Edicola: Milan, notte da sogno. Pioli indovina tutto.

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
199,868
Reaction score
25,649
I quotidiani in edicola sulla vittoria del Milan col PSG



GDS: Milan, notte da sogno. I rossoneri rinascono con Leao e Giroud. Mbappè annullato. Gara a ritmo altissimo, Pioli dà scacco matto a Luis Enrique a centrocampo. Pazzesco gol del portoghese in rovesciata, il francese brucia Skriniar sul secondo gol. Si è visto il miglior Milan della stagione nella partita più delicata: tutta un’altra squadra rispetto a quella di Parigi. I francesi? Troppo presuntuosi . Ora il Milan ha il destino in pugno: con due vittorie sarebbe sicuro degli ottavi, ma basterebbe anche battere il Borussia alla prossima, se il Psg fa 6 punti. Si vedrà, per ora celebriamo questa impresa. Pioli, fischiato sabato, discusso da settimane, con il ronzio di Ibra nelle orecchie, con la sua canzoncina “on fire” tolta dalla playlist di San Siro, ha risposto azzeccando tutto: modulo (4-2-3-1) e uomini. Mostruosa la prestazione di Loftus- Cheeck, fantasiosa la regia di Reijnders, mai così gattusiano Musah. Poteva vincere solo ottenendo il massimo da ogni individualità. Lo ha fatto, vedi l’ottimo Calabria, mai prigioniero di Mbappè. E poi naturalmente Le-ao, il migliore. Pioli gli chiede da tempo di salire l’ultimo scalino: essere decisivo con continuità, aiutare la squadra anche senza palla. Ieri lo ha fatto. Il Psg è caduto sotto i colpi dei suoi strappi. Ha segnato il primo gol, ha costruito tantissimo, ma ci sono due fotogrammi da evidenziare. Nell’azione del gol di Giroud, c’è stato un cross da destra. Nella stessa occasione a Parigi, era in ritardo di dieci metri. Qui ha aggredito il palo come gli chiede Pioli. Secondo fotogramma: Rafa, con un recupero difensivo, ha messo in angolo in scivolata. Pioli si sarà commosso. Se Leao sarà sempre questo, nei prossimi anni contenderà la scena ai Bellingham e agli Mbappè. Kylian ieri non ha brillato. Come tutto il Psg, calato a Milano sicuro di staccare il pass per gli ottavi. Supponenti. Ai francesi capita spesso.

CorSera: notte da Milan. Mbappè si inchina. Skriniar non spaventa i rossoneri Leao e Giroud ribaltano il Psg
e riaprono il discorso qualificazione Donnarumma fischi e grandi parate. Il Milan risorge. Tre giorni dopo il capitombolo infernale con l’Udinese, ingabbia Mbappé e stende il Psg. Se, come ha detto Pioli, i francesi dovevano essere un bivio, il Diavolo imbocca la strada giusta. La prima vittoria in Champions è un piccolo capolavoro, tattico, tecnico, di personalità. Una partita coraggiosa e bellissima. I rossoneri, nel momento della verità, tirano fuori tutto ciò di cui hanno bisogno: l’anima, la forza, il talento, la personalità. Vanno sotto subito e non si scoraggiano. Le stelle la ribaltano, prima la rovesciata di Leao, sempre dentro il gioco, tanto da mettere in ombra re Kylian e all’inizio del secondo tempo l’incornata di Giroud. Il francese ama Marsiglia e gode il doppio a stroncare Parigi saltando sopra l’ex interista Skriniar, che aveva gelato San Siro dopo 9 minuti. Una notte da ricordare, anche quella di Pioli che non sarà più on fire, ma si gioca questo incrocio da dentro o fuori faccia al vento e senza sbagliare una mossa. Il Milan è una macchina perfetta: da Maignan all’ultimo dei peones, tutti fanno la loro parte. Ora è terzo nel girone, ma in piena corsa per gli ottavi e deve battere, sempre a San Siro, il Borussia Dortmund il 28 novembre, per poi giocarsi la qualificazione a Newcastle.


