Sconcerti:"Milan serve un salto mentale. CDK deve capire".

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
164,667
Reaction score
12,041
Mario Sconcerti dal CorSera sul Milan:"La notte del Milan è ravvivata dalla sconfitta del Chelsea a Zagabria, un pareggio a Salisburgo, dove non vince di solito nessuno, alla fine va anche bene. Non è stato il Milan del derby, stranamente impreciso, con molti errori tecnici nei passaggi e qualche problema individuale. Leao era nella fase dell’indolenza. Quando si è acceso, il Milan ha segnato, poi è di nuovo sparito. De Ketelaere deve ancora capire su quale stella è atterrato. Si muove ma è lui che va aiutato, non è ancora lui ad aiutare la squadra. C’è da aspettare. La differenza con l’avversario era netta, non c’è qualità europea nel Salisburgo, ma tanta spinta, tanta voglia di emergere. Stavolta è stato un Milan abbastanza dentro il girone, mai veramente in partita alla sua maniera. Non è una delusione, è una specie di frenata riflessiva, la coscienza che non si può battersi sempre e che comunque in Europa la velocità di gioco resta essenziale. Le grandi squadre vincono a Glasgow nettamente come il Real e come il City a Siviglia. Il Milan forse è in grado di farlo ma deve capirsi. Il salto di qualità ormai è soprattutto mentale".
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
164,667
Reaction score
12,041
Mario Sconcerti dal CorSera sul Milan:"La notte del Milan è ravvivata dalla sconfitta del Chelsea a Zagabria, un pareggio a Salisburgo, dove non vince di solito nessuno, alla fine va anche bene. Non è stato il Milan del derby, stranamente impreciso, con molti errori tecnici nei passaggi e qualche problema individuale. Leao era nella fase dell’indolenza. Quando si è acceso, il Milan ha segnato, poi è di nuovo sparito. De Ketelaere deve ancora capire su quale stella è atterrato. Si muove ma è lui che va aiutato, non è ancora lui ad aiutare la squadra. C’è da aspettare. La differenza con l’avversario era netta, non c’è qualità europea nel Salisburgo, ma tanta spinta, tanta voglia di emergere. Stavolta è stato un Milan abbastanza dentro il girone, mai veramente in partita alla sua maniera. Non è una delusione, è una specie di frenata riflessiva, la coscienza che non si può battersi sempre e che comunque in Europa la velocità di gioco resta essenziale. Le grandi squadre vincono a Glasgow nettamente come il Real e come il City a Siviglia. Il Milan forse è in grado di farlo ma deve capirsi. Il salto di qualità ormai è soprattutto mentale".
-
 

The P

Senior Member
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
6,006
Reaction score
799
Mario Sconcerti dal CorSera sul Milan:"La notte del Milan è ravvivata dalla sconfitta del Chelsea a Zagabria, un pareggio a Salisburgo, dove non vince di solito nessuno, alla fine va anche bene. Non è stato il Milan del derby, stranamente impreciso, con molti errori tecnici nei passaggi e qualche problema individuale. Leao era nella fase dell’indolenza. Quando si è acceso, il Milan ha segnato, poi è di nuovo sparito. De Ketelaere deve ancora capire su quale stella è atterrato. Si muove ma è lui che va aiutato, non è ancora lui ad aiutare la squadra. C’è da aspettare. La differenza con l’avversario era netta, non c’è qualità europea nel Salisburgo, ma tanta spinta, tanta voglia di emergere. Stavolta è stato un Milan abbastanza dentro il girone, mai veramente in partita alla sua maniera. Non è una delusione, è una specie di frenata riflessiva, la coscienza che non si può battersi sempre e che comunque in Europa la velocità di gioco resta essenziale. Le grandi squadre vincono a Glasgow nettamente come il Real e come il City a Siviglia. Il Milan forse è in grado di farlo ma deve capirsi. Il salto di qualità ormai è soprattutto mentale".
Concordo sul fatto di qualità mentale. Ieri si è vista poca lucidità, sia nelle scelte che nei passaggi, ne abbiamo sbagliato alcuni che in campionato non sbaglieremmo mai.

Detto questo, nessuno menziona le fatiche del derby, era la stessa squadra, solo tre giorni prima.
 
