gabbiadini, Immobile, Insigne

E' evidente una cosa: in questa Italia il blocco Juve è logoro, al tramonto. Proprio noi tifosi juventini ad esempio diciamo spesso che Barzagli è bollito. Buffon è a fine carriera, Chiellini è agli sgoccioli, Bonucci è passato al Milan ed è in stato confusionale in questo momento, Bernardeschi per ora è un'onesta riserva. Quando il blocco Juve è di basso livello, la Nazionale è di basso livello. Questi giocatori non hanno più niente da dare. Secondo me per capire qual è la condizione della squadra basta controllare quanti giocatori titolari sono titolari anche nella Juventus, e con che rendimento.
Nell'82 6/11, nel 2006 4/11 con prestazioni mostruose, nel 2017 3/11 e sono tutti a fine carriera, dei ferri vecchi. La cosa positiva è che c'è già un blocco Juve pronto a subentrare: Rugani, Caldara, Spinazzola. Torniamo ad avere i grandi difensori, cui si aggiungeranno i milanisti Romagnoli, Donnarumma, Conti, andando a formare un reparto che secondo me sarà uno dei migliori del mondo con tutti i giocatori titolari nel loro club.
Sono fiducioso.
 

Lineker10

Senior Member
Registrato
20 Giugno 2017
Messaggi
18,684
Reaction score
2,105
Guarda c'è un dato che è sempre imperativo quando si guarda ai cicli delle nazionali: i risultati a livello giovanile.

La nazionale del 2006 è nata e forgiata attraverso le grandi vittorie Under 21 di Maldini e Tardelli. Quella di oggi viene da anni e anni di risultati negativi. La relazione è diretta e imperativa.

Anche Germania Spagna e Portogallo, per esempio, sono vincenti oggi a livello di prima squadra dopo tanti anni di successi a livello giovanile. Il futuro è, senza nessun dubbio, l'Inghilterra, che sta facendo man bassa di tutti i trofei giovanili.

E' una relazione diretta tra le due cose, senza nessuna eccezione. Casomai bisogna interrogarsi su come migliorare i risultati a livello giovanile adesso, con la consapevolezza però che quelle riforme che si fanno adesso daranno risultati nell'arco di dieci anni. Come sempre ci vogliono pazienza, competenza e soprattutto coerenza.
 

Dumbaghi

Bannato
Registrato
27 Agosto 2012
Messaggi
23,425
Reaction score
68
Rugani è pietoso raga, dai....

Bonucci più uno tra Romagnoli e Caldara sarà un buon punto di partenza, aggiungendo Conti ed Emerson dietro ci sono buone premesse per il nuovo ciclo.

Il problema è Marchisio che deve riprendersi e giocare, Verratti è un flop, Florenzi fumoso, Bonaventura fragile....
Insomma in mezzo siamo veramente alla frutta, Pellegrini e Locatelli son bravini ma nulla di che.
Gagliardini è una chiavica, Cristante boh, penuria spaventosa.

Davanti il trio Chiesa-Insigne + punta non è per nulla male
 

Mou

New member
Registrato
25 Febbraio 2013
Messaggi
3,107
Reaction score
17
Rugani è pietoso raga, dai....

Bonucci più uno tra Romagnoli e Caldara sarà un buon punto di partenza, aggiungendo Conti ed Emerson dietro ci sono buone premesse per il nuovo ciclo.

Il problema è Marchisio che deve riprendersi e giocare, Verratti è un flop, Florenzi fumoso, Bonaventura fragile....
Insomma in mezzo siamo veramente alla frutta, Pellegrini e Locatelli son bravini ma nulla di che.
Gagliardini è una chiavica, Cristante boh, penuria spaventosa.

