Edicola: crollo Milan: Ora serve miracolo.

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
199,719
Reaction score
25,589
I quotidiani in edicola sul crollo del Milan contro il BVB

In aggiornamento

GDS: il Milan crolla col Dortmund. Giroud sbaglia un rigore. Ora può non bastare vincere col Newcastle. Pioli in difficoltà. Stavolta tradito anche dai big. E c'è l'ennesimo infortunio muscolare: quello di Thiaw. Il muro giallo del pianto. Il Milan viene travolto dal Borussia Dortmund (3-1) e resta appeso alla Champions con un filo di seta. Un filo beffardo, perché i rossoneri ora dipendono dai loro carnefici. Battere il Newcastle in casa loro, all’ultimo turno, non basterà. Ci vorrà la vittoria contemporanea dei tedeschi, già qualificati, contro il Psg. Siamo alle soglie del sogno. Il Milan ha dato tutto quello che aveva, ha lottato contro i propri limiti non meno che contro il Borussia. Ha giocato una partita seria, ha dato anche la sensazione di potercela fare, ma poi è crollato nella ripresa. Purtroppo, è una costante della stagione, così come gli infortuni. Ieri, nella ripresa, è saltato Thiaw e Pioli ha dovuto sostituirlo con Krunic, perché ha quasi tutta la difesa in infermeria. Il tecnico anche ieri aveva una panchina striminzita, si è limitato a tre sostituzioni e una di queste è stata il ragazzino Chaka Traore, debuttante assoluto. E’ chiaro che in un tale contesto sofferto, con il giocatore migliore in tribuna (Leao), se tradiscono anche i totem, si fa notte fonda. Ancora una volta deludente Theo Hernandez. Stavolta non ha risposto Giroud: al 6’ ha sbagliato un rigore che avrebbe po- tuto incendiare la notte. Loftus- Cheek, travolgente contro il Psg non si è ripetuto. Il migliore è stato Chukwueze, che ha firmato il pareggio della speranza, dopo il vantaggio di Reus. Uscire prima degli ottavi di finale costringerebbe naturalmente la proprietà a riconsiderare il progetto tecnico e i piani di volo. Chi getta la croce sulle sole spalle di Pioli, che ha le sue responsabilità, certo, consideri un paio di aspetti. Infortuni: giocatori come Loftus-Cheek e Pulisic ne hanno parecchi alle spalle e, se non li avessero avuti, questo Milan non sarebbe riuscito ad acquistarli. Mercato: è stato imperfetto, dal mancato, autorevole, vice-Giroud, al vice-Theo che non c’è. Senza rotazioni, ti infortuni di più. E comunque, in quei 100 milioni in cassa, c’entrano anche i meriti dell’allenatore.

CorSera: Milan spalle al muro: Il Milan è quasi fuori dalla Champions League. La qualificazione agli ottavi di finale, dopo il 3-1 rimediato dal Borussia dentro San Siro, è appesa a un filo sottilissimo. La sballottata squadra di Pioli non è più padrona del proprio destino e per riportarlo dalla sua parte dovrà vincere l’ultima partita a Newcastle e sperare che i tedeschi di Dort- mund, già promossi, riescano a piegare in casa il Paris Saint Germain. Un girone della morte con esito inaspettato: mai arrendersi, ma l’ultima esibizione a San Siro, quella che doveva trasformarsi nella partita della svolta, è un colpo al cuore. Una notte stregata, cominciata con il rigore sbagliato da Giroud e chiusa dall’uno-due giallonero nella ripresa. La prima rete milanista di Chukwueze, quella del provvisorio pareggio nel primo tempo, dopo il rigore di Reus, è un’illusione cocente e dolorosa. Nella ripresa la resa è netta. Solo un sussulto all’inizio. Il Milan perde in fretta la bussola, si disunisce e si squaglia. Punito dai gol dell’imprendibile Bynoe-Gittens e Adeyemi, anche dalle incertezze di Maignan che era stato decisivo con la Fiorentina, ma stavolta invece lascia a desiderare. Manca l’identità. Il Diavolo conferma le fragilità messe in mostra già con i viola. Una squadra che non graffia e si allunga, concedendo troppo. L’ultimo colpo della sorte è il pari arraffato dai francesi contro il Newcastle, così la classifica è ancora più buia.

