Ibra:"il Milan il futuro, Capello,.gli scudetti Juve...".

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
199,956
Reaction score
25,667
Ibra al Festival dello Sport:"il futuro? Quanto è passato da quando mi sono ritirato? 3-4 mesi? Ho una libertà totalmente differente. Sto facendo cose per me stesso. Non ho un boss che mi dice cosa fare o cosa seguire. Sto prendendo tempo per capire cosa voglio fare. ci sono più offerte ore che quando giocavo. Se entro in qualcosa voglio fare la differenza, essendo me stesso. Non voglio entrare in una situazione come simbolo. Entro, inizio da zero e faccio quello che riesco a fare. Poi ovvio, c'è anche la tua immagine da personaggio. Vediamo cosa succede, qualcosa succede. Ho avuto qualche meeting col Milan. Il boss, l'altro boss. Parliamo. Vediamo dove si arriva. È il momento di conoscerci. Poi se uno può portare qualcosa fa effetto, se non può portarlo non fa effetto. Se mi danno il contratto per continuare a giocare fa effetto. Scherzo (ride, ndr). Vediamo".
da piccolo facevo tanti casini, come tutti i bambini. Ero sempre in giro a giocare a calcio. Ero sempre col pallone, dove andavo me lo portavo dietro e giocavo a calcio, anche se tutti mi dicevano che non ero un talento. Era la mia energia, la mia adrenalina. Poi facevo anche cose che non si possono fare, ma si impara e si cresce”.

"Col tempo diventi più maturo, hai più esperienza. Ora ho due figli. Ma la tua identità è sempre quella. Ma lo fai con eleganza e in un'altra maniera".

"Io e Van Basten? All'inizio era molto difficile, tutti si aspettavano che ero il nuovo van Basten. Ma non ero ancora a quel livello, era la mia prima avventura fuori dalla Svezia. Ero da solo con tanta pressione. È stato un trasferimento record, si aspettavano magie tutti i giorni. Ma non ero pronto, mi pesava quel paragone e non era facile. Mi ha quasi fatto tornare indietro in Svezia. Ma non ho mai mollato, avevo sempre fiducia in me stesso. Ma in alcune situazioni non dipende solo da te, ma piano piano, mentalmente soprattutto, diventavo più forte. Il secondo anno è andato meglio, il terzo anno ho fatto il battesimo a tutti".

Raiola?
La mia carriera è iniziata con lui. Era il terzo anno all'Ajax. Come ho conosciuto Rino ho fatto l'arrogante, e anche lui. Dopo un po' ho mollato, perché mi serviva veramente Mino. E dopo tre mesi mi ha portato alla Juventus. Il primo incontro? Eravamo al sushi. Arrivo con una bella macchina, un bell'orologio, una bella giacca. Entro con Mino, lui fa un ordine come se fossimo in 8 persone. Mi fa: "Ci penso io, non preoccuparti". Parliamo di tante cose e mi tira fuori dei fogli, con i gol e le statistiche degli altri attaccanti: Vieri, Sheva, Inzaghi. Avevano statistiche differenti da Ibracadabra. Le mier statistiche erano: 20 partite, 5 gol. Con queste statistiche dove ti porto, mi ha detto. Io gli ho detto che con altre statistiche anche mia mamma mi vendeva, per questo mi serviva lui per fare il miracolo. Ho conosciuto una persona fantastica, è diventato come un papà e un amico. Un advisor, tutto quanto. Quello che passavo, lo passavo con lui. Ci parlavo tutti i giorni. Siamo cresciuti insieme nelle nostre carriere. Siamo diventati forti insieme, lui è diventato più forte di tutti nella sua categoria ed io nella mia. Poi un'altra cosa su quel pranzo. Mi chiede: "Puoi diventare il più ricco o il più forte del mondo?". Io rispondo: "Il più forte". Lui: "Bravo, il più forte diventa il più ricco". Questo era Mino. Ero con Mino quasi tutti i giorni nel suo ultimo periodo di vita. Non era facile, quando vedi una persona in difficoltà è difficile. C'era tanta emozione. Volevo togliergli il pensiero fisso della malattia, gli portavo energia e positività invece di parlare della sua malattia. Lui pensava sempre agli altri e non a se stesso. Era sempre dietro i giocatori, venivano sempre prima loro e poi lui. Ed è stato così anche negli ultimi mesi. Metteva me davanti a tutti e non se stesso. Mi ha detto di fare quello che mi rendeva felice. È stato molto forte, era forte".

Capello? Lui mi ha detto che mi metteva a posto tirandomi fuori tutto l'Ajax. Voleva che fossi più concreto e diretto in campo, il miglior modo per un attaccante per aiutare la squadra era fare gol. Ogni giorno facevamo lavoro davanti alla porta. Mi nascondevo dietro Thuram e Cannavaro, invece mi vedeva sempre. Abbiamo lavorato per sei mesi così. Anche lui mi paragonava a van Basten. Ha detto che tecnicamente ero meglio di lui, ma i suoi movimenti in area erano migliori. Da lì è iniziato tutto. Trezeguet era intelligente, mi diceva che io potevo prendere il pallone per il campo, fare quello che volevo, e lui mi avrebbe aspettato davanti. All'inizio in Italia tanta adrenalina, volevo dimostrare chi ero. Notavo che mi mancava il gol, mentre Trezeguet faceva sempre gol. Poi ho capito quale deve essere la mentalità dell'attaccante in Italia: bisogna fare gol. In Italia qua devi giocare bene e fare gol. Ho detto quindi a Trezeguet "Ti aspetto anche io avanti adesso..."

Gli scudetti della Juve? Sono 38, non 36. Perché abbiamo lottato tutti i giorni per tutte le partite e abbiamo fatto tutto in campo. Chi era in quella squadra sa cosa ha fatto: abbiamo dimostrato che eravamo i più forti in Italia. Per questo dico che sono 38".

Il post Juve? Mino parlava con tutte e due. Eravamo più vicini al Milan, poi loro dovevano giocare un preliminare per la Champions e mi chiedevano di aspettare per capire la situazione. In quel momento l'Inter ha capito e ha fatto in fretta: hanno chiuso il deal prima del Milan. Mino diceva che il primo che arrivava firmava. E l'Inter lì è arrivata prima".

Balotelli?.Quando un ragazzino ha l'occasione di sfruttare il suo talento... Lui ha avuto tante occasioni, non ne ha presa neanche una. Ce ne sono tanti che vogliono avere solo un'occasione, lui ha perso tutte le occasioni che ha avuto lui".

Il colpo di tacco di Leao?.No no, non si può neanche paragonare. Se fa gol la è un genio. Solo i geni capiscono cosa devono fare lì. Per questo lui è la e Balotelli è in tribuna".

