Milan: Tedesco, Farioli, Lopetegui Fonseca, Van Bommel e co. I profili e cosa chiedono.

Stato
Chiusa ad ulteriori risposte.

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
212,407
Reaction score
32,494
Come riportato dalla GDS, in prima linea per la panchina del Milan ci sono tre tecnici: Lopetegui, Tedesco e Fonseca. Ecco di seguito richieste, curriculum e moduli di gioco.

Lopetegui non scalda San Siro. C'è il West Ham su di lui, ma la priorità del tecnico è il Milan. Lopetegui accetterebbe la linea autostostenibile del Milan. E' abituato a collaborare con i dirigenti in sede di mercato e non è tipo da imposizioni. Ma in carriera ha sempre sofferto la pressione dei grandi club. E San Siro sarà molto esigente. Possibile stipendi da 4 mln. Ci sono stati contatti tra le parti ma l'accelerata che Lopetegui si attendeva non è ancora arrivata. Con lui il Milan giocherebbe col 4-3-3

Tedesco: CT belga, 38 anni, sa lavorare coi giovani. Rientra negli standard economici del club Prima dei grandi si era dedicato ai ragazzi, capacità che il Milan apprezza considerato che il prossimo allenatore dovrà essere bravo a valorizzare i giovani. Nella corsa alla panchina rossonera oggi parte un passo indietro rispetto e Lopetegui e Fonseca, ma è tra i contattati. Allo stesso modo dovrebbe accelerare in estate: a metà giugno inizierà l’Europeo alla guida del Belgio. Al Milan arriverebbe soltanto a luglio, poco prima dell’inizio della tournée americana di fine mese: i tempi sono stretti e non aiutano. Rispetto ai candidati principali Tedesco può suscitare curiosità: non è un nome di prima fascia, ma è quello che intende diventare. Con lui il Milan giocherebbe col 3412

Fonseca: Paulo Fonseca nei ragionamenti sul prossimo allenatore del Milan passa spesso in secondo piano. Ingeneroso: ha chance. A Casa Milan piace a molti e il suo nome è già arrivato sul tavolo di Gerry Cardinale. E poi Paulo Fonseca ha un vantaggio: rispetto a Lopetegui, rispetto a Tedesco e altri candidati, ha già allenato in Italia. Due stagioni alla Roma, con un quinto posto nel 2019- 20, un settimo posto nel 2020- 21 abbinato alla semifinale di Europa League. Per il Milan, traguardo già sentito. Giovani Il Milan cerca un allenatore internazionale e Fonseca ha i requisiti: ha cominciato in Portogallo, è stato in Ucraina allo Shakhtar, alla Roma e da due stagioni allena in Francia, al Lilla. Altra caratteristica: il nuovo allenatore deve saper far crescere i giovani. E Fonseca ha qualche nota da spendere sul curriculum. Bove, Zalewski e Calafiori alla Roma hanno giocato la prima partita con lui, Darboe ha avuto spazio, Ibanez è diventato materiale da Serie A dopo l’esperienza negativa all’Atalanta. Nel Lilla attuale si è imposto Leny Yoro, difensore centrale del 2005, arrivato dalle giovanili e ora materiale da grandissime squadre. E con lui giocano Tiago Santos e Haraldsson, ragazzi non attesi a quel livello. Fase difensiva Alcuni dubbi, certo, ci sono. Due su tutti: la personalità e la tenuta difensiva. Fonseca alla Roma ha dimostrato grande pacatezza nelle dichiarazioni pubbliche e buon senso nella gestione di situazioni complesse ma non ha mai tenuto in mano lo spogliatoio di una grande. Tra Lilla e San Siro, la differenza è enorme. Difensivamente, poi, le sue squadre hanno alti e bassi. Il suo primo Lilla ha chiuso con la sesta difesa di Ligue1, dato nettamente migliorato in questo campionato: solo il Nizza subisce meno. La sua ultima Roma, addirittura, subì 58 gol: decima difesa in A. Coraggio I suoi tifosi però guardano soprattutto la fase offensiva. Fonseca ha coraggio, ama il possesso e in carriera ha usato molti giocatori rapidi. Sistema di gioco? Mah, come tanti allenatori varia ma è logico pensare che al Milan potrebbe giocare con il 4-2-3-1, come Pioli. Certo, con caratteristiche diverse. Con lui il Milan giocherebbe col 4231