Davanti il trio Chiesa-Insigne + punta non è per nulla male

Pietoso è una parola grossa, però è chiaro che debba giocare di più. L'inevitabile declino di Barzagli e Chiellini in tal senso lo aiuterà.
Concordo con te che il problema più grosso della nuova Italia sarà a centrocampo, reparto in cui mancano individualità importanti: Verratti in Nazionale è imbarazzante, Marchisio inizia ad avere i suoi annetti e fisicamente non dà garanzie, Bonaventura è un onesto mestierante, Gagliardini è ancora tutto da costruire, Parolo è inadeguato a certi livelli, Jorginho mi sembra possa rendere solo in una squadra organizzata come il Napoli... Ci manca come il pane un Pirlo, un giocatore che in mezzo dia fantasia e geometrie.
Davanti Insigne è un bel giocatore, vedremo cosa sarà di Bernardeschi e Chiesa; Belotti ho paura sia stato un fuoco di paglia clamoroso, Eder e Immobile sono assolutamente non all'altezza, così come Gabbiadini.
 

Mou

New member
Registrato
25 Febbraio 2013
Messaggi
3,107
Reaction score
17
Guarda c'è un dato che è sempre imperativo quando si guarda ai cicli delle nazionali: i risultati a livello giovanile.

La nazionale del 2006 è nata e forgiata attraverso le grandi vittorie Under 21 di Maldini e Tardelli. Quella di oggi viene da anni e anni di risultati negativi. La relazione è diretta e imperativa.

Anche Germania Spagna e Portogallo, per esempio, sono vincenti oggi a livello di prima squadra dopo tanti anni di successi a livello giovanile. Il futuro è, senza nessun dubbio, l'Inghilterra, che sta facendo man bassa di tutti i trofei giovanili.

E' una relazione diretta tra le due cose, senza nessuna eccezione. Casomai bisogna interrogarsi su come migliorare i risultati a livello giovanile adesso, con la consapevolezza però che quelle riforme che si fanno adesso daranno risultati nell'arco di dieci anni. Come sempre ci vogliono pazienza, competenza e soprattutto coerenza.

Non so perché ma mi sembra che l'Italia non riesca più a sfornare giocatori di livello mondiale. Nella Nazionale italiana quale giocatore sarebbe titolare in una delle prime 10 squadre europee? Buffon (che sta per ritirarsi e il più lo ha abbondantemente dato), Bonucci, Chiellini (anche lui al tramonto), Donnarumma (prossimo titolare azzurro), Verratti (anche se in Nazionale fa pensa è comunque titolare al PSG), Insigne, forse Candreva, forse Florenzi, ma è troppo poco.
Oggi non abbiamo fenomeni mentre nel 2006 in campo mettevamo Del Piero, Totti, Pirlo, Gattuso, Cannavaro, Zambrotta, Nesta, tutti giocatori straordinari che hanno segnato un'epoca e vinto moltissimo. Zambrotta lascia la Juve e va al Barcellona, Cannavaro lascia la Juve e va al Real Madrid. Se Parolo (titolare con la Svezia in entrambe le partite) lascia la Lazio, dove va? Al Manchester City? Dai...
 

Jaqen

Bannato
Registrato
27 Agosto 2012
Messaggi
10,071
Reaction score
25
Secondo me avremo una grande difesa per i prossimi europei:

Conti-Zappacosta, Bonucci-Caldara-Romagnoli-Chiellini?/Rugani, Spinazzola-Darmian
 

bmb

Senior Member
Registrato
27 Agosto 2012
Messaggi
12,103
Reaction score
983
I convocati di Ventura in questi 2 anni sono tragicomici. Gente che ha come dimensione il Torino la Lazio la Roma è l'Atalanta la nazionale la dovrebbe vedere col binocolo
 