Registrato
5 Luglio 2018
Messaggi
3,073
Reaction score
1,263
Mario Sconcerti dal CorSera sul Milan:"La notte del Milan è ravvivata dalla sconfitta del Chelsea a Zagabria, un pareggio a Salisburgo, dove non vince di solito nessuno, alla fine va anche bene. Non è stato il Milan del derby, stranamente impreciso, con molti errori tecnici nei passaggi e qualche problema individuale. Leao era nella fase dell’indolenza. Quando si è acceso, il Milan ha segnato, poi è di nuovo sparito. De Ketelaere deve ancora capire su quale stella è atterrato. Si muove ma è lui che va aiutato, non è ancora lui ad aiutare la squadra. C’è da aspettare. La differenza con l’avversario era netta, non c’è qualità europea nel Salisburgo, ma tanta spinta, tanta voglia di emergere. Stavolta è stato un Milan abbastanza dentro il girone, mai veramente in partita alla sua maniera. Non è una delusione, è una specie di frenata riflessiva, la coscienza che non si può battersi sempre e che comunque in Europa la velocità di gioco resta essenziale. Le grandi squadre vincono a Glasgow nettamente come il Real e come il City a Siviglia. Il Milan forse è in grado di farlo ma deve capirsi. Il salto di qualità ormai è soprattutto mentale".
Posa il fiasco Mario, che prima di avvicinare Real e City ci vuole ancora un lustro minimo minimo..
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
164,667
Reaction score
12,041
Mario Sconcerti dal CorSera sul Milan:"La notte del Milan è ravvivata dalla sconfitta del Chelsea a Zagabria, un pareggio a Salisburgo, dove non vince di solito nessuno, alla fine va anche bene. Non è stato il Milan del derby, stranamente impreciso, con molti errori tecnici nei passaggi e qualche problema individuale. Leao era nella fase dell’indolenza. Quando si è acceso, il Milan ha segnato, poi è di nuovo sparito. De Ketelaere deve ancora capire su quale stella è atterrato. Si muove ma è lui che va aiutato, non è ancora lui ad aiutare la squadra. C’è da aspettare. La differenza con l’avversario era netta, non c’è qualità europea nel Salisburgo, ma tanta spinta, tanta voglia di emergere. Stavolta è stato un Milan abbastanza dentro il girone, mai veramente in partita alla sua maniera. Non è una delusione, è una specie di frenata riflessiva, la coscienza che non si può battersi sempre e che comunque in Europa la velocità di gioco resta essenziale. Le grandi squadre vincono a Glasgow nettamente come il Real e come il City a Siviglia. Il Milan forse è in grado di farlo ma deve capirsi. Il salto di qualità ormai è soprattutto mentale".
.
 
Registrato
7 Settembre 2012
Messaggi
3,961
Reaction score
211
in Europa siamo preoccupati e non a nostro agio. possiamo dire che , quando parte la musichetta della CL, ce la facciamo sotto
 
Registrato
20 Aprile 2016
Messaggi
11,000
Reaction score
4,867
Mario Sconcerti dal CorSera sul Milan:"La notte del Milan è ravvivata dalla sconfitta del Chelsea a Zagabria, un pareggio a Salisburgo, dove non vince di solito nessuno, alla fine va anche bene. Non è stato il Milan del derby, stranamente impreciso, con molti errori tecnici nei passaggi e qualche problema individuale. Leao era nella fase dell’indolenza. Quando si è acceso, il Milan ha segnato, poi è di nuovo sparito. De Ketelaere deve ancora capire su quale stella è atterrato. Si muove ma è lui che va aiutato, non è ancora lui ad aiutare la squadra. C’è da aspettare. La differenza con l’avversario era netta, non c’è qualità europea nel Salisburgo, ma tanta spinta, tanta voglia di emergere. Stavolta è stato un Milan abbastanza dentro il girone, mai veramente in partita alla sua maniera. Non è una delusione, è una specie di frenata riflessiva, la coscienza che non si può battersi sempre e che comunque in Europa la velocità di gioco resta essenziale. Le grandi squadre vincono a Glasgow nettamente come il Real e come il City a Siviglia. Il Milan forse è in grado di farlo ma deve capirsi. Il salto di qualità ormai è soprattutto mentale".
Consdierazioni che aver giocato 3 giorni il derby piu intenso degli ultimi 10 anni si porta via il vento
 

Simo98

Junior Member
Registrato
27 Luglio 2019
Messaggi
2,066
Reaction score
1,108
Il problema della CL (che hanno tutte le italiane a dire il vero) è che il campionato italiano non è allenante. In serie A noi quasi sempre superiamo l'avversario in intensità e prendiamo il pallino del gioco, in CL non ci riusciamo (Liverpool, Porto, Salisburgo). Le migliori prestazioni le abbiamo fatte infatti contro l'A.Madrid che ha un gioco simile alle italiane
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
164,667
Reaction score
12,041
Mario Sconcerti dal CorSera sul Milan:"La notte del Milan è ravvivata dalla sconfitta del Chelsea a Zagabria, un pareggio a Salisburgo, dove non vince di solito nessuno, alla fine va anche bene. Non è stato il Milan del derby, stranamente impreciso, con molti errori tecnici nei passaggi e qualche problema individuale. Leao era nella fase dell’indolenza. Quando si è acceso, il Milan ha segnato, poi è di nuovo sparito. De Ketelaere deve ancora capire su quale stella è atterrato. Si muove ma è lui che va aiutato, non è ancora lui ad aiutare la squadra. C’è da aspettare. La differenza con l’avversario era netta, non c’è qualità europea nel Salisburgo, ma tanta spinta, tanta voglia di emergere. Stavolta è stato un Milan abbastanza dentro il girone, mai veramente in partita alla sua maniera. Non è una delusione, è una specie di frenata riflessiva, la coscienza che non si può battersi sempre e che comunque in Europa la velocità di gioco resta essenziale. Le grandi squadre vincono a Glasgow nettamente come il Real e come il City a Siviglia. Il Milan forse è in grado di farlo ma deve capirsi. Il salto di qualità ormai è soprattutto mentale".
.
 

Similar threads

Alto
head>