Tuttosport: i tifosi vorrebbero Conte ma il club non lo considera un'opzione. Ci sono nomi che di giorno in giorno scendono, come Lopetegui, Fonseca, Galtier e Gallardo (tutti in stand-by); o salgono, come Sergio Conceicao, Rose e Van Bommel (l'olandese è un vecchio amico di Ibra). Il club rossonero rimane sintetizzato su profili principalmente stranieri, possibilmente giovani o con "idee giovani", per questo non va scartato un profilo come l'italiano Farioli - che lavora al Nizza -, già valutato in inverno, quando il preferito era Thiago Motta, oggi però più in orbita Juventus. Sfumato Emery, che ha rinnovato con l'Aston Villa, è uscito rapidamente dai radar Xavi; mentre De Zerbi, che ovviamente piace, preferirebbe rimanere in Premier e ha una clausola da 15 milioni per essere liberato dal Brighton.

Corriere della Sera: nelle ultime ore ha preso quota il nome di Farioli (come già ampiamente riferito NDR) per il post Pioli. Ma restano in corsa anche Lopetegui, Fonseca, Van Bommel e Tedesco. La scelta arriverà nelle prossime settimane e sarà collegiale con Furlani, Ibra e Moncada a organizzare il casting e Cardinale con l’ultima parola.
 

iceman.

Senior Member
Registrato
28 Agosto 2012
Messaggi
21,275
Reaction score
3,681
Come riportato dalla GDS, in prima linea per la panchina del Milan ci sono tre tecnici: Lopetegui, Tedesco e Fonsesca

Lopetegui non scalda San Siro. C'è il West Ham su di lui, ma la priorità del tecnico è il Milan. Lopetegui accetterebbe la linea autostostenibile del Milan. E' abituato a collaborare con i dirigenti in sede di mercato e non è tipo da imposizioni. Ma in carriera ha sempre sofferto la pressione dei grandi club. E San Siro sarà molto esigente. Possibile stipendi da 4 mln. Ci sono stati contatti tra le parti ma l'accelerata che Lopetegui si attendeva non è ancora arrivata. Con lui il Milan giocherebbe col 4-3-3

Tedesco: CT belga, 38 anni, sa lavorare coi giovani. Rientra negli standard economici del club Prima dei grandi si era dedicato ai ragazzi, capacità che il Milan apprezza considerato che il prossimo allenatore dovrà essere bravo a valorizzare i giovani. Nella corsa alla panchina rossonera oggi parte un passo indietro rispetto e Lopetegui e Fonseca, ma è tra i contattati. Allo stesso modo dovrebbe accelerare in estate: a metà giugno inizierà l’Europeo alla guida del Belgio. Al Milan arriverebbe soltanto a luglio, poco prima dell’inizio della tournée americana di fine mese: i tempi sono stretti e non aiutano. Rispetto ai candidati principali Tedesco può suscitare curiosità: non è un nome di prima fascia, ma è quello che intende diventare. Con lui il Milan giocherebbe col 3412