All'Inter c'è stato l'Ibra più forte di sempre? Mi sentivo più forte di quando ero alla Juventus, era una crescita normale. Mi sentivo più completo ma non al massimo. Facevo quello che dovevo fare, aiutare la squadra nel miglior modo possibile. Mancini mi dava fiducia e responsabilità. Poi è arrivato Mourinho, era totalmente differente da Mancini. Ma sentivo che stavo crescendo piano piano per arrivare agli obiettivi".

La.squadra non alla mia altezza?Non credo che era così. Anche la Juve aveva il potenziale per vincere la Champions, ma non ho vinto. L'Inter prima di me non vinceva lo Scudetto da 17 anni, poi l'abbiamo vinto per tre anni di fila. Tanti campioni hanno giocato all'Inter senza vincere lo scudetto. Allora pensavo che se fossi andato lì e avessi vinto sarei entrato nella storia del club. Ho visto squadre vincere la Champions ma non il campionato".

Il Barcellona?.Ho avuto la fortuna di vincere trofei che non ho vinto prima. 2-3 internazionali, 2-3 domestici. Era un sogno andare al Barcellona, tutti parlavano del Barcellona. Pensavo che se potevo giocare lì ero nella squadra migliore del mondo. Quando il Barca mi ha chiamato ero carico, avevo fatto il massimo all'Inter. Volevo crescere ancora di più e provare altre sfide per capire e mettermi alla prova da solo, era una sfida con me stesso. Giocare in un posto in tutta la vita va bene, ma volevo vedere dove potevo arrivare. Nei primi sei mesi a Barcellona bene bene, negli ultimi sei mesi è cambiato il pensiero. In campo non facevo tanto ma in testa diventavo più forte. Devi passare momenti difficili per diventare più forte. Se è sempre wow poi quando arriva la botta non sei pronto per uscire dal momento difficile".

La semifinale con l'Inter?.La partita non era facile. A Milano abbiamo perso 3-1, ma col VAR ci sarebbe stata un'altra situazione. Ma non sono scuse. Poi in casa abbiamo vinto 1-0. Ma questo è il calcio, momento belli e momenti brutti. Tutti si aspettavano che potevamo vincere invece abbiamo vinto".

Il passaggio al Milan.Non era un momento facile per me, l'allenatore voleva vendermi a tutti i costi. Poi è arrivato il Gamper contro il Milan, il Milan parlava con Mino per capire che fare. Quando sono venuti a Barcellona, eravamo nel tunnel prima di entrare in campo. Tutti i giocatori del Milan dicevano: "Dopo la partita torni con noi". Nesta, Pirlo, Ronaldinho, dicevano tutti: "Torni con noi". Dopo la partita è arrivato Dinho negli spogliatoi, mi ha preso la mano e mi ha detto: "Dai, andiamo a casa". In queste situazioni non volevo mettere ansia ad Helena. Nel calcio ci sono tante parole, Galliani invece è venuto a casa nostra. Helena non sapeva chi fosse, mi ha chiesto chi è. "È il big boss del Milan". "E che vuole?". "Vuole che andiamo al Milan". E lei: "E cosa aspettiamo allora?". E alla fine hanno trovato un accordo con il Barcellona. Alla sera siamo andati a cena, Galliani tira fuori la carta di credito ma non funzionava. Era dopo il mio transfer. Allora dico: "È già finito? Pago io". (ride, ndr)

Continua qui in basso

LIVE
 
Ultima modifica:

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
199,956
Reaction score
25,667
"L'ultimo scudetto col Milan? stato lo scudetto da cui ho avuto più soddisfazione. Era una situazione dove la squadra non era favorita, neanche top 4. Erano giocatori che non erano superstar. Non era una squadra in cui era abituato a giocare: ho giocato sempre in squadre favorite. In questo Milan invece era il contrario. Poi non si capiva se vendevano o no, se arrivava un nuovo dirigente o un allenatore nuovo, poi il COVID... Noi eravamo sempre uniti. Abbiamo detto che avremmo fatto passo per passo, un giorno alla volta. Poi chi era pronto mentalmente per fare il sacrificio è rimasto, chi non era pronto è andato via. Poi piano piano si è formato questo gruppo, mai avuto un gruppo così forte di collettivo. Un'atmosfera... Era troppo troppo forte. Non eravamo fenomeni, solo io dai (ride, ndr). Non erano superstar, ma tutti hanno usato la situazione per crescere e far crescere il compagno di fianco. L'anno che abbiamo giocato senza tifosi ci ha aiutato a crescere senza pressione. Avevamo più tempo per arrivare al top. Poi quando siamo arrivati al top hanno fatto tornare il pubblico che ci ha dato un extra boost. Era un gruppo che diventava più forte ogni giorno che passava. Dicevano che avevamo fortuna, bla bla bla, ma alla fine abbiamo chiuso. E quando fai una grande cosa lo vedi e lo senti negli altri. Dopo la partita con il Sassuolo siamo entrati nello spogliatoio e vado in doccia. Due-tre persone piangevano, lo staff piangeva. Da lì capisci cosa hai fatti. Era una cosa in cui nessuno ci credeva. Quando sono tornato ho detto nella prima conferenza che avrei riportato il Milan a vincere: in quel momento ho capito che ci ero riuscito. La soddisfazione è stata differente. Chiedevo quanti avevano giocato in Champions. Nessuno alzava la mano, lo stesso quando ho chiesto chi aveva vinto il trofeo. Quell'anno si sentiva che si poteva vincere. Io ho avuto un infortunio pesante, ma sono rimasto vicino alla squadra. Quando vedi quando abbiamo festeggiato in centro... C'era Tomori che aveva vinto col Chelsea, gli ho detto che vincere qua sarebbe stata un'altra cosa. Mi ha detto che avevo totalmente ragione, questo rimane nella storia per sempre".

"Maldini? Ho un buon rapporto con Paolo, dal primo giorno che sono arrivato. Era dirigente, ho giocato contro di lui in campo. Dal primo giorno ho conosciuto la persona. Cresceva come dirigente, era la sua prima esperienza. Non era una situazione facile, non si capiva bene come erano le cose. Di queste cose non portava niente nella squadra. Era sempre presente tutti i giorni a Milanello. Comunicava con mister Pioli, con i giocatori. Tutti i giorni era presente. Non so i dettagli per il mercato, ma c'erano budget limitati. Era un suo problema, il mio problema era in campo. Ha fatto un grande lavoro, abbiamo vinto. Quando riesci a vincere è una cosa collettiva, ognuno ha le sue responsabilità per arrivare. Non è one man show. Mi dispiace quello che è successo, è una bandiera del Milan. Papà, lui, figlio. Mi dispiace. Ma so che nel calcio le cose possono cambiare. Sono felice per lui per quello che ha fatto per il Milan, come calciatore e come dirigente".
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
199,956
Reaction score
25,667
Ibra al Festival dello Sport:"da piccolo facevo tanti casini, come tutti i bambini. Ero sempre in giro a giocare a calcio. Ero sempre col pallone, dove andavo me lo portavo dietro e giocavo a calcio, anche se tutti mi dicevano che non ero un talento. Era la mia energia, la mia adrenalina. Poi facevo anche cose che non si possono fare, ma si impara e si cresce”.

