Calabria vs Pellegrini: i figli del vivaio.

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
211,943
Reaction score
32,341
La GDS in edicola su Roma - Milan e sul duello tra Calabria e Pellegrini, i figli dei vivai di Milan e Roma:

I gemelli diversi Davide Calabria e Lorenzo Pellegrini, nati nel 1996 a sei mesi e 450 chilometri di distanza, sono cresciuti nelle rispettive squadre del cuore, il Milan e la Roma, e hanno raggiunto il successo nel 2022: Calabria è diventato campione d'Italia con il Milan, mentre Pellegrini ha vinto la Conference League con la Roma.

Entrambi sono diventati capitani delle loro squadre e sono considerati leader e tifosi cresciuti nelle squadre che oggi guidano.

Calabria, dopo una scalata iniziata a 18 anni, è diventato un senatore dello spogliatoio del Milan e ha guadagnato i gradi del condottiero, mentre Pellegrini, dopo aver iniziato come centravanti, è diventato centrocampista e ha ricevuto la fascia di capitano dopo un Roma-Spezia in cui Dzeko mandò a quel paese Fonseca.

Entrambi i giocatori hanno un forte legame con le loro città e le loro squadre, e sono considerati esempi dentro e fuori dal campo.

calabria.milan.2023.24.capitano.1440x864.jpg
 
Registrato
28 Agosto 2012
Messaggi
6,852
Reaction score
1,488
La GDS in edicola su Roma - Milan e sul duello tra Calabria e Pellegrini, i figli dei vivai di Milan e Roma:

I gemelli diversi Davide Calabria e Lorenzo Pellegrini, nati nel 1996 a sei mesi e 450 chilometri di distanza, sono cresciuti nelle rispettive squadre del cuore, il Milan e la Roma, e hanno raggiunto il successo nel 2022: Calabria è diventato campione d'Italia con il Milan, mentre Pellegrini ha vinto la Conference League con la Roma.

Entrambi sono diventati capitani delle loro squadre e sono considerati leader e tifosi cresciuti nelle squadre che oggi guidano.

Calabria, dopo una scalata iniziata a 18 anni, è diventato un senatore dello spogliatoio del Milan e ha guadagnato i gradi del condottiero, mentre Pellegrini, dopo aver iniziato come centravanti, è diventato centrocampista e ha ricevuto la fascia di capitano dopo un Roma-Spezia in cui Dzeko mandò a quel paese Fonseca.

Entrambi i giocatori hanno un forte legame con le loro città e le loro squadre, e sono considerati esempi dentro e fuori dal campo.

calabria.milan.2023.24.capitano.1440x864.jpg
E quindi?
 

alexpozzi90

Well-known member
Registrato
22 Marzo 2022
Messaggi
4,720
Reaction score
2,552
La GDS in edicola su Roma - Milan e sul duello tra Calabria e Pellegrini, i figli dei vivai di Milan e Roma:

I gemelli diversi Davide Calabria e Lorenzo Pellegrini, nati nel 1996 a sei mesi e 450 chilometri di distanza, sono cresciuti nelle rispettive squadre del cuore, il Milan e la Roma, e hanno raggiunto il successo nel 2022: Calabria è diventato campione d'Italia con il Milan, mentre Pellegrini ha vinto la Conference League con la Roma.

Entrambi sono diventati capitani delle loro squadre e sono considerati leader e tifosi cresciuti nelle squadre che oggi guidano.

Calabria, dopo una scalata iniziata a 18 anni, è diventato un senatore dello spogliatoio del Milan e ha guadagnato i gradi del condottiero, mentre Pellegrini, dopo aver iniziato come centravanti, è diventato centrocampista e ha ricevuto la fascia di capitano dopo un Roma-Spezia in cui Dzeko mandò a quel paese Fonseca.

Entrambi i giocatori hanno un forte legame con le loro città e le loro squadre, e sono considerati esempi dentro e fuori dal campo.
Mah, entrambi niente di che e al di sotto della storia delle proprie squadre direi, ovviamente peggio Calabria (sia in assoluto che parametrato al club), ma pure Pellegrini, molti a Roma non lo stimano per niente, lo chiamano "capitan EL", perché da quando c'è lui capitano non sono più andati in CL. :asd:

Giocatore tecnico e bravo nei piazzati, ma come fisicità è un rottame, oltre a rompersi spesso e volentieri, non regge il ritmo nelle partite ad altà intensità. Tra l'altro la Roma ha fatto l'errore (pure con Mancini e Cristante) di elevarlo a bandiera senza troppi meriti reali e dargli uno stipendio sopra media (tipo 4M minimo, forse più) che lo rendono invendibile, dato che in Italia nessuno gli darebbe quei soldi e all'estero manco lo vogliono (la cassa di risonanza della Roma non è sufficiente a creare fenomeni tipo Donnarumma).
 
Alto
head>