Fonseca: Paulo Fonseca nei ragionamenti sul prossimo allenatore del Milan passa spesso in secondo piano. Ingeneroso: ha chance. A Casa Milan piace a molti e il suo nome è già arrivato sul tavolo di Gerry Cardinale. E poi Paulo Fonseca ha un vantaggio: rispetto a Lopetegui, rispetto a Tedesco e altri candidati, ha già allenato in Italia. Due stagioni alla Roma, con un quinto posto nel 2019- 20, un settimo posto nel 2020- 21 abbinato alla semifinale di Europa League. Per il Milan, traguardo già sentito. Giovani Il Milan cerca un allenatore internazionale e Fonseca ha i requisiti: ha cominciato in Portogallo, è stato in Ucraina allo Shakhtar, alla Roma e da due stagioni allena in Francia, al Lilla. Altra caratteristica: il nuovo allenatore deve saper far crescere i giovani. E Fonseca ha qualche nota da spendere sul curriculum. Bove, Zalewski e Calafiori alla Roma hanno giocato la prima partita con lui, Darboe ha avuto spazio, Ibanez è diventato materiale da Serie A dopo l’esperienza negativa all’Atalanta. Nel Lilla attuale si è imposto Leny Yoro, difensore centrale del 2005, arrivato dalle giovanili e ora materiale da grandissime squadre. E con lui giocano Tiago Santos e Haraldsson, ragazzi non attesi a quel livello. Fase difensiva Alcuni dubbi, certo, ci sono. Due su tutti: la personalità e la tenuta difensiva. Fonseca alla Roma ha dimostrato grande pacatezza nelle dichiarazioni pubbliche e buon senso nella gestione di situazioni complesse ma non ha mai tenuto in mano lo spogliatoio di una grande. Tra Lilla e San Siro, la differenza è enorme. Difensivamente, poi, le sue squadre hanno alti e bassi. Il suo primo Lilla ha chiuso con la sesta difesa di Ligue1, dato nettamente migliorato in questo campionato: solo il Nizza subisce meno. La sua ultima Roma, addirittura, subì 58 gol: decima difesa in A. Coraggio I suoi tifosi però guardano soprattutto la fase offensiva. Fonseca ha coraggio, ama il possesso e in carriera ha usato molti giocatori rapidi. Sistema di gioco? Mah, come tanti allenatori varia ma è logico pensare che al Milan potrebbe giocare con il 4-2-3-1, come Pioli. Certo, con caratteristiche diverse. Con lui il Milan giocherebbe col 4231

lopetegui.siviglia.2019.20.1400x840.jpg

Gli serve un parafulmine e che si presenti ogni tanto davanti le telecamere, per questo arriverà fonsega che un minimo di italiano lo parla.
Occhio che potremmo arrivare a 10/12/13 derby persi di fila.
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
212,407
Reaction score
32,494
Tuttosport: i tifosi vorrebbero Conte ma il club non lo considera un'opzione. Ci sono nomi che di giorno in giorno scendono, come Lopetegui, Fonseca, Galtier e Gallardo (tutti in stand-by); o salgono, come Sergio Conceicao, Rose e Van Bommel (l'olandese è un vecchio amico di Ibra). Il club rossonero rimane sintetizzato su profili principalmente stranieri, possibilmente giovani o con "idee giovani", per questo non va scartato un profilo come l'italiano Farioli - che lavora al Nizza -, già valutato in inverno, quando il preferito era Thiago Motta, oggi però più in orbita Juventus. Sfumato Emery, che ha rinnovato con l'Aston Villa, è uscito rapidamente dai radar Xavi; mentre De Zerbi, che ovviamente piace, preferirebbe rimanere in Premier e ha una clausola da 15 milioni per essere liberato dal Brighton.
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
212,407
Reaction score
32,494
Corriere della Sera: nelle ultime ore ha preso quota il nome di Farioli (come già ampiamente riferito NDR) per il post Pioli. Ma restano in corsa anche Lopetegui, Fonseca, Van Bommel e Tedesco. La scelta arriverà nelle prossime settimane e sarà collegiale con Furlani, Ibra e Moncada a organizzare il casting e Cardinale con l’ultima parola.
 
