Al Shabaab:"Soldi del riscatto per finanziare la Jihad."

Toby rosso nero

Moderatore
Membro dello Staff
Registrato
29 Agosto 2012
Messaggi
30,844
Reaction score
7,046
Inquietante intervista di Repubblica al portavoce ufficiale del gruppo terroistico Al Shabaab, che ha sequestrato Silvia Romano:

"I soldi del riscatto pagati per Silvia Romano in parte serviranno ad acquistare armi, di cui abbiamo sempre più bisogno per portare avanti la Jihad, la nostra guerra santa. Il resto servirà a gestire il Paese: a pagare le scuole, a comprare il cibo e le medicine che distribuiamo al nostro popolo, a formare i poliziotti che mantengono l'ordine e fanno rispettare le leggi del Corano.
Silvia Romano ha scelto l'Islam perché ha capito il valore della nostra religione dopo aver letto il Corano. Ha aperto gli occhi e ha visto un mondo migliore.
Al rapimento hanno partecipato decine di persone, ma non è stato organizzato dai vertici del gruppo.
C'è una struttura in seno ad Al Shabaab che si occupa di trovare soldi per far funzionare l'organizzazione, la quale poi li ridistribuisce al popolo somalo. È questa struttura che gestisce le diverse fonti d'introiti.
Silvia Romano rappresentava per noi una preziosa merce di scambio. Non l'abbiamo maltrattata, non era prigioniera di guerra, rispettiamo le donne.
I prigionieri di guerra li passiamo per le armi, esattamente come fa l'esercito somalo quando cattura un soldato di Al Shabaab. Prima di giustiziare i prigionieri, le truppe di Mogadiscio li torturano per farli parlare, per estorcere tutte le informazioni possibili sulle nostre postazioni strategiche o sulla struttura di comando del nostro gruppo. Ma i nostri soldati sono addestrati anche a soffrire, perciò molti muoiono sotto tortura senza rivelare nulla. Noi invece non dobbiamo torturare nessuno, perché sappiamo tutto. A Mogadiscio abbiamo infiltrato i nostri uomini in ogni istituzione, ministero, partito politico e perfino nell'esercito somalo."
 

fabri47

Senior Member
Registrato
15 Dicembre 2016
Messaggi
19,943
Reaction score
2,071
Inquietante intervista di Repubblica al portavoce ufficiale del gruppo terroistico Al Shabaab, che ha sequestrato Silvia Romano:

"I soldi del riscatto pagati per Silvia Romano in parte serviranno ad acquistare armi, di cui abbiamo sempre più bisogno per portare avanti la Jihad, la nostra guerra santa. Il resto servirà a gestire il Paese: a pagare le scuole, a comprare il cibo e le medicine che distribuiamo al nostro popolo, a formare i poliziotti che mantengono l'ordine e fanno rispettare le leggi del Corano.
Silvia Romano ha scelto l'Islam perché ha capito il valore della nostra religione dopo aver letto il Corano. Ha aperto gli occhi e ha visto un mondo migliore.
Al rapimento hanno partecipato decine di persone, ma non è stato organizzato dai vertici del gruppo.
C'è una struttura in seno ad Al Shabaab che si occupa di trovare soldi per far funzionare l'organizzazione, la quale poi li ridistribuisce al popolo somalo. È questa struttura che gestisce le diverse fonti d'introiti.
Silvia Romano rappresentava per noi una preziosa merce di scambio. Non l'abbiamo maltrattata, non era prigioniera di guerra, rispettiamo le donne.
I prigionieri di guerra li passiamo per le armi, esattamente come fa l'esercito somalo quando cattura un soldato di Al Shabaab. Prima di giustiziare i prigionieri, le truppe di Mogadiscio li torturano per farli parlare, per estorcere tutte le informazioni possibili sulle nostre postazioni strategiche o sulla struttura di comando del nostro gruppo. Ma i nostri soldati sono addestrati anche a soffrire, perciò molti muoiono sotto tortura senza rivelare nulla. Noi invece non dobbiamo torturare nessuno, perché sappiamo tutto. A Mogadiscio abbiamo infiltrato i nostri uomini in ogni istituzione, ministero, partito politico e perfino nell'esercito somalo."
Complimenti al nostro governo e al capacissimo e coltissimo ministro degli esteri che ci ritroviamo.
 

gabri65

BFMI-class member
Registrato
26 Giugno 2018
Messaggi
15,979
Reaction score
7,665
Inquietante intervista di Repubblica al portavoce ufficiale del gruppo terroistico Al Shabaab, che ha sequestrato Silvia Romano:

"I soldi del riscatto pagati per Silvia Romano in parte serviranno ad acquistare armi, di cui abbiamo sempre più bisogno per portare avanti la Jihad, la nostra guerra santa. Il resto servirà a gestire il Paese: a pagare le scuole, a comprare il cibo e le medicine che distribuiamo al nostro popolo, a formare i poliziotti che mantengono l'ordine e fanno rispettare le leggi del Corano.
Silvia Romano ha scelto l'Islam perché ha capito il valore della nostra religione dopo aver letto il Corano. Ha aperto gli occhi e ha visto un mondo migliore.
Al rapimento hanno partecipato decine di persone, ma non è stato organizzato dai vertici del gruppo.
C'è una struttura in seno ad Al Shabaab che si occupa di trovare soldi per far funzionare l'organizzazione, la quale poi li ridistribuisce al popolo somalo. È questa struttura che gestisce le diverse fonti d'introiti.
Silvia Romano rappresentava per noi una preziosa merce di scambio. Non l'abbiamo maltrattata, non era prigioniera di guerra, rispettiamo le donne.
I prigionieri di guerra li passiamo per le armi, esattamente come fa l'esercito somalo quando cattura un soldato di Al Shabaab. Prima di giustiziare i prigionieri, le truppe di Mogadiscio li torturano per farli parlare, per estorcere tutte le informazioni possibili sulle nostre postazioni strategiche o sulla struttura di comando del nostro gruppo. Ma i nostri soldati sono addestrati anche a soffrire, perciò molti muoiono sotto tortura senza rivelare nulla. Noi invece non dobbiamo torturare nessuno, perché sappiamo tutto. A Mogadiscio abbiamo infiltrato i nostri uomini in ogni istituzione, ministero, partito politico e perfino nell'esercito somalo."

