Di Bello out un mese. Lotito voleva ripetere match. Ora vie legali.

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
203,644
Reaction score
27,123
La GDS in edicola conferma le news che abbiamo riportato ieri sullo stop a Di Bello e aggiunge:

L'arbitro internazionale Marco Di Bello sarà sospeso per un almeno un mese (ma potrebbe saltare 4-5 partite per poi ripartire dalla B) dalla CAN A e B a causa della sua gestione della partita Lazio-Milan, in cui ha preso decisioni controverse che hanno scatenato le proteste della Lazio.

Di Bello era già stato fermato per 36 giorni dopo la partita Juventus-Bologna, in cui non aveva assegnato un rigore solare a favore del Bologna.

La Lazio sta valutando la possibilità di adire alle vie legali per contestare la decisione della CAN A e B, ritenendo che l'arbitraggio di Di Bello sia stato disastroso e abbia danneggiato la squadra.

Il presidente della Lazio, Claudio Lotito, ha annunciato che si farà valere nelle sedi preposte e ha sottolineato la mancanza di affidabilità del sistema arbitrale.

La sospensione di Di Bello si aggiunge a quelle di altri arbitri, come Fourneau, Pezzuto e Nasca, che sono stati fermati per errori gravi nelle ultime settimane.

Repubblica: Claudio Lotito, presidente della Lazio, ha espresso la sua insoddisfazione per la direzione di gara e gli errori arbitrali subiti dalla sua squadra, ma ha anche colto l'occasione per parlare di politica sportiva e criticare il presidente della Figc Gabriele Gravina. Lotito è convinto che l'arbitraggio sia la conseguenza della battaglia politica contro la Federcalcio e sta pensando a presentare un esposto in procura, simile a quello che diede origine a Calciopoli, per dimostrare la sua tesi. L'obiettivo di Lotito è quello di chiedere alla Corte di giustizia europea un pronunciamento sulla possibile scissione della Serie A in stile Superlega, anche se sa che questa strada è impraticabile per i club indebitati e divisi. Tuttavia, sarebbe uno strumento di pressione politica contro Gravina, che Lotito considera il suo nemico giurato. Lotito ha la maggioranza in Lega Serie A e molti club sono pronti allo scontro con la Federcalcio. In questo quadro, gli arbitri possono diventare una delle teste d'ariete per indebolire dall'interno la Federcalcio. Lotito ha fatto asse con l'ex presidente dell'Aia Alfredo Trentalange e il suo ispiratore Duccio Baglioni, che puntano a tornare alla presidenza dell'Associazione arbitri nelle elezioni del 2025. Lotito si è impegnato a sostenere la loro battaglia perché l'Aia abbia una maggiore indipendenza e più soldi. Chi non è con loro, invece, invoca la candidatura del designatore Rocchi, sostenuto dal rappresentante degli arbitri di Serie A Orsato e da Gravina.

CorSport: confronto tra Lotito e gli avvocati. Il numero uno della Lazio potrebbe rivolgersi alla Magistratura. Denuncia contro ignoti per evitare la clausola compromissoria. Pronto un dossier sui torti arbitrali subiti nei match contro Napoli, Genoa, Juve, Salerno e Bologna. Oltre a quello di domenica.

Sempre il CorSport: Lotito voleva far ripetere il match col Milan, dopo gli errori di Di Bello. Una volta capito che non fosse possibile, ha deciso di procedere per vie legali.

Altre news di giornata:


—) Milan: 25% di gol dalla panchina. E' record.


—) Camarda: la firma slitta. Club esteri alla finestra.


—) Pioli: si decide a maggio. Può restare, se...


—) Okafor gran riserva. Chuku male. Jovic in bilico.