CorSport: Milan ad un passo dall'inferno. Il BVB strappa il pass per gli ottavi. Il Milan invece è praticamente fuori da tutto. Solo l'aritmetica concede ai rossoneri una combinazione più unica che rara. Una vittoria a Newcastle e il PSG KO. Oltre all'assenza di Leao, sono mancate lucidità e cattiveria. E pure ordine tattico. Il rigore sbagliato da Giroud avrebbe potuto cambiare subito la gara.


Il Giornale: sprofondo Milan. E' quasi Euro addio. Giroud sbaglia il rigore, poi il crollo. Il pari del PSG lascia una piccola speranza. Ora i rossoneri devono battere il Newcastle e i francesi perdere col BVB. Ora qualche ora di riflessione sulla panchina di Pioli. Il momento no del Milan ha una sola causa: i tanti, troppi, infortuni.

Pioli appeso ad un filo. Rischio esonero QUI -) Pioli appeso a un filo. Ora rischia l'esonero.

Le pagelle dei quotidiani in edicola QUI -) Pagelle quotidiani Milan - BVB 1-3. 28 novembre 2023.

Calabria disastro. Theo in affanno QUI -) Calabria disastro. Theo in affanno. Senatori tradiscono.

Kjaer o Krunic col Frosinone QUI -) Milan: Kjaer o Krunic col Frosinone.
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
199,719
Reaction score
25,589
I quotidiani in edicola sul crollo del Milan contro il BVB

In aggiornamento

GDS: il Milan crolla col Dortmund. Giroud sbaglia un rigore. Ora può non bastare vincere col Newcastle. Pioli in difficoltà. Stavolta tradito anche dai big. E c'è l'ennesimo infortunio muscolare: quello di Thiaw. Il muro giallo del pianto. Il Milan viene travolto dal Borussia Dortmund (3-1) e resta appeso alla Champions con un filo di seta. Un filo beffardo, perché i rossoneri ora dipendono dai loro carnefici. Battere il Newcastle in casa loro, all’ultimo turno, non basterà. Ci vorrà la vittoria contemporanea dei tedeschi, già qualificati, contro il Psg. Siamo alle soglie del sogno. Il Milan ha dato tutto quello che aveva, ha lottato contro i propri limiti non meno che contro il Borussia. Ha giocato una partita seria, ha dato anche la sensazione di potercela fare, ma poi è crollato nella ripresa. Purtroppo, è una costante della stagione, così come gli infortuni. Ieri, nella ripresa, è saltato Thiaw e Pioli ha dovuto sostituirlo con Krunic, perché ha quasi tutta la difesa in infermeria. Il tecnico anche ieri aveva una panchina striminzita, si è limitato a tre sostituzioni e una di queste è stata il ragazzino Chaka Traore, debuttante assoluto. E’ chiaro che in un tale contesto sofferto, con il giocatore migliore in tribuna (Leao), se tradiscono anche i totem, si fa notte fonda. Ancora una volta deludente Theo Hernandez. Stavolta non ha risposto Giroud: al 6’ ha sbagliato un rigore che avrebbe po- tuto incendiare la notte. Loftus- Cheek, travolgente contro il Psg non si è ripetuto. Il migliore è stato Chukwueze, che ha firmato il pareggio della speranza, dopo il vantaggio di Reus. Uscire prima degli ottavi di finale costringerebbe naturalmente la proprietà a riconsiderare il progetto tecnico e i piani di volo. Chi getta la croce sulle sole spalle di Pioli, che ha le sue responsabilità, certo, consideri un paio di aspetti. Infortuni: giocatori come Loftus-Cheek e Pulisic ne hanno parecchi alle spalle e, se non li avessero avuti, questo Milan non sarebbe riuscito ad acquistarli. Mercato: è stato imperfetto, dal mancato, autorevole, vice-Giroud, al vice-Theo che non c’è. Senza rotazioni, ti infortuni di più. E comunque, in quei 100 milioni in cassa, c’entrano anche i meriti dell’allenatore.
.
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
199,719
Reaction score
25,589
I quotidiani in edicola sul crollo del Milan contro il BVB

