Rinnovo Leao: fretta e 7 mln. Chelsea pressa. Tre mesi decisivi.

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
164,667
Reaction score
12,041
COme riportato dalla GDS in edicola, quando manca Leao il Milan va KO. E sempre contro il Napoli. Il Milan senza Leao fa meno punti: sono 2,3 in media a partita con Rafa titolare, solo 1,4 quando resta in tribuna, ma non smette di segnare (sempre 1,8 di media) e di calciare in porta (da 15,8 a 16,4 tiri).Che cosa significa? ChePioli ha costruito una struttura di gioco capace di dare pericolosità indipendentemente (o quasi) dai singoli. E che Rafa, beh, è meglio averlo in campo.

Il grande tema, a fine settembre e soprattutto a ottobre, diventerà il rinnovo. Avete lasciato Leao corteggiato dal Chelsea a fine agosto? Ci sononovità. La prima: il Chelsea continua a mandare messaggi chiari. La strada per gennaio è ancora lunga ma Rafa al momento è un obiettivo di primo piano per Boehly. La seconda: Leaoha fretta di firmare un nuovo contratto. Vuole restare al Milane il rossonero resta la sua prima opzione, ma punta ad alzare al più presto l’accordo attuale da 1,5-2 milioni a stagione. Una cifra molto lontana dal suo valore reale. La terza: il dialogo col Milan è in corso ma l’accordo è ancora lontano. Leao chiede 7 mln ,il Milan è probabilmente deciso a offrire qualcosa meno (diciamo 6 milioni?) ma il grande tema di discussione è il risarcimento allo Sporting Lisbona. Leao, come deciso dai tribunali, deve pagare alla sua ex squadra 16 milioni - poi saliti a 19 - per la rescissione unilaterale del 2018, quando lasciò il club dopo l’aggressione di un gruppo di ultrà ai calciatori nel centro sportivo. Chi paga quella (enorme) somma? La prima bozza di accordo prevede una divisione della spesa tra il Lilla - vero beneficiario di quella mossa di Rafa -, il Milan e il giocatore. Ma Rafa, che nel frattempo ha subito un pignoramento deciso dal tribunale, chiede che siano i club, il Milan in particolare, a farsi carico del pagamento. Qui si gioca la partita. Tutti, o quasi tutti, hanno interesse a trovare una soluzione - anche il Lilla, che ha diritto a un15% sulla vendita di Leao - ma il rebus resta di livello difficile. La certezza è che i prossimi tre mesi saranno fondamentali. Il Milan proverà a trovare un accordo subito, sapendo che in primavera, con poco più di un anno rimanente sul contratto, tutto sarà più complicato e più rischioso. Servirà uno sforzo di tutti e un ruolo lo giocherà il Mondiale più strano di sempre, in inverno ma al caldo. IlChelsea potrebbe innamorarsi di qualcun altro oppure Rafa potrebbe salire un gradino, entrando nel gruppo ristretto dei primi 10 attaccanti al mondo. Boehly, in quel caso, non busserebbe. Sfonderebbe la porta
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
164,667
Reaction score
12,041
COme riportato dalla GDS in edicola, quando manca Leao il Milan va KO. E sempre contro il Napoli. Il Milan senza Leao fa meno punti: sono 2,3 in media a partita con Rafa titolare, solo 1,4 quando resta in tribuna, ma non smette di segnare (sempre 1,8 di media) e di calciare in porta (da 15,8 a 16,4 tiri).Che cosa significa? ChePioli ha costruito una struttura di gioco capace di dare pericolosità indipendentemente (o quasi) dai singoli. E che Rafa, beh, è meglio averlo in campo.

