Furlani:"Ibra, lo stadio, la vittoria col PSG..."

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
199,950
Reaction score
25,666
Furlani a Radio Serie A:"La vittoria col Milan? Cerchiamo di non esaltarci troppo nelle vittorie e di non deprimerci nelle sconfitte, ciò che conta è il progetto nel medio-lungo periodo. C'è unità di intenti tra tutti. Vincere in Champions è piacevole e importante: spero tracci una linea. Una vittoria contro la squadra più ricca d'Europa e una delle più forti ci fa particolarmente contenti".

"il decreto crescita? Negli ultimi anni abbiamo visto come il calcio italiano stia recuperando competitività, in un contesto in cui ci sono diverse regole non scritte che ci rendono poco competitivi come l'impossibilità sugli stadi o le difficoltà sui contratti; il decreto Crescita è l'unica norma che ci aiuta, perché ci consente di attirare talento che, di fatto, come squadre italiane non ci potremmo permettere. A livello di economia di Paese, inoltre, mi sembra una follia andare contro il Decreto Crescita: avere talento e avanzare in Europa significa avere una maggior quota nel diritti televisivi globali, sponsor in aumento e così via. Declinare centinaia di milioni di euro che entrano nel Paese mi sembra una follia. I grandi club stanno guardando ai nuovi stadi: il Paese ne ha bisogno e sarebbero finanziati interamente da capitali stranieri".

"Lo stadio? Noi stiamo avanzando sul progetto a San Donato: il target per noi è di essere pronti a fine 2028 con un nuovo stadio. Dico questa data mordendomi la lingua, perché nel 2018, quando sono entrato nel Milan, facemmo la presentazione di un progetto alla Uefa sul nuovo San Siro da concludere entro il 2023. E ora siamo qua. Il target è fine 2028. Avere uno stadio nuovo e di proprietà permette alle squadre di portare i tifosi non solo per la partita, ma anche per una mezza giornata trascorsa con la famiglia nella casa del Milan".

"La Champions? Il format nuovo ci permette di giocare più partite in Europa: sono match di alto valore. Offriremmo ai nostri tifosi più partite contro top club europei. Ci sarà un impatto economico positivo, il valore della competizione crescerà così come le squadre che vi parteciperanno. Io voglio sperare che il calcio italiano, se continuerà con questo trend positivo, potrà avere una quinta squadra in Champions".

"Ibra, innanzitutto, è stato un grande calciatore ed è anche una grandissima persona di spettacolo, è un leader, un personaggio a tutto tondo, non solo del mondo del calcio. Ci sono delle conversazioni con lui. Non ti rispondo tecnicamente perché non ti so dare una tempistica esatta e neanche un ruolo, ma può solo far piacere ad una persona come, nel mio ruolo e come tifoso del Milan, poter tornare a lavorare con Ibrahimovic".
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
199,950
Reaction score
25,666
Furlani a Radio Serie A:"La vittoria col Milan? Cerchiamo di non esaltarci troppo nelle vittorie e di non deprimerci nelle sconfitte, ciò che conta è il progetto nel medio-lungo periodo. C'è unità di intenti tra tutti. Vincere in Champions è piacevole e importante: spero tracci una linea. Una vittoria contro la squadra più ricca d'Europa e una delle più forti ci fa particolarmente contenti".

"il decreto crescita? Negli ultimi anni abbiamo visto come il calcio italiano stia recuperando competitività, in un contesto in cui ci sono diverse regole non scritte che ci rendono poco competitivi come l'impossibilità sugli stadi o le difficoltà sui contratti; il decreto Crescita è l'unica norma che ci aiuta, perché ci consente di attirare talento che, di fatto, come squadre italiane non ci potremmo permettere. A livello di economia di Paese, inoltre, mi sembra una follia andare contro il Decreto Crescita: avere talento e avanzare in Europa significa avere una maggior quota nel diritti televisivi globali, sponsor in aumento e così via. Declinare centinaia di milioni di euro che entrano nel Paese mi sembra una follia. I grandi club stanno guardando ai nuovi stadi: il Paese ne ha bisogno e sarebbero finanziati interamente da capitali stranieri".

