Milan tra Badiashile, David Kiwior, Kelly, Adams ed Esteve.

Stato
Chiusa ad ulteriori risposte.

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
199,871
Reaction score
25,652
CorSera: sul taccuino degli uomini mercato ci sono Kelly del Bournemouth e Kiwior dell’Arsenal. Ma anche all’attacco occorre un deciso restyling, col 37enne Giroud che aveva bisogno già dall’estate di un sostituito all’altezza. Il sogno è David del Lille, nel mirino da tempo, mentre un altro identikit che intriga è quello di Adams del Montpellier.

Tuttosport in edicola: l’ennesima tegola che ha colpito il Milan a livello di infortuni, con il ko di Malick Thiaw che preoccupa e non poco (La risonanza magnetica ha evidenziato una “severa lesione miotendinea del bicipite femorale della coscia sinistra: due mesi di stop nella migliore delle ipotesi), costringerà il club rossonero a fiondarsi sul calciomercato di gennaio con un approccio diverso rispetto a quanto preventivato. L’emorragia iniziata con i lunghi ko di Kalulu e Pellegrino è poi proseguita con le difficoltà fisiche di Kjaer e ha raggiunto il suo apice martedì sera. La dirigenza non andrà sul mercato degli svicolati, poiché ritiene che non vi siano profili utili oltre al fatto che non sarebbero pronti per giocare subito. Con questa prospettiva, è evidente che Furlani, Moncada e D’Ottavio dovranno prendere almeno due difensori centrali, perché non potrà bastare la promozione del solo Jan-Carlo Simic dalla Primavera a tamponare in maniera importante il problema. Ecco perché per gennaio gli uomini mercato milanisti stanno sondando il terreno con quei profili che, ad oggi, possono essere scontenti del non giocare. Si lavorerà per dei prestiti con diritto di riscatto o, in caso di disponibilità economica più ampia, anche per un’acquisizione a titolo definitivo. Si capirà nelle prossime settimane anche in base ai risultati dei contatti che sono già iniziati e che si intensificheranno nelle prossime settimane. Perché la realtà dei fatti è che il Milan dovrà arrivare pronto, al 2 di gennaio, con gli accordi pronti da depositare per permettere alla squadra di avere un po’ di respiro in difesa dove, oltre a Simic, sono rimasti i soli Fikayo Tomori e – quando tornerà – Simon Kjaer. Ecco perché ci si aspetta che il Milan possa provare ad anticipare già a gennaio l’arrivo di Kelly dal Bournemouth, ma è un discorso complicato. Il club inglese, che sa che perderà il suo difensore in estate – probabilmente proprio per il Milan – non ha dato e non sembra proprio voler dare dei segnali di apertura ad addio anticipato di Kelly nella finestra invernale del mercato. Ecco perché il Milan, che comunque ci proverà a far cambiare idea agli inglesi, si orienterà verso altri nomi. Non verrà preso in considerazione, a oggi, quello di Jerome Boateng, svincolato di lusso ma che non rientra nei profili seguiti dal Milan. Non è da escludere che i rossoneri possano bussare alla porta del Chelsea, come già fatto in estate per Pulisic e Loftus-Cheek. Nei blues c’è il profilo di Benoit Badiashile che potrebbe interessare. L’ex Monaco, arrivato in estate per circa 40 milioni, non ha trovato spazio con Mauricio Pochettino, collezionando una sola presenza in Premier League contro il Newcastle nella partita giocata cinque giorni fa a St. James’ Park e persa per 4-1 dal Chelsea contro il prossimo avversario del Milan in Champions. I rapporti tra i club sono ottimi, ma andrà capito se Badiashile accetterebbe un eventuale prestito. Appare complicato che l’Arsenal possa prestare Kiwior, che è la prima alternativa difensiva di Arteta. Il nome di Esteve del Montpellier è sempre piaciuto, ma occhio anche a possibili profili ancora non emersi e visionati da Moncada e D’Ottavio.