"Col tempo diventi più maturo, hai più esperienza. Ora ho due figli. Ma la tua identità è sempre quella. Ma lo fai con eleganza e in un'altra maniera".

"Io e Van Basten? All'inizio era molto difficile, tutti si aspettavano che ero il nuovo van Basten. Ma non ero ancora a quel livello, era la mia prima avventura fuori dalla Svezia. Ero da solo con tanta pressione. È stato un trasferimento record, si aspettavano magie tutti i giorni. Ma non ero pronto, mi pesava quel paragone e non era facile. Mi ha quasi fatto tornare indietro in Svezia. Ma non ho mai mollato, avevo sempre fiducia in me stesso. Ma in alcune situazioni non dipende solo da te, ma piano piano, mentalmente soprattutto, diventavo più forte. Il secondo anno è andato meglio, il terzo anno ho fatto il battesimo a tutti".

Raiola?
La mia carriera è iniziata con lui. Era il terzo anno all'Ajax. Come ho conosciuto Rino ho fatto l'arrogante, e anche lui. Dopo un po' ho mollato, perché mi serviva veramente Mino. E dopo tre mesi mi ha portato alla Juventus. Il primo incontro? Eravamo al sushi. Arrivo con una bella macchina, un bell'orologio, una bella giacca. Entro con Mino, lui fa un ordine come se fossimo in 8 persone. Mi fa: "Ci penso io, non preoccuparti". Parliamo di tante cose e mi tira fuori dei fogli, con i gol e le statistiche degli altri attaccanti: Vieri, Sheva, Inzaghi. Avevano statistiche differenti da Ibracadabra. Le mier statistiche erano: 20 partite, 5 gol. Con queste statistiche dove ti porto, mi ha detto. Io gli ho detto che con altre statistiche anche mia mamma mi vendeva, per questo mi serviva lui per fare il miracolo. Ho conosciuto una persona fantastica, è diventato come un papà e un amico. Un advisor, tutto quanto. Quello che passavo, lo passavo con lui. Ci parlavo tutti i giorni. Siamo cresciuti insieme nelle nostre carriere. Siamo diventati forti insieme, lui è diventato più forte di tutti nella sua categoria ed io nella mia. Poi un'altra cosa su quel pranzo. Mi chiede: "Puoi diventare il più ricco o il più forte del mondo?". Io rispondo: "Il più forte". Lui: "Bravo, il più forte diventa il più ricco". Questo era Mino. Ero con Mino quasi tutti i giorni nel suo ultimo periodo di vita. Non era facile, quando vedi una persona in difficoltà è difficile. C'era tanta emozione. Volevo togliergli il pensiero fisso della malattia, gli portavo energia e positività invece di parlare della sua malattia. Lui pensava sempre agli altri e non a se stesso. Era sempre dietro i giocatori, venivano sempre prima loro e poi lui. Ed è stato così anche negli ultimi mesi. Metteva me davanti a tutti e non se stesso. Mi ha detto di fare quello che mi rendeva felice. È stato molto forte, era forte".

Capello? Lui mi ha detto che mi metteva a posto tirandomi fuori tutto l'Ajax. Voleva che fossi più concreto e diretto in campo, il miglior modo per un attaccante per aiutare la squadra era fare gol. Ogni giorno facevamo lavoro davanti alla porta. Mi nascondevo dietro Thuram e Cannavaro, invece mi vedeva sempre. Abbiamo lavorato per sei mesi così. Anche lui mi paragonava a van Basten. Ha detto che tecnicamente ero meglio di lui, ma i suoi movimenti in area erano migliori. Da lì è iniziato tutto. Trezeguet era intelligente, mi diceva che io potevo prendere il pallone per il campo, fare quello che volevo, e lui mi avrebbe aspettato davanti. All'inizio in Italia tanta adrenalina, volevo dimostrare chi ero. Notavo che mi mancava il gol, mentre Trezeguet faceva sempre gol. Poi ho capito quale deve essere la mentalità dell'attaccante in Italia: bisogna fare gol. In Italia qua devi giocare bene e fare gol. Ho detto quindi a Trezeguet "Ti aspetto anche io avanti adesso..."

In aggiornamento LIVE
.
 

gabri65

BFMI-class member
Registrato
26 Giugno 2018
Messaggi
20,494
Reaction score
14,619
Ibra al Festival dello Sport:"da piccolo facevo tanti casini, come tutti i bambini. Ero sempre in giro a giocare a calcio. Ero sempre col pallone, dove andavo me lo portavo dietro e giocavo a calcio, anche se tutti mi dicevano che non ero un talento. Era la mia energia, la mia adrenalina. Poi facevo anche cose che non si possono fare, ma si impara e si cresce”.

"Col tempo diventi più maturo, hai più esperienza. Ora ho due figli. Ma la tua identità è sempre quella. Ma lo fai con eleganza e in un'altra maniera".

"Io e Van Basten? All'inizio era molto difficile, tutti si aspettavano che ero il nuovo van Basten. Ma non ero ancora a quel livello, era la mia prima avventura fuori dalla Svezia. Ero da solo con tanta pressione. È stato un trasferimento record, si aspettavano magie tutti i giorni. Ma non ero pronto, mi pesava quel paragone e non era facile. Mi ha quasi fatto tornare indietro in Svezia. Ma non ho mai mollato, avevo sempre fiducia in me stesso. Ma in alcune situazioni non dipende solo da te, ma piano piano, mentalmente soprattutto, diventavo più forte. Il secondo anno è andato meglio, il terzo anno ho fatto il battesimo a tutti".

Raiola?
La mia carriera è iniziata con lui. Era il terzo anno all'Ajax. Come ho conosciuto Rino ho fatto l'arrogante, e anche lui. Dopo un po' ho mollato, perché mi serviva veramente Mino. E dopo tre mesi mi ha portato alla Juventus. Il primo incontro? Eravamo al sushi. Arrivo con una bella macchina, un bell'orologio, una bella giacca. Entro con Mino, lui fa un ordine come se fossimo in 8 persone. Mi fa: "Ci penso io, non preoccuparti". Parliamo di tante cose e mi tira fuori dei fogli, con i gol e le statistiche degli altri attaccanti: Vieri, Sheva, Inzaghi. Avevano statistiche differenti da Ibracadabra. Le mier statistiche erano: 20 partite, 5 gol. Con queste statistiche dove ti porto, mi ha detto. Io gli ho detto che con altre statistiche anche mia mamma mi vendeva, per questo mi serviva lui per fare il miracolo. Ho conosciuto una persona fantastica, è diventato come un papà e un amico. Un advisor, tutto quanto. Quello che passavo, lo passavo con lui. Ci parlavo tutti i giorni. Siamo cresciuti insieme nelle nostre carriere. Siamo diventati forti insieme, lui è diventato più forte di tutti nella sua categoria ed io nella mia. Poi un'altra cosa su quel pranzo. Mi chiede: "Puoi diventare il più ricco o il più forte del mondo?". Io rispondo: "Il più forte". Lui: "Bravo, il più forte diventa il più ricco". Questo era Mino. Ero con Mino quasi tutti i giorni nel suo ultimo periodo di vita. Non era facile, quando vedi una persona in difficoltà è difficile. C'era tanta emozione. Volevo togliergli il pensiero fisso della malattia, gli portavo energia e positività invece di parlare della sua malattia. Lui pensava sempre agli altri e non a se stesso. Era sempre dietro i giocatori, venivano sempre prima loro e poi lui. Ed è stato così anche negli ultimi mesi. Metteva me davanti a tutti e non se stesso. Mi ha detto di fare quello che mi rendeva felice. È stato molto forte, era forte".