Tuttosport sulla vittoria del Milan col PSG: una rinascita inaspettata, nel giro di un paio di giorni. Sabato sera il Milan usciva dal Meazza tra i fischi dopo il ko con l'Udinese, figlio di una prova inguardabile. Ieri sera la partita da mandare a memoria, quella in cui i rossoneri battono 2-1 il Paris Saint-Germain, una della grandissime d'Europa, trovando i primi gol in Champions League e riaprendo i giochi di una classifica in cui ora comanda il Dortmund con 7 punti (e prossimo ospite a Milano il 28 novembre, prima dell’ultima tappa a Newcastle). Una prova collettiva fatta di gioco e di singoli, con Loftus-Cheek straordinario e Leao finalmente incisivo, bravo a pareggiare il match prima della rete decisiva di Giroud. Un applauso doveroso a Pioli, che ha saputo lavorare tatticamente ma, soprattutto, psicologicamente con i suoi. Da #PioliOut a #PioliIn il passo è breve. E i rossoneri si ritrovano d'incanto, dopo quattro partite consecutive senza vittorie. «Abbiamo fatto quello che dovevamo - racconta Pioli a fine match -, soffrendo insieme e giocando con una grande anima. Serviva uno sforzo eccezionale, i ragazzi lo hanno fatto. Siamo stati squadra, siamo stati Milan. Ho cercato di ricordare loro che nel calcio si vive di momenti, con il Psg serviva grande determinazione. Leao? Questa gara deve insegnargli tanto, questo deve essere il suo standard: può essere un campione,ma dipende da lui.».

Il Milan ritorna all'antico. Un 4-2-3-1 alla Kessie, con Loftus-Cheek vertice alto. Molto larghi Leao e Pulisic, per limitare le scorribande in fascia altrui e dare respiro all'attacco. Luis Enrique replica con un 4-3-3 mobile, in cui Ugarte tampona, Vitinha costruisce e Zaire-Emery è dovunque. Come lo sono i tre là davanti, pressoché immarcabili in velocità, obbligando il Milan a raddoppi costanti. I ritmi sono forsennati da subito, tolgono il fiato anche a chi è seduto sugli spalti. Una non-novità per il Psg, una novità per il Milan, lontanissimo parente di quello molle esibitosi sabato. Nei primi 15' si contano otto tentativi, con tiri sballati (Loftus-Cheek in area), conclusioni centrali (Musah nella stessa zona), uscite decisive: Maignan su Mbappé imbeccato da Dembelé. Prima di questo intervento c'erano già stati due gol, con vantaggio del Psg su angolo: Marquinhos anticipa Tomori in acrobazia e Skriniar scappa a Loftus-Cheek per realizzare di testa sotto la sua vecchia curva dell'Inter. Bravo il Milan a non smarrirsi e a reagire immediatamente, nel segno di Leao. L'accelerazione dalla metà campo non ha freni, Marquinhos è alle spalle, ed è pronta la rovesciata in area, dopo la parata di Donnarumma sulla conclusione di Giroud, cui il portoghese aveva offerto il pallone. Nei minuti che seguono il ritmo cala: il risultato è una sola opportunità dal limite per Dembelé, che centra la traversa, mentre i rossoneri provano a sfruttare gli spazi, senza però inquadrare la porta di Donnarumma. Come accade invece a inizio ripresa, con l’azione che ribalta la serata. Theo indovina la traiettoria giusta dalla fascia per lo stacco sontuoso di Giroud ai danni di Skriniar. L’episodio indirizza lo svolgimento della partita, con il Psg costretto a inseguire e con praterie che si aprono invitanti per i rossoneri. Skriniar ferma con le cattive prima Loftus-Cheek (da cui nasce la punizione di Hernandez che Donnarumma manda in angolo), quindi Leao (guadagnandosi l’ammonizione). Fasi di gioco utili al Milan per tenere lontano un avversario cambiato negli uomini da Luis Enrique, ma meno dinamico rispetto al primo tempo. Mbappé ci prova sul primo palo, Maignan è attento. Rossoneri che difendono con una linea a cinque, dopo l’ingresso di Krunic, mentre l’altro sostituto Okafor costringe Donnarumma a una super parata con un rasoterra a giro. Il Psg ha poche idee, meno spazi e, quando li trova, zero fortuna: una incursione di Lee è respinta dal palo al 44’. Dopo è solo conto alla rovescia per il Meazza rossonero fino al liberatorio fischio finale, quello che apre a un’altra pagina della stagione.