CONFERME ANCHE QUI SU NO AGLI SVINCOLATI, SI A SIMIC -) Milan: no svincolati. Si Simic. E a gennaio
 
Ultima modifica:

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
199,871
Reaction score
25,652
CorSera: sul taccuino degli uomini mercato ci sono Kelly del Bournemouth e Kiwior dell’Arsenal. Ma anche all’attacco occorre un deciso restyling, col 37enne Giroud che aveva bisogno già dall’estate di un sostituito all’altezza. Il sogno è David del Lille, nel mirino da tempo, mentre un altro identikit che intriga è quello di Adams del Montpellier.
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
199,871
Reaction score
25,652
CorSera: sul taccuino degli uomini mercato ci sono Kelly del Bournemouth e Kiwior dell’Arsenal. Ma anche all’attacco occorre un deciso restyling, col 37enne Giroud che aveva bisogno già dall’estate di un sostituito all’altezza. Il sogno è David del Lille, nel mirino da tempo, mentre un altro identikit che intriga è quello di Adams del Montpellier.

Tuttosport in edicola: l’ennesima tegola che ha colpito il Milan a livello di infortuni, con il ko di Malick Thiaw che preoccupa e non poco (La risonanza magnetica ha evidenziato una “severa lesione miotendinea del bicipite femorale della coscia sinistra: due mesi di stop nella migliore delle ipotesi), costringerà il club rossonero a fiondarsi sul calciomercato di gennaio con un approccio diverso rispetto a quanto preventivato. L’emorragia iniziata con i lunghi ko di Kalulu e Pellegrino è poi proseguita con le difficoltà fisiche di Kjaer e ha raggiunto il suo apice martedì sera. La dirigenza non andrà sul mercato degli svicolati, poiché ritiene che non vi siano profili utili oltre al fatto che non sarebbero pronti per giocare subito. Con questa prospettiva, è evidente che Furlani, Moncada e D’Ottavio dovranno prendere almeno due difensori centrali, perché non potrà bastare la promozione del solo Jan-Carlo Simic dalla Primavera a tamponare in maniera importante il problema. Ecco perché per gennaio gli uomini mercato milanisti stanno sondando il terreno con quei profili che, ad oggi, possono essere scontenti del non giocare. Si lavorerà per dei prestiti con diritto di riscatto o, in caso di disponibilità economica più ampia, anche per un’acquisizione a titolo definitivo. Si capirà nelle prossime settimane anche in base ai risultati dei contatti che sono già iniziati e che si intensificheranno nelle prossime settimane. Perché la realtà dei fatti è che il Milan dovrà arrivare pronto, al 2 di gennaio, con gli accordi pronti da depositare per permettere alla squadra di avere un po’ di respiro in difesa dove, oltre a Simic, sono rimasti i soli Fikayo Tomori e – quando tornerà – Simon Kjaer. Ecco perché ci si aspetta che il Milan possa provare ad anticipare già a gennaio l’arrivo di Kelly dal Bournemouth, ma è un discorso complicato. Il club inglese, che sa che perderà il suo difensore in estate – probabilmente proprio per il Milan – non ha dato e non sembra proprio voler dare dei segnali di apertura ad addio anticipato di Kelly nella finestra invernale del mercato. Ecco perché il Milan, che comunque ci proverà a far cambiare idea agli inglesi, si orienterà verso altri nomi. Non verrà preso in considerazione, a oggi, quello di Jerome Boateng, svincolato di lusso ma che non rientra nei profili seguiti dal Milan. Non è da escludere che i rossoneri possano bussare alla porta del Chelsea, come già fatto in estate per Pulisic e Loftus-Cheek. Nei blues c’è il profilo di Benoit Badiashile che potrebbe interessare. L’ex Monaco, arrivato in estate per circa 40 milioni, non ha trovato spazio con Mauricio Pochettino, collezionando una sola presenza in Premier League contro il Newcastle nella partita giocata cinque giorni fa a St. James’ Park e persa per 4-1 dal Chelsea contro il prossimo avversario del Milan in Champions. I rapporti tra i club sono ottimi, ma andrà capito se Badiashile accetterebbe un eventuale prestito. Appare complicato che l’Arsenal possa prestare Kiwior, che è la prima alternativa difensiva di Arteta. Il nome di Esteve del Montpellier è sempre piaciuto, ma occhio anche a possibili profili ancora non emersi e visionati da Moncada e D’Ottavio.