Capello? Lui mi ha detto che mi metteva a posto tirandomi fuori tutto l'Ajax. Voleva che fossi più concreto e diretto in campo, il miglior modo per un attaccante per aiutare la squadra era fare gol. Ogni giorno facevamo lavoro davanti alla porta. Mi nascondevo dietro Thuram e Cannavaro, invece mi vedeva sempre. Abbiamo lavorato per sei mesi così. Anche lui mi paragonava a van Basten. Ha detto che tecnicamente ero meglio di lui, ma i suoi movimenti in area erano migliori. Da lì è iniziato tutto. Trezeguet era intelligente, mi diceva che io potevo prendere il pallone per il campo, fare quello che volevo, e lui mi avrebbe aspettato davanti. All'inizio in Italia tanta adrenalina, volevo dimostrare chi ero. Notavo che mi mancava il gol, mentre Trezeguet faceva sempre gol. Poi ho capito quale deve essere la mentalità dell'attaccante in Italia: bisogna fare gol. In Italia qua devi giocare bene e fare gol. Ho detto quindi a Trezeguet "Ti aspetto anche io avanti adesso..."

In aggiornamento LIVE

Stessa sorte del Modigliani, guarda, anche lui il più forte, sì sì.
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
199,956
Reaction score
25,667
Ibra al Festival dello Sport:"da piccolo facevo tanti casini, come tutti i bambini. Ero sempre in giro a giocare a calcio. Ero sempre col pallone, dove andavo me lo portavo dietro e giocavo a calcio, anche se tutti mi dicevano che non ero un talento. Era la mia energia, la mia adrenalina. Poi facevo anche cose che non si possono fare, ma si impara e si cresce”.

"Col tempo diventi più maturo, hai più esperienza. Ora ho due figli. Ma la tua identità è sempre quella. Ma lo fai con eleganza e in un'altra maniera".

"Io e Van Basten? All'inizio era molto difficile, tutti si aspettavano che ero il nuovo van Basten. Ma non ero ancora a quel livello, era la mia prima avventura fuori dalla Svezia. Ero da solo con tanta pressione. È stato un trasferimento record, si aspettavano magie tutti i giorni. Ma non ero pronto, mi pesava quel paragone e non era facile. Mi ha quasi fatto tornare indietro in Svezia. Ma non ho mai mollato, avevo sempre fiducia in me stesso. Ma in alcune situazioni non dipende solo da te, ma piano piano, mentalmente soprattutto, diventavo più forte. Il secondo anno è andato meglio, il terzo anno ho fatto il battesimo a tutti".

Raiola?
La mia carriera è iniziata con lui. Era il terzo anno all'Ajax. Come ho conosciuto Rino ho fatto l'arrogante, e anche lui. Dopo un po' ho mollato, perché mi serviva veramente Mino. E dopo tre mesi mi ha portato alla Juventus. Il primo incontro? Eravamo al sushi. Arrivo con una bella macchina, un bell'orologio, una bella giacca. Entro con Mino, lui fa un ordine come se fossimo in 8 persone. Mi fa: "Ci penso io, non preoccuparti". Parliamo di tante cose e mi tira fuori dei fogli, con i gol e le statistiche degli altri attaccanti: Vieri, Sheva, Inzaghi. Avevano statistiche differenti da Ibracadabra. Le mier statistiche erano: 20 partite, 5 gol. Con queste statistiche dove ti porto, mi ha detto. Io gli ho detto che con altre statistiche anche mia mamma mi vendeva, per questo mi serviva lui per fare il miracolo. Ho conosciuto una persona fantastica, è diventato come un papà e un amico. Un advisor, tutto quanto. Quello che passavo, lo passavo con lui. Ci parlavo tutti i giorni. Siamo cresciuti insieme nelle nostre carriere. Siamo diventati forti insieme, lui è diventato più forte di tutti nella sua categoria ed io nella mia. Poi un'altra cosa su quel pranzo. Mi chiede: "Puoi diventare il più ricco o il più forte del mondo?". Io rispondo: "Il più forte". Lui: "Bravo, il più forte diventa il più ricco". Questo era Mino. Ero con Mino quasi tutti i giorni nel suo ultimo periodo di vita. Non era facile, quando vedi una persona in difficoltà è difficile. C'era tanta emozione. Volevo togliergli il pensiero fisso della malattia, gli portavo energia e positività invece di parlare della sua malattia. Lui pensava sempre agli altri e non a se stesso. Era sempre dietro i giocatori, venivano sempre prima loro e poi lui. Ed è stato così anche negli ultimi mesi. Metteva me davanti a tutti e non se stesso. Mi ha detto di fare quello che mi rendeva felice. È stato molto forte, era forte".

Capello? Lui mi ha detto che mi metteva a posto tirandomi fuori tutto l'Ajax. Voleva che fossi più concreto e diretto in campo, il miglior modo per un attaccante per aiutare la squadra era fare gol. Ogni giorno facevamo lavoro davanti alla porta. Mi nascondevo dietro Thuram e Cannavaro, invece mi vedeva sempre. Abbiamo lavorato per sei mesi così. Anche lui mi paragonava a van Basten. Ha detto che tecnicamente ero meglio di lui, ma i suoi movimenti in area erano migliori. Da lì è iniziato tutto. Trezeguet era intelligente, mi diceva che io potevo prendere il pallone per il campo, fare quello che volevo, e lui mi avrebbe aspettato davanti. All'inizio in Italia tanta adrenalina, volevo dimostrare chi ero. Notavo che mi mancava il gol, mentre Trezeguet faceva sempre gol. Poi ho capito quale deve essere la mentalità dell'attaccante in Italia: bisogna fare gol. In Italia qua devi giocare bene e fare gol. Ho detto quindi a Trezeguet "Ti aspetto anche io avanti adesso..."