In aggiornamento

GDS: il Milan crolla col Dortmund. Giroud sbaglia un rigore. Ora può non bastare vincere col Newcastle. Pioli in difficoltà. Stavolta tradito anche dai big. E c'è l'ennesimo infortunio muscolare: quello di Thiaw. Il muro giallo del pianto. Il Milan viene travolto dal Borussia Dortmund (3-1) e resta appeso alla Champions con un filo di seta. Un filo beffardo, perché i rossoneri ora dipendono dai loro carnefici. Battere il Newcastle in casa loro, all’ultimo turno, non basterà. Ci vorrà la vittoria contemporanea dei tedeschi, già qualificati, contro il Psg. Siamo alle soglie del sogno. Il Milan ha dato tutto quello che aveva, ha lottato contro i propri limiti non meno che contro il Borussia. Ha giocato una partita seria, ha dato anche la sensazione di potercela fare, ma poi è crollato nella ripresa. Purtroppo, è una costante della stagione, così come gli infortuni. Ieri, nella ripresa, è saltato Thiaw e Pioli ha dovuto sostituirlo con Krunic, perché ha quasi tutta la difesa in infermeria. Il tecnico anche ieri aveva una panchina striminzita, si è limitato a tre sostituzioni e una di queste è stata il ragazzino Chaka Traore, debuttante assoluto. E’ chiaro che in un tale contesto sofferto, con il giocatore migliore in tribuna (Leao), se tradiscono anche i totem, si fa notte fonda. Ancora una volta deludente Theo Hernandez. Stavolta non ha risposto Giroud: al 6’ ha sbagliato un rigore che avrebbe po- tuto incendiare la notte. Loftus- Cheek, travolgente contro il Psg non si è ripetuto. Il migliore è stato Chukwueze, che ha firmato il pareggio della speranza, dopo il vantaggio di Reus. Uscire prima degli ottavi di finale costringerebbe naturalmente la proprietà a riconsiderare il progetto tecnico e i piani di volo. Chi getta la croce sulle sole spalle di Pioli, che ha le sue responsabilità, certo, consideri un paio di aspetti. Infortuni: giocatori come Loftus-Cheek e Pulisic ne hanno parecchi alle spalle e, se non li avessero avuti, questo Milan non sarebbe riuscito ad acquistarli. Mercato: è stato imperfetto, dal mancato, autorevole, vice-Giroud, al vice-Theo che non c’è. Senza rotazioni, ti infortuni di più. E comunque, in quei 100 milioni in cassa, c’entrano anche i meriti dell’allenatore.
.
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
199,719
Reaction score
25,589
CorSera: Milan spalle al muro: Il Milan è quasi fuori dalla Champions League. La qualificazione agli ottavi di finale, dopo il 3-1 rimediato dal Borussia dentro San Siro, è appesa a un filo sottilissimo. La sballottata squadra di Pioli non è più padrona del proprio destino e per riportarlo dalla sua parte dovrà vincere l’ultima partita a Newcastle e sperare che i tedeschi di Dortmund, già promossi, riescano a piegare in casa il Paris Saint Germain. Un girone della morte con esito inaspettato: mai arrendersi, ma l’ultima esibizione a San Siro, quella che doveva trasformarsi nella partita della svolta, è un colpo al cuore. Una notte stregata, cominciata con il rigore sbagliato da Giroud e chiusa dall’uno-due giallonero nella ripresa. La prima rete milanista di Chukwueze, quella del provvisorio pareggio nel primo tempo, dopo il rigore di Reus, è un’illusione cocente e dolorosa. Nella ripresa la resa è netta. Solo un sussulto all’inizio. Il Milan perde in fretta la bussola, si disunisce e si squaglia. Punito dai gol dell’imprendibile Bynoe-Gittens e Adeyemi, anche dalle incertezze di Maignan che era stato decisivo con la Fiorentina, ma stavolta invece lascia a desiderare. Manca l’identità. Il Diavolo conferma le fragilità messe in mostra già con i viola. Una squadra che non graffia e si allunga, concedendo troppo. L’ultimo colpo della sorte è il pari arraffato dai francesi contro il Newcastle, così la classifica è ancora più buia.