"Lo stadio? Noi stiamo avanzando sul progetto a San Donato: il target per noi è di essere pronti a fine 2028 con un nuovo stadio. Dico questa data mordendomi la lingua, perché nel 2018, quando sono entrato nel Milan, facemmo la presentazione di un progetto alla Uefa sul nuovo San Siro da concludere entro il 2023. E ora siamo qua. Il target è fine 2028. Avere uno stadio nuovo e di proprietà permette alle squadre di portare i tifosi non solo per la partita, ma anche per una mezza giornata trascorsa con la famiglia nella casa del Milan".

"La Champions? Il format nuovo ci permette di giocare più partite in Europa: sono match di alto valore. Offriremmo ai nostri tifosi più partite contro top club europei. Ci sarà un impatto economico positivo, il valore della competizione crescerà così come le squadre che vi parteciperanno. Io voglio sperare che il calcio italiano, se continuerà con questo trend positivo, potrà avere una quinta squadra in Champions".

"Ibra, innanzitutto, è stato un grande calciatore ed è anche una grandissima persona di spettacolo, è un leader, un personaggio a tutto tondo, non solo del mondo del calcio. Ci sono delle conversazioni con lui. Non ti rispondo tecnicamente perché non ti so dare una tempistica esatta e neanche un ruolo, ma può solo far piacere ad una persona come, nel mio ruolo e come tifoso del Milan, poter tornare a lavorare con Ibrahimovic".
.
 
Registrato
13 Gennaio 2014
Messaggi
31,564
Reaction score
9,583
"il decreto crescita? Negli ultimi anni abbiamo visto come il calcio italiano stia recuperando competitività, in un contesto in cui ci sono diverse regole non scritte che ci rendono poco competitivi come l'impossibilità sugli stadi o le difficoltà sui contratti; il decreto Crescita è l'unica norma che ci aiuta, perché ci consente di attirare talento che, di fatto, come squadre italiane non ci potremmo permettere. A livello di economia di Paese, inoltre, mi sembra una follia andare contro il Decreto Crescita: avere talento e avanzare in Europa significa avere una maggior quota nel diritti televisivi globali, sponsor in aumento e così via. Declinare centinaia di milioni di euro che entrano nel Paese mi sembra una follia. I grandi club stanno guardando ai nuovi stadi: il Paese ne ha bisogno e sarebbero finanziati interamente da capitali stranieri".
Intervista ad-hoc

Proprio stamattina ho letto che vogliono escludere i calciatori.

Ha lanciato il messaggio, ma c'è il serio rischio non venga raccolto.

Giusto da un lato, ma problemone per la Serie A.
Proprio adesso che eravamo praticamente secondi nel ranking UEFA...
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
199,950
Reaction score
25,666
Furlani a Radio Serie A:"La vittoria col Milan? Cerchiamo di non esaltarci troppo nelle vittorie e di non deprimerci nelle sconfitte, ciò che conta è il progetto nel medio-lungo periodo. C'è unità di intenti tra tutti. Vincere in Champions è piacevole e importante: spero tracci una linea. Una vittoria contro la squadra più ricca d'Europa e una delle più forti ci fa particolarmente contenti".

"il decreto crescita? Negli ultimi anni abbiamo visto come il calcio italiano stia recuperando competitività, in un contesto in cui ci sono diverse regole non scritte che ci rendono poco competitivi come l'impossibilità sugli stadi o le difficoltà sui contratti; il decreto Crescita è l'unica norma che ci aiuta, perché ci consente di attirare talento che, di fatto, come squadre italiane non ci potremmo permettere. A livello di economia di Paese, inoltre, mi sembra una follia andare contro il Decreto Crescita: avere talento e avanzare in Europa significa avere una maggior quota nel diritti televisivi globali, sponsor in aumento e così via. Declinare centinaia di milioni di euro che entrano nel Paese mi sembra una follia. I grandi club stanno guardando ai nuovi stadi: il Paese ne ha bisogno e sarebbero finanziati interamente da capitali stranieri".