Il grande tema, a fine settembre e soprattutto a ottobre, diventerà il rinnovo. Avete lasciato Leao corteggiato dal Chelsea a fine agosto? Ci sononovità. La prima: il Chelsea continua a mandare .messaggi chiari. La strada per gennaio è ancora lunga ma Rafa al momento è un obiettivo di primo piano per Boehly. La seconda: Leaoha fretta di firmare un nuovo contratto. Vuole restare al Milane il rossonero resta la sua prima opzione, ma punta ad alzare al più presto l’accordo attuale da 1,5-2 milioni a stagione. Una cifra molto lontana dal suo valore reale. La terza: il dialogo col Milan è in corso ma l’accordo è ancora lontano. Leao chiede 7 mln ,il Milan è probabilmente deciso a offrire qualcosa meno (diciamo 6 milioni?) ma il grande tema di discussione è il risarcimento allo Sporting Lisbona. Leao, come deciso dai tribunali, deve pagare alla sua ex squadra 16 milioni - poi saliti a 19 - per la rescissione unilaterale del 2018, quando lasciò il club dopo l’aggressione di un gruppo di ultrà ai calciatori nel centro sportivo. Chi paga quella (enorme) somma? La prima bozza di accordo prevede una divisione della spesa tra il Lilla - vero beneficiario di quella mossa di Rafa -, il Milan e il giocatore. Ma Rafa, che nel frattempo ha subito un pignoramento deciso dal tribunale, chiede che siano i club, il Milan in particolare, a farsi carico del pagamento. Qui si gioca la partita. Tutti, o quasi tutti, hanno interesse a trovare una soluzione - anche il Lilla, che ha diritto a un15% sulla vendita di Leao - ma il rebus resta di livello difficile. La certezza è che i prossimi tre mesi saranno fondamentali. Il Milan proverà a trovare un accordo subito, sapendo che in primavera, con poco più di un anno rimanente sul contratto, tutto sarà più complicato e più rischioso. Servirà uno sforzo di tutti e un ruolo lo giocherà il Mondiale più strano di sempre, in inverno ma al caldo. IlChelsea potrebbe innamorarsi di qualcun altro oppure Rafa potrebbe salire un gradino, entrando nel gruppo ristretto dei primi 10 attaccanti al mondo. Boehly, in quel caso, non busserebbe. Sfonderebbe la porta
.
 

Nomaduk

Well-known member
Registrato
4 Marzo 2022
Messaggi
1,774
Reaction score
816
Solo una certezza,Mendes non farà muovere foglia prima del mondiale.

Cambia poco. Sta solo noi. Accetterà x adesso e x dopo il mondiale. Poi da maggio finisce la partita del rinnovo e inizia quella del o mi vendi a x milioni o andiamo via a 0 nel 23. Nell'ultimo anno di contratto sono davvero pochi i giocatori che rimangono nel club dove giocano.
 
Registrato
7 Gennaio 2021
Messaggi
5,537
Reaction score
2,191
Solo una certezza,Mendes non farà muovere foglia prima del mondiale.
Se gioca il mondiale da titolare (e non ci sono certezze visto che Ronaldo dovrà giocarle tutte da titolare e affianco a lui c è posto solo per un altro offensivo tra leao jota joao Felix e compagnia) è andato al 100% secondo me. Purtroppo.

Perché quando ti capita un Leao devi trattenerlo per 10 anni. I giocatori “status” sono quelli che caratterizzano le BIG anche tra i tifosi, se vendi subito il tuo top non sei riconoscibile, sei un Udinese o un Leicester, fai 3 anni buoni poi 3 nel buio, poi 1 buono poi arrivi settimo. Insomma non crei nessuna fan base. Ci sono una quindicina di giocatori “status” che rappresentano la tua squadra nel mondo, leao è quello de Milan e va tenuto quasi ad ogni costo.

Se poi per tenerlo devi fare debiti e fallire allora meglio procedere con 3 anni buoni e 2 bui, in modo sostenibile e si tira avanti. Ma se hai l’ambizione di tornare nell’ élite del calcio, diciamo un giorno tra le prime 8 in europa, non puoi lasciartelo scappare a 23 anni. Diverso sarebbe ne avesse 28-29 li rinunci a 2-3 anni per ricostituire con un giovane, ci starebbe. Ma vendere un top di 23 anni fa male al cuore.

L’atletico non vende Joao Felix, il Psg non vende Mbappe, Il Barcellona non vende Pedri, il Real non vende Vinicius e Rodrygo, il Liverpool non vende Alexander Arnold.

I potenziali top giovani son venduti dal Leverkusen (havertz) Borussia Dortmund (Halaand) Porto (Luis DiaZ) Inter (Hakimi).