Gli scudetti della Juve? Sono 38, non 36. Perché abbiamo lottato tutti i giorni per tutte le partite e abbiamo fatto tutto in campo. Chi era in quella squadra sa cosa ha fatto: abbiamo dimostrato che eravamo i più forti in Italia. Per questo dico che sono 38".

Il post Juve? Mino parlava con tutte e due. Eravamo più vicini al Milan, poi loro dovevano giocare un preliminare per la Champions e mi chiedevano di aspettare per capire la situazione. In quel momento l'Inter ha capito e ha fatto in fretta: hanno chiuso il deal prima del Milan. Mino diceva che il primo che arrivava firmava. E l'Inter lì è arrivata prima".

Balotelli?.Quando un ragazzino ha l'occasione di sfruttare il suo talento... Lui ha avuto tante occasioni, non ne ha presa neanche una. Ce ne sono tanti che vogliono avere solo un'occasione, lui ha perso tutte le occasioni che ha avuto lui".

In aggiornamento LIVE
.
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
199,956
Reaction score
25,667
Ibra al Festival dello Sport:"da piccolo facevo tanti casini, come tutti i bambini. Ero sempre in giro a giocare a calcio. Ero sempre col pallone, dove andavo me lo portavo dietro e giocavo a calcio, anche se tutti mi dicevano che non ero un talento. Era la mia energia, la mia adrenalina. Poi facevo anche cose che non si possono fare, ma si impara e si cresce”.

"Col tempo diventi più maturo, hai più esperienza. Ora ho due figli. Ma la tua identità è sempre quella. Ma lo fai con eleganza e in un'altra maniera".

"Io e Van Basten? All'inizio era molto difficile, tutti si aspettavano che ero il nuovo van Basten. Ma non ero ancora a quel livello, era la mia prima avventura fuori dalla Svezia. Ero da solo con tanta pressione. È stato un trasferimento record, si aspettavano magie tutti i giorni. Ma non ero pronto, mi pesava quel paragone e non era facile. Mi ha quasi fatto tornare indietro in Svezia. Ma non ho mai mollato, avevo sempre fiducia in me stesso. Ma in alcune situazioni non dipende solo da te, ma piano piano, mentalmente soprattutto, diventavo più forte. Il secondo anno è andato meglio, il terzo anno ho fatto il battesimo a tutti".

Raiola?
La mia carriera è iniziata con lui. Era il terzo anno all'Ajax. Come ho conosciuto Rino ho fatto l'arrogante, e anche lui. Dopo un po' ho mollato, perché mi serviva veramente Mino. E dopo tre mesi mi ha portato alla Juventus. Il primo incontro? Eravamo al sushi. Arrivo con una bella macchina, un bell'orologio, una bella giacca. Entro con Mino, lui fa un ordine come se fossimo in 8 persone. Mi fa: "Ci penso io, non preoccuparti". Parliamo di tante cose e mi tira fuori dei fogli, con i gol e le statistiche degli altri attaccanti: Vieri, Sheva, Inzaghi. Avevano statistiche differenti da Ibracadabra. Le mier statistiche erano: 20 partite, 5 gol. Con queste statistiche dove ti porto, mi ha detto. Io gli ho detto che con altre statistiche anche mia mamma mi vendeva, per questo mi serviva lui per fare il miracolo. Ho conosciuto una persona fantastica, è diventato come un papà e un amico. Un advisor, tutto quanto. Quello che passavo, lo passavo con lui. Ci parlavo tutti i giorni. Siamo cresciuti insieme nelle nostre carriere. Siamo diventati forti insieme, lui è diventato più forte di tutti nella sua categoria ed io nella mia. Poi un'altra cosa su quel pranzo. Mi chiede: "Puoi diventare il più ricco o il più forte del mondo?". Io rispondo: "Il più forte". Lui: "Bravo, il più forte diventa il più ricco". Questo era Mino. Ero con Mino quasi tutti i giorni nel suo ultimo periodo di vita. Non era facile, quando vedi una persona in difficoltà è difficile. C'era tanta emozione. Volevo togliergli il pensiero fisso della malattia, gli portavo energia e positività invece di parlare della sua malattia. Lui pensava sempre agli altri e non a se stesso. Era sempre dietro i giocatori, venivano sempre prima loro e poi lui. Ed è stato così anche negli ultimi mesi. Metteva me davanti a tutti e non se stesso. Mi ha detto di fare quello che mi rendeva felice. È stato molto forte, era forte".

Capello? Lui mi ha detto che mi metteva a posto tirandomi fuori tutto l'Ajax. Voleva che fossi più concreto e diretto in campo, il miglior modo per un attaccante per aiutare la squadra era fare gol. Ogni giorno facevamo lavoro davanti alla porta. Mi nascondevo dietro Thuram e Cannavaro, invece mi vedeva sempre. Abbiamo lavorato per sei mesi così. Anche lui mi paragonava a van Basten. Ha detto che tecnicamente ero meglio di lui, ma i suoi movimenti in area erano migliori. Da lì è iniziato tutto. Trezeguet era intelligente, mi diceva che io potevo prendere il pallone per il campo, fare quello che volevo, e lui mi avrebbe aspettato davanti. All'inizio in Italia tanta adrenalina, volevo dimostrare chi ero. Notavo che mi mancava il gol, mentre Trezeguet faceva sempre gol. Poi ho capito quale deve essere la mentalità dell'attaccante in Italia: bisogna fare gol. In Italia qua devi giocare bene e fare gol. Ho detto quindi a Trezeguet "Ti aspetto anche io avanti adesso..."

Gli scudetti della Juve? Sono 38, non 36. Perché abbiamo lottato tutti i giorni per tutte le partite e abbiamo fatto tutto in campo. Chi era in quella squadra sa cosa ha fatto: abbiamo dimostrato che eravamo i più forti in Italia. Per questo dico che sono 38".

Il post Juve? Mino parlava con tutte e due. Eravamo più vicini al Milan, poi loro dovevano giocare un preliminare per la Champions e mi chiedevano di aspettare per capire la situazione. In quel momento l'Inter ha capito e ha fatto in fretta: hanno chiuso il deal prima del Milan. Mino diceva che il primo che arrivava firmava. E l'Inter lì è arrivata prima".

Balotelli?.Quando un ragazzino ha l'occasione di sfruttare il suo talento... Lui ha avuto tante occasioni, non ne ha presa neanche una. Ce ne sono tanti che vogliono avere solo un'occasione, lui ha perso tutte le occasioni che ha avuto lui".

Il colpo di tacco di Leao?.No no, non si può neanche paragonare. Se fa gol la è un genio. Solo i geni capiscono cosa devono fare lì. Per questo lui è la e Balotelli è in tribuna".

All'Inter c'è stato l'Ibra più forte di sempre? Mi sentivo più forte di quando ero alla Juventus, era una crescita normale. Mi sentivo più completo ma non al massimo. Facevo quello che dovevo fare, aiutare la squadra nel miglior modo possibile. Mancini mi dava fiducia e responsabilità. Poi è arrivato Mourinho, era totalmente differente da Mancini. Ma sentivo che stavo crescendo piano piano per arrivare agli obiettivi".

