Bartesaghi:"Milan, voglio vincere. Theo e l'esordio...".

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
199,427
Reaction score
25,488
Bartesaghi a calciomercato.com:

Sei un terzino di grande spinta, hai sempre giocato in questo ruolo o ti ci sei ritrovato? Meglio la difesa a 4 o la difesa a 3?
"In realtà da piccolino all'Atalanta ho iniziato facendo la punta, poi al Milan ho fatto l'esterno. In carriera però ho ricoperto tanti ruoli. Ho fatto la mezzala e all'occorrenza il difensore centrale. Oggi se posso scegliere preferisco giocare in una difesa a 4 come terzino puro, ma sono duttile e posso fare tranquillamente anche il braccetto di sinistra in una linea a 3".

A proposito del ruolo, hai un giocatore o più a cui ti ispiri? Che rapporto hai con Theo Hernandez con cui ti alleni tutti i giorni?
"Devo dire che sicuramente Theo è il mio punto di riferimento. Prendo lui perché è davanti a me in questo momento e da lui posso imparare tanto. Oggi mi posso ritenere abbastanza fortunato a lavorare accanto a lui. Il rapporto? Dire molto bello".

Sei ormai parte fissa della prima squadra di Pioli. Che rapporto c'è con il mister? Cos'hai provato quando te l'hanno detto?
"Quando il mister mi ha chiamato per comunicarmi che avrei preso parte alla tournée due anni fa e che sarei stato aggregato alla prima squadra quest'anno è stato tutto inaspettato e sinceramente tutto molto veloce. All'inizio i primi giorni mi tremavano le gambe, poi però ho capito che è quello per cui stavo lavorando da sempre e quindi sono entrato in campo e ho dato il massimo. Pioli è una persona molto seria, che non punta mai il dito ma prova a spiegarti. Ho la fortuna che è un maestro dato che è stato un difensore e mi sta dando tantissimi consigli su come difendere".

Ci racconti l'emozione dell'esordio col Milan?
"Ti dico che già il fatto dell'essere aggregato alla prima squadra non era aspettato, pensare che da lì mi sono trovato ad esordire... È stata un'emozione unica, San Siro... Sicuramente è stato tutto inaspettato, ma è ciò che voglio fare nella vita perciò l'emozione passa".

È vero che da piccolo hai detto no all'Atalanta per il Milan per “colpa” di tuo papà che tifa rossonero?
"No va detto che prima del Milan sono stato due anni all'Atalanta, semplicemente quando c'è stata la possibilità di scegliere ho fatto una scelta mia, di principio perché mi sono trovato meglio dopo il provino svolto al Milan. Il tifo di mio papà non c'entrava".

Qual è l'obiettivo o un sogno nel cassetto che poni davanti a te?
"Direi che il mio sogno più grande ora è alzare un trofeo con il Milan. Direi che voglio provare a vincere scudetto e Champions. Con l'Italia il sogno è trovare la convocazione con la Nazionale maggiore".

Se ti dicessi scegli un solo momento, il più emozionante che hai vissuto nell'ultimo anno e mezzo. Quale sceglieresti?
"Sicuramente l'esordio di cui parlavamo prima. Però mi piace tornare a un passo indietro. Il momento più emozionante è stata la prima chiamata che ho ricevuto per il ritiro in prima squadra. Però calma, non sono ancora arrivato dove vorrei arrivare".

Chi è il compagno di Under 19 con cui hai legato di più?
"Sicuramente mi trovo molto bene con Zeroli che è il mio compagno di squadra al Milan. Poi c'è Ripani che è un personaggio unico".
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
199,427
Reaction score
25,488
Bartesaghi a calciomercato.com:

Sei un terzino di grande spinta, hai sempre giocato in questo ruolo o ti ci sei ritrovato? Meglio la difesa a 4 o la difesa a 3?
"In realtà da piccolino all'Atalanta ho iniziato facendo la punta, poi al Milan ho fatto l'esterno. In carriera però ho ricoperto tanti ruoli. Ho fatto la mezzala e all'occorrenza il difensore centrale. Oggi se posso scegliere preferisco giocare in una difesa a 4 come terzino puro, ma sono duttile e posso fare tranquillamente anche il braccetto di sinistra in una linea a 3".

A proposito del ruolo, hai un giocatore o più a cui ti ispiri? Che rapporto hai con Theo Hernandez con cui ti alleni tutti i giorni?
"Devo dire che sicuramente Theo è il mio punto di riferimento. Prendo lui perché è davanti a me in questo momento e da lui posso imparare tanto. Oggi mi posso ritenere abbastanza fortunato a lavorare accanto a lui. Il rapporto? Dire molto bello".

Sei ormai parte fissa della prima squadra di Pioli. Che rapporto c'è con il mister? Cos'hai provato quando te l'hanno detto?
"Quando il mister mi ha chiamato per comunicarmi che avrei preso parte alla tournée due anni fa e che sarei stato aggregato alla prima squadra quest'anno è stato tutto inaspettato e sinceramente tutto molto veloce. All'inizio i primi giorni mi tremavano le gambe, poi però ho capito che è quello per cui stavo lavorando da sempre e quindi sono entrato in campo e ho dato il massimo. Pioli è una persona molto seria, che non punta mai il dito ma prova a spiegarti. Ho la fortuna che è un maestro dato che è stato un difensore e mi sta dando tantissimi consigli su come difendere".

Ci racconti l'emozione dell'esordio col Milan?
"Ti dico che già il fatto dell'essere aggregato alla prima squadra non era aspettato, pensare che da lì mi sono trovato ad esordire... È stata un'emozione unica, San Siro... Sicuramente è stato tutto inaspettato, ma è ciò che voglio fare nella vita perciò l'emozione passa".

È vero che da piccolo hai detto no all'Atalanta per il Milan per “colpa” di tuo papà che tifa rossonero?
"No va detto che prima del Milan sono stato due anni all'Atalanta, semplicemente quando c'è stata la possibilità di scegliere ho fatto una scelta mia, di principio perché mi sono trovato meglio dopo il provino svolto al Milan. Il tifo di mio papà non c'entrava".

Qual è l'obiettivo o un sogno nel cassetto che poni davanti a te?
"Direi che il mio sogno più grande ora è alzare un trofeo con il Milan. Direi che voglio provare a vincere scudetto e Champions. Con l'Italia il sogno è trovare la convocazione con la Nazionale maggiore".

Se ti dicessi scegli un solo momento, il più emozionante che hai vissuto nell'ultimo anno e mezzo. Quale sceglieresti?
"Sicuramente l'esordio di cui parlavamo prima. Però mi piace tornare a un passo indietro. Il momento più emozionante è stata la prima chiamata che ho ricevuto per il ritiro in prima squadra. Però calma, non sono ancora arrivato dove vorrei arrivare".

Chi è il compagno di Under 19 con cui hai legato di più?
"Sicuramente mi trovo molto bene con Zeroli che è il mio compagno di squadra al Milan. Poi c'è Ripani che è un personaggio unico".

.
 

Similar threads

Alto
head>