Sprofondo Milan. Pioli: è finita. Il derby può non bastare.

Stato
Chiusa ad ulteriori risposte.

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
207,192
Reaction score
29,278
I quotidiani in edicola sul KO del Milan contro la Roma

Tuttosport: De Rossi in semifinale, Pioli all’inferno. Come un anno fa, il Milan è uscito contro un’italiana (allora l’nter, stavolta la Roma) perdendo entrambe le partite. Il dato fotografa il perché Ibrahimovic, Furlani e Moncada (scesi in zona spogliatoio pure durante l’intervallo, con il Milan sotto 2-0) inquadrati dalle tv, avessero facce da funerale. A rendere tutto maledettamente più complicato il fatto che lunedì il Milan, se sconfitto, vedrà l’Inter vincere lo scudetto della seconda stella nel derby in un San Siro tutto rossonero. La squadra, al fischio finale, è stata fischiata e contestata e i giocatori hanno dovuto sorbirsi pure le “raccomandazioni” degli ultrà proprio in ottica derby. Fatto sta che ieri sera Pioli - a meno di un colpo di coda - si è giocato la possibilità di avere un futuro al Milan. La distanza siderale dall’Inter in campionato, l’eliminazione prematura dalla Champions e pure la lezione subita da De Rossi (contro Mou i rossoneri avevano vinto entrambe le gare in campionato...) sono capi d’accusa a cui risulta difficile opporre motivazioni sufficientemente convincenti a favore della permanenza.

GDS: ci sono carezze che fanno più le dei pugni. Quelle di Dybala e Pellegrini, dolcissime, hanno steso il Milan in 22 minuti. Sul primo tiro a giro, palo e gol del solito Mancini, sul secondo, palla in rete della Joya. Partita chiusa lì, anche se la Roma dal 31’ ha dovuto sopravvivere in 10 (espulso Celik). Ma l’educazione tattica ed etica di Daniele De Rossi ha permesso ai giallorossi di resistere fino alla fine, subendo solo un gol inutile (Gabbia). In minoranza, sembravano di più contro un Milan impresentabile, nel gioco e nell’animo. Alla vigilia Pioli aveva chiesto cuore e attenzione difensiva. Guardate le dormite e i pasticci di Calabria, Bennacer e Gabbia sui due gol. Come non detto. Le stelle, a partire da Leao, hanno steccato ancora. Ma anche Pioli ci ha messo del suo con un assetto cervellotico che non ha aiutato una squadra fragile che aveva bisogno di sicurezze. De Rossi invece ha azzeccato tutto, dalla carica della vigilia che ha messo in campo un manipolo di gladiatori (Bove, Paredes, Mancini…) alla gestione dell’inferiorità. Ha ricambiato la conferma del club, regalando la quarta semifinale europea consecutiva: incontrerà il Bayer Leverkusen. Le due brutte partite contro la Roma non possono invece non attirare nuvoloni sull’orizzonte di Pioli. E lunedì c’è il derby.

Sempre la GDS: per Pioli adesso si fa dura. Il derby può non bastare. Le domande allora ritornano. Perché un’altra serata così? Perché tutti i big ancora negativi in una partita importante? Perché un Milan scarico, senza idee chiare, senza grinta? E la più importante: quanto vale questo Milan? Pioli ha fatto il massimo per sfruttare la rosa? Il suo Milan per due anni è stato lontano dal primo posto in A ma i meriti storici di Pioli non possono essere cancellati: la rinascita, lo scudetto, la crescita dei giocatori, il gruppo compatto, le buone idee. Il triumvirato Furlani-Ibrahimovic-Moncada è chiamato a prendere una decisione e ora, più che mai, le possibilità di un cambio da luglio sono alte.

CorSera: il Milan esce a pezzi. ogni moneta ha due facce. Quella di De Rossi, fresco di rinnovo contrattuale, è sorridente. Quella di Pioli, al contrario, è triste. La posizione del tecnico, che due anni fa portò il Milan allo scudetto, è in bilico. Resterà fino a fine stagione ma il suo indice di gradimento è in caduta libera. Ieri ha giocato per 72’ in superiorità numerica e ne ha ricavato solo l’inutile gol di Gabbia nel finale. I giocatori, a fine gara, sono andati a rapporto dalla Curva, anche se non si potrebbe. Lunedì c’è il derby di Milano e la consacrazione definitiva dell’Inter sarebbe un altro colpo da incassare.