Lineker10

Senior Member
Registrato
20 Giugno 2017
Messaggi
18,684
Reaction score
2,105
Non so perché ma mi sembra che l'Italia non riesca più a sfornare giocatori di livello mondiale. Nella Nazionale italiana quale giocatore sarebbe titolare in una delle prime 10 squadre europee? Buffon (che sta per ritirarsi e il più lo ha abbondantemente dato), Bonucci, Chiellini (anche lui al tramonto), Donnarumma (prossimo titolare azzurro), Verratti (anche se in Nazionale fa pensa è comunque titolare al PSG), Insigne, forse Candreva, forse Florenzi, ma è troppo poco.
Oggi non abbiamo fenomeni mentre nel 2006 in campo mettevamo Del Piero, Totti, Pirlo, Gattuso, Cannavaro, Zambrotta, Nesta, tutti giocatori straordinari che hanno segnato un'epoca e vinto moltissimo. Zambrotta lascia la Juve e va al Barcellona, Cannavaro lascia la Juve e va al Real Madrid. Se Parolo (titolare con la Svezia in entrambe le partite) lascia la Lazio, dove va? Al Manchester City? Dai...

Quei fenomeni che citi tu hanno vinto i rispettivi europei under 21 per anni e anni infatti. Quelli di oggi qualche volta non si sono nemmeno qualificati...

Della rosa attuale pochi sono giocatori di livello ma il problema enorme è che solo due giocano titolari in squadre di Champions League: Verratti e Insigne. Gli altri giocano al massimo i gironi di Europa League o non giocano proprio. Non siamo più la grande nazionale che crediamo di essere, siamo media borghesia europea. Il livello è quello.

Per uscirne serve un lavoro di lungo periodo, coerente e resistente all'isteria dei risultati. Oppure qualificarsi ai Mondiali diventerà il nostro obiettivo stabile ;)

Giovani di talento ne abbiamo comunque, non bisogna disperare.
 

diavoloINme

Senior Member
Registrato
11 Aprile 2016
Messaggi
38,846
Reaction score
5,119
Guarda c'è un dato che è sempre imperativo quando si guarda ai cicli delle nazionali: i risultati a livello giovanile.

La nazionale del 2006 è nata e forgiata attraverso le grandi vittorie Under 21 di Maldini e Tardelli. Quella di oggi viene da anni e anni di risultati negativi. La relazione è diretta e imperativa.

Anche Germania Spagna e Portogallo, per esempio, sono vincenti oggi a livello di prima squadra dopo tanti anni di successi a livello giovanile. Il futuro è, senza nessun dubbio, l'Inghilterra, che sta facendo man bassa di tutti i trofei giovanili.

E' una relazione diretta tra le due cose, senza nessuna eccezione. Casomai bisogna interrogarsi su come migliorare i risultati a livello giovanile adesso, con la consapevolezza però che quelle riforme che si fanno adesso daranno risultati nell'arco di dieci anni. Come sempre ci vogliono pazienza, competenza e soprattutto coerenza.

Splendida osservazione.
Con cesarone maldini vincevamo europei under 21 come se piovesse.
 

ps18ps

New member
Registrato
7 Aprile 2015
Messaggi
1,426
Reaction score
1
Guarda c'è un dato che è sempre imperativo quando si guarda ai cicli delle nazionali: i risultati a livello giovanile.

La nazionale del 2006 è nata e forgiata attraverso le grandi vittorie Under 21 di Maldini e Tardelli. Quella di oggi viene da anni e anni di risultati negativi. La relazione è diretta e imperativa.

Anche Germania Spagna e Portogallo, per esempio, sono vincenti oggi a livello di prima squadra dopo tanti anni di successi a livello giovanile. Il futuro è, senza nessun dubbio, l'Inghilterra, che sta facendo man bassa di tutti i trofei giovanili.

E' una relazione diretta tra le due cose, senza nessuna eccezione. Casomai bisogna interrogarsi su come migliorare i risultati a livello giovanile adesso, con la consapevolezza però che quelle riforme che si fanno adesso daranno risultati nell'arco di dieci anni. Come sempre ci vogliono pazienza, competenza e soprattutto coerenza.

verissimo, ma mi sembra che la situazione a livello giovanile sia in miglioramento, però occorrerebbe fare anche interventi a livello strutturale, per farli crescere
 
Alto
head>