La.squadra non alla mia altezza?Non credo che era così. Anche la Juve aveva il potenziale per vincere la Champions, ma non ho vinto. L'Inter prima di me non vinceva lo Scudetto da 17 anni, poi l'abbiamo vinto per tre anni di fila. Tanti campioni hanno giocato all'Inter senza vincere lo scudetto. Allora pensavo che se fossi andato lì e avessi vinto sarei entrato nella storia del club. Ho visto squadre vincere la Champions ma non il campionato".

Il Barcellona?.Ho avuto la fortuna di vincere trofei che non ho vinto prima. 2-3 internazionali, 2-3 domestici. Era un sogno andare al Barcellona, tutti parlavano del Barcellona. Pensavo che se potevo giocare lì ero nella squadra migliore del mondo. Quando il Barca mi ha chiamato ero carico, avevo fatto il massimo all'Inter. Volevo crescere ancora di più e provare altre sfide per capire e mettermi alla prova da solo, era una sfida con me stesso. Giocare in un posto in tutta la vita va bene, ma volevo vedere dove potevo arrivare. Nei primi sei mesi a Barcellona bene bene, negli ultimi sei mesi è cambiato il pensiero. In campo non facevo tanto ma in testa diventavo più forte. Devi passare momenti difficili per diventare più forte. Se è sempre wow poi quando arriva la botta non sei pronto per uscire dal momento difficile".

La semifinale con l'Inter?.La partita non era facile. A Milano abbiamo perso 3-1, ma col VAR ci sarebbe stata un'altra situazione. Ma non sono scuse. Poi in casa abbiamo vinto 1-0. Ma questo è il calcio, momento belli e momenti brutti. Tutti si aspettavano che potevamo vincere invece abbiamo vinto".

Il passaggio al Milan.Non era un momento facile per me, l'allenatore voleva vendermi a tutti i costi. Poi è arrivato il Gamper contro il Milan, il Milan parlava con Mino per capire che fare. Quando sono venuti a Barcellona, eravamo nel tunnel prima di entrare in campo. Tutti i giocatori del Milan dicevano: "Dopo la partita torni con noi". Nesta, Pirlo, Ronaldinho, dicevano tutti: "Torni con noi". Dopo la partita è arrivato Dinho negli spogliatoi, mi ha preso la mano e mi ha detto: "Dai, andiamo a casa". In queste situazioni non volevo mettere ansia ad Helena. Nel calcio ci sono tante parole, Galliani invece è venuto a casa nostra. Helena non sapeva chi fosse, mi ha chiesto chi è. "È il big boss del Milan". "E che vuole?". "Vuole che andiamo al Milan". E lei: "E cosa aspettiamo allora?". E alla fine hanno trovato un accordo con il Barcellona. Alla sera siamo andati a cena, Galliani tira fuori la carta di credito ma non funzionava. Era dopo il mio transfer. Allora dico: "È già finito? Pago io". (ride, ndr)".

In aggiornamento LIVE
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
199,956
Reaction score
25,667
Ibra al Festival dello Sport:"il futuro? Quanto è passato da quando mi sono ritirato? 3-4 mesi? Ho una libertà totalmente differente. Sto facendo cose per me stesso. Non ho un boss che mi dice cosa fare o cosa seguire. Sto prendendo tempo per capire cosa voglio fare. ci sono più offerte ore che quando giocavo. Se entro in qualcosa voglio fare la differenza, essendo me stesso. Non voglio entrare in una situazione come simbolo. Entro, inizio da zero e faccio quello che riesco a fare. Poi ovvio, c'è anche la tua immagine da personaggio. Vediamo cosa succede, qualcosa succede. Ho avuto qualche meeting col Milan. Il boss, l'altro boss. Parliamo. Vediamo dove si arriva. È il momento di conoscerci. Poi se uno può portare qualcosa fa effetto, se non può portarlo non fa effetto. Se mi danno il contratto per continuare a giocare fa effetto. Scherzo (ride, ndr). Vediamo".
da piccolo facevo tanti casini, come tutti i bambini. Ero sempre in giro a giocare a calcio. Ero sempre col pallone, dove andavo me lo portavo dietro e giocavo a calcio, anche se tutti mi dicevano che non ero un talento. Era la mia energia, la mia adrenalina. Poi facevo anche cose che non si possono fare, ma si impara e si cresce”.

"Col tempo diventi più maturo, hai più esperienza. Ora ho due figli. Ma la tua identità è sempre quella. Ma lo fai con eleganza e in un'altra maniera".

"Io e Van Basten? All'inizio era molto difficile, tutti si aspettavano che ero il nuovo van Basten. Ma non ero ancora a quel livello, era la mia prima avventura fuori dalla Svezia. Ero da solo con tanta pressione. È stato un trasferimento record, si aspettavano magie tutti i giorni. Ma non ero pronto, mi pesava quel paragone e non era facile. Mi ha quasi fatto tornare indietro in Svezia. Ma non ho mai mollato, avevo sempre fiducia in me stesso. Ma in alcune situazioni non dipende solo da te, ma piano piano, mentalmente soprattutto, diventavo più forte. Il secondo anno è andato meglio, il terzo anno ho fatto il battesimo a tutti".

Raiola?
La mia carriera è iniziata con lui. Era il terzo anno all'Ajax. Come ho conosciuto Rino ho fatto l'arrogante, e anche lui. Dopo un po' ho mollato, perché mi serviva veramente Mino. E dopo tre mesi mi ha portato alla Juventus. Il primo incontro? Eravamo al sushi. Arrivo con una bella macchina, un bell'orologio, una bella giacca. Entro con Mino, lui fa un ordine come se fossimo in 8 persone. Mi fa: "Ci penso io, non preoccuparti". Parliamo di tante cose e mi tira fuori dei fogli, con i gol e le statistiche degli altri attaccanti: Vieri, Sheva, Inzaghi. Avevano statistiche differenti da Ibracadabra. Le mier statistiche erano: 20 partite, 5 gol. Con queste statistiche dove ti porto, mi ha detto. Io gli ho detto che con altre statistiche anche mia mamma mi vendeva, per questo mi serviva lui per fare il miracolo. Ho conosciuto una persona fantastica, è diventato come un papà e un amico. Un advisor, tutto quanto. Quello che passavo, lo passavo con lui. Ci parlavo tutti i giorni. Siamo cresciuti insieme nelle nostre carriere. Siamo diventati forti insieme, lui è diventato più forte di tutti nella sua categoria ed io nella mia. Poi un'altra cosa su quel pranzo. Mi chiede: "Puoi diventare il più ricco o il più forte del mondo?". Io rispondo: "Il più forte". Lui: "Bravo, il più forte diventa il più ricco". Questo era Mino. Ero con Mino quasi tutti i giorni nel suo ultimo periodo di vita. Non era facile, quando vedi una persona in difficoltà è difficile. C'era tanta emozione. Volevo togliergli il pensiero fisso della malattia, gli portavo energia e positività invece di parlare della sua malattia. Lui pensava sempre agli altri e non a se stesso. Era sempre dietro i giocatori, venivano sempre prima loro e poi lui. Ed è stato così anche negli ultimi mesi. Metteva me davanti a tutti e non se stesso. Mi ha detto di fare quello che mi rendeva felice. È stato molto forte, era forte".