CorSport: un Diavolo di Roma. Milan travolto nelle due gare: ancora Mancini e poi Dybala lanciano i giallorossi in semi nale con il Leverkusen. L’espulsione di Celik riaccende le speranze di Pioli, ma in un’ora segna solo Gabbia

Repubblica: la Roma esorcizza un piccolo Diavolo. Pare ineluttabile l’addio di Pioli a giugno al Milan americano, a prescindere dal derby di lunedì che potrebbe consegnare all’Inter la 2ª stella. La sconfitta nel duello tattico è stata ancora netta, come all’andata. Stavolta Pioli ha architettato un vano arzigogolo offensivo: Musah terzino-ala per stringere, Calabria mediano e dare libertà a Pulisic. De Rossi non si è scomposto, limitandosi ad allargare di più Lukaku per garantire a Dybala le incursioni frontali. Per il Milan una caduta dolorosa. Il volto scuro del plenipotenziario sportivo Ibrahimovic era tutto un programma
 

bmb

Senior Member
Registrato
27 Agosto 2012
Messaggi
16,298
Reaction score
5,654
I quotidiani in edicola sul KO del Milan contro la Roma

Tuttosport: De Rossi in semifinale, Pioli all’inferno. Come un anno fa, il Milan è uscito contro un’italiana (allora l’nter, stavolta la Roma) perdendo entrambe le partite. Il dato fotografa il perché Ibrahimovic, Furlani e Moncada (scesi in zona spogliatoio pure durante l’intervallo, con il Milan sotto 2-0) inquadrati dalle tv, avessero facce da funerale. A rendere tutto maledettamente più complicato il fatto che lunedì il Milan, se sconfitto, vedrà l’Inter vincere lo scudetto della seconda stella nel derby in un San Siro tutto rossonero. La squadra, al fischio finale, è stata fischiata e contestata e i giocatori hanno dovuto sorbirsi pure le “raccomandazioni” degli ultrà proprio in ottica derby. Fatto sta che ieri sera Pioli - a meno di un colpo di coda - si è giocato la possibilità di avere un futuro al Milan. La distanza siderale dall’Inter in campionato, l’eliminazione prematura dalla Champions e pure la lezione subita da De Rossi (contro Mou i rossoneri avevano vinto entrambe le gare in campionato...) sono capi d’accusa a cui risulta difficile opporre motivazioni sufficientemente convincenti a favore della permanenza.

GDS: ci sono carezze che fanno più le dei pugni. Quelle di Dybala e Pellegrini, dolcissime, hanno steso il Milan in 22 minuti. Sul primo tiro a giro, palo e gol del solito Mancini, sul secondo, palla in rete della Joya. Partita chiusa lì, anche se la Roma dal 31’ ha dovuto sopravvivere in 10 (espulso Celik). Ma l’educazione tattica ed etica di Daniele De Rossi ha permesso ai giallorossi di resistere fino alla fine, subendo solo un gol inutile (Gabbia). In minoranza, sembravano di più contro un Milan impresentabile, nel gioco e nell’animo. Alla vigilia Pioli aveva chiesto cuore e attenzione difensiva. Guardate le dormite e i pasticci di Calabria, Bennacer e Gabbia sui due gol. Come non detto. Le stelle, a partire da Leao, hanno steccato ancora. Ma anche Pioli ci ha messo del suo con un assetto cervellotico che non ha aiutato una squadra fragile che aveva bisogno di sicurezze. De Rossi invece ha azzeccato tutto, dalla carica della vigilia che ha messo in campo un manipolo di gladiatori (Bove, Paredes, Mancini…) alla gestione dell’inferiorità. Ha ricambiato la conferma del club, regalando la quarta semifinale europea consecutiva: incontrerà il Bayer Leverkusen. Le due brutte partite contro la Roma non possono invece non attirare nuvoloni sull’orizzonte di Pioli. E lunedì c’è il derby.

