Moviola quotidiani: rigore Atalanta ok.. o no?

Registrato
29 Ottobre 2017
Messaggi
5,178
Reaction score
2,492
io questi tipo di rigore li odio.
Odio pure i giocatori che accentuano i contatti, mi dà pure fastidio alla morte quando lo fa a ripetizione Theo.

Fosse per me, i falli devono essere falli. I contatti devono essere contatti che ostacolano l'avversario pesantemente.
Invece ormai la VAR è tutta un "i due corpi si toccano, quindi fallo".
 
Registrato
31 Agosto 2012
Messaggi
5,871
Reaction score
1,160
ok, dai rigore a girud.
bene iniziamo a dare ammonizioni a chi fa finta di essersi fatto male. xke non puo prenderti nel fianco e rotolare a terra xke ti han colpito sulla faccia...

con var e tutte le telecamere che ci sono, bisogna iniziare ad ammonire sti comportamenti
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
207,857
Reaction score
29,837
La GDS in edicola: Tre episodi da leggere, uno soprattutto: al 39’ pt Giroud calcia (in ritardo) il petto (non il viso) di Holm, il Var chiama per rilevare quel che Orsato può intuire: rigore più assegnato da regolamento (chi prima arriva ha... ragione) e tralasciando l‘intensità. Altri episodi: il tiro di Leao impatta il braccio (36’) di Holm che però è lungo il corpo, fermo e congruo: non punibile; spinta troppo light di Ederson a Pulisic per essere rigore (23’st)

Calvarese su Tuttosport in edicola la pensa diversamente: partita complessa a San Siro per uno degli arbitri più forti al mondo. Daniele Orsato mostra la solita autorevolezza, ma non mi trova d’accordo il calcio di rigore assegnato all’Atalanta dopo On Field Review nel primo tempo. Orsato fischia poco, come da sue abitudini, nonostante il match sia difficile e giocato ad alti ritmi. L’episodio più discusso è quello del colpo di Olivier Giroud a Emil Holm da cui deriva il rigore. L’intensità del contatto non è sufficiente per giustificare l’estrema punizione. Lo stesso Holm d’altro canto si tocca la testa e non il busto, dove ha ricevuto il calcio. La chiamata del Var Irrati (anche lui di livello mondiale) si spiega alla luce di una soglia d’intervento che in Serie A è ormai troppo bassa. Giusta l’ammonizione di Ademola Lookman, che lamenta un fallo fischiato giustamente dall’arbitro e lo manda a quel paese. Lo stesso Lookman rischia poi il secondo giallo intorno all’ottantesimo, sempre per proteste. Forse esagerato quello per Rafael Leao, sempre per proteste: l’attaccante lamenta un mancato giallo per Giorgio Scalvini dopo i molti falli commessi dall’atalantino.
.
 
Alto
head>