Discorso da vero statista, da premio Nobel. Il portavoce ufficiale dei terroristi.

Ma il consolato ce l'hanno qui da noi? Perché non si mangia un babà o una pizza con i nostri esponenti?

Potrebbe parlare della pianificazione dei prossimi attentati e del supporto logistico che potremmo fornire loro. Magari inviamo qualche reparto di polizia militare per istruire i terroristi a difendersi dai cattivoni che stanno combattendo.
 
Registrato
5 Ottobre 2016
Messaggi
11,586
Reaction score
1,996
Inquietante intervista di Repubblica al portavoce ufficiale del gruppo terroistico Al Shabaab, che ha sequestrato Silvia Romano:

"I soldi del riscatto pagati per Silvia Romano in parte serviranno ad acquistare armi, di cui abbiamo sempre più bisogno per portare avanti la Jihad, la nostra guerra santa. Il resto servirà a gestire il Paese: a pagare le scuole, a comprare il cibo e le medicine che distribuiamo al nostro popolo, a formare i poliziotti che mantengono l'ordine e fanno rispettare le leggi del Corano.
Silvia Romano ha scelto l'Islam perché ha capito il valore della nostra religione dopo aver letto il Corano. Ha aperto gli occhi e ha visto un mondo migliore.
Al rapimento hanno partecipato decine di persone, ma non è stato organizzato dai vertici del gruppo.
C'è una struttura in seno ad Al Shabaab che si occupa di trovare soldi per far funzionare l'organizzazione, la quale poi li ridistribuisce al popolo somalo. È questa struttura che gestisce le diverse fonti d'introiti.
Silvia Romano rappresentava per noi una preziosa merce di scambio. Non l'abbiamo maltrattata, non era prigioniera di guerra, rispettiamo le donne.
I prigionieri di guerra li passiamo per le armi, esattamente come fa l'esercito somalo quando cattura un soldato di Al Shabaab. Prima di giustiziare i prigionieri, le truppe di Mogadiscio li torturano per farli parlare, per estorcere tutte le informazioni possibili sulle nostre postazioni strategiche o sulla struttura di comando del nostro gruppo. Ma i nostri soldati sono addestrati anche a soffrire, perciò molti muoiono sotto tortura senza rivelare nulla. Noi invece non dobbiamo torturare nessuno, perché sappiamo tutto. A Mogadiscio abbiamo infiltrato i nostri uomini in ogni istituzione, ministero, partito politico e perfino nell'esercito somalo."

Almeno ci dica se gli sono piaciuti i momenti di intimità con la "convertita".
A questo punto è l'unica informazione che mi interessa.
Ah, e che nome daranno al nascituro, anche se tirando a indovinare direi Mohammed, Abdul o Sahid.
 

Milanforever26

Senior Member
Registrato
6 Giugno 2014
Messaggi
39,452
Reaction score
3,104
Inquietante intervista di Repubblica al portavoce ufficiale del gruppo terroistico Al Shabaab, che ha sequestrato Silvia Romano:

"I soldi del riscatto pagati per Silvia Romano in parte serviranno ad acquistare armi, di cui abbiamo sempre più bisogno per portare avanti la Jihad, la nostra guerra santa. Il resto servirà a gestire il Paese: a pagare le scuole, a comprare il cibo e le medicine che distribuiamo al nostro popolo, a formare i poliziotti che mantengono l'ordine e fanno rispettare le leggi del Corano.
Silvia Romano ha scelto l'Islam perché ha capito il valore della nostra religione dopo aver letto il Corano. Ha aperto gli occhi e ha visto un mondo migliore.
Al rapimento hanno partecipato decine di persone, ma non è stato organizzato dai vertici del gruppo.
C'è una struttura in seno ad Al Shabaab che si occupa di trovare soldi per far funzionare l'organizzazione, la quale poi li ridistribuisce al popolo somalo. È questa struttura che gestisce le diverse fonti d'introiti.
Silvia Romano rappresentava per noi una preziosa merce di scambio. Non l'abbiamo maltrattata, non era prigioniera di guerra, rispettiamo le donne.
I prigionieri di guerra li passiamo per le armi, esattamente come fa l'esercito somalo quando cattura un soldato di Al Shabaab. Prima di giustiziare i prigionieri, le truppe di Mogadiscio li torturano per farli parlare, per estorcere tutte le informazioni possibili sulle nostre postazioni strategiche o sulla struttura di comando del nostro gruppo. Ma i nostri soldati sono addestrati anche a soffrire, perciò molti muoiono sotto tortura senza rivelare nulla. Noi invece non dobbiamo torturare nessuno, perché sappiamo tutto. A Mogadiscio abbiamo infiltrato i nostri uomini in ogni istituzione, ministero, partito politico e perfino nell'esercito somalo."

Un portvoce ufficiale di un gruppo terroristico...non so perché ma io lo prenderei e gli caverei i denti uno a uno
 
Alto
head>