CONFERME ANCHE QUI SU NO AGLI SVINCOLATI, SI A SIMIC -) Milan: no svincolati. Si Simic. E a gennaio
.
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
199,871
Reaction score
25,652
CorSera: sul taccuino degli uomini mercato ci sono Kelly del Bournemouth e Kiwior dell’Arsenal. Ma anche all’attacco occorre un deciso restyling, col 37enne Giroud che aveva bisogno già dall’estate di un sostituito all’altezza. Il sogno è David del Lille, nel mirino da tempo, mentre un altro identikit che intriga è quello di Adams del Montpellier.

Tuttosport in edicola: l’ennesima tegola che ha colpito il Milan a livello di infortuni, con il ko di Malick Thiaw che preoccupa e non poco (La risonanza magnetica ha evidenziato una “severa lesione miotendinea del bicipite femorale della coscia sinistra: due mesi di stop nella migliore delle ipotesi), costringerà il club rossonero a fiondarsi sul calciomercato di gennaio con un approccio diverso rispetto a quanto preventivato. L’emorragia iniziata con i lunghi ko di Kalulu e Pellegrino è poi proseguita con le difficoltà fisiche di Kjaer e ha raggiunto il suo apice martedì sera. La dirigenza non andrà sul mercato degli svicolati, poiché ritiene che non vi siano profili utili oltre al fatto che non sarebbero pronti per giocare subito. Con questa prospettiva, è evidente che Furlani, Moncada e D’Ottavio dovranno prendere almeno due difensori centrali, perché non potrà bastare la promozione del solo Jan-Carlo Simic dalla Primavera a tamponare in maniera importante il problema. Ecco perché per gennaio gli uomini mercato milanisti stanno sondando il terreno con quei profili che, ad oggi, possono essere scontenti del non giocare. Si lavorerà per dei prestiti con diritto di riscatto o, in caso di disponibilità economica più ampia, anche per un’acquisizione a titolo definitivo. Si capirà nelle prossime settimane anche in base ai risultati dei contatti che sono già iniziati e che si intensificheranno nelle prossime settimane. Perché la realtà dei fatti è che il Milan dovrà arrivare pronto, al 2 di gennaio, con gli accordi pronti da depositare per permettere alla squadra di avere un po’ di respiro in difesa dove, oltre a Simic, sono rimasti i soli Fikayo Tomori e – quando tornerà – Simon Kjaer. Ecco perché ci si aspetta che il Milan possa provare ad anticipare già a gennaio l’arrivo di Kelly dal Bournemouth, ma è un discorso complicato. Il club inglese, che sa che perderà il suo difensore in estate – probabilmente proprio per il Milan – non ha dato e non sembra proprio voler dare dei segnali di apertura ad addio anticipato di Kelly nella finestra invernale del mercato. Ecco perché il Milan, che comunque ci proverà a far cambiare idea agli inglesi, si orienterà verso altri nomi. Non verrà preso in considerazione, a oggi, quello di Jerome Boateng, svincolato di lusso ma che non rientra nei profili seguiti dal Milan. Non è da escludere che i rossoneri possano bussare alla porta del Chelsea, come già fatto in estate per Pulisic e Loftus-Cheek. Nei blues c’è il profilo di Benoit Badiashile che potrebbe interessare. L’ex Monaco, arrivato in estate per circa 40 milioni, non ha trovato spazio con Mauricio Pochettino, collezionando una sola presenza in Premier League contro il Newcastle nella partita giocata cinque giorni fa a St. James’ Park e persa per 4-1 dal Chelsea contro il prossimo avversario del Milan in Champions. I rapporti tra i club sono ottimi, ma andrà capito se Badiashile accetterebbe un eventuale prestito. Appare complicato che l’Arsenal possa prestare Kiwior, che è la prima alternativa difensiva di Arteta. Il nome di Esteve del Montpellier è sempre piaciuto, ma occhio anche a possibili profili ancora non emersi e visionati da Moncada e D’Ottavio.

CONFERME ANCHE QUI SU NO AGLI SVINCOLATI, SI A SIMIC -) Milan: no svincolati. Si Simic. E a gennaio
.
 