Sempre la GDS: per Pioli adesso si fa dura. Il derby può non bastare. Le domande allora ritornano. Perché un’altra serata così? Perché tutti i big ancora negativi in una partita importante? Perché un Milan scarico, senza idee chiare, senza grinta? E la più importante: quanto vale questo Milan? Pioli ha fatto il massimo per sfruttare la rosa? Il suo Milan per due anni è stato lontano dal primo posto in A ma i meriti storici di Pioli non possono essere cancellati: la rinascita, lo scudetto, la crescita dei giocatori, il gruppo compatto, le buone idee. Il triumvirato Furlani-Ibrahimovic-Moncada è chiamato a prendere una decisione e ora, più che mai, le possibilità di un cambio da luglio sono alte

In aggiornamento con tutte le altre news

Pioli_DB2_0228-e1698004543890.jpg
Posso dire solo una cosa?

E' la prima volta che vedo la VAR chiamare l'arbitro per annullare una punizione (non un rigore eh).
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
207,192
Reaction score
29,278
I quotidiani in edicola sul KO del Milan contro la Roma

Tuttosport: De Rossi in semifinale, Pioli all’inferno. Come un anno fa, il Milan è uscito contro un’italiana (allora l’nter, stavolta la Roma) perdendo entrambe le partite. Il dato fotografa il perché Ibrahimovic, Furlani e Moncada (scesi in zona spogliatoio pure durante l’intervallo, con il Milan sotto 2-0) inquadrati dalle tv, avessero facce da funerale. A rendere tutto maledettamente più complicato il fatto che lunedì il Milan, se sconfitto, vedrà l’Inter vincere lo scudetto della seconda stella nel derby in un San Siro tutto rossonero. La squadra, al fischio finale, è stata fischiata e contestata e i giocatori hanno dovuto sorbirsi pure le “raccomandazioni” degli ultrà proprio in ottica derby. Fatto sta che ieri sera Pioli - a meno di un colpo di coda - si è giocato la possibilità di avere un futuro al Milan. La distanza siderale dall’Inter in campionato, l’eliminazione prematura dalla Champions e pure la lezione subita da De Rossi (contro Mou i rossoneri avevano vinto entrambe le gare in campionato...) sono capi d’accusa a cui risulta difficile opporre motivazioni sufficientemente convincenti a favore della permanenza.

GDS: ci sono carezze che fanno più le dei pugni. Quelle di Dybala e Pellegrini, dolcissime, hanno steso il Milan in 22 minuti. Sul primo tiro a giro, palo e gol del solito Mancini, sul secondo, palla in rete della Joya. Partita chiusa lì, anche se la Roma dal 31’ ha dovuto sopravvivere in 10 (espulso Celik). Ma l’educazione tattica ed etica di Daniele De Rossi ha permesso ai giallorossi di resistere fino alla fine, subendo solo un gol inutile (Gabbia). In minoranza, sembravano di più contro un Milan impresentabile, nel gioco e nell’animo. Alla vigilia Pioli aveva chiesto cuore e attenzione difensiva. Guardate le dormite e i pasticci di Calabria, Bennacer e Gabbia sui due gol. Come non detto. Le stelle, a partire da Leao, hanno steccato ancora. Ma anche Pioli ci ha messo del suo con un assetto cervellotico che non ha aiutato una squadra fragile che aveva bisogno di sicurezze. De Rossi invece ha azzeccato tutto, dalla carica della vigilia che ha messo in campo un manipolo di gladiatori (Bove, Paredes, Mancini…) alla gestione dell’inferiorità. Ha ricambiato la conferma del club, regalando la quarta semifinale europea consecutiva: incontrerà il Bayer Leverkusen. Le due brutte partite contro la Roma non possono invece non attirare nuvoloni sull’orizzonte di Pioli. E lunedì c’è il derby.

