Serie A vs FIGC. Scontro su soldi e riforme.

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
204,262
Reaction score
27,472
Repubblica in edicola sulla spaccatura nel calcio italiano tra Lega Serie A e FIGC: la scintilla s’è accesa, lo scontro tra la Lega Serie A e la Federcalcio è iniziato. E si alimenta ogni giorno di frasi pungenti e piani di riforma, di posizioni contrastanti e guanti di sfida. La Federcalcio ha aperto la stagione delle riforme con tutte le proprie componenti. La Serie A è ancora il motore che garantisce soldi a pioggia all’intero movimento. I soldi però adesso stanno finendo davvero. Il piano di riforme della Serie A è un documento in 12 punti e 45 voci complessive, non ancora definito. E che parte con una premessa che recita così: “Se non ora, quando?”. Tra le voci si può trovare letteralmente qualunque argomento possibile riguardo al calcio italiano: ma tra temi al limite del surreale (il tempo effettivo, avere meno partite delle Nazionali e più extracomunitari) e alcune interessanti come il professionismo arbitrale, l’ipotesi di salary cap e la riforma di Coppa Italia e Supercoppa, spicca soprattutto un punto: la riforma della governance nella Federcalcio. La Serie A vuole avere più peso politico, visto che da anni perde ogni votazione in Figc. Lorenzo Casini, presidente della Lega Calcio e quindi rappresentante delle 20 squadre del campionato, da giorni parla di “autonomia”: evoca il modello della Premier League, impropriamente ma per dire che la Serie A vuol decidere per se stessa. Perché tutti i soldi che muove il pallone, o quasi, sono i suoi. Anche tutti i debiti, però. Proprio sul tema della sostenibilità la Federcalcio lancerà la propria sfida ai club: più peso politico, sì, ma anche criteri più stringenti per iscriversi ai campionati. Per questo Lotito e Cairo — ma non solo loro — sono sul piede di guerra. Dopo l’ultima assemblea, un delegato della A era sicuro: «Vogliono far fuori Gravina». E lui, che lo ha capito, è pronto ad annullare l’assemblea straordinaria dell’11 marzo in cui il progetto riformista sarebbe dovuto partire. Cosa vuole la Serie A? Quello che emerge da quel piano è la ricerca disperata di risorse. Ridurre le squadre professionistiche — quindi meno club in Serie C — per spendere meno in mutualità. E poi liberare soldi introducendo una riduzione automatica dei contratti dei calciatori in caso di retrocessione. Posizione che si scontra con l’Assocalciatori, il cui presidente, Umberto Calcagno, è vice presidente della Federcalcio. Ma anche uno dei nemici giurati della Serie A: perché è stato lui a far abolire dal governo il decreto Crescita che permetteva alle società un regime fiscale agevolato per i contratti degli stranieri in arrivo dall’estero. E che ha permesso di ingaggiare campioni come Lukaku, Osimhen, Rabiot, Thuram, Pulisic. I club considerano quella mossa uno sgarbo grave. Lunedì le 20 squadre si ritroveranno per definire quel programma e presentarsi pronte al tavolo di riforma convocato per martedì a Roma dalla Federcalcio. Il problema per le squadre però è riuscire a fare sistema. Perché la Serie A è a sua volta divisa. La frattura è emersa quando Inter, Juve e Milan hanno parlato apertamente di un passaggio da 20 a 18 squadre. Incontrando lo stop di Galliani che rappresentava il microcosmo delle piccole e medie che avrebbero più da perdere se diminuissero le squadre. Le tre big però pesano, da sole, il 62-68% del pubblico del calcio italiano. E in tutto almeno 6 club appoggerebbero il passaggio a 18, forse 7, anche se non si espongono. Per cambiare ne servono però 14, e a quel numero non si arriverà mai. Ma con la maggioranza semplice, ossia 11 consensi, potrebbero esercitare una pressione sia sulle altre squadre che sulla Figc. Se in passato ridurre il numero di squadre era una opportunità, ora con i nuovi calendari internazionali è una necessità. Solo per le grandi, però.
 