CorSport:
il Milan dei capolavori. Skrianr porta avanti il PSG, poi esce fuori il Diavolo. Rovesciata di Leao e decollo verticale di Giroud. Pioli esce in trionfo. Il MIlan è ancora vivo ed è riuscito a battere il PSG non cambiando la sua anima, quella offensiva e aggressiva nonostante le ultime sbandate. Pioli ha azzeccato tutte le mosse, piazzando Loftus sulla trequarti: travolti gli avversari.
 

Solo

Senior Member
Registrato
30 Agosto 2012
Messaggi
14,260
Reaction score
5,520
I quotidiani in edicola sulla vittoria del Milan col PSG

GDS: Milan, notte da sogno. I rossoneri rinascono con Leao e Giroud. Mbappè annullato. Gara a ritmo altissimo, Pioli dà scacco matto a Luis Enrique a centrocampo. Pazzesco gol del portoghese in rovesciata, il francese brucia Skriniar sul secondo gol. Si è visto il miglior Milan della stagione nella partita più delicata: tutta un’altra squadra rispetto a quella di Parigi. I francesi? Troppo presuntuosi . Ora il Milan ha il destino in pugno: con due vittorie sarebbe sicuro degli ottavi, ma basterebbe anche battere il Borussia alla prossima, se il Psg fa 6 punti. Si vedrà, per ora celebriamo questa impresa. Pioli, fischiato sabato, discusso da settimane, con il ronzio di Ibra nelle orecchie, con la sua canzoncina “on fire” tolta dalla playlist di San Siro, ha risposto azzeccando tutto: modulo (4-2-3-1) e uomini. Mostruosa la prestazione di Loftus- Cheeck, fantasiosa la regia di Reijnders, mai così gattusiano Musah. Poteva vincere solo ottenendo il massimo da ogni individualità. Lo ha fatto, vedi l’ottimo Calabria, mai prigioniero di Mbappè. E poi naturalmente Le-ao, il migliore. Pioli gli chiede da tempo di salire l’ultimo scalino: essere decisivo con continuità, aiutare la squadra anche senza palla. Ieri lo ha fatto. Il Psg è caduto sotto i colpi dei suoi strappi. Ha segnato il primo gol, ha costruito tantissimo, ma ci sono due fotogrammi da evidenziare. Nell’azione del gol di Giroud, c’è stato un cross da destra. Nella stessa occasione a Parigi, era in ritardo di dieci metri. Qui ha aggredito il palo come gli chiede Pioli. Secondo fotogramma: Rafa, con un recupero difensivo, ha messo in angolo in scivolata. Pioli si sarà commosso. Se Leao sarà sempre questo, nei prossimi anni contenderà la scena ai Bellingham e agli Mbappè. Kylian ieri non ha brillato. Come tutto il Psg, calato a Milano sicuro di staccare il pass per gli ottavi. Supponenti. Ai francesi capita spesso.