Sempre la GDS: per Pioli adesso si fa dura. Il derby può non bastare. Le domande allora ritornano. Perché un’altra serata così? Perché tutti i big ancora negativi in una partita importante? Perché un Milan scarico, senza idee chiare, senza grinta? E la più importante: quanto vale questo Milan? Pioli ha fatto il massimo per sfruttare la rosa? Il suo Milan per due anni è stato lontano dal primo posto in A ma i meriti storici di Pioli non possono essere cancellati: la rinascita, lo scudetto, la crescita dei giocatori, il gruppo compatto, le buone idee. Il triumvirato Furlani-Ibrahimovic-Moncada è chiamato a prendere una decisione e ora, più che mai, le possibilità di un cambio da luglio sono alte

In aggiornamento con tutte le altre news

CorSera: il Milan esce a pezzi. ogni moneta ha due facce. Quella di De Rossi, fresco di rinnovo contrattuale, è sorridente. Quella di Pioli, al contrario, è triste. La posizione del tecnico, che due anni fa portò il Milan allo scudetto, è in bilico. Resterà fino a fine stagione ma il suo indice di gradimento è in caduta libera. Ieri ha giocato per 72’ in superiorità numerica e ne ha ricavato solo l’inutile gol di Gabbia nel finale. I giocatori, a fine gara, sono andati a rapporto dalla Curva, anche se non si potrebbe. Lunedì c’è il derby di Milano e la consacrazione definitiva dell’Inter sarebbe un altro colpo da incassare.
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
207,192
Reaction score
29,278
I quotidiani in edicola sul KO del Milan contro la Roma

Tuttosport: De Rossi in semifinale, Pioli all’inferno. Come un anno fa, il Milan è uscito contro un’italiana (allora l’nter, stavolta la Roma) perdendo entrambe le partite. Il dato fotografa il perché Ibrahimovic, Furlani e Moncada (scesi in zona spogliatoio pure durante l’intervallo, con il Milan sotto 2-0) inquadrati dalle tv, avessero facce da funerale. A rendere tutto maledettamente più complicato il fatto che lunedì il Milan, se sconfitto, vedrà l’Inter vincere lo scudetto della seconda stella nel derby in un San Siro tutto rossonero. La squadra, al fischio finale, è stata fischiata e contestata e i giocatori hanno dovuto sorbirsi pure le “raccomandazioni” degli ultrà proprio in ottica derby. Fatto sta che ieri sera Pioli - a meno di un colpo di coda - si è giocato la possibilità di avere un futuro al Milan. La distanza siderale dall’Inter in campionato, l’eliminazione prematura dalla Champions e pure la lezione subita da De Rossi (contro Mou i rossoneri avevano vinto entrambe le gare in campionato...) sono capi d’accusa a cui risulta difficile opporre motivazioni sufficientemente convincenti a favore della permanenza.

GDS: ci sono carezze che fanno più le dei pugni. Quelle di Dybala e Pellegrini, dolcissime, hanno steso il Milan in 22 minuti. Sul primo tiro a giro, palo e gol del solito Mancini, sul secondo, palla in rete della Joya. Partita chiusa lì, anche se la Roma dal 31’ ha dovuto sopravvivere in 10 (espulso Celik). Ma l’educazione tattica ed etica di Daniele De Rossi ha permesso ai giallorossi di resistere fino alla fine, subendo solo un gol inutile (Gabbia). In minoranza, sembravano di più contro un Milan impresentabile, nel gioco e nell’animo. Alla vigilia Pioli aveva chiesto cuore e attenzione difensiva. Guardate le dormite e i pasticci di Calabria, Bennacer e Gabbia sui due gol. Come non detto. Le stelle, a partire da Leao, hanno steccato ancora. Ma anche Pioli ci ha messo del suo con un assetto cervellotico che non ha aiutato una squadra fragile che aveva bisogno di sicurezze. De Rossi invece ha azzeccato tutto, dalla carica della vigilia che ha messo in campo un manipolo di gladiatori (Bove, Paredes, Mancini…) alla gestione dell’inferiorità. Ha ricambiato la conferma del club, regalando la quarta semifinale europea consecutiva: incontrerà il Bayer Leverkusen. Le due brutte partite contro la Roma non possono invece non attirare nuvoloni sull’orizzonte di Pioli. E lunedì c’è il derby.