Riuscire a trattenere leao fa la differenza tra ambire a entrare nelle top 8 in europa o vivacchiare un passo sotto come tante altre squadre europee con cicli di up e down
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
164,667
Reaction score
12,041
COme riportato dalla GDS in edicola, quando manca Leao il Milan va KO. E sempre contro il Napoli. Il Milan senza Leao fa meno punti: sono 2,3 in media a partita con Rafa titolare, solo 1,4 quando resta in tribuna, ma non smette di segnare (sempre 1,8 di media) e di calciare in porta (da 15,8 a 16,4 tiri).Che cosa significa? ChePioli ha costruito una struttura di gioco capace di dare pericolosità indipendentemente (o quasi) dai singoli. E che Rafa, beh, è meglio averlo in campo.

Il grande tema, a fine settembre e soprattutto a ottobre, diventerà il rinnovo. Avete lasciato Leao corteggiato dal Chelsea a fine agosto? Ci sononovità. La prima: il Chelsea continua a mandare messaggi chiari. La strada per gennaio è ancora lunga ma Rafa al momento è un obiettivo di primo piano per Boehly. La seconda: Leaoha fretta di firmare un nuovo contratto. Vuole restare al Milane il rossonero resta la sua prima opzione, ma punta ad alzare al più presto l’accordo attuale da 1,5-2 milioni a stagione. Una cifra molto lontana dal suo valore reale. La terza: il dialogo col Milan è in corso ma l’accordo è ancora lontano. Leao chiede 7 mln ,il Milan è probabilmente deciso a offrire qualcosa meno (diciamo 6 milioni?) ma il grande tema di discussione è il risarcimento allo Sporting Lisbona. Leao, come deciso dai tribunali, deve pagare alla sua ex squadra 16 milioni - poi saliti a 19 - per la rescissione unilaterale del 2018, quando lasciò il club dopo l’aggressione di un gruppo di ultrà ai calciatori nel centro sportivo. Chi paga quella (enorme) somma? La prima bozza di accordo prevede una divisione della spesa tra il Lilla - vero beneficiario di quella mossa di Rafa -, il Milan e il giocatore. Ma Rafa, che nel frattempo ha subito un pignoramento deciso dal tribunale, chiede che siano i club, il Milan in particolare, a farsi carico del pagamento. Qui si gioca la partita. Tutti, o quasi tutti, hanno interesse a trovare una soluzione - anche il Lilla, che ha diritto a un15% sulla vendita di Leao - ma il rebus resta di livello difficile. La certezza è che i prossimi tre mesi saranno fondamentali. Il Milan proverà a trovare un accordo subito, sapendo che in primavera, con poco più di un anno rimanente sul contratto, tutto sarà più complicato e più rischioso. Servirà uno sforzo di tutti e un ruolo lo giocherà il Mondiale più strano di sempre, in inverno ma al caldo. IlChelsea potrebbe innamorarsi di qualcun altro oppure Rafa potrebbe salire un gradino, entrando nel gruppo ristretto dei primi 10 attaccanti al mondo. Boehly, in quel caso, non busserebbe. Sfonderebbe la porta
.
 
Registrato
13 Gennaio 2014
Messaggi
25,397
Reaction score
5,142
Se gioca il mondiale da titolare (e non ci sono certezze visto che Ronaldo dovrà giocarle tutte da titolare e affianco a lui c è posto solo per un altro offensivo tra leao jota joao Felix e compagnia) è andato al 100% secondo me. Purtroppo.

Perché quando ti capita un Leao devi trattenerlo per 10 anni. I giocatori “status” sono quelli che caratterizzano le BIG anche tra i tifosi, se vendi subito il tuo top non sei riconoscibile, sei un Udinese o un Leicester, fai 3 anni buoni poi 3 nel buio, poi 1 buono poi arrivi settimo. Insomma non crei nessuna fan base. Ci sono una quindicina di giocatori “status” che rappresentano la tua squadra nel mondo, leao è quello de Milan e va tenuto quasi ad ogni costo.

Se poi per tenerlo devi fare debiti e fallire allora meglio procedere con 3 anni buoni e 2 bui, in modo sostenibile e si tira avanti. Ma se hai l’ambizione di tornare nell’ élite del calcio, diciamo un giorno tra le prime 8 in europa, non puoi lasciartelo scappare a 23 anni. Diverso sarebbe ne avesse 28-29 li rinunci a 2-3 anni per ricostituire con un giovane, ci starebbe. Ma vendere un top di 23 anni fa male al cuore.

