Cardinale:"San Siro, San Donato e le spese nel calcio...".

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
207,326
Reaction score
29,360
Cardinale intervistato da Fortune:"Lo sport oggi non è più un hobby per ricchi. Lo sport è un business multimiliardario per l'intrattenimento di eventi dal vivo, e per riuscire a fare queste cose bisogna avere relazioni e competenze multidisciplinari in tutta una serie di attività. Una grande macro cosa nello sport, in generale, è che c'è stata questa massiccia escalation di valutazioni nello sport e nessuna delle persone e delle infrastrutture ha tenuto il passo. Voglio dire, ora sono tutte mini Disney, società di intrattenimento per eventi dal vivo”.

"Lo stadio del Milan? È tempo per l'Italia e per Milano di fare quello che hanno fatto gli Yankees nel 2008. Il vecchio Yankee Stadium esisteva da sempre. C'era Babe Ruth, Joe DiMaggio, Mickey Mantle e Roger Maris. Era un'icona. Ma si sono resi conto che è arrivato il momento di una nuova versione. Ho sentito dalle esperienze passate di altri che è molto difficile. Tuttavia mi piacciono le nostre possibilità".

San Donato? Volevo essere sicuro di avere un'opzione praticabile e circoscrivibile per lo stadio. Se non venisse costruito il Milan avrebbe la strada in salita per competere in Europa. Ma sarò impegnato con il Milan in ogni caso. Se lo stadio non si farà, resteremo a San Siro".

"Come spendere nel calcio? Non si tratta di superare la spesa dell'altro. Si tratta di spendere un dollaro incrementale di capitale meglio di chiunque altro. PSG e City? Non riuscirai mai a superare quella spesa…".

"I prezzi dei biglietti per gli eventi? Un tempo bastava organizzare una festa e la gente si presentava. Oggi c'è un'enorme concorrenza per il tempo discrezionale di un individuo. Quindi, se si vuole applicare un prezzo elevato a un evento dal vivo, bisogna offrire una proposta di valore al cliente, in questo caso il fan".

"La Serie A? Questi concetti sono più familiari agli investitori americani e credo che sia questo che li ha attratti dalla Serie A. Si sono resi conto dell'eredità e della storia di alcuni di questi marchi poco gestiti. Si sono resi conto del potenziale di avere tra le mani un grande investimento, semplicemente professionalizzando la proprietà".

"Spero che Dan Friedkin riesca a realizzare uno stadio. Sicuramente farò tutto il possibile per sostenerlo, perché l'Italia ha bisogno di più infrastrutture per lo spettacolo dal vivo. Se potessi scegliere, aiuterei tutti gli altri proprietari della Serie A a costruire uno stadio, perché è un bene per l'ecosistema"

01habxeeykhmpdztmx7e.jpg
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
207,326
Reaction score
29,360
Supercazzone continue per (non) dire sempre le stesse cose trite e ritrite
 

gabri65

BFMI-class member
Registrato
26 Giugno 2018
Messaggi
21,347
Reaction score
16,296
Cardinale intervistato da Fortune:"Lo sport oggi non è più un hobby per ricchi. Lo sport è un business multimiliardario per l'intrattenimento di eventi dal vivo, e per riuscire a fare queste cose bisogna avere relazioni e competenze multidisciplinari in tutta una serie di attività. Una grande macro cosa nello sport, in generale, è che c'è stata questa massiccia escalation di valutazioni nello sport e nessuna delle persone e delle infrastrutture ha tenuto il passo. Voglio dire, ora sono tutte mini Disney, società di intrattenimento per eventi dal vivo”.

"Lo stadio del Milan? È tempo per l'Italia e per Milano di fare quello che hanno fatto gli Yankees nel 2008. Il vecchio Yankee Stadium esisteva da sempre. C'era Babe Ruth, Joe DiMaggio, Mickey Mantle e Roger Maris. Era un'icona. Ma si sono resi conto che è arrivato il momento di una nuova versione. Ho sentito dalle esperienze passate di altri che è molto difficile. Tuttavia mi piacciono le nostre possibilità".