Sempre la GDS: per Pioli adesso si fa dura. Il derby può non bastare. Le domande allora ritornano. Perché un’altra serata così? Perché tutti i big ancora negativi in una partita importante? Perché un Milan scarico, senza idee chiare, senza grinta? E la più importante: quanto vale questo Milan? Pioli ha fatto il massimo per sfruttare la rosa? Il suo Milan per due anni è stato lontano dal primo posto in A ma i meriti storici di Pioli non possono essere cancellati: la rinascita, lo scudetto, la crescita dei giocatori, il gruppo compatto, le buone idee. Il triumvirato Furlani-Ibrahimovic-Moncada è chiamato a prendere una decisione e ora, più che mai, le possibilità di un cambio da luglio sono alte.

CorSera: il Milan esce a pezzi. ogni moneta ha due facce. Quella di De Rossi, fresco di rinnovo contrattuale, è sorridente. Quella di Pioli, al contrario, è triste. La posizione del tecnico, che due anni fa portò il Milan allo scudetto, è in bilico. Resterà fino a fine stagione ma il suo indice di gradimento è in caduta libera. Ieri ha giocato per 72’ in superiorità numerica e ne ha ricavato solo l’inutile gol di Gabbia nel finale. I giocatori, a fine gara, sono andati a rapporto dalla Curva, anche se non si potrebbe. Lunedì c’è il derby di Milano e la consacrazione definitiva dell’Inter sarebbe un altro colpo da incassare.

In aggiornamento con tutte le altre news
.
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
207,192
Reaction score
29,278
CorSport: un Diavolo di Roma. Milan travolto nelle due gare: ancora Mancini e poi Dybala lanciano i giallorossi in semi nale con il Leverkusen. L’espulsione di Celik riaccende le speranze di Pioli, ma in un’ora segna solo Gabbia
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
207,192
Reaction score
29,278
CorSport: un Diavolo di Roma. Milan travolto nelle due gare: ancora Mancini e poi Dybala lanciano i giallorossi in semi nale con il Leverkusen. L’espulsione di Celik riaccende le speranze di Pioli, ma in un’ora segna solo Gabbia
 
Registrato
8 Settembre 2016
Messaggi
8,393
Reaction score
2,608
Posso dire solo una cosa?

E' la prima volta che vedo la VAR chiamare l'arbitro per annullare una punizione (non un rigore eh).
All'inizio non ho capito ma in realtà ci sta.
Siccome hanno valutato un presunto rigore ed in effetti il fallo di mano c'era, il non dare rigore dipende dal precedente fallo di mano di Giroud e quindi si è ripreso con la punizione della Roma.
Per me non c'era neanche bisogno di chiamare l'arbitro al monitor, era tutto chiaro e infatti ha deciso in 3 secondi.

A me ha stupito su un calcio d'angolo precedente, con mi pare Tomori abbracciato dal difensore.

Comunque dopo prestazioni del genere parlare di situazioni arbitrali non ha senso.
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
207,192
Reaction score
29,278
I quotidiani in edicola sul KO del Milan contro la Roma

Tuttosport: De Rossi in semifinale, Pioli all’inferno. Come un anno fa, il Milan è uscito contro un’italiana (allora l’nter, stavolta la Roma) perdendo entrambe le partite. Il dato fotografa il perché Ibrahimovic, Furlani e Moncada (scesi in zona spogliatoio pure durante l’intervallo, con il Milan sotto 2-0) inquadrati dalle tv, avessero facce da funerale. A rendere tutto maledettamente più complicato il fatto che lunedì il Milan, se sconfitto, vedrà l’Inter vincere lo scudetto della seconda stella nel derby in un San Siro tutto rossonero. La squadra, al fischio finale, è stata fischiata e contestata e i giocatori hanno dovuto sorbirsi pure le “raccomandazioni” degli ultrà proprio in ottica derby. Fatto sta che ieri sera Pioli - a meno di un colpo di coda - si è giocato la possibilità di avere un futuro al Milan. La distanza siderale dall’Inter in campionato, l’eliminazione prematura dalla Champions e pure la lezione subita da De Rossi (contro Mou i rossoneri avevano vinto entrambe le gare in campionato...) sono capi d’accusa a cui risulta difficile opporre motivazioni sufficientemente convincenti a favore della permanenza.