In aggionramento con tutte le news
Ma hanno vinto? Ieri stavo male e dopo Borussia-Newcastle ho spento tutto e sono andato dritto nel letto, adesso apro lo smartphone per contare le pere e leggo vittoria 2-1 con ROVESCIATA di Leao? :ghign:
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
199,868
Reaction score
25,649
Tuttosport sulla vittoria del Milan col PSG: una rinascita inaspettata, nel giro di un paio di giorni. Sabato sera il Milan usciva dal Meazza tra i fischi dopo il ko con l'Udinese, figlio di una prova inguardabile. Ieri sera la partita da mandare a memoria, quella in cui i rossoneri battono 2-1 il Paris Saint-Germain, una della grandissime d'Europa, trovando i primi gol in Champions League e riaprendo i giochi di una classifica in cui ora comanda il Dortmund con 7 punti (e prossimo ospite a Milano il 28 novembre, prima dell’ultima tappa a Newcastle). Una prova collettiva fatta di gioco e di singoli, con Loftus-Cheek straordinario e Leao finalmente incisivo, bravo a pareggiare il match prima della rete decisiva di Giroud. Un applauso doveroso a Pioli, che ha saputo lavorare tatticamente ma, soprattutto, psicologicamente con i suoi. Da #PioliOut a #PioliIn il passo è breve. E i rossoneri si ritrovano d'incanto, dopo quattro partite consecutive senza vittorie. «Abbiamo fatto quello che dovevamo - racconta Pioli a fine match -, soffrendo insieme e giocando con una grande anima. Serviva uno sforzo eccezionale, i ragazzi lo hanno fatto. Siamo stati squadra, siamo stati Milan. Ho cercato di ricordare loro che nel calcio si vive di momenti, con il Psg serviva grande determinazione. Leao? Questa gara deve insegnargli tanto, questo deve essere il suo standard: può essere un campione,ma dipende da lui.».

Il Milan ritorna all'antico. Un 4-2-3-1 alla Kessie, con Loftus-Cheek vertice alto. Molto larghi Leao e Pulisic, per limitare le scorribande in fascia altrui e dare respiro all'attacco. Luis Enrique replica con un 4-3-3 mobile, in cui Ugarte tampona, Vitinha costruisce e Zaire-Emery è dovunque. Come lo sono i tre là davanti, pressoché immarcabili in velocità, obbligando il Milan a raddoppi costanti. I ritmi sono forsennati da subito, tolgono il fiato anche a chi è seduto sugli spalti. Una non-novità per il Psg, una novità per il Milan, lontanissimo parente di quello molle esibitosi sabato. Nei primi 15' si contano otto tentativi, con tiri sballati (Loftus-Cheek in area), conclusioni centrali (Musah nella stessa zona), uscite decisive: Maignan su Mbappé imbeccato da Dembelé. Prima di questo intervento c'erano già stati due gol, con vantaggio del Psg su angolo: Marquinhos anticipa Tomori in acrobazia e Skriniar scappa a Loftus-Cheek per realizzare di testa sotto la sua vecchia curva dell'Inter. Bravo il Milan a non smarrirsi e a reagire immediatamente, nel segno di Leao. L'accelerazione dalla metà campo non ha freni, Marquinhos è alle spalle, ed è pronta la rovesciata in area, dopo la parata di Donnarumma sulla conclusione di Giroud, cui il portoghese aveva offerto il pallone. Nei minuti che seguono il ritmo cala: il risultato è una sola opportunità dal limite per Dembelé, che centra la traversa, mentre i rossoneri provano a sfruttare gli spazi, senza però inquadrare la porta di Donnarumma. Come accade invece a inizio ripresa, con l’azione che ribalta la serata. Theo indovina la traiettoria giusta dalla fascia per lo stacco sontuoso di Giroud ai danni di Skriniar. L’episodio indirizza lo svolgimento della partita, con il Psg costretto a inseguire e con praterie che si aprono invitanti per i rossoneri. Skriniar ferma con le cattive prima Loftus-Cheek (da cui nasce la punizione di Hernandez che Donnarumma manda in angolo), quindi Leao (guadagnandosi l’ammonizione). Fasi di gioco utili al Milan per tenere lontano un avversario cambiato negli uomini da Luis Enrique, ma meno dinamico rispetto al primo tempo. Mbappé ci prova sul primo palo, Maignan è attento. Rossoneri che difendono con una linea a cinque, dopo l’ingresso di Krunic, mentre l’altro sostituto Okafor costringe Donnarumma a una super parata con un rasoterra a giro. Il Psg ha poche idee, meno spazi e, quando li trova, zero fortuna: una incursione di Lee è respinta dal palo al 44’. Dopo è solo conto alla rovescia per il Meazza rossonero fino al liberatorio fischio finale, quello che apre a un’altra pagina della stagione.
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
199,868
Reaction score
25,649
CorSera: notte da Milan. Mbappè si inchina. Skriniar non spaventa i rossoneri Leao e Giroud ribaltano il Psg
e riaprono il discorso qualificazione Donnarumma fischi e grandi parate. Il Milan risorge. Tre giorni dopo il capitombolo infernale con l’Udinese, ingabbia Mbappé e stende il Psg. Se, come ha detto Pioli, i francesi dovevano essere un bivio, il Diavolo imbocca la strada giusta. La prima vittoria in Champions è un piccolo capolavoro, tattico, tecnico, di personalità. Una partita coraggiosa e bellissima. I rossoneri, nel momento della verità, tirano fuori tutto ciò di cui hanno bisogno: l’anima, la forza, il talento, la personalità. Vanno sotto subito e non si scoraggiano. Le stelle la ribaltano, prima la rovesciata di Leao, sempre dentro il gioco, tanto da mettere in ombra re Kylian e all’inizio del secondo tempo l’incornata di Giroud. Il francese ama Marsiglia e gode il doppio a stroncare Parigi saltando sopra l’ex interista Skriniar, che aveva gelato San Siro dopo 9 minuti. Una notte da ricordare, anche quella di Pioli che non sarà più on fire, ma si gioca questo incrocio da dentro o fuori faccia al vento e senza sbagliare una mossa. Il Milan è una macchina perfetta: da Maignan all’ultimo dei peones, tutti fanno la loro parte. Ora è terzo nel girone, ma in piena corsa per gli ottavi e deve battere, sempre a San Siro, il Borussia Dortmund il 28 novembre, per poi giocarsi la qualificazione a Newcastle.
 