Registrato
23 Giugno 2015
Messaggi
13,463
Reaction score
3,223
Gli serve un parafulmine e che si presenti ogni tanto davanti le telecamere, per questo arriverà fonsega che un minimo di italiano lo parla.
Occhio che potremmo arrivare a 10/12/13 derby persi di fila.
per me arriverà Lopetegui..alla fine ha piu esperienza ed ha pure vinto qualcosa...penso che i nostri (società) ragioneranno cosi.. si sentiranno di fare un azzardo minore rispetto agli altri citati che oggettivamente non hanno vinto nulla

Tedesco comunque è una new entry...ora siamo a quota 137 nomi...tutti mediocri chiaramente
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
212,407
Reaction score
32,494
Come riportato dalla GDS, in prima linea per la panchina del Milan ci sono tre tecnici: Lopetegui, Tedesco e Fonsesca

Lopetegui non scalda San Siro. C'è il West Ham su di lui, ma la priorità del tecnico è il Milan. Lopetegui accetterebbe la linea autostostenibile del Milan. E' abituato a collaborare con i dirigenti in sede di mercato e non è tipo da imposizioni. Ma in carriera ha sempre sofferto la pressione dei grandi club. E San Siro sarà molto esigente. Possibile stipendi da 4 mln. Ci sono stati contatti tra le parti ma l'accelerata che Lopetegui si attendeva non è ancora arrivata. Con lui il Milan giocherebbe col 4-3-3

Tedesco: CT belga, 38 anni, sa lavorare coi giovani. Rientra negli standard economici del club Prima dei grandi si era dedicato ai ragazzi, capacità che il Milan apprezza considerato che il prossimo allenatore dovrà essere bravo a valorizzare i giovani. Nella corsa alla panchina rossonera oggi parte un passo indietro rispetto e Lopetegui e Fonseca, ma è tra i contattati. Allo stesso modo dovrebbe accelerare in estate: a metà giugno inizierà l’Europeo alla guida del Belgio. Al Milan arriverebbe soltanto a luglio, poco prima dell’inizio della tournée americana di fine mese: i tempi sono stretti e non aiutano. Rispetto ai candidati principali Tedesco può suscitare curiosità: non è un nome di prima fascia, ma è quello che intende diventare. Con lui il Milan giocherebbe col 3412

Fonseca: Paulo Fonseca nei ragionamenti sul prossimo allenatore del Milan passa spesso in secondo piano. Ingeneroso: ha chance. A Casa Milan piace a molti e il suo nome è già arrivato sul tavolo di Gerry Cardinale. E poi Paulo Fonseca ha un vantaggio: rispetto a Lopetegui, rispetto a Tedesco e altri candidati, ha già allenato in Italia. Due stagioni alla Roma, con un quinto posto nel 2019- 20, un settimo posto nel 2020- 21 abbinato alla semifinale di Europa League. Per il Milan, traguardo già sentito. Giovani Il Milan cerca un allenatore internazionale e Fonseca ha i requisiti: ha cominciato in Portogallo, è stato in Ucraina allo Shakhtar, alla Roma e da due stagioni allena in Francia, al Lilla. Altra caratteristica: il nuovo allenatore deve saper far crescere i giovani. E Fonseca ha qualche nota da spendere sul curriculum. Bove, Zalewski e Calafiori alla Roma hanno giocato la prima partita con lui, Darboe ha avuto spazio, Ibanez è diventato materiale da Serie A dopo l’esperienza negativa all’Atalanta. Nel Lilla attuale si è imposto Leny Yoro, difensore centrale del 2005, arrivato dalle giovanili e ora materiale da grandissime squadre. E con lui giocano Tiago Santos e Haraldsson, ragazzi non attesi a quel livello. Fase difensiva Alcuni dubbi, certo, ci sono. Due su tutti: la personalità e la tenuta difensiva. Fonseca alla Roma ha dimostrato grande pacatezza nelle dichiarazioni pubbliche e buon senso nella gestione di situazioni complesse ma non ha mai tenuto in mano lo spogliatoio di una grande. Tra Lilla e San Siro, la differenza è enorme. Difensivamente, poi, le sue squadre hanno alti e bassi. Il suo primo Lilla ha chiuso con la sesta difesa di Ligue1, dato nettamente migliorato in questo campionato: solo il Nizza subisce meno. La sua ultima Roma, addirittura, subì 58 gol: decima difesa in A. Coraggio I suoi tifosi però guardano soprattutto la fase offensiva. Fonseca ha coraggio, ama il possesso e in carriera ha usato molti giocatori rapidi. Sistema di gioco? Mah, come tanti allenatori varia ma è logico pensare che al Milan potrebbe giocare con il 4-2-3-1, come Pioli. Certo, con caratteristiche diverse. Con lui il Milan giocherebbe col 4231