Capello? Lui mi ha detto che mi metteva a posto tirandomi fuori tutto l'Ajax. Voleva che fossi più concreto e diretto in campo, il miglior modo per un attaccante per aiutare la squadra era fare gol. Ogni giorno facevamo lavoro davanti alla porta. Mi nascondevo dietro Thuram e Cannavaro, invece mi vedeva sempre. Abbiamo lavorato per sei mesi così. Anche lui mi paragonava a van Basten. Ha detto che tecnicamente ero meglio di lui, ma i suoi movimenti in area erano migliori. Da lì è iniziato tutto. Trezeguet era intelligente, mi diceva che io potevo prendere il pallone per il campo, fare quello che volevo, e lui mi avrebbe aspettato davanti. All'inizio in Italia tanta adrenalina, volevo dimostrare chi ero. Notavo che mi mancava il gol, mentre Trezeguet faceva sempre gol. Poi ho capito quale deve essere la mentalità dell'attaccante in Italia: bisogna fare gol. In Italia qua devi giocare bene e fare gol. Ho detto quindi a Trezeguet "Ti aspetto anche io avanti adesso..."

Gli scudetti della Juve? Sono 38, non 36. Perché abbiamo lottato tutti i giorni per tutte le partite e abbiamo fatto tutto in campo. Chi era in quella squadra sa cosa ha fatto: abbiamo dimostrato che eravamo i più forti in Italia. Per questo dico che sono 38".

Il post Juve? Mino parlava con tutte e due. Eravamo più vicini al Milan, poi loro dovevano giocare un preliminare per la Champions e mi chiedevano di aspettare per capire la situazione. In quel momento l'Inter ha capito e ha fatto in fretta: hanno chiuso il deal prima del Milan. Mino diceva che il primo che arrivava firmava. E l'Inter lì è arrivata prima".

Balotelli?.Quando un ragazzino ha l'occasione di sfruttare il suo talento... Lui ha avuto tante occasioni, non ne ha presa neanche una. Ce ne sono tanti che vogliono avere solo un'occasione, lui ha perso tutte le occasioni che ha avuto lui".

Il colpo di tacco di Leao?.No no, non si può neanche paragonare. Se fa gol la è un genio. Solo i geni capiscono cosa devono fare lì. Per questo lui è la e Balotelli è in tribuna".

All'Inter c'è stato l'Ibra più forte di sempre? Mi sentivo più forte di quando ero alla Juventus, era una crescita normale. Mi sentivo più completo ma non al massimo. Facevo quello che dovevo fare, aiutare la squadra nel miglior modo possibile. Mancini mi dava fiducia e responsabilità. Poi è arrivato Mourinho, era totalmente differente da Mancini. Ma sentivo che stavo crescendo piano piano per arrivare agli obiettivi".

La.squadra non alla mia altezza?Non credo che era così. Anche la Juve aveva il potenziale per vincere la Champions, ma non ho vinto. L'Inter prima di me non vinceva lo Scudetto da 17 anni, poi l'abbiamo vinto per tre anni di fila. Tanti campioni hanno giocato all'Inter senza vincere lo scudetto. Allora pensavo che se fossi andato lì e avessi vinto sarei entrato nella storia del club. Ho visto squadre vincere la Champions ma non il campionato".

Il Barcellona?.Ho avuto la fortuna di vincere trofei che non ho vinto prima. 2-3 internazionali, 2-3 domestici. Era un sogno andare al Barcellona, tutti parlavano del Barcellona. Pensavo che se potevo giocare lì ero nella squadra migliore del mondo. Quando il Barca mi ha chiamato ero carico, avevo fatto il massimo all'Inter. Volevo crescere ancora di più e provare altre sfide per capire e mettermi alla prova da solo, era una sfida con me stesso. Giocare in un posto in tutta la vita va bene, ma volevo vedere dove potevo arrivare. Nei primi sei mesi a Barcellona bene bene, negli ultimi sei mesi è cambiato il pensiero. In campo non facevo tanto ma in testa diventavo più forte. Devi passare momenti difficili per diventare più forte. Se è sempre wow poi quando arriva la botta non sei pronto per uscire dal momento difficile".

La semifinale con l'Inter?.La partita non era facile. A Milano abbiamo perso 3-1, ma col VAR ci sarebbe stata un'altra situazione. Ma non sono scuse. Poi in casa abbiamo vinto 1-0. Ma questo è il calcio, momento belli e momenti brutti. Tutti si aspettavano che potevamo vincere invece abbiamo vinto".

Il passaggio al Milan.Non era un momento facile per me, l'allenatore voleva vendermi a tutti i costi. Poi è arrivato il Gamper contro il Milan, il Milan parlava con Mino per capire che fare. Quando sono venuti a Barcellona, eravamo nel tunnel prima di entrare in campo. Tutti i giocatori del Milan dicevano: "Dopo la partita torni con noi". Nesta, Pirlo, Ronaldinho, dicevano tutti: "Torni con noi". Dopo la partita è arrivato Dinho negli spogliatoi, mi ha preso la mano e mi ha detto: "Dai, andiamo a casa". In queste situazioni non volevo mettere ansia ad Helena. Nel calcio ci sono tante parole, Galliani invece è venuto a casa nostra. Helena non sapeva chi fosse, mi ha chiesto chi è. "È il big boss del Milan". "E che vuole?". "Vuole che andiamo al Milan". E lei: "E cosa aspettiamo allora?". E alla fine hanno trovato un accordo con il Barcellona. Alla sera siamo andati a cena, Galliani tira fuori la carta di credito ma non funzionava. Era dopo il mio transfer. Allora dico: "È già finito? Pago io". (ride, ndr)