Registrato
8 Ottobre 2018
Messaggi
44,081
Reaction score
14,290
I quotidiani in edicola sulla vittoria del Milan col PSG

GDS: Milan, notte da sogno. I rossoneri rinascono con Leao e Giroud. Mbappè annullato. Gara a ritmo altissimo, Pioli dà scacco matto a Luis Enrique a centrocampo. Pazzesco gol del portoghese in rovesciata, il francese brucia Skriniar sul secondo gol. Si è visto il miglior Milan della stagione nella partita più delicata: tutta un’altra squadra rispetto a quella di Parigi. I francesi? Troppo presuntuosi . Ora il Milan ha il destino in pugno: con due vittorie sarebbe sicuro degli ottavi, ma basterebbe anche battere il Borussia alla prossima, se il Psg fa 6 punti. Si vedrà, per ora celebriamo questa impresa. Pioli, fischiato sabato, discusso da settimane, con il ronzio di Ibra nelle orecchie, con la sua canzoncina “on fire” tolta dalla playlist di San Siro, ha risposto azzeccando tutto: modulo (4-2-3-1) e uomini. Mostruosa la prestazione di Loftus- Cheeck, fantasiosa la regia di Reijnders, mai così gattusiano Musah. Poteva vincere solo ottenendo il massimo da ogni individualità. Lo ha fatto, vedi l’ottimo Calabria, mai prigioniero di Mbappè. E poi naturalmente Le-ao, il migliore. Pioli gli chiede da tempo di salire l’ultimo scalino: essere decisivo con continuità, aiutare la squadra anche senza palla. Ieri lo ha fatto. Il Psg è caduto sotto i colpi dei suoi strappi. Ha segnato il primo gol, ha costruito tantissimo, ma ci sono due fotogrammi da evidenziare. Nell’azione del gol di Giroud, c’è stato un cross da destra. Nella stessa occasione a Parigi, era in ritardo di dieci metri. Qui ha aggredito il palo come gli chiede Pioli. Secondo fotogramma: Rafa, con un recupero difensivo, ha messo in angolo in scivolata. Pioli si sarà commosso. Se Leao sarà sempre questo, nei prossimi anni contenderà la scena ai Bellingham e agli Mbappè. Kylian ieri non ha brillato. Come tutto il Psg, calato a Milano sicuro di staccare il pass per gli ottavi. Supponenti. Ai francesi capita spesso.