Lineker10

Senior Member
Registrato
20 Giugno 2017
Messaggi
26,812
Reaction score
10,668
CorSera: sul taccuino degli uomini mercato ci sono Kelly del Bournemouth e Kiwior dell’Arsenal. Ma anche all’attacco occorre un deciso restyling, col 37enne Giroud che aveva bisogno già dall’estate di un sostituito all’altezza. Il sogno è David del Lille, nel mirino da tempo, mentre un altro identikit che intriga è quello di Adams del Montpellier.

Tuttosport in edicola: l’ennesima tegola che ha colpito il Milan a livello di infortuni, con il ko di Malick Thiaw che preoccupa e non poco (La risonanza magnetica ha evidenziato una “severa lesione miotendinea del bicipite femorale della coscia sinistra: due mesi di stop nella migliore delle ipotesi), costringerà il club rossonero a fiondarsi sul calciomercato di gennaio con un approccio diverso rispetto a quanto preventivato. L’emorragia iniziata con i lunghi ko di Kalulu e Pellegrino è poi proseguita con le difficoltà fisiche di Kjaer e ha raggiunto il suo apice martedì sera. La dirigenza non andrà sul mercato degli svicolati, poiché ritiene che non vi siano profili utili oltre al fatto che non sarebbero pronti per giocare subito. Con questa prospettiva, è evidente che Furlani, Moncada e D’Ottavio dovranno prendere almeno due difensori centrali, perché non potrà bastare la promozione del solo Jan-Carlo Simic dalla Primavera a tamponare in maniera importante il problema. Ecco perché per gennaio gli uomini mercato milanisti stanno sondando il terreno con quei profili che, ad oggi, possono essere scontenti del non giocare. Si lavorerà per dei prestiti con diritto di riscatto o, in caso di disponibilità economica più ampia, anche per un’acquisizione a titolo definitivo. Si capirà nelle prossime settimane anche in base ai risultati dei contatti che sono già iniziati e che si intensificheranno nelle prossime settimane. Perché la realtà dei fatti è che il Milan dovrà arrivare pronto, al 2 di gennaio, con gli accordi pronti da depositare per permettere alla squadra di avere un po’ di respiro in difesa dove, oltre a Simic, sono rimasti i soli Fikayo Tomori e – quando tornerà – Simon Kjaer. Ecco perché ci si aspetta che il Milan possa provare ad anticipare già a gennaio l’arrivo di Kelly dal Bournemouth, ma è un discorso complicato. Il club inglese, che sa che perderà il suo difensore in estate – probabilmente proprio per il Milan – non ha dato e non sembra proprio voler dare dei segnali di apertura ad addio anticipato di Kelly nella finestra invernale del mercato. Ecco perché il Milan, che comunque ci proverà a far cambiare idea agli inglesi, si orienterà verso altri nomi. Non verrà preso in considerazione, a oggi, quello di Jerome Boateng, svincolato di lusso ma che non rientra nei profili seguiti dal Milan. Non è da escludere che i rossoneri possano bussare alla porta del Chelsea, come già fatto in estate per Pulisic e Loftus-Cheek. Nei blues c’è il profilo di Benoit Badiashile che potrebbe interessare. L’ex Monaco, arrivato in estate per circa 40 milioni, non ha trovato spazio con Mauricio Pochettino, collezionando una sola presenza in Premier League contro il Newcastle nella partita giocata cinque giorni fa a St. James’ Park e persa per 4-1 dal Chelsea contro il prossimo avversario del Milan in Champions. I rapporti tra i club sono ottimi, ma andrà capito se Badiashile accetterebbe un eventuale prestito. Appare complicato che l’Arsenal possa prestare Kiwior, che è la prima alternativa difensiva di Arteta. Il nome di Esteve del Montpellier è sempre piaciuto, ma occhio anche a possibili profili ancora non emersi e visionati da Moncada e D’Ottavio.

CONFERME ANCHE QUI SU NO AGLI SVINCOLATI, SI A SIMIC -) Milan: no svincolati. Si Simic. E a gennaio
Se usciamo dalle competizioni europee e rimane solo il campionato da giocare penso faremo ben poco nel mercato di gennaio.
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
199,871
Reaction score
25,652
CorSera: sul taccuino degli uomini mercato ci sono Kelly del Bournemouth e Kiwior dell’Arsenal. Ma anche all’attacco occorre un deciso restyling, col 37enne Giroud che aveva bisogno già dall’estate di un sostituito all’altezza. Il sogno è David del Lille, nel mirino da tempo, mentre un altro identikit che intriga è quello di Adams del Montpellier.