—) Buongiorno Milan: c'è anche l'Inter sul difensore
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
203,644
Reaction score
27,123
Repubblica: Claudio Lotito, presidente della Lazio, ha espresso la sua insoddisfazione per la direzione di gara e gli errori arbitrali subiti dalla sua squadra, ma ha anche colto l'occasione per parlare di politica sportiva e criticare il presidente della Figc Gabriele Gravina. Lotito è convinto che l'arbitraggio sia la conseguenza della battaglia politica contro la Federcalcio e sta pensando a presentare un esposto in procura, simile a quello che diede origine a Calciopoli, per dimostrare la sua tesi. L'obiettivo di Lotito è quello di chiedere alla Corte di giustizia europea un pronunciamento sulla possibile scissione della Serie A in stile Superlega, anche se sa che questa strada è impraticabile per i club indebitati e divisi. Tuttavia, sarebbe uno strumento di pressione politica contro Gravina, che Lotito considera il suo nemico giurato. Lotito ha la maggioranza in Lega Serie A e molti club sono pronti allo scontro con la Federcalcio. In questo quadro, gli arbitri possono diventare una delle teste d'ariete per indebolire dall'interno la Federcalcio. Lotito ha fatto asse con l'ex presidente dell'Aia Alfredo Trentalange e il suo ispiratore Duccio Baglioni, che puntano a tornare alla presidenza dell'Associazione arbitri nelle elezioni del 2025. Lotito si è impegnato a sostenere la loro battaglia perché l'Aia abbia una maggiore indipendenza e più soldi. Chi non è con loro, invece, invoca la candidatura del designatore Rocchi, sostenuto dal rappresentante degli arbitri di Serie A Orsato e da Gravina.
 
Registrato
8 Settembre 2016
Messaggi
8,207
Reaction score
2,500
La GDS in edicola conferma le news che abbiamo riportato ieri sullo stop a Di Bello e aggiunge:

L'arbitro internazionale Marco Di Bello sarà sospeso per un almeno un mese (ma potrebbe saltare 4-5 partite per poi ripartire dalla B) dalla CAN A e B a causa della sua gestione della partita Lazio-Milan, in cui ha preso decisioni controverse che hanno scatenato le proteste della Lazio.

Di Bello era già stato fermato per 36 giorni dopo la partita Juventus-Bologna, in cui non aveva assegnato un rigore solare a favore del Bologna.

La Lazio sta valutando la possibilità di adire alle vie legali per contestare la decisione della CAN A e B, ritenendo che l'arbitraggio di Di Bello sia stato disastroso e abbia danneggiato la squadra.

Il presidente della Lazio, Claudio Lotito, ha annunciato che si farà valere nelle sedi preposte e ha sottolineato la mancanza di affidabilità del sistema arbitrale.

La sospensione di Di Bello si aggiunge a quelle di altri arbitri, come Fourneau, Pezzuto e Nasca, che sono stati fermati per errori gravi nelle ultime settimane.

CorSport: confronto tra Lotito e gli avvocati. Il numero uno della Lazio potrebbe rivolgersi alla Magistratura. Denuncia contro ignoti per evitare la clausola compromissoria. Pronto un dossier sui torti arbitrali subiti nei match contro Napoli, Genoa, Juve, Salerno e Bologna. Oltre a quello di domenica.

di-bello-lazio-milan.jpg
A Orsato invece diamogli il premio Nobel.

Di Bello a me non piace, per me è inadatto alla serie A, ma quello che non va bene è il messaggio che se danneggi la Lazio (che poi, a parte l'ultima espulsione al 95° sarebbe tutt'ora da dimostrare) allora hai conseguenze, se danneggi il Milan allora tarallucci e vino.

Ho visto, anche solo quest'anno, arbitraggi contro il Milan ben peggiori di questo qua. Ora spiccano i 3 rossi, ma gli ultimi due dovuti ai giocatori della Lazio che hanno perso la testa.

Ci vorrebbe un ente terzo a valutare l'operato di arbitri e var, ente che non viene condizionato da chi urla di più o di meno.
 
Registrato
16 Luglio 2014
Messaggi
13,827
Reaction score
3,031
A Orsato invece diamogli il premio Nobel.

Di Bello a me non piace, per me è inadatto alla serie A, ma quello che non va bene è il messaggio che se danneggi la Lazio (che poi, a parte l'ultima espulsione al 95° sarebbe tutt'ora da dimostrare) allora hai conseguenze, se danneggi il Milan allora tarallucci e vino.

Ho visto, anche solo quest'anno, arbitraggi contro il Milan ben peggiori di questo qua. Ora spiccano i 3 rossi, ma gli ultimi due dovuti ai giocatori della Lazio che hanno perso la testa.

Ci vorrebbe un ente terzo a valutare l'operato di arbitri e var, ente che non viene condizionato da chi urla di più o di meno.


La differenza qual é? La Latio scatena un putiferio con isterismi in campo, su Instagram, su twitter, nel post partita e nei giorni successivi. Con allenatore, giocatori e dirigenti.