 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
199,719
Reaction score
25,589
CorSport: Milan ad un passo dall'inferno. Il BVB strappa il pass per gli ottavi. Il Milan invece è praticamente fuori da tutto. Solo l'aritmetica concede ai rossoneri una combinazione più unica che rara. Una vittoria a Newcastle e il PSG KO. Oltre all'assenza di Leao, sono mancate lucidità e cattiveria. E pure ordine tattico. Il rigore sbagliato da Giroud avrebbe potuto cambiare subito la gara.
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
199,719
Reaction score
25,589
I quotidiani in edicola sul crollo del Milan contro il BVB

In aggiornamento

GDS: il Milan crolla col Dortmund. Giroud sbaglia un rigore. Ora può non bastare vincere col Newcastle. Pioli in difficoltà. Stavolta tradito anche dai big. E c'è l'ennesimo infortunio muscolare: quello di Thiaw. Il muro giallo del pianto. Il Milan viene travolto dal Borussia Dortmund (3-1) e resta appeso alla Champions con un filo di seta. Un filo beffardo, perché i rossoneri ora dipendono dai loro carnefici. Battere il Newcastle in casa loro, all’ultimo turno, non basterà. Ci vorrà la vittoria contemporanea dei tedeschi, già qualificati, contro il Psg. Siamo alle soglie del sogno. Il Milan ha dato tutto quello che aveva, ha lottato contro i propri limiti non meno che contro il Borussia. Ha giocato una partita seria, ha dato anche la sensazione di potercela fare, ma poi è crollato nella ripresa. Purtroppo, è una costante della stagione, così come gli infortuni. Ieri, nella ripresa, è saltato Thiaw e Pioli ha dovuto sostituirlo con Krunic, perché ha quasi tutta la difesa in infermeria. Il tecnico anche ieri aveva una panchina striminzita, si è limitato a tre sostituzioni e una di queste è stata il ragazzino Chaka Traore, debuttante assoluto. E’ chiaro che in un tale contesto sofferto, con il giocatore migliore in tribuna (Leao), se tradiscono anche i totem, si fa notte fonda. Ancora una volta deludente Theo Hernandez. Stavolta non ha risposto Giroud: al 6’ ha sbagliato un rigore che avrebbe po- tuto incendiare la notte. Loftus- Cheek, travolgente contro il Psg non si è ripetuto. Il migliore è stato Chukwueze, che ha firmato il pareggio della speranza, dopo il vantaggio di Reus. Uscire prima degli ottavi di finale costringerebbe naturalmente la proprietà a riconsiderare il progetto tecnico e i piani di volo. Chi getta la croce sulle sole spalle di Pioli, che ha le sue responsabilità, certo, consideri un paio di aspetti. Infortuni: giocatori come Loftus-Cheek e Pulisic ne hanno parecchi alle spalle e, se non li avessero avuti, questo Milan non sarebbe riuscito ad acquistarli. Mercato: è stato imperfetto, dal mancato, autorevole, vice-Giroud, al vice-Theo che non c’è. Senza rotazioni, ti infortuni di più. E comunque, in quei 100 milioni in cassa, c’entrano anche i meriti dell’allenatore.

CorSera: Milan spalle al muro: Il Milan è quasi fuori dalla Champions League. La qualificazione agli ottavi di finale, dopo il 3-1 rimediato dal Borussia dentro San Siro, è appesa a un filo sottilissimo. La sballottata squadra di Pioli non è più padrona del proprio destino e per riportarlo dalla sua parte dovrà vincere l’ultima partita a Newcastle e sperare che i tedeschi di Dort- mund, già promossi, riescano a piegare in casa il Paris Saint Germain. Un girone della morte con esito inaspettato: mai arrendersi, ma l’ultima esibizione a San Siro, quella che doveva trasformarsi nella partita della svolta, è un colpo al cuore. Una notte stregata, cominciata con il rigore sbagliato da Giroud e chiusa dall’uno-due giallonero nella ripresa. La prima rete milanista di Chukwueze, quella del provvisorio pareggio nel primo tempo, dopo il rigore di Reus, è un’illusione cocente e dolorosa. Nella ripresa la resa è netta. Solo un sussulto all’inizio. Il Milan perde in fretta la bussola, si disunisce e si squaglia. Punito dai gol dell’imprendibile Bynoe-Gittens e Adeyemi, anche dalle incertezze di Maignan che era stato decisivo con la Fiorentina, ma stavolta invece lascia a desiderare. Manca l’identità. Il Diavolo conferma le fragilità messe in mostra già con i viola. Una squadra che non graffia e si allunga, concedendo troppo. L’ultimo colpo della sorte è il pari arraffato dai francesi contro il Newcastle, così la classifica è ancora più buia.