Tuttosport in edicola: l’ennesima tegola che ha colpito il Milan a livello di infortuni, con il ko di Malick Thiaw che preoccupa e non poco (La risonanza magnetica ha evidenziato una “severa lesione miotendinea del bicipite femorale della coscia sinistra: due mesi di stop nella migliore delle ipotesi), costringerà il club rossonero a fiondarsi sul calciomercato di gennaio con un approccio diverso rispetto a quanto preventivato. L’emorragia iniziata con i lunghi ko di Kalulu e Pellegrino è poi proseguita con le difficoltà fisiche di Kjaer e ha raggiunto il suo apice martedì sera. La dirigenza non andrà sul mercato degli svicolati, poiché ritiene che non vi siano profili utili oltre al fatto che non sarebbero pronti per giocare subito. Con questa prospettiva, è evidente che Furlani, Moncada e D’Ottavio dovranno prendere almeno due difensori centrali, perché non potrà bastare la promozione del solo Jan-Carlo Simic dalla Primavera a tamponare in maniera importante il problema. Ecco perché per gennaio gli uomini mercato milanisti stanno sondando il terreno con quei profili che, ad oggi, possono essere scontenti del non giocare. Si lavorerà per dei prestiti con diritto di riscatto o, in caso di disponibilità economica più ampia, anche per un’acquisizione a titolo definitivo. Si capirà nelle prossime settimane anche in base ai risultati dei contatti che sono già iniziati e che si intensificheranno nelle prossime settimane. Perché la realtà dei fatti è che il Milan dovrà arrivare pronto, al 2 di gennaio, con gli accordi pronti da depositare per permettere alla squadra di avere un po’ di respiro in difesa dove, oltre a Simic, sono rimasti i soli Fikayo Tomori e – quando tornerà – Simon Kjaer. Ecco perché ci si aspetta che il Milan possa provare ad anticipare già a gennaio l’arrivo di Kelly dal Bournemouth, ma è un discorso complicato. Il club inglese, che sa che perderà il suo difensore in estate – probabilmente proprio per il Milan – non ha dato e non sembra proprio voler dare dei segnali di apertura ad addio anticipato di Kelly nella finestra invernale del mercato. Ecco perché il Milan, che comunque ci proverà a far cambiare idea agli inglesi, si orienterà verso altri nomi. Non verrà preso in considerazione, a oggi, quello di Jerome Boateng, svincolato di lusso ma che non rientra nei profili seguiti dal Milan. Non è da escludere che i rossoneri possano bussare alla porta del Chelsea, come già fatto in estate per Pulisic e Loftus-Cheek. Nei blues c’è il profilo di Benoit Badiashile che potrebbe interessare. L’ex Monaco, arrivato in estate per circa 40 milioni, non ha trovato spazio con Mauricio Pochettino, collezionando una sola presenza in Premier League contro il Newcastle nella partita giocata cinque giorni fa a St. James’ Park e persa per 4-1 dal Chelsea contro il prossimo avversario del Milan in Champions. I rapporti tra i club sono ottimi, ma andrà capito se Badiashile accetterebbe un eventuale prestito. Appare complicato che l’Arsenal possa prestare Kiwior, che è la prima alternativa difensiva di Arteta. Il nome di Esteve del Montpellier è sempre piaciuto, ma occhio anche a possibili profili ancora non emersi e visionati da Moncada e D’Ottavio.

CONFERME ANCHE QUI SU NO AGLI SVINCOLATI, SI A SIMIC -) Milan: no svincolati. Si Simic. E a gennaio
.
 