"Lo stadio? Noi stiamo avanzando sul progetto a San Donato: il target per noi è di essere pronti a fine 2028 con un nuovo stadio. Dico questa data mordendomi la lingua, perché nel 2018, quando sono entrato nel Milan, facemmo la presentazione di un progetto alla Uefa sul nuovo San Siro da concludere entro il 2023. E ora siamo qua. Il target è fine 2028. Avere uno stadio nuovo e di proprietà permette alle squadre di portare i tifosi non solo per la partita, ma anche per una mezza giornata trascorsa con la famiglia nella casa del Milan".

"La Champions? Il format nuovo ci permette di giocare più partite in Europa: sono match di alto valore. Offriremmo ai nostri tifosi più partite contro top club europei. Ci sarà un impatto economico positivo, il valore della competizione crescerà così come le squadre che vi parteciperanno. Io voglio sperare che il calcio italiano, se continuerà con questo trend positivo, potrà avere una quinta squadra in Champions".

"Ibra, innanzitutto, è stato un grande calciatore ed è anche una grandissima persona di spettacolo, è un leader, un personaggio a tutto tondo, non solo del mondo del calcio. Ci sono delle conversazioni con lui. Non ti rispondo tecnicamente perché non ti so dare una tempistica esatta e neanche un ruolo, ma può solo far piacere ad una persona come, nel mio ruolo e come tifoso del Milan, poter tornare a lavorare con Ibrahimovic".
.
 
Registrato
18 Settembre 2017
Messaggi
14,503
Reaction score
5,686
Furlani a Radio Serie A:"La vittoria col Milan? Cerchiamo di non esaltarci troppo nelle vittorie e di non deprimerci nelle sconfitte, ciò che conta è il progetto nel medio-lungo periodo. C'è unità di intenti tra tutti. Vincere in Champions è piacevole e importante: spero tracci una linea. Una vittoria contro la squadra più ricca d'Europa e una delle più forti ci fa particolarmente contenti".

"il decreto crescita? Negli ultimi anni abbiamo visto come il calcio italiano stia recuperando competitività, in un contesto in cui ci sono diverse regole non scritte che ci rendono poco competitivi come l'impossibilità sugli stadi o le difficoltà sui contratti; il decreto Crescita è l'unica norma che ci aiuta, perché ci consente di attirare talento che, di fatto, come squadre italiane non ci potremmo permettere. A livello di economia di Paese, inoltre, mi sembra una follia andare contro il Decreto Crescita: avere talento e avanzare in Europa significa avere una maggior quota nel diritti televisivi globali, sponsor in aumento e così via. Declinare centinaia di milioni di euro che entrano nel Paese mi sembra una follia. I grandi club stanno guardando ai nuovi stadi: il Paese ne ha bisogno e sarebbero finanziati interamente da capitali stranieri".

"Lo stadio? Noi stiamo avanzando sul progetto a San Donato: il target per noi è di essere pronti a fine 2028 con un nuovo stadio. Dico questa data mordendomi la lingua, perché nel 2018, quando sono entrato nel Milan, facemmo la presentazione di un progetto alla Uefa sul nuovo San Siro da concludere entro il 2023. E ora siamo qua. Il target è fine 2028. Avere uno stadio nuovo e di proprietà permette alle squadre di portare i tifosi non solo per la partita, ma anche per una mezza giornata trascorsa con la famiglia nella casa del Milan".