San Donato? Volevo essere sicuro di avere un'opzione praticabile e circoscrivibile per lo stadio. Se non venisse costruito il Milan avrebbe la strada in salita per competere in Europa. Ma sarò impegnato con il Milan in ogni caso. Se lo stadio non si farà, resteremo a San Siro".

"Come spendere nel calcio? Non si tratta di superare la spesa dell'altro. Si tratta di spendere un dollaro incrementale di capitale meglio di chiunque altro. PSG e City? Non riuscirai mai a superare quella spesa…".

"I prezzi dei biglietti per gli eventi? Un tempo bastava organizzare una festa e la gente si presentava. Oggi c'è un'enorme concorrenza per il tempo discrezionale di un individuo. Quindi, se si vuole applicare un prezzo elevato a un evento dal vivo, bisogna offrire una proposta di valore al cliente, in questo caso il fan".

"La Serie A? Questi concetti sono più familiari agli investitori americani e credo che sia questo che li ha attratti dalla Serie A. Si sono resi conto dell'eredità e della storia di alcuni di questi marchi poco gestiti. Si sono resi conto del potenziale di avere tra le mani un grande investimento, semplicemente professionalizzando la proprietà".

"Spero che Dan Friedkin riesca a realizzare uno stadio. Sicuramente farò tutto il possibile per sostenerlo, perché l'Italia ha bisogno di più infrastrutture per lo spettacolo dal vivo. Se potessi scegliere, aiuterei tutti gli altri proprietari della Serie A a costruire uno stadio, perché è un bene per l'ecosistema"

01habxeeykhmpdztmx7e.jpg

Aria.

Vai a tenere lezioni di tecnopezzenteria ammerigana in qualche polveroso e fetido rodeo iuesei.

Ma senti che robe, 'sti maledetti vogliono fare gli imprenditori planetari di successo senza cacciare un dollaro.
 

MaschioAlfa

Senior Member
Registrato
22 Giugno 2015
Messaggi
6,804
Reaction score
390
Ma quale aiutare gli altri... che non sei in grado di aiutarti sa solo
 

Swaitak

Senior Member
Registrato
22 Aprile 2019
Messaggi
24,157
Reaction score
15,437
Cardinale intervistato da Fortune:"Lo sport oggi non è più un hobby per ricchi. Lo sport è un business multimiliardario per l'intrattenimento di eventi dal vivo, e per riuscire a fare queste cose bisogna avere relazioni e competenze multidisciplinari in tutta una serie di attività. Una grande macro cosa nello sport, in generale, è che c'è stata questa massiccia escalation di valutazioni nello sport e nessuna delle persone e delle infrastrutture ha tenuto il passo. Voglio dire, ora sono tutte mini Disney, società di intrattenimento per eventi dal vivo”.

"Lo stadio del Milan? È tempo per l'Italia e per Milano di fare quello che hanno fatto gli Yankees nel 2008. Il vecchio Yankee Stadium esisteva da sempre. C'era Babe Ruth, Joe DiMaggio, Mickey Mantle e Roger Maris. Era un'icona. Ma si sono resi conto che è arrivato il momento di una nuova versione. Ho sentito dalle esperienze passate di altri che è molto difficile. Tuttavia mi piacciono le nostre possibilità".

San Donato? Volevo essere sicuro di avere un'opzione praticabile e circoscrivibile per lo stadio. Se non venisse costruito il Milan avrebbe la strada in salita per competere in Europa. Ma sarò impegnato con il Milan in ogni caso. Se lo stadio non si farà, resteremo a San Siro".

"Come spendere nel calcio? Non si tratta di superare la spesa dell'altro. Si tratta di spendere un dollaro incrementale di capitale meglio di chiunque altro. PSG e City? Non riuscirai mai a superare quella spesa…".

"I prezzi dei biglietti per gli eventi? Un tempo bastava organizzare una festa e la gente si presentava. Oggi c'è un'enorme concorrenza per il tempo discrezionale di un individuo. Quindi, se si vuole applicare un prezzo elevato a un evento dal vivo, bisogna offrire una proposta di valore al cliente, in questo caso il fan".