GDS: ci sono carezze che fanno più le dei pugni. Quelle di Dybala e Pellegrini, dolcissime, hanno steso il Milan in 22 minuti. Sul primo tiro a giro, palo e gol del solito Mancini, sul secondo, palla in rete della Joya. Partita chiusa lì, anche se la Roma dal 31’ ha dovuto sopravvivere in 10 (espulso Celik). Ma l’educazione tattica ed etica di Daniele De Rossi ha permesso ai giallorossi di resistere fino alla fine, subendo solo un gol inutile (Gabbia). In minoranza, sembravano di più contro un Milan impresentabile, nel gioco e nell’animo. Alla vigilia Pioli aveva chiesto cuore e attenzione difensiva. Guardate le dormite e i pasticci di Calabria, Bennacer e Gabbia sui due gol. Come non detto. Le stelle, a partire da Leao, hanno steccato ancora. Ma anche Pioli ci ha messo del suo con un assetto cervellotico che non ha aiutato una squadra fragile che aveva bisogno di sicurezze. De Rossi invece ha azzeccato tutto, dalla carica della vigilia che ha messo in campo un manipolo di gladiatori (Bove, Paredes, Mancini…) alla gestione dell’inferiorità. Ha ricambiato la conferma del club, regalando la quarta semifinale europea consecutiva: incontrerà il Bayer Leverkusen. Le due brutte partite contro la Roma non possono invece non attirare nuvoloni sull’orizzonte di Pioli. E lunedì c’è il derby.

Sempre la GDS: per Pioli adesso si fa dura. Il derby può non bastare. Le domande allora ritornano. Perché un’altra serata così? Perché tutti i big ancora negativi in una partita importante? Perché un Milan scarico, senza idee chiare, senza grinta? E la più importante: quanto vale questo Milan? Pioli ha fatto il massimo per sfruttare la rosa? Il suo Milan per due anni è stato lontano dal primo posto in A ma i meriti storici di Pioli non possono essere cancellati: la rinascita, lo scudetto, la crescita dei giocatori, il gruppo compatto, le buone idee. Il triumvirato Furlani-Ibrahimovic-Moncada è chiamato a prendere una decisione e ora, più che mai, le possibilità di un cambio da luglio sono alte.

CorSera: il Milan esce a pezzi. ogni moneta ha due facce. Quella di De Rossi, fresco di rinnovo contrattuale, è sorridente. Quella di Pioli, al contrario, è triste. La posizione del tecnico, che due anni fa portò il Milan allo scudetto, è in bilico. Resterà fino a fine stagione ma il suo indice di gradimento è in caduta libera. Ieri ha giocato per 72’ in superiorità numerica e ne ha ricavato solo l’inutile gol di Gabbia nel finale. I giocatori, a fine gara, sono andati a rapporto dalla Curva, anche se non si potrebbe. Lunedì c’è il derby di Milano e la consacrazione definitiva dell’Inter sarebbe un altro colpo da incassare.

CorSport: un Diavolo di Roma. Milan travolto nelle due gare: ancora Mancini e poi Dybala lanciano i giallorossi in semi nale con il Leverkusen. L’espulsione di Celik riaccende le speranze di Pioli, ma in un’ora segna solo Gabbia

In aggiornamento con tutte le altre news
.
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
207,192
Reaction score
29,278
Repubblica: la Roma esorcizza un piccolo Diavolo. Pare ineluttabile l’addio di Pioli a giugno al Milan americano, a prescindere dal derby di lunedì che potrebbe consegnare all’Inter la 2ª stella. La sconfitta nel duello tattico è stata ancora netta, come all’andata. Stavolta Pioli ha architettato un vano arzigogolo offensivo: Musah terzino-ala per stringere, Calabria mediano e dare libertà a Pulisic. De Rossi non si è scomposto, limitandosi ad allargare di più Lukaku per garantire a Dybala le incursioni frontali. Per il Milan una caduta dolorosa. Il volto scuro del plenipotenziario sportivo Ibrahimovic era tutto un programma
 
Stato
Chiusa ad ulteriori risposte.

Similar threads

Alto
head>