7AlePato7

Senior Member
Registrato
3 Settembre 2012
Messaggi
24,018
Reaction score
11,452
CorSera: sul taccuino degli uomini mercato ci sono Kelly del Bournemouth e Kiwior dell’Arsenal. Ma anche all’attacco occorre un deciso restyling, col 37enne Giroud che aveva bisogno già dall’estate di un sostituito all’altezza. Il sogno è David del Lille, nel mirino da tempo, mentre un altro identikit che intriga è quello di Adams del Montpellier.
Il sogno è uno che quest'anno non la mette mai dentro e l'anno scorso ha segnato la metà dei gol su rigore. SOGNO... Rendiamoci conto.
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
199,871
Reaction score
25,652
CorSera: sul taccuino degli uomini mercato ci sono Kelly del Bournemouth e Kiwior dell’Arsenal. Ma anche all’attacco occorre un deciso restyling, col 37enne Giroud che aveva bisogno già dall’estate di un sostituito all’altezza. Il sogno è David del Lille, nel mirino da tempo, mentre un altro identikit che intriga è quello di Adams del Montpellier.

Tuttosport in edicola: l’ennesima tegola che ha colpito il Milan a livello di infortuni, con il ko di Malick Thiaw che preoccupa e non poco (La risonanza magnetica ha evidenziato una “severa lesione miotendinea del bicipite femorale della coscia sinistra: due mesi di stop nella migliore delle ipotesi), costringerà il club rossonero a fiondarsi sul calciomercato di gennaio con un approccio diverso rispetto a quanto preventivato. L’emorragia iniziata con i lunghi ko di Kalulu e Pellegrino è poi proseguita con le difficoltà fisiche di Kjaer e ha raggiunto il suo apice martedì sera. La dirigenza non andrà sul mercato degli svicolati, poiché ritiene che non vi siano profili utili oltre al fatto che non sarebbero pronti per giocare subito. Con questa prospettiva, è evidente che Furlani, Moncada e D’Ottavio dovranno prendere almeno due difensori centrali, perché non potrà bastare la promozione del solo Jan-Carlo Simic dalla Primavera a tamponare in maniera importante il problema. Ecco perché per gennaio gli uomini mercato milanisti stanno sondando il terreno con quei profili che, ad oggi, possono essere scontenti del non giocare. Si lavorerà per dei prestiti con diritto di riscatto o, in caso di disponibilità economica più ampia, anche per un’acquisizione a titolo definitivo. Si capirà nelle prossime settimane anche in base ai risultati dei contatti che sono già iniziati e che si intensificheranno nelle prossime settimane. Perché la realtà dei fatti è che il Milan dovrà arrivare pronto, al 2 di gennaio, con gli accordi pronti da depositare per permettere alla squadra di avere un po’ di respiro in difesa dove, oltre a Simic, sono rimasti i soli Fikayo Tomori e – quando tornerà – Simon Kjaer. Ecco perché ci si aspetta che il Milan possa provare ad anticipare già a gennaio l’arrivo di Kelly dal Bournemouth, ma è un discorso complicato. Il club inglese, che sa che perderà il suo difensore in estate – probabilmente proprio per il Milan – non ha dato e non sembra proprio voler dare dei segnali di apertura ad addio anticipato di Kelly nella finestra invernale del mercato. Ecco perché il Milan, che comunque ci proverà a far cambiare idea agli inglesi, si orienterà verso altri nomi. Non verrà preso in considerazione, a oggi, quello di Jerome Boateng, svincolato di lusso ma che non rientra nei profili seguiti dal Milan. Non è da escludere che i rossoneri possano bussare alla porta del Chelsea, come già fatto in estate per Pulisic e Loftus-Cheek. Nei blues c’è il profilo di Benoit Badiashile che potrebbe interessare. L’ex Monaco, arrivato in estate per circa 40 milioni, non ha trovato spazio con Mauricio Pochettino, collezionando una sola presenza in Premier League contro il Newcastle nella partita giocata cinque giorni fa a St. James’ Park e persa per 4-1 dal Chelsea contro il prossimo avversario del Milan in Champions. I rapporti tra i club sono ottimi, ma andrà capito se Badiashile accetterebbe un eventuale prestito. Appare complicato che l’Arsenal possa prestare Kiwior, che è la prima alternativa difensiva di Arteta. Il nome di Esteve del Montpellier è sempre piaciuto, ma occhio anche a possibili profili ancora non emersi e visionati da Moncada e D’Ottavio.

CONFERME ANCHE QUI SU NO AGLI SVINCOLATI, SI A SIMIC -) Milan: no svincolati. Si Simic. E a gennaio
.
 
Stato
Chiusa ad ulteriori risposte.
Alto
head>