"La Champions? Il format nuovo ci permette di giocare più partite in Europa: sono match di alto valore. Offriremmo ai nostri tifosi più partite contro top club europei. Ci sarà un impatto economico positivo, il valore della competizione crescerà così come le squadre che vi parteciperanno. Io voglio sperare che il calcio italiano, se continuerà con questo trend positivo, potrà avere una quinta squadra in Champions".

"Ibra, innanzitutto, è stato un grande calciatore ed è anche una grandissima persona di spettacolo, è un leader, un personaggio a tutto tondo, non solo del mondo del calcio. Ci sono delle conversazioni con lui. Non ti rispondo tecnicamente perché non ti so dare una tempistica esatta e neanche un ruolo, ma può solo far piacere ad una persona come, nel mio ruolo e come tifoso del Milan, poter tornare a lavorare con Ibrahimovic".
quando si parla di Ibra ci sono un sacco di pinocchi in giro
 

Franco

Well-known member
Registrato
22 Giugno 2022
Messaggi
1,642
Reaction score
1,435
Furlani, dovete pagare le tasse come tutti gli italiani. Il decreto crescita applicato al calcio è la legge più vergognosa che abbiamo in Italia: un milionario che tira calci a un pallone ha un'aliquota più bassa di un operaio. Con i soldi della povera gente viene finanziato il calciomercato. Basta con questi regali al calcio. I soldi pubblici vanno usati per aiutare le famiglie e le persone che ne hanno bisogno, non i calciatori.
 

Franco

Well-known member
Registrato
22 Giugno 2022
Messaggi
1,642
Reaction score
1,435
Intervista ad-hoc

Proprio stamattina ho letto che vogliono escludere i calciatori.

Ha lanciato il messaggio, ma c'è il serio rischio non venga raccolto.

Giusto da un lato, ma problemone per la Serie A.
Proprio adesso che eravamo praticamente secondi nel ranking UEFA...

Sinceramente, ma chi se ne frega della serie a. Stanno tagliando le pensioni perché non c'è più mezzo soldo e questi vogliono gli sconti fiscali per i milionari del pallone. Anche alla decenza c'è un limite.
 
Registrato
13 Gennaio 2014
Messaggi
31,564
Reaction score
9,583
Furlani, dovete pagare le tasse come tutti gli italiani. Il decreto crescita applicato al calcio è la legge più vergognosa che abbiamo in Italia: un milionario che tira calci a un pallone ha un'aliquota più bassa di un operaio. Con i soldi della povera gente viene finanziato il calciomercato. Basta con questi regali al calcio. I soldi pubblici vanno usati per aiutare le famiglie e le persone che ne hanno bisogno, non i calciatori.
Certo che è vergognosa moralmente parlando

Ma se parliamo esclusivamente di calcio , tra potere usufruire del decreto crescita oppure no, cambia tutto per il livello della Serie A.

Anche se a rigor di logica: perchè si possano avere detrazioni se assumi i bravi ingegneri o tecnici o qualsiasi altro lavoro, mentre non deve valere per bravi calciatori?

comunque capisco cosa intendi, infatti è difficile trovare una posizione giusta sull' argomento.
 

Franco

Well-known member
Registrato
22 Giugno 2022
Messaggi
1,642
Reaction score
1,435
Certo che è vergognosa moralmente parlando

Ma se parliamo esclusivamente di calcio , tra potere usufruire del decreto crescita oppure no, cambia tutto per il livello della Serie A.

Anche se a rigor di logica: perchè si possano avere detrazioni se assumi i bravi ingegneri o tecnici o qualsiasi altro lavoro, mentre non deve valere per bravi calciatori?

comunque capisco cosa intendi, infatti è difficile trovare una posizione giusta sull' argomento.

Qui si tratta di concedere sconti fiscali ai milionari. Nella stessa legge di bilancio in cui sono alzate le tasse su assorbenti e pannolini. Anche solo avanzare la richiesta è da vergognarsi.
 

Similar threads

Alto
head>