CorSera: notte da Milan. Mbappè si inchina. Skriniar non spaventa i rossoneri Leao e Giroud ribaltano il Psg
e riaprono il discorso qualificazione Donnarumma fischi e grandi parate. Il Milan risorge. Tre giorni dopo il capitombolo infernale con l’Udinese, ingabbia Mbappé e stende il Psg. Se, come ha detto Pioli, i francesi dovevano essere un bivio, il Diavolo imbocca la strada giusta. La prima vittoria in Champions è un piccolo capolavoro, tattico, tecnico, di personalità. Una partita coraggiosa e bellissima. I rossoneri, nel momento della verità, tirano fuori tutto ciò di cui hanno bisogno: l’anima, la forza, il talento, la personalità. Vanno sotto subito e non si scoraggiano. Le stelle la ribaltano, prima la rovesciata di Leao, sempre dentro il gioco, tanto da mettere in ombra re Kylian e all’inizio del secondo tempo l’incornata di Giroud. Il francese ama Marsiglia e gode il doppio a stroncare Parigi saltando sopra l’ex interista Skriniar, che aveva gelato San Siro dopo 9 minuti. Una notte da ricordare, anche quella di Pioli che non sarà più on fire, ma si gioca questo incrocio da dentro o fuori faccia al vento e senza sbagliare una mossa. Il Milan è una macchina perfetta: da Maignan all’ultimo dei peones, tutti fanno la loro parte. Ora è terzo nel girone, ma in piena corsa per gli ottavi e deve battere, sempre a San Siro, il Borussia Dortmund il 28 novembre, per poi giocarsi la qualificazione a Newcastle.


Tuttosport sulla vittoria del Milan col PSG: una rinascita inaspettata, nel giro di un paio di giorni. Sabato sera il Milan usciva dal Meazza tra i fischi dopo il ko con l'Udinese, figlio di una prova inguardabile. Ieri sera la partita da mandare a memoria, quella in cui i rossoneri battono 2-1 il Paris Saint-Germain, una della grandissime d'Europa, trovando i primi gol in Champions League e riaprendo i giochi di una classifica in cui ora comanda il Dortmund con 7 punti (e prossimo ospite a Milano il 28 novembre, prima dell’ultima tappa a Newcastle). Una prova collettiva fatta di gioco e di singoli, con Loftus-Cheek straordinario e Leao finalmente incisivo, bravo a pareggiare il match prima della rete decisiva di Giroud. Un applauso doveroso a Pioli, che ha saputo lavorare tatticamente ma, soprattutto, psicologicamente con i suoi. Da #PioliOut a #PioliIn il passo è breve. E i rossoneri si ritrovano d'incanto, dopo quattro partite consecutive senza vittorie. «Abbiamo fatto quello che dovevamo - racconta Pioli a fine match -, soffrendo insieme e giocando con una grande anima. Serviva uno sforzo eccezionale, i ragazzi lo hanno fatto. Siamo stati squadra, siamo stati Milan. Ho cercato di ricordare loro che nel calcio si vive di momenti, con il Psg serviva grande determinazione. Leao? Questa gara deve insegnargli tanto, questo deve essere il suo standard: può essere un campione,ma dipende da lui.».