Continua qui in basso

LIVE
 
Registrato
16 Luglio 2014
Messaggi
13,773
Reaction score
2,998
"L'ultimo scudetto col Milan? stato lo scudetto da cui ho avuto più soddisfazione. Era una situazione dove la squadra non era favorita, neanche top 4. Erano giocatori che non erano superstar. Non era una squadra in cui era abituato a giocare: ho giocato sempre in squadre favorite. In questo Milan invece era il contrario. Poi non si capiva se vendevano o no, se arrivava un nuovo dirigente o un allenatore nuovo, poi il COVID... Noi eravamo sempre uniti. Abbiamo detto che avremmo fatto passo per passo, un giorno alla volta. Poi chi era pronto mentalmente per fare il sacrificio è rimasto, chi non era pronto è andato via. Poi piano piano si è formato questo gruppo, mai avuto un gruppo così forte di collettivo. Un'atmosfera... Era troppo troppo forte. Non eravamo fenomeni, solo io dai (ride, ndr). Non erano superstar, ma tutti hanno usato la situazione per crescere e far crescere il compagno di fianco. L'anno che abbiamo giocato senza tifosi ci ha aiutato a crescere senza pressione. Avevamo più tempo per arrivare al top. Poi quando siamo arrivati al top hanno fatto tornare il pubblico che ci ha dato un extra boost. Era un gruppo che diventava più forte ogni giorno che passava. Dicevano che avevamo fortuna, bla bla bla, ma alla fine abbiamo chiuso. E quando fai una grande cosa lo vedi e lo senti negli altri. Dopo la partita con il Sassuolo siamo entrati nello spogliatoio e vado in doccia. Due-tre persone piangevano, lo staff piangeva. Da lì capisci cosa hai fatti. Era una cosa in cui nessuno ci credeva. Quando sono tornato ho detto nella prima conferenza che avrei riportato il Milan a vincere: in quel momento ho capito che ci ero riuscito. La soddisfazione è stata differente. Chiedevo quanti avevano giocato in Champions. Nessuno alzava la mano, lo stesso quando ho chiesto chi aveva vinto il trofeo. Quell'anno si sentiva che si poteva vincere. Io ho avuto un infortunio pesante, ma sono rimasto vicino alla squadra. Quando vedi quando abbiamo festeggiato in centro... C'era Tomori che aveva vinto col Chelsea, gli ho detto che vincere qua sarebbe stata un'altra cosa. Mi ha detto che avevo totalmente ragione, questo rimane nella storia per sempre".

In aggiornamento


Ed é per questa prima frase che Ibra merita un rispetto assoluto. É quello cho possono fare solo giocatori che amano il calcio, non solo i soldi. L'esperienza MLS l'ha fatta e ha preferito chiudere con un progetto vero, uno al quale ci tiene, come De Rossi o Tevez ad esempio.
Gente come Cristiano Ronaldo o Messi saranno anche le superstar assolute di questi decenni, ma come persone entrambi mi sembrano piccolissimi. Pensano solo ed esclusivamente ai soldi e zero a progetti per loro attraenti. Messi al PSG ad esempio....un trasferimento orribile.


Seconda frase: Riferimento a Suso (ed altri) piu che netto.
 
Ultima modifica:

Jino

Senior Member
Registrato
29 Agosto 2012
Messaggi
56,103
Reaction score
3,940
Ed é per questa prima frase che Ibra merita un rispetto assoluta. É quello cho possono fare solo giocatori che amano il calcio, non solo i soldi. L'esperienza MLS l'ha fatta e ha preferito chiudere con un progetto vero, uno al quale ci tiene, come De Rossi o Tevez ad esempio.
Gente come Cristiano Ronaldo o Messi saranno anche le superstar assolute di questi decenni, ma come persone entrambi mi sembrano piccolissimi. Pensano solo ed esclusivamente ai soldi e zero a progetti per loro attraenti. Messi al PSG ad esempio....un trasferimento orribile.


Seconda frase: Riferimento a Suso (ed altri) piu che netto.

...Paquetà, Piatek...giusto per citarne alcuni....dopo quei primi sei mesi il mercato lo fece Ibra, sempre detto. Ha fatto mandar via chi non era giusto per vincere.
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
199,956
Reaction score
25,667
"L'ultimo scudetto col Milan? stato lo scudetto da cui ho avuto più soddisfazione. Era una situazione dove la squadra non era favorita, neanche top 4. Erano giocatori che non erano superstar. Non era una squadra in cui era abituato a giocare: ho giocato sempre in squadre favorite. In questo Milan invece era il contrario. Poi non si capiva se vendevano o no, se arrivava un nuovo dirigente o un allenatore nuovo, poi il COVID... Noi eravamo sempre uniti. Abbiamo detto che avremmo fatto passo per passo, un giorno alla volta. Poi chi era pronto mentalmente per fare il sacrificio è rimasto, chi non era pronto è andato via. Poi piano piano si è formato questo gruppo, mai avuto un gruppo così forte di collettivo. Un'atmosfera... Era troppo troppo forte. Non eravamo fenomeni, solo io dai (ride, ndr). Non erano superstar, ma tutti hanno usato la situazione per crescere e far crescere il compagno di fianco. L'anno che abbiamo giocato senza tifosi ci ha aiutato a crescere senza pressione. Avevamo più tempo per arrivare al top. Poi quando siamo arrivati al top hanno fatto tornare il pubblico che ci ha dato un extra boost. Era un gruppo che diventava più forte ogni giorno che passava. Dicevano che avevamo fortuna, bla bla bla, ma alla fine abbiamo chiuso. E quando fai una grande cosa lo vedi e lo senti negli altri. Dopo la partita con il Sassuolo siamo entrati nello spogliatoio e vado in doccia. Due-tre persone piangevano, lo staff piangeva. Da lì capisci cosa hai fatti. Era una cosa in cui nessuno ci credeva. Quando sono tornato ho detto nella prima conferenza che avrei riportato il Milan a vincere: in quel momento ho capito che ci ero riuscito. La soddisfazione è stata differente. Chiedevo quanti avevano giocato in Champions. Nessuno alzava la mano, lo stesso quando ho chiesto chi aveva vinto il trofeo. Quell'anno si sentiva che si poteva vincere. Io ho avuto un infortunio pesante, ma sono rimasto vicino alla squadra. Quando vedi quando abbiamo festeggiato in centro... C'era Tomori che aveva vinto col Chelsea, gli ho detto che vincere qua sarebbe stata un'altra cosa. Mi ha detto che avevo totalmente ragione, questo rimane nella storia per sempre".

"Maldini? Ho un buon rapporto con Paolo, dal primo giorno che sono arrivato. Era dirigente, ho giocato contro di lui in campo. Dal primo giorno ho conosciuto la persona. Cresceva come dirigente, era la sua prima esperienza. Non era una situazione facile, non si capiva bene come erano le cose. Di queste cose non portava niente nella squadra. Era sempre presente tutti i giorni a Milanello. Comunicava con mister Pioli, con i giocatori. Tutti i giorni era presente. Non so i dettagli per il mercato, ma c'erano budget limitati. Era un suo problema, il mio problema era in campo. Ha fatto un grande lavoro, abbiamo vinto. Quando riesci a vincere è una cosa collettiva, ognuno ha le sue responsabilità per arrivare. Non è one man show. Mi dispiace quello che è successo, è una bandiera del Milan. Papà, lui, figlio. Mi dispiace. Ma so che nel calcio le cose possono cambiare. Sono felice per lui per quello che ha fatto per il Milan, come calciatore e come dirigente".
.
 

Similar threads

Alto
head>