"La Serie A? Questi concetti sono più familiari agli investitori americani e credo che sia questo che li ha attratti dalla Serie A. Si sono resi conto dell'eredità e della storia di alcuni di questi marchi poco gestiti. Si sono resi conto del potenziale di avere tra le mani un grande investimento, semplicemente professionalizzando la proprietà".

"Spero che Dan Friedkin riesca a realizzare uno stadio. Sicuramente farò tutto il possibile per sostenerlo, perché l'Italia ha bisogno di più infrastrutture per lo spettacolo dal vivo. Se potessi scegliere, aiuterei tutti gli altri proprietari della Serie A a costruire uno stadio, perché è un bene per l'ecosistema"

01habxeeykhmpdztmx7e.jpg
ma non potevi lavorare per webuild, o ciccio il muratore? che cacchio vuoi dal Milan
 

Antokkmilan

Well-known member
Registrato
4 Dicembre 2021
Messaggi
5,428
Reaction score
2,551
Parole giuste, ma me le aspetta per fare un esempio da Gravina, non da un presidente di un club di calcio; ripeto tanto di cappello per quello che dice, ma deve pensare al Milan e basta, alle altre ci pensassero loro e Gravina.
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
207,326
Reaction score
29,360
Cardinale intervistato da Fortune:"Lo sport oggi non è più un hobby per ricchi. Lo sport è un business multimiliardario per l'intrattenimento di eventi dal vivo, e per riuscire a fare queste cose bisogna avere relazioni e competenze multidisciplinari in tutta una serie di attività. Una grande macro cosa nello sport, in generale, è che c'è stata questa massiccia escalation di valutazioni nello sport e nessuna delle persone e delle infrastrutture ha tenuto il passo. Voglio dire, ora sono tutte mini Disney, società di intrattenimento per eventi dal vivo”.

"Lo stadio del Milan? È tempo per l'Italia e per Milano di fare quello che hanno fatto gli Yankees nel 2008. Il vecchio Yankee Stadium esisteva da sempre. C'era Babe Ruth, Joe DiMaggio, Mickey Mantle e Roger Maris. Era un'icona. Ma si sono resi conto che è arrivato il momento di una nuova versione. Ho sentito dalle esperienze passate di altri che è molto difficile. Tuttavia mi piacciono le nostre possibilità".

San Donato? Volevo essere sicuro di avere un'opzione praticabile e circoscrivibile per lo stadio. Se non venisse costruito il Milan avrebbe la strada in salita per competere in Europa. Ma sarò impegnato con il Milan in ogni caso. Se lo stadio non si farà, resteremo a San Siro".

"Come spendere nel calcio? Non si tratta di superare la spesa dell'altro. Si tratta di spendere un dollaro incrementale di capitale meglio di chiunque altro. PSG e City? Non riuscirai mai a superare quella spesa…".

"I prezzi dei biglietti per gli eventi? Un tempo bastava organizzare una festa e la gente si presentava. Oggi c'è un'enorme concorrenza per il tempo discrezionale di un individuo. Quindi, se si vuole applicare un prezzo elevato a un evento dal vivo, bisogna offrire una proposta di valore al cliente, in questo caso il fan".

"La Serie A? Questi concetti sono più familiari agli investitori americani e credo che sia questo che li ha attratti dalla Serie A. Si sono resi conto dell'eredità e della storia di alcuni di questi marchi poco gestiti. Si sono resi conto del potenziale di avere tra le mani un grande investimento, semplicemente professionalizzando la proprietà".

"Spero che Dan Friedkin riesca a realizzare uno stadio. Sicuramente farò tutto il possibile per sostenerlo, perché l'Italia ha bisogno di più infrastrutture per lo spettacolo dal vivo. Se potessi scegliere, aiuterei tutti gli altri proprietari della Serie A a costruire uno stadio, perché è un bene per l'ecosistema"
.
 
Alto
head>