Scaroni:"Bilancio ok. CL, stadio, mercato e rinnovi...".

Registrato
2 Maggio 2015
Messaggi
6,618
Reaction score
1,610
Ormai ci ricordano una volta a settimana che il bilancio "è ok" :asd:

Mi fa piacere eh, per carità, ma basta ricordarlo ogni 6 mesi che è sufficiente
Siamo solo un azienda. Io non sentivo mai parlare i Presidenti di singoli in questi termini, ma ormai sono tutte lobby fondi corporation ecc
 
Registrato
13 Gennaio 2014
Messaggi
31,890
Reaction score
9,856
Siamo solo un azienda. Io non sentivo mai parlare i Presidenti di singoli in questi termini, ma ormai sono tutte lobby fondi corporation ecc
Ma questo ci sta, i tempo dove l' imprenditore di turno poteva permettersi il giochino calcio, sono finiti.

Ormai son troppi i soldi in ballo, e nessuno puo' permettersi di perdere certe cifre.

Però boh, ripeterlo una volta a settimana è francamente eccessivo, abbiamo capito :asd:
 
Registrato
2 Maggio 2015
Messaggi
6,618
Reaction score
1,610
Ma questo ci sta, i tempo dove l' imprenditore di turno poteva permettersi il giochino calcio, sono finiti.

Ormai son troppi i soldi in ballo, e nessuno puo' permettersi di perdere certe cifre.

Però boh, ripeterlo una volta a settimana è francamente eccessivo, abbiamo capito :asd:
Infatti è questo che urta, e l'avevo fatto notare anch'io nelle settimane passate, sono più le dichiarazioni sul bilancio che sul gioco...la squadra...le ambizioni sportive...cosa ne pensano delle partite, del calcio...

Qualche imprenditore presidente da solo è rimasto, quelli del PSG e Abramovich ( che hanno fatto fuori in altro modo ma magicamente il Chelsea spende ancora più di prima ) ma a noi contano pure le cialde del caffè.
 
Ultima modifica:

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
204,363
Reaction score
27,570
Scaroni dall'assemblea dei soci: L'Assemblea è andata bene, abbiamo approvato un bilancio a monte del 30 giugno, un risultato ordinario e positivo per il Milan. Ha giocato un ruolo importantissimo la Champions League e la performance in Champions League. Questo lo dico per far capire quanto sia importante per un club come il Milan giocare in Champions League".

Cocirio:"Il discorso sullo stadio va messo a parte: con il completamento del progetto, si dovrà fare ricorso ad un finanziamento bancario".

Scaroni:"Lo stato? Ho visto con piacere che Sala si sta muovendo per rimuovere il preannuncio di vincolo. Io devo dire la verità: con un certo rammarico vedo queste nuove mosse del sindaco, perché se l'amministrazione comunale 4 anni fa avesse sposato il progetto facendolo suo, avremmo già costruito lo stadio. Non posso dimenticare il non far proprio il progetto stadio a Milano da parte dell'amministrazione comunale, anche perché c'era chi lo pagava con i due club pronti a finanziarlo. Ora il sindaco arranca per dipanare la matassa della sovrintendenza; finché il vincolo sta in piedi, l'ipotesi San Siro non esiste. Noi come Milan andiamo avanti su San Donato: stiamo studiando tutte le ipotesi di finanziamento con risorse proprie e dei finanziamenti; ci stiamo lavorando: fino a quando non ci sarà l'approvazione della variante non ci sarà bisogno di spese ulteriori oltre i 40 milioni delle spese pre-progettuali".

"Il rinnovo di Leao? L'operazione è stata gestita con grande perizia da Giorgio Furlani: senza la sua capacità negoziala e di capire l'intrigo legale sarebbe stato difficile portarla a termine. In buona sostanza c'è un rinnovo di cinque anni con Leao, poi la meccanica della negoziazione servirebbe Furlani".

"La questione piccoli azionisti? RedBird possiede il 99,97% del Milan, il resto delle azioni sono lo 0,3% con centinaia di azionisti alcuni dei quali si sono associati in APA, che rappresentano lo 0,02% con un investimento complessivo di 23mila euro. Il Milan dialoga con gli azionisti all'assemblea dei soci. APA non è una associazione di azionisti, ma di tifosi; quindi noi nei limiti che ci vengono dati dalla FIGC dialoghiamo con i tifosi, mischiare le due cose ci rende la vita complicata".

"I rinnovi di Leao e Maignan? Noi non commentiamo le operazioni di mercato dei nostri giocatori, ma noi abbiamo un filo rosso che seguiamo: le operazioni devono essere sostenibili economicamente. Noi, nell'ambito si sostenibilità economica, vogliamo avere giocatori forti, con contratti a lungo termine. Quando approcciamo i rinnovi, li guardiamo da questa angolatura".

"Un colpo in attacco? Io me lo auguro. Poi o risultati economici sono influenzati moltissimo dai risultati sportivi: se il Milan farà bene in Champions, se entrerà in Champions l'anno prossimo e lotterà per lo Scudetto… sarà tutto più sostenibile. Con entrate del genere ci potremmo permettere di guardare al mercato dell’anno prossimo in modo diverso. Risultati economici e risultati sportivi vanno sempre insieme. Mi auguro che ciò continuo e diventi sempre migliore di quello che abbiamo vissuto”.

"Sono contento della gente che lavora al Milan. Tutta l'azienda si è dimostrata estremamente efficiente: tutti i risultati sportivi danno risultati economici e viceversa. Se non siamo nelle posizioni di vertice non vendiamo nessuna maglietta. Tutto è andato nella giusta direzione".

"Ibra? La domanda andrebbe fatta a lui più che a noi. Noi abbiamo mostrato, da Cardinale a Furlani, una grande disponibilità e un grande piacere. Bisogna che Ibra decida cosa vuol fare da grande: da noi c'è una porta aperta. Lui sta vivendo un momento di riflessione: deve prendere una scelta sia professionale che geografica, perché deve decidere con la sua famiglia. Di fatto, aspettiamo lui".

"I diritti tv? Quando ho lasciato la riunione l'orientamento era un per rinnovo dell'accoppiata DAZN-Sky. A me non danno angoscia i diritti nazionali, ma quelli internazionali: noi dobbiamo riuscire a sviluppare la presenza della Lega a livello internazionale. Su questo si gioca molto del futuro della Serie A e del Milan".

"Capienza del nuovo stadio? Fino a 70mila sono due anelli, più di 70mila sono tre anelli. Un anello in più costa molto di più e la partita si vede un po' col cannocchiale. I 70mila sono un po' al limite massimo, vogliamo fare lo stadio a due anelli. Poche volte a San Siro ci sono più di 70mila spettatori

Vedi l'allegato 6185

.
 
Alto
head>