Registrato
11 Aprile 2016
Messaggi
60,030
Reaction score
25,744
Repubblica in edicola sulla spaccatura nel calcio italiano tra Lega Serie A e FIGC: la scintilla s’è accesa, lo scontro tra la Lega Serie A e la Federcalcio è iniziato. E si alimenta ogni giorno di frasi pungenti e piani di riforma, di posizioni contrastanti e guanti di sfida. La Federcalcio ha aperto la stagione delle riforme con tutte le proprie componenti. La Serie A è ancora il motore che garantisce soldi a pioggia all’intero movimento. I soldi però adesso stanno finendo davvero. Il piano di riforme della Serie A è un documento in 12 punti e 45 voci complessive, non ancora definito. E che parte con una premessa che recita così: “Se non ora, quando?”. Tra le voci si può trovare letteralmente qualunque argomento possibile riguardo al calcio italiano: ma tra temi al limite del surreale (il tempo effettivo, avere meno partite delle Nazionali e più extracomunitari) e alcune interessanti come il professionismo arbitrale, l’ipotesi di salary cap e la riforma di Coppa Italia e Supercoppa, spicca soprattutto un punto: la riforma della governance nella Federcalcio. La Serie A vuole avere più peso politico, visto che da anni perde ogni votazione in Figc. Lorenzo Casini, presidente della Lega Calcio e quindi rappresentante delle 20 squadre del campionato, da giorni parla di “autonomia”: evoca il modello della Premier League, impropriamente ma per dire che la Serie A vuol decidere per se stessa. Perché tutti i soldi che muove il pallone, o quasi, sono i suoi. Anche tutti i debiti, però. Proprio sul tema della sostenibilità la Federcalcio lancerà la propria sfida ai club: più peso politico, sì, ma anche criteri più stringenti per iscriversi ai campionati. Per questo Lotito e Cairo — ma non solo loro — sono sul piede di guerra. Dopo l’ultima assemblea, un delegato della A era sicuro: «Vogliono far fuori Gravina». E lui, che lo ha capito, è pronto ad annullare l’assemblea straordinaria dell’11 marzo in cui il progetto riformista sarebbe dovuto partire. Cosa vuole la Serie A? Quello che emerge da quel piano è la ricerca disperata di risorse. Ridurre le squadre professionistiche — quindi meno club in Serie C — per spendere meno in mutualità. E poi liberare soldi introducendo una riduzione automatica dei contratti dei calciatori in caso di retrocessione. Posizione che si scontra con l’Assocalciatori, il cui presidente, Umberto Calcagno, è vice presidente della Federcalcio. Ma anche uno dei nemici giurati della Serie A: perché è stato lui a far abolire dal governo il decreto Crescita che permetteva alle società un regime fiscale agevolato per i contratti degli stranieri in arrivo dall’estero. E che ha permesso di ingaggiare campioni come Lukaku, Osimhen, Rabiot, Thuram, Pulisic. I club considerano quella mossa uno sgarbo grave. Lunedì le 20 squadre si ritroveranno per definire quel programma e presentarsi pronte al tavolo di riforma convocato per martedì a Roma dalla Federcalcio. Il problema per le squadre però è riuscire a fare sistema. Perché la Serie A è a sua volta divisa. La frattura è emersa quando Inter, Juve e Milan hanno parlato apertamente di un passaggio da 20 a 18 squadre. Incontrando lo stop di Galliani che rappresentava il microcosmo delle piccole e medie che avrebbero più da perdere se diminuissero le squadre. Le tre big però pesano, da sole, il 62-68% del pubblico del calcio italiano. E in tutto almeno 6 club appoggerebbero il passaggio a 18, forse 7, anche se non si espongono. Per cambiare ne servono però 14, e a quel numero non si arriverà mai. Ma con la maggioranza semplice, ossia 11 consensi, potrebbero esercitare una pressione sia sulle altre squadre che sulla Figc. Se in passato ridurre il numero di squadre era una opportunità, ora con i nuovi calendari internazionali è una necessità. Solo per le grandi, però.
Il paradosso del calcio italiano è che i boss sono quelli che guidano i club più falliti e indebitati.
Troveranno anche stavolta il modo di raggirare le regole senza ridurre mai i costi.
Ci pensa zio lotito col fido cairo al fianco.
 
Registrato
8 Febbraio 2019
Messaggi
16,341
Reaction score
8,553
le riforme sono semplicissime, ma ai politicanti non è mai interessato fare crescere un prodotto ma le battaglie interne per i posti al potere e le promozioni. Sono totalmente favorevole a uno scisma totale della serie A dalla FIGC per creare una Super Lega gestita solo ed esclusivamente da privati senza FIGC e politici. Sarebbe una svolta epocale per il calcio italiano, probabilmente l'unico per salvare questa leghetta destinata all' oblio.
 
Registrato
11 Aprile 2016
Messaggi
60,030
Reaction score
25,744
le riforme sono semplicissime, ma ai politicanti non è mai interessato fare crescere un prodotto ma le battaglie interne per i posti al potere e le promozioni. Sono totalmente favorevole a uno scisma totale della serie A dalla FIGC per creare una Super Lega gestita solo ed esclusivamente da privati senza FIGC e politici. Sarebbe una svolta epocale per il calcio italiano, probabilmente l'unico per salvare questa leghetta destinata all' oblio.
adl ne parla minimo da 10 anni di queste cose e lo fanno passare per fesso.
 

Franco

Well-known member
Registrato
22 Giugno 2022
Messaggi
1,738
Reaction score
1,571
Il paradosso del calcio italiano è che i boss sono quelli che guidano i club più falliti e indebitati.
Troveranno anche stavolta il modo di raggirare le regole senza ridurre mai i costi.
Ci pensa zio lotito col fido cairo al fianco.

Basta leggere gli editoriali della gazzetta per sapere cosa vuole Cairo e quindi la serie a. Sconti fiscali, soldi pubblici a pioggia e nessun controllo da parte di nessuno. Gli attacchi politici a Salvini da parte della gazzetta (un quotidiano sportivo) per aver tolto il decreto crescita sono il punto più basso mai raggiunto dal giornalismo sportivo. Per una volta mi tocca stare dalla parte di Gravina. E di Salvini, sperando che non cali le braghe.
 

Similar threads

Alto
head>