L’atletico non vende Joao Felix, il Psg non vende Mbappe, Il Barcellona non vende Pedri, il Real non vende Vinicius e Rodrygo, il Liverpool non vende Alexander Arnold.

I potenziali top giovani son venduti dal Leverkusen (havertz) Borussia Dortmund (Halaand) Porto (Luis DiaZ) Inter (Hakimi).

Riuscire a trattenere leao fa la differenza tra ambire a entrare nelle top 8 in europa o vivacchiare un passo sotto come tante altre squadre europee con cicli di up e down
Perfect
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
164,667
Reaction score
12,041
COme riportato dalla GDS in edicola, quando manca Leao il Milan va KO. E sempre contro il Napoli. Il Milan senza Leao fa meno punti: sono 2,3 in media a partita con Rafa titolare, solo 1,4 quando resta in tribuna, ma non smette di segnare (sempre 1,8 di media) e di calciare in porta (da 15,8 a 16,4 tiri).Che cosa significa? ChePioli ha costruito una struttura di gioco capace di dare pericolosità indipendentemente (o quasi) dai singoli. E che Rafa, beh, è meglio averlo in campo.

Il grande tema, a fine settembre e soprattutto a ottobre, diventerà il rinnovo. Avete lasciato Leao corteggiato dal Chelsea a fine agosto? Ci sononovità. La prima: il Chelsea continua a mandare messaggi chiari. La strada per gennaio è ancora lunga ma Rafa al momento è un obiettivo di primo piano per Boehly. La seconda: Leaoha fretta di firmare un nuovo contratto. Vuole restare al Milane il rossonero resta la sua prima opzione, ma punta ad alzare al più presto l’accordo attuale da 1,5-2 milioni a stagione. Una cifra molto lontana dal suo valore reale. La terza: il dialogo col Milan è in corso ma l’accordo è ancora lontano. Leao chiede 7 mln ,il Milan è probabilmente deciso a offrire qualcosa meno (diciamo 6 milioni?) ma il grande tema di discussione è il risarcimento allo Sporting Lisbona. Leao, come deciso dai tribunali, deve pagare alla sua ex squadra 16 milioni - poi saliti a 19 - per la rescissione unilaterale del 2018, quando lasciò il club dopo l’aggressione di un gruppo di ultrà ai calciatori nel centro sportivo. Chi paga quella (enorme) somma? La prima bozza di accordo prevede una divisione della spesa tra il Lilla - vero beneficiario di quella mossa di Rafa -, il Milan e il giocatore. Ma Rafa, che nel frattempo ha subito un pignoramento deciso dal tribunale, chiede che siano i club, il Milan in particolare, a farsi carico del pagamento. Qui si gioca la partita. Tutti, o quasi tutti, hanno interesse a trovare una soluzione - anche il Lilla, che ha diritto a un15% sulla vendita di Leao - ma il rebus resta di livello difficile. La certezza è che i prossimi tre mesi saranno fondamentali. Il Milan proverà a trovare un accordo subito, sapendo che in primavera, con poco più di un anno rimanente sul contratto, tutto sarà più complicato e più rischioso. Servirà uno sforzo di tutti e un ruolo lo giocherà il Mondiale più strano di sempre, in inverno ma al caldo. IlChelsea potrebbe innamorarsi di qualcun altro oppure Rafa potrebbe salire un gradino, entrando nel gruppo ristretto dei primi 10 attaccanti al mondo. Boehly, in quel caso, non busserebbe. Sfonderebbe la porta
.
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
164,667
Reaction score
12,041
COme riportato dalla GDS in edicola, quando manca Leao il Milan va KO. E sempre contro il Napoli. Il Milan senza Leao fa meno punti: sono 2,3 in media a partita con Rafa titolare, solo 1,4 quando resta in tribuna, ma non smette di segnare (sempre 1,8 di media) e di calciare in porta (da 15,8 a 16,4 tiri).Che cosa significa? ChePioli ha costruito una struttura di gioco capace di dare pericolosità indipendentemente (o quasi) dai singoli. E che Rafa, beh, è meglio averlo in campo.