Il Milan ritorna all'antico. Un 4-2-3-1 alla Kessie, con Loftus-Cheek vertice alto. Molto larghi Leao e Pulisic, per limitare le scorribande in fascia altrui e dare respiro all'attacco. Luis Enrique replica con un 4-3-3 mobile, in cui Ugarte tampona, Vitinha costruisce e Zaire-Emery è dovunque. Come lo sono i tre là davanti, pressoché immarcabili in velocità, obbligando il Milan a raddoppi costanti. I ritmi sono forsennati da subito, tolgono il fiato anche a chi è seduto sugli spalti. Una non-novità per il Psg, una novità per il Milan, lontanissimo parente di quello molle esibitosi sabato. Nei primi 15' si contano otto tentativi, con tiri sballati (Loftus-Cheek in area), conclusioni centrali (Musah nella stessa zona), uscite decisive: Maignan su Mbappé imbeccato da Dembelé. Prima di questo intervento c'erano già stati due gol, con vantaggio del Psg su angolo: Marquinhos anticipa Tomori in acrobazia e Skriniar scappa a Loftus-Cheek per realizzare di testa sotto la sua vecchia curva dell'Inter. Bravo il Milan a non smarrirsi e a reagire immediatamente, nel segno di Leao. L'accelerazione dalla metà campo non ha freni, Marquinhos è alle spalle, ed è pronta la rovesciata in area, dopo la parata di Donnarumma sulla conclusione di Giroud, cui il portoghese aveva offerto il pallone. Nei minuti che seguono il ritmo cala: il risultato è una sola opportunità dal limite per Dembelé, che centra la traversa, mentre i rossoneri provano a sfruttare gli spazi, senza però inquadrare la porta di Donnarumma. Come accade invece a inizio ripresa, con l’azione che ribalta la serata. Theo indovina la traiettoria giusta dalla fascia per lo stacco sontuoso di Giroud ai danni di Skriniar. L’episodio indirizza lo svolgimento della partita, con il Psg costretto a inseguire e con praterie che si aprono invitanti per i rossoneri. Skriniar ferma con le cattive prima Loftus-Cheek (da cui nasce la punizione di Hernandez che Donnarumma manda in angolo), quindi Leao (guadagnandosi l’ammonizione). Fasi di gioco utili al Milan per tenere lontano un avversario cambiato negli uomini da Luis Enrique, ma meno dinamico rispetto al primo tempo. Mbappé ci prova sul primo palo, Maignan è attento. Rossoneri che difendono con una linea a cinque, dopo l’ingresso di Krunic, mentre l’altro sostituto Okafor costringe Donnarumma a una super parata con un rasoterra a giro. Il Psg ha poche idee, meno spazi e, quando li trova, zero fortuna: una incursione di Lee è respinta dal palo al 44’. Dopo è solo conto alla rovescia per il Meazza rossonero fino al liberatorio fischio finale, quello che apre a un’altra pagina della stagione.

In aggionramento con tutte le news
mamma mia quante stupidate.
ok ora siamo prontipervincere la CL a quanto pare.

pioli indovina tutto..... no. pioli ha sbagliato anche ieri.
per puro caso ha capito con 3 mesi diritardo quali sono quelli da mettere a centrocampo.
tra 2 anni capirà tutto il resto forse.
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
199,868
Reaction score
25,649
CorSport: il Milan dei capolavori. Skrianr porta avanti il PSG, poi esce fuori il Diavolo. Rovesciata di Leao e decollo verticale di Giroud. Pioli esce in trionfo. Il MIlan è ancora vivo ed è riuscito a battere il PSG non cambiando la sua anima, quella offensiva e aggressiva nonostante le ultime sbandate. Pioli ha azzeccato tutte le mosse, piazzando Loftus sulla trequarti: travolti gli avversari.
 

jumpy65

Junior Member
Registrato
27 Settembre 2014
Messaggi
3,269
Reaction score
1,062
Il giornalismo sportivo e anche le tifoserie sono fatte di esagerazioni. Dopo una partita oggettivamente inguardabile è tutto da buttare allenatore incapace campagna acquisti sbagliata giocatori inadatti, ora dopo una buona partita tutto bello tutto perfetto. Ieri è stata una buona partita ben giocata e ben lontana dall'essere stata perfetta, con parecchie occasioni sprecate da entrambe le parti. È finita così e siamo tutti felici, almeno spero.
 

Zenos

Senior Member
Registrato
30 Agosto 2012
Messaggi
22,123
Reaction score
10,216
Ma hanno vinto? Ieri stavo male e dopo Borussia-Newcastle ho spento tutto e sono andato dritto nel letto, adesso apro lo smartphone per contare le pere e leggo vittoria 2-1 con ROVESCIATA di Leao? :ghign:
Serata magica, come le notti di Champions con MVB e Pippo. Il tutto contornato dai cori degli 80mila per 98 min a Zizzo.
Ancora mi risuona nelle orecchie... DONNARUMMA FIGLIO DI PUTT NA...
 

Similar threads

Alto
head>