Anche Sileri boccia il calcio:"Inverosimile ripartire".

Stato
Chiusa ad ulteriori risposte.

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
159,962
Reaction score
10,463
Anche Pierpaolo Sileri, vice Ministro della Salute, dice no al campionato di calcio. Ecco le dichiarazioni, a Rete 4:"Credo che, purtroppo, un campionato di calcio in questo momento, con gli stadi aperti e con un'epidemia in corso sia inverosimile...".
 

Andris

Senior Member
Registrato
21 Febbraio 2019
Messaggi
23,667
Reaction score
4,964
gli stadi aperti ?
mai sentito da nessuno proporlo,neanche in Bielorussia ci vanno più.
 

diavoloINme

Senior Member
Registrato
11 Aprile 2016
Messaggi
46,083
Reaction score
11,771
Anche Pierpaolo Sileri, vice Ministro della Salute, dice no al campionato di calcio. Ecco le dichiarazioni, a Rete 4:"Credo che, purtroppo, un campionato di calcio in questo momento, con gli stadi aperti e con un'epidemia in corso sia inverosimile...".

Ieri ho sentito una frecciata micidiale ai calciatori e a tutto il mondo del calcio.
Praticamente abbiamo avuto conferma a tutto ciò che noi sospettiamo da tempo : i signori del calcio che non hanno avuto il coraggio di fermare il carrozzone ma hanno aspettato fosse il governo a farlo, per ovvi motivi economici e di cavilli contrattuali, ora vorrebbero tornare a giocare ma nei loro programmi ci sono dei punti non attuabili e che sono un'offesa per tutti i cittadini, il personale sanitario e la crisi che stiamo vivendo.

Per stessa ammissione di Giovanni Rezza, dirigente dell'istituto superiore della sanità, nei piani di chi il calcio lo vorrebbe far ripartire ci sarebbe l'idea di sottoporre a tampone i calciatori a cadenza quasi giornaliera.
Idea questa folle e che non sta nè in cielo nè in terra.
Il calcio è uno sport di contatto e oggi viene dopo tante cose più importanti.
Mi sento offeso anche solo per queste idee e proposte demenziali che umiliano milioni di italiani.
 

Milanforever26

Senior Member
Registrato
6 Giugno 2014
Messaggi
39,442
Reaction score
3,094
Ieri ho sentito una frecciata micidiale ai calciatori e a tutto il mondo del calcio.
Praticamente abbiamo avuto conferma a tutto ciò che noi sospettiamo da tempo : i signori del calcio che non hanno avuto il coraggio di fermare il carrozzone ma hanno aspettato fosse il governo a farlo, per ovvi motivi economici e di cavilli contrattuali, ora vorrebbero tornare a giocare ma nei loro programmi ci sono dei punti non attuabili e che sono un'offesa per tutti i cittadini, il personale sanitario e la crisi che stiamo vivendo.

Per stessa ammissione di Giovanni Rezza, dirigente dell'istituto superiore della sanità, nei piani di chi il calcio lo vorrebbe far ripartire ci sarebbe l'idea di sottoporre a tampone i calciatori a cadenza quasi giornaliera.
Idea questa folle e che non sta nè in cielo nè in terra.
Il calcio è uno sport di contatto e oggi viene dopo tante cose più importanti.
Mi sento offeso anche solo per queste idee e proposte demenziali che umiliano milioni di italiani.

Vuoi mettere l'importanza dei tamponi a Biglia? Mica ai medici o a chi sta nelle case di riposo..
 
Stato
Chiusa ad ulteriori risposte.
Alto
head>