Il grande tema, a fine settembre e soprattutto a ottobre, diventerà il rinnovo. Avete lasciato Leao corteggiato dal Chelsea a fine agosto? Ci sononovità. La prima: il Chelsea continua a mandare messaggi chiari. La strada per gennaio è ancora lunga ma Rafa al momento è un obiettivo di primo piano per Boehly. La seconda: Leaoha fretta di firmare un nuovo contratto. Vuole restare al Milane il rossonero resta la sua prima opzione, ma punta ad alzare al più presto l’accordo attuale da 1,5-2 milioni a stagione. Una cifra molto lontana dal suo valore reale. La terza: il dialogo col Milan è in corso ma l’accordo è ancora lontano. Leao chiede 7 mln ,il Milan è probabilmente deciso a offrire qualcosa meno (diciamo 6 milioni?) ma il grande tema di discussione è il risarcimento allo Sporting Lisbona. Leao, come deciso dai tribunali, deve pagare alla sua ex squadra 16 milioni - poi saliti a 19 - per la rescissione unilaterale del 2018, quando lasciò il club dopo l’aggressione di un gruppo di ultrà ai calciatori nel centro sportivo. Chi paga quella (enorme) somma? La prima bozza di accordo prevede una divisione della spesa tra il Lilla - vero beneficiario di quella mossa di Rafa -, il Milan e il giocatore. Ma Rafa, che nel frattempo ha subito un pignoramento deciso dal tribunale, chiede che siano i club, il Milan in particolare, a farsi carico del pagamento. Qui si gioca la partita. Tutti, o quasi tutti, hanno interesse a trovare una soluzione - anche il Lilla, che ha diritto a un15% sulla vendita di Leao - ma il rebus resta di livello difficile. La certezza è che i prossimi tre mesi saranno fondamentali. Il Milan proverà a trovare un accordo subito, sapendo che in primavera, con poco più di un anno rimanente sul contratto, tutto sarà più complicato e più rischioso. Servirà uno sforzo di tutti e un ruolo lo giocherà il Mondiale più strano di sempre, in inverno ma al caldo. IlChelsea potrebbe innamorarsi di qualcun altro oppure Rafa potrebbe salire un gradino, entrando nel gruppo ristretto dei primi 10 attaccanti al mondo. Boehly, in quel caso, non busserebbe. Sfonderebbe la porta
.
 

Aron

Senior Member
Registrato
28 Aprile 2014
Messaggi
17,821
Reaction score
234
Se gioca il mondiale da titolare (e non ci sono certezze visto che Ronaldo dovrà giocarle tutte da titolare e affianco a lui c è posto solo per un altro offensivo tra leao jota joao Felix e compagnia) è andato al 100% secondo me. Purtroppo.

Perché quando ti capita un Leao devi trattenerlo per 10 anni. I giocatori “status” sono quelli che caratterizzano le BIG anche tra i tifosi, se vendi subito il tuo top non sei riconoscibile, sei un Udinese o un Leicester, fai 3 anni buoni poi 3 nel buio, poi 1 buono poi arrivi settimo. Insomma non crei nessuna fan base. Ci sono una quindicina di giocatori “status” che rappresentano la tua squadra nel mondo, leao è quello de Milan e va tenuto quasi ad ogni costo.

Se poi per tenerlo devi fare debiti e fallire allora meglio procedere con 3 anni buoni e 2 bui, in modo sostenibile e si tira avanti. Ma se hai l’ambizione di tornare nell’ élite del calcio, diciamo un giorno tra le prime 8 in europa, non puoi lasciartelo scappare a 23 anni. Diverso sarebbe ne avesse 28-29 li rinunci a 2-3 anni per ricostituire con un giovane, ci starebbe. Ma vendere un top di 23 anni fa male al cuore.

L’atletico non vende Joao Felix, il Psg non vende Mbappe, Il Barcellona non vende Pedri, il Real non vende Vinicius e Rodrygo, il Liverpool non vende Alexander Arnold.

I potenziali top giovani son venduti dal Leverkusen (havertz) Borussia Dortmund (Halaand) Porto (Luis DiaZ) Inter (Hakimi).

Riuscire a trattenere leao fa la differenza tra ambire a entrare nelle top 8 in europa o vivacchiare un passo sotto come tante altre squadre europee con cicli di up e down


Aggiungo una cosa: se si perdesse Leao, lo si dovrebbe perdere per una cifra mostruosa che consentirebbe di rafforzare la squadra. Non certo a 50 milioni a un anno dalla scadenza o, peggio, a parametro zero.
 

Similar threads

Alto
head>