Tuttosport: i tifosi vorrebbero Conte ma il club non lo considera un'opzione. Ci sono nomi che di giorno in giorno scendono, come Lopetegui, Fonseca, Galtier e Gallardo (tutti in stand-by); o salgono, come Sergio Conceicao, Rose e Van Bommel (l'olandese è un vecchio amico di Ibra). Il club rossonero rimane sintetizzato su profili principalmente stranieri, possibilmente giovani o con "idee giovani", per questo non va scartato un profilo come l'italiano Farioli - che lavora al Nizza -, già valutato in inverno, quando il preferito era Thiago Motta, oggi però più in orbita Juventus. Sfumato Emery, che ha rinnovato con l'Aston Villa, è uscito rapidamente dai radar Xavi; mentre De Zerbi, che ovviamente piace, preferirebbe rimanere in Premier e ha una clausola da 15 milioni per essere liberato dal Brighton.

Corriere della Sera: nelle ultime ore ha preso quota il nome di Farioli (come già ampiamente riferito NDR) per il post Pioli. Ma restano in corsa anche Lopetegui, Fonseca, Van Bommel e Tedesco. La scelta arriverà nelle prossime settimane e sarà collegiale con Furlani, Ibra e Moncada a organizzare il casting e Cardinale con l’ultima parola.

Leggete e quotate prima di commentare.
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
212,407
Reaction score
32,494
Come riportato dalla GDS, in prima linea per la panchina del Milan ci sono tre tecnici: Lopetegui, Tedesco e Fonsesca

Lopetegui non scalda San Siro. C'è il West Ham su di lui, ma la priorità del tecnico è il Milan. Lopetegui accetterebbe la linea autostostenibile del Milan. E' abituato a collaborare con i dirigenti in sede di mercato e non è tipo da imposizioni. Ma in carriera ha sempre sofferto la pressione dei grandi club. E San Siro sarà molto esigente. Possibile stipendi da 4 mln. Ci sono stati contatti tra le parti ma l'accelerata che Lopetegui si attendeva non è ancora arrivata. Con lui il Milan giocherebbe col 4-3-3

Tedesco: CT belga, 38 anni, sa lavorare coi giovani. Rientra negli standard economici del club Prima dei grandi si era dedicato ai ragazzi, capacità che il Milan apprezza considerato che il prossimo allenatore dovrà essere bravo a valorizzare i giovani. Nella corsa alla panchina rossonera oggi parte un passo indietro rispetto e Lopetegui e Fonseca, ma è tra i contattati. Allo stesso modo dovrebbe accelerare in estate: a metà giugno inizierà l’Europeo alla guida del Belgio. Al Milan arriverebbe soltanto a luglio, poco prima dell’inizio della tournée americana di fine mese: i tempi sono stretti e non aiutano. Rispetto ai candidati principali Tedesco può suscitare curiosità: non è un nome di prima fascia, ma è quello che intende diventare. Con lui il Milan giocherebbe col 3412