CorSport: Milan ad un passo dall'inferno. Il BVB strappa il pass per gli ottavi. Il Milan invece è praticamente fuori da tutto. Solo l'aritmetica concede ai rossoneri una combinazione più unica che rara. Una vittoria a Newcastle e il PSG KO. Oltre all'assenza di Leao, sono mancate lucidità e cattiveria. E pure ordine tattico. Il rigore sbagliato da Giroud avrebbe potuto cambiare subito la gara.
.
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
199,719
Reaction score
25,589
I quotidiani in edicola sul crollo del Milan contro il BVB

In aggiornamento

GDS: il Milan crolla col Dortmund. Giroud sbaglia un rigore. Ora può non bastare vincere col Newcastle. Pioli in difficoltà. Stavolta tradito anche dai big. E c'è l'ennesimo infortunio muscolare: quello di Thiaw. Il muro giallo del pianto. Il Milan viene travolto dal Borussia Dortmund (3-1) e resta appeso alla Champions con un filo di seta. Un filo beffardo, perché i rossoneri ora dipendono dai loro carnefici. Battere il Newcastle in casa loro, all’ultimo turno, non basterà. Ci vorrà la vittoria contemporanea dei tedeschi, già qualificati, contro il Psg. Siamo alle soglie del sogno. Il Milan ha dato tutto quello che aveva, ha lottato contro i propri limiti non meno che contro il Borussia. Ha giocato una partita seria, ha dato anche la sensazione di potercela fare, ma poi è crollato nella ripresa. Purtroppo, è una costante della stagione, così come gli infortuni. Ieri, nella ripresa, è saltato Thiaw e Pioli ha dovuto sostituirlo con Krunic, perché ha quasi tutta la difesa in infermeria. Il tecnico anche ieri aveva una panchina striminzita, si è limitato a tre sostituzioni e una di queste è stata il ragazzino Chaka Traore, debuttante assoluto. E’ chiaro che in un tale contesto sofferto, con il giocatore migliore in tribuna (Leao), se tradiscono anche i totem, si fa notte fonda. Ancora una volta deludente Theo Hernandez. Stavolta non ha risposto Giroud: al 6’ ha sbagliato un rigore che avrebbe po- tuto incendiare la notte. Loftus- Cheek, travolgente contro il Psg non si è ripetuto. Il migliore è stato Chukwueze, che ha firmato il pareggio della speranza, dopo il vantaggio di Reus. Uscire prima degli ottavi di finale costringerebbe naturalmente la proprietà a riconsiderare il progetto tecnico e i piani di volo. Chi getta la croce sulle sole spalle di Pioli, che ha le sue responsabilità, certo, consideri un paio di aspetti. Infortuni: giocatori come Loftus-Cheek e Pulisic ne hanno parecchi alle spalle e, se non li avessero avuti, questo Milan non sarebbe riuscito ad acquistarli. Mercato: è stato imperfetto, dal mancato, autorevole, vice-Giroud, al vice-Theo che non c’è. Senza rotazioni, ti infortuni di più. E comunque, in quei 100 milioni in cassa, c’entrano anche i meriti dell’allenatore.