Noi cosa facciamo dopo l'ennesimo stupro? Magari Pioli fa una dichiarazione tipo "le scelte del arbitro oggi non mi sono piaciute".

Ecco. In Italia funziona cosi. Di Bello ha fischiato male, si, ma nemmeno lontanamente una delle peggiori gestioni di questa stagione, ma nemmeno lontanamente.
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
203,644
Reaction score
27,123
La GDS in edicola conferma le news che abbiamo riportato ieri sullo stop a Di Bello e aggiunge:

L'arbitro internazionale Marco Di Bello sarà sospeso per un almeno un mese (ma potrebbe saltare 4-5 partite per poi ripartire dalla B) dalla CAN A e B a causa della sua gestione della partita Lazio-Milan, in cui ha preso decisioni controverse che hanno scatenato le proteste della Lazio.

Di Bello era già stato fermato per 36 giorni dopo la partita Juventus-Bologna, in cui non aveva assegnato un rigore solare a favore del Bologna.

La Lazio sta valutando la possibilità di adire alle vie legali per contestare la decisione della CAN A e B, ritenendo che l'arbitraggio di Di Bello sia stato disastroso e abbia danneggiato la squadra.

Il presidente della Lazio, Claudio Lotito, ha annunciato che si farà valere nelle sedi preposte e ha sottolineato la mancanza di affidabilità del sistema arbitrale.

La sospensione di Di Bello si aggiunge a quelle di altri arbitri, come Fourneau, Pezzuto e Nasca, che sono stati fermati per errori gravi nelle ultime settimane.

Repubblica: Claudio Lotito, presidente della Lazio, ha espresso la sua insoddisfazione per la direzione di gara e gli errori arbitrali subiti dalla sua squadra, ma ha anche colto l'occasione per parlare di politica sportiva e criticare il presidente della Figc Gabriele Gravina. Lotito è convinto che l'arbitraggio sia la conseguenza della battaglia politica contro la Federcalcio e sta pensando a presentare un esposto in procura, simile a quello che diede origine a Calciopoli, per dimostrare la sua tesi. L'obiettivo di Lotito è quello di chiedere alla Corte di giustizia europea un pronunciamento sulla possibile scissione della Serie A in stile Superlega, anche se sa che questa strada è impraticabile per i club indebitati e divisi. Tuttavia, sarebbe uno strumento di pressione politica contro Gravina, che Lotito considera il suo nemico giurato. Lotito ha la maggioranza in Lega Serie A e molti club sono pronti allo scontro con la Federcalcio. In questo quadro, gli arbitri possono diventare una delle teste d'ariete per indebolire dall'interno la Federcalcio. Lotito ha fatto asse con l'ex presidente dell'Aia Alfredo Trentalange e il suo ispiratore Duccio Baglioni, che puntano a tornare alla presidenza dell'Associazione arbitri nelle elezioni del 2025. Lotito si è impegnato a sostenere la loro battaglia perché l'Aia abbia una maggiore indipendenza e più soldi. Chi non è con loro, invece, invoca la candidatura del designatore Rocchi, sostenuto dal rappresentante degli arbitri di Serie A Orsato e da Gravina.

CorSport: confronto tra Lotito e gli avvocati. Il numero uno della Lazio potrebbe rivolgersi alla Magistratura. Denuncia contro ignoti per evitare la clausola compromissoria. Pronto un dossier sui torti arbitrali subiti nei match contro Napoli, Genoa, Juve, Salerno e Bologna. Oltre a quello di domenica.

Altre news di giornata:


—) Milan: 25% di gol dalla panchina. E' record.


—) Camarda: la firma slitta. Club esteri alla finestra.


—) Pioli: si decide a maggio. Può restare, se...


—) Okafor gran riserva. Chuku male. Jovic in bilico.


—) Buongiorno Milan: c'è anche l'Inter sul difensore
.
 

mil77

Senior Member
Registrato
3 Febbraio 2017
Messaggi
10,708
Reaction score
1,681
La differenza qual é? La Latio scatena un putiferio con isterismi in campo, su Instagram, su twitter, nel post partita e nei giorni successivi. Con allenatore, giocatori e dirigenti.

Noi cosa facciamo dopo l'ennesimo stupro? Magari Pioli fa una dichiarazione tipo "le scelte del arbitro oggi non mi sono piaciute".