Fonseca: Paulo Fonseca nei ragionamenti sul prossimo allenatore del Milan passa spesso in secondo piano. Ingeneroso: ha chance. A Casa Milan piace a molti e il suo nome è già arrivato sul tavolo di Gerry Cardinale. E poi Paulo Fonseca ha un vantaggio: rispetto a Lopetegui, rispetto a Tedesco e altri candidati, ha già allenato in Italia. Due stagioni alla Roma, con un quinto posto nel 2019- 20, un settimo posto nel 2020- 21 abbinato alla semifinale di Europa League. Per il Milan, traguardo già sentito. Giovani Il Milan cerca un allenatore internazionale e Fonseca ha i requisiti: ha cominciato in Portogallo, è stato in Ucraina allo Shakhtar, alla Roma e da due stagioni allena in Francia, al Lilla. Altra caratteristica: il nuovo allenatore deve saper far crescere i giovani. E Fonseca ha qualche nota da spendere sul curriculum. Bove, Zalewski e Calafiori alla Roma hanno giocato la prima partita con lui, Darboe ha avuto spazio, Ibanez è diventato materiale da Serie A dopo l’esperienza negativa all’Atalanta. Nel Lilla attuale si è imposto Leny Yoro, difensore centrale del 2005, arrivato dalle giovanili e ora materiale da grandissime squadre. E con lui giocano Tiago Santos e Haraldsson, ragazzi non attesi a quel livello. Fase difensiva Alcuni dubbi, certo, ci sono. Due su tutti: la personalità e la tenuta difensiva. Fonseca alla Roma ha dimostrato grande pacatezza nelle dichiarazioni pubbliche e buon senso nella gestione di situazioni complesse ma non ha mai tenuto in mano lo spogliatoio di una grande. Tra Lilla e San Siro, la differenza è enorme. Difensivamente, poi, le sue squadre hanno alti e bassi. Il suo primo Lilla ha chiuso con la sesta difesa di Ligue1, dato nettamente migliorato in questo campionato: solo il Nizza subisce meno. La sua ultima Roma, addirittura, subì 58 gol: decima difesa in A. Coraggio I suoi tifosi però guardano soprattutto la fase offensiva. Fonseca ha coraggio, ama il possesso e in carriera ha usato molti giocatori rapidi. Sistema di gioco? Mah, come tanti allenatori varia ma è logico pensare che al Milan potrebbe giocare con il 4-2-3-1, come Pioli. Certo, con caratteristiche diverse. Con lui il Milan giocherebbe col 4231

Tuttosport: i tifosi vorrebbero Conte ma il club non lo considera un'opzione. Ci sono nomi che di giorno in giorno scendono, come Lopetegui, Fonseca, Galtier e Gallardo (tutti in stand-by); o salgono, come Sergio Conceicao, Rose e Van Bommel (l'olandese è un vecchio amico di Ibra). Il club rossonero rimane sintetizzato su profili principalmente stranieri, possibilmente giovani o con "idee giovani", per questo non va scartato un profilo come l'italiano Farioli - che lavora al Nizza -, già valutato in inverno, quando il preferito era Thiago Motta, oggi però più in orbita Juventus. Sfumato Emery, che ha rinnovato con l'Aston Villa, è uscito rapidamente dai radar Xavi; mentre De Zerbi, che ovviamente piace, preferirebbe rimanere in Premier e ha una clausola da 15 milioni per essere liberato dal Brighton.

Corriere della Sera: nelle ultime ore ha preso quota il nome di Farioli (come già ampiamente riferito NDR) per il post Pioli. Ma restano in corsa anche Lopetegui, Fonseca, Van Bommel e Tedesco. La scelta arriverà nelle prossime settimane e sarà collegiale con Furlani, Ibra e Moncada a organizzare il casting e Cardinale con l’ultima parola.
 

Ruuddil23

Senior Member
Registrato
27 Gennaio 2017
Messaggi
7,170
Reaction score
1,584
Come riportato dalla GDS, in prima linea per la panchina del Milan ci sono tre tecnici: Lopetegui, Tedesco e Fonseca. Ecco di seguito richieste, curriculum e moduli di gioco.

