Giuseppe Remuzzi: "Coronavirus anche nei reni"

fabri47

Senior Member
Registrato
15 Dicembre 2016
Messaggi
19,977
Reaction score
2,077
Intervistato da Alberto Matano a La Vita in Diretta, il farmacologo Giuseppe Remuzzi dell'istituto Mario ***** di Bergamo ha affermato che il Coronavirus si diffonde anche nei reni.

La scoperta è avvenuta grazie agli studi compiuti dal citato istituto di ricerca scientifica.
 
Registrato
20 Giugno 2015
Messaggi
4,539
Reaction score
112
Dottore, chiedo scusa, ho un po' di torcicollo: non sarà mica il Covid 19???

Incredibile sto virus, sta sovvertendo ogni certezza di causa/effetto.
 

Kaw

Member
Registrato
19 Giugno 2015
Messaggi
3,112
Reaction score
279
Intervistato da Alberto Matano a La Vita in Diretta, il farmacologo Giuseppe Remuzzi dell'istituto Mario ***** di Bergamo ha affermato che il Coronavirus si diffonde anche nei reni.

La scoperta è avvenuta grazie agli studi compiuti dal citato istituto di ricerca scientifica.
Beh è appurato ormai che si tratti di una malattia sistemica, il recettore che il virus usa per entrare nelle cellule si trova in molti organi, ho letto un'altro articolo in cui dicevano di aver trovato il virus nel liquido peritoneale durante un intervento di chirurgia addominale.
Di fatto l'infezione e la reazione infiammatoria è multi organo, questo NON è affatto un virus respiratorio e la malattia non è solo una sindrome respiratoria.
E pensare che dicevano che era meno di un influenza...
 

Marilson

Milano vende moda
Registrato
29 Agosto 2012
Messaggi
6,022
Reaction score
1,068
Intervistato da Alberto Matano a La Vita in Diretta, il farmacologo Giuseppe Remuzzi dell'istituto Mario ***** di Bergamo ha affermato che il Coronavirus si diffonde anche nei reni.

La scoperta è avvenuta grazie agli studi compiuti dal citato istituto di ricerca scientifica.

ovunque ci siano i recettori ACE2. Non solo reni ma anche tessuto epiteliale, epidermide, tessuto cardiaco ecc. Una vera bestia sto coronavirus. E c'e' ancora chi ha il coraggio di paragonarlo all'influenza. Anche se avesse avuto la meta' della mortalita' dell'influenza, nessuno puo' prevedere gli effetti a lungotermine. Cosa succedera' ai pazienti guariti da coronavirus tra 30 anni?
 
Alto
head>