Ecco. In Italia funziona cosi. Di Bello ha fischiato male, si, ma nemmeno lontanamente una delle peggiori gestioni di questa stagione, ma nemmeno lontanamente.
C'è da dire che Di Bello non è la prima volta che ne combina di tutti i colori...solo questa stagione clamoroso rigore con esplusione non dato al Bologna contro la Juve, rigore inesistente dato all'udinese contro il Milan, rigore inesistente dato all'atalanta contro il Milan in coppa italia...oltre ad aver dimostrato lui di essere un incapace, l'errore è stato anche chi lo ha designato per lazio milan, perchè era evidente che non poteva fare un altro arbitraggio a sfavore del milan...
 

Mika

Senior Member
Registrato
29 Aprile 2017
Messaggi
13,534
Reaction score
6,032
Di colpo la serie A si scopre spaccata e corrotta.
Buongiorno mondo.

Ovviamente dovevano infilarci il Milan di mezzo per depistare tutti.


Che c'è in mezzo una guerra è palese, ieri il sicario era a Torino: tolleranza zero verso i cairo's boys.
Contro l'Empoli ci daranno tutto contro, occhio. Infatti per la prossima non temo l'Empoli ma l'AIA, la FIGC, VAR e Arbitri in campo.
 
Registrato
11 Aprile 2016
Messaggi
59,931
Reaction score
25,646
Chi si scandalizza oggi per l'arbitraggio di di bello è perché si è abituato a giocatori che accerchiano l'arbitro , lo mandano platealmente a fare in mulo, pretendono di interrompere il gioco a loro piacimento.
Io sia all'Olimpico che ieri a Torino ho visto tolleranza zero verso questi atteggiamenti.

Naturalmente i Cairo's e Lotito's boys non ci sono abituati e vanno su tutte le furie.

Fossimo stati in premier gli arbitri avrebbero fatto solo il loro, da noi vengono puniti.
Cosa avrebbe sbagliato di bello ?
Deve permettere che il gioco lo fermi pellegrini o deve farsi mandare a fare in mulo dal marusic di turno?

La verità è che l'ambiente italiano è tossico e malato ma perché i Cairo e i Lotito, per primi, sono malati.
Altro che sportività..

Detto da uno che barava coi tamponi o sposta le partite a suo piacimento.
Chi si ricorda di quel lazio toro spostata a botte di ricorsi in tribunale per poi giocare la partita a fine campionato e finire in uno squallido 0-0 che permise al toro di salvarsi?
Cairo e Lotito, ancora loro, sempre loro.
Il gatto e la volpe.
 

Lorenzo 89

Senior Member
Registrato
1 Settembre 2012
Messaggi
17,482
Reaction score
5,762
Chi si scandalizza oggi per l'arbitraggio di di bello è perché si è abituato a giocatori che accerchiato l'arbitro , lo mandano platealmente a fare in mulo, pretendono di interrompere il gioco a loro piacimento.
Io sia all'Olimpico che ieri a Torino ho visto tolleranza zero verso questi atteggiamenti.

Naturalmente i Cairo's e Lotito's boys non ci sono abituati e vanno su tutte le furie.

Fossimo stati in premier gli arbitri avrebbero fatto solo il loro, da noi vengono puniti.
Cosa avrebbe sbagliato di bello ?
Deve permettere che il gioco lo fermi pellegrini o deve farsi mandare a fare in mulo dal marusic di turno?

La verità è che l'ambiente italiano è tossico e malato ma perché i Cairo e i Lotito, per primi, sono malati.
Altro che sportività..

Detto da uno che barava coi tamponi o sposta le partite a suo piacimento.
Chi si ricorda di quel lazio toro spostata a botte di ricorsi in tribunale per poi giocare la partita a fine campionato e finire in uno squallido 0-0 che permise al toro di salvarsi?
Cairo e Lotito, ancora loro, sempre loro.
Il gatto e la volpe.
Ma stiamo parlando dei laziali, cioè io ieri ho sentito un po' di radio locali della Lazio e addirittura gli stessi conduttori hanno detto che fosse successo alla Lazio del '74 (quella del primo scudetto per intenderci) Pulisic non sarebbe uscito dal campo con le sue gambe.
Penso che sia di una gravità inaudita, posso capirlo dagli ascoltatori burini che chiamano, ma non dai conduttori stessi.
 

Similar threads

Alto
head>