Lopetegui non scalda San Siro. C'è il West Ham su di lui, ma la priorità del tecnico è il Milan. Lopetegui accetterebbe la linea autostostenibile del Milan. E' abituato a collaborare con i dirigenti in sede di mercato e non è tipo da imposizioni. Ma in carriera ha sempre sofferto la pressione dei grandi club. E San Siro sarà molto esigente. Possibile stipendi da 4 mln. Ci sono stati contatti tra le parti ma l'accelerata che Lopetegui si attendeva non è ancora arrivata. Con lui il Milan giocherebbe col 4-3-3

Tedesco: CT belga, 38 anni, sa lavorare coi giovani. Rientra negli standard economici del club Prima dei grandi si era dedicato ai ragazzi, capacità che il Milan apprezza considerato che il prossimo allenatore dovrà essere bravo a valorizzare i giovani. Nella corsa alla panchina rossonera oggi parte un passo indietro rispetto e Lopetegui e Fonseca, ma è tra i contattati. Allo stesso modo dovrebbe accelerare in estate: a metà giugno inizierà l’Europeo alla guida del Belgio. Al Milan arriverebbe soltanto a luglio, poco prima dell’inizio della tournée americana di fine mese: i tempi sono stretti e non aiutano. Rispetto ai candidati principali Tedesco può suscitare curiosità: non è un nome di prima fascia, ma è quello che intende diventare. Con lui il Milan giocherebbe col 3412

Fonseca: Paulo Fonseca nei ragionamenti sul prossimo allenatore del Milan passa spesso in secondo piano. Ingeneroso: ha chance. A Casa Milan piace a molti e il suo nome è già arrivato sul tavolo di Gerry Cardinale. E poi Paulo Fonseca ha un vantaggio: rispetto a Lopetegui, rispetto a Tedesco e altri candidati, ha già allenato in Italia. Due stagioni alla Roma, con un quinto posto nel 2019- 20, un settimo posto nel 2020- 21 abbinato alla semifinale di Europa League. Per il Milan, traguardo già sentito. Giovani Il Milan cerca un allenatore internazionale e Fonseca ha i requisiti: ha cominciato in Portogallo, è stato in Ucraina allo Shakhtar, alla Roma e da due stagioni allena in Francia, al Lilla. Altra caratteristica: il nuovo allenatore deve saper far crescere i giovani. E Fonseca ha qualche nota da spendere sul curriculum. Bove, Zalewski e Calafiori alla Roma hanno giocato la prima partita con lui, Darboe ha avuto spazio, Ibanez è diventato materiale da Serie A dopo l’esperienza negativa all’Atalanta. Nel Lilla attuale si è imposto Leny Yoro, difensore centrale del 2005, arrivato dalle giovanili e ora materiale da grandissime squadre. E con lui giocano Tiago Santos e Haraldsson, ragazzi non attesi a quel livello. Fase difensiva Alcuni dubbi, certo, ci sono. Due su tutti: la personalità e la tenuta difensiva. Fonseca alla Roma ha dimostrato grande pacatezza nelle dichiarazioni pubbliche e buon senso nella gestione di situazioni complesse ma non ha mai tenuto in mano lo spogliatoio di una grande. Tra Lilla e San Siro, la differenza è enorme. Difensivamente, poi, le sue squadre hanno alti e bassi. Il suo primo Lilla ha chiuso con la sesta difesa di Ligue1, dato nettamente migliorato in questo campionato: solo il Nizza subisce meno. La sua ultima Roma, addirittura, subì 58 gol: decima difesa in A. Coraggio I suoi tifosi però guardano soprattutto la fase offensiva. Fonseca ha coraggio, ama il possesso e in carriera ha usato molti giocatori rapidi. Sistema di gioco? Mah, come tanti allenatori varia ma è logico pensare che al Milan potrebbe giocare con il 4-2-3-1, come Pioli. Certo, con caratteristiche diverse. Con lui il Milan giocherebbe col 4231

Tuttosport: i tifosi vorrebbero Conte ma il club non lo considera un'opzione