CorSera: Milan spalle al muro: Il Milan è quasi fuori dalla Champions League. La qualificazione agli ottavi di finale, dopo il 3-1 rimediato dal Borussia dentro San Siro, è appesa a un filo sottilissimo. La sballottata squadra di Pioli non è più padrona del proprio destino e per riportarlo dalla sua parte dovrà vincere l’ultima partita a Newcastle e sperare che i tedeschi di Dort- mund, già promossi, riescano a piegare in casa il Paris Saint Germain. Un girone della morte con esito inaspettato: mai arrendersi, ma l’ultima esibizione a San Siro, quella che doveva trasformarsi nella partita della svolta, è un colpo al cuore. Una notte stregata, cominciata con il rigore sbagliato da Giroud e chiusa dall’uno-due giallonero nella ripresa. La prima rete milanista di Chukwueze, quella del provvisorio pareggio nel primo tempo, dopo il rigore di Reus, è un’illusione cocente e dolorosa. Nella ripresa la resa è netta. Solo un sussulto all’inizio. Il Milan perde in fretta la bussola, si disunisce e si squaglia. Punito dai gol dell’imprendibile Bynoe-Gittens e Adeyemi, anche dalle incertezze di Maignan che era stato decisivo con la Fiorentina, ma stavolta invece lascia a desiderare. Manca l’identità. Il Diavolo conferma le fragilità messe in mostra già con i viola. Una squadra che non graffia e si allunga, concedendo troppo. L’ultimo colpo della sorte è il pari arraffato dai francesi contro il Newcastle, così la classifica è ancora più buia.

CorSport: Milan ad un passo dall'inferno. Il BVB strappa il pass per gli ottavi. Il Milan invece è praticamente fuori da tutto. Solo l'aritmetica concede ai rossoneri una combinazione più unica che rara. Una vittoria a Newcastle e il PSG KO. Oltre all'assenza di Leao, sono mancate lucidità e cattiveria. E pure ordine tattico. Il rigore sbagliato da Giroud avrebbe potuto cambiare subito la gara.


Pioli appeso ad un filo. Rischio esonero QUI -) Pioli appeso a un filo. Ora rischia l'esonero.

Le pagelle dei quotidiani in edicola QUI -) Pagelle quotidiani Milan - BVB 1-3. 28 novembre 2023.

Calabria disastro. Theo in affanno QUI -) Calabria disastro. Theo in affanno. Senatori tradiscono.

Kjaer o Krunic col Frosinone QUI -) Milan: Kjaer o Krunic col Frosinone.
.
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
199,719
Reaction score
25,589
Il Giornale: sprofondo Milan. E' quasi Euro addio. Giroud sbaglia il rigore, poi il crollo. Il pari del PSG lascia una piccola speranza. Ora i rossoneri devono battere il Newcastle e i francesi perdere col BVB. Ora qualche ora di riflessione sulla panchina di Pioli. Il momento no del Milan ha una sola causa: i tanti, troppi, infortuni.
 

Gunnar67

Member
Registrato
31 Ottobre 2017
Messaggi
2,753
Reaction score
755
1) Si sapeva che con questo girone sarebbe stata durissima 2) Senza Leao a certi livelli meglio non presentarsi
Ciò detto Pioli e il suo staff sono un disastro. Maldini lo aveva capito ed è stato cacciato via: dovrebbero chiedergli scusa.
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
199,719
Reaction score
25,589
I quotidiani in edicola sul crollo del Milan contro il BVB

In aggiornamento

GDS: il Milan crolla col Dortmund. Giroud sbaglia un rigore. Ora può non bastare vincere col Newcastle. Pioli in difficoltà. Stavolta tradito anche dai big. E c'è l'ennesimo infortunio muscolare: quello di Thiaw. Il muro giallo del pianto. Il Milan viene travolto dal Borussia Dortmund (3-1) e resta appeso alla Champions con un filo di seta. Un filo beffardo, perché i rossoneri ora dipendono dai loro carnefici. Battere il Newcastle in casa loro, all’ultimo turno, non basterà. Ci vorrà la vittoria contemporanea dei tedeschi, già qualificati, contro il Psg. Siamo alle soglie del sogno. Il Milan ha dato tutto quello che aveva, ha lottato contro i propri limiti non meno che contro il Borussia. Ha giocato una partita seria, ha dato anche la sensazione di potercela fare, ma poi è crollato nella ripresa. Purtroppo, è una costante della stagione, così come gli infortuni. Ieri, nella ripresa, è saltato Thiaw e Pioli ha dovuto sostituirlo con Krunic, perché ha quasi tutta la difesa in infermeria. Il tecnico anche ieri aveva una panchina striminzita, si è limitato a tre sostituzioni e una di queste è stata il ragazzino Chaka Traore, debuttante assoluto. E’ chiaro che in un tale contesto sofferto, con il giocatore migliore in tribuna (Leao), se tradiscono anche i totem, si fa notte fonda. Ancora una volta deludente Theo Hernandez. Stavolta non ha risposto Giroud: al 6’ ha sbagliato un rigore che avrebbe po- tuto incendiare la notte. Loftus- Cheek, travolgente contro il Psg non si è ripetuto. Il migliore è stato Chukwueze, che ha firmato il pareggio della speranza, dopo il vantaggio di Reus. Uscire prima degli ottavi di finale costringerebbe naturalmente la proprietà a riconsiderare il progetto tecnico e i piani di volo. Chi getta la croce sulle sole spalle di Pioli, che ha le sue responsabilità, certo, consideri un paio di aspetti. Infortuni: giocatori come Loftus-Cheek e Pulisic ne hanno parecchi alle spalle e, se non li avessero avuti, questo Milan non sarebbe riuscito ad acquistarli. Mercato: è stato imperfetto, dal mancato, autorevole, vice-Giroud, al vice-Theo che non c’è. Senza rotazioni, ti infortuni di più. E comunque, in quei 100 milioni in cassa, c’entrano anche i meriti dell’allenatore.

CorSera: Milan spalle al muro: Il Milan è quasi fuori dalla Champions League. La qualificazione agli ottavi di finale, dopo il 3-1 rimediato dal Borussia dentro San Siro, è appesa a un filo sottilissimo. La sballottata squadra di Pioli non è più padrona del proprio destino e per riportarlo dalla sua parte dovrà vincere l’ultima partita a Newcastle e sperare che i tedeschi di Dort- mund, già promossi, riescano a piegare in casa il Paris Saint Germain. Un girone della morte con esito inaspettato: mai arrendersi, ma l’ultima esibizione a San Siro, quella che doveva trasformarsi nella partita della svolta, è un colpo al cuore. Una notte stregata, cominciata con il rigore sbagliato da Giroud e chiusa dall’uno-due giallonero nella ripresa. La prima rete milanista di Chukwueze, quella del provvisorio pareggio nel primo tempo, dopo il rigore di Reus, è un’illusione cocente e dolorosa. Nella ripresa la resa è netta. Solo un sussulto all’inizio. Il Milan perde in fretta la bussola, si disunisce e si squaglia. Punito dai gol dell’imprendibile Bynoe-Gittens e Adeyemi, anche dalle incertezze di Maignan che era stato decisivo con la Fiorentina, ma stavolta invece lascia a desiderare. Manca l’identità. Il Diavolo conferma le fragilità messe in mostra già con i viola. Una squadra che non graffia e si allunga, concedendo troppo. L’ultimo colpo della sorte è il pari arraffato dai francesi contro il Newcastle, così la classifica è ancora più buia.

CorSport: Milan ad un passo dall'inferno. Il BVB strappa il pass per gli ottavi. Il Milan invece è praticamente fuori da tutto. Solo l'aritmetica concede ai rossoneri una combinazione più unica che rara. Una vittoria a Newcastle e il PSG KO. Oltre all'assenza di Leao, sono mancate lucidità e cattiveria. E pure ordine tattico. Il rigore sbagliato da Giroud avrebbe potuto cambiare subito la gara.


Il Giornale: sprofondo Milan. E' quasi Euro addio. Giroud sbaglia il rigore, poi il crollo. Il pari del PSG lascia una piccola speranza. Ora i rossoneri devono battere il Newcastle e i francesi perdere col BVB. Ora qualche ora di riflessione sulla panchina di Pioli. Il momento no del Milan ha una sola causa: i tanti, troppi, infortuni.

Pioli appeso ad un filo. Rischio esonero QUI -) Pioli appeso a un filo. Ora rischia l'esonero.

Le pagelle dei quotidiani in edicola QUI -) Pagelle quotidiani Milan - BVB 1-3. 28 novembre 2023.

Calabria disastro. Theo in affanno QUI -) Calabria disastro. Theo in affanno. Senatori tradiscono.

Kjaer o Krunic col Frosinone QUI -) Milan: Kjaer o Krunic col Frosinone.
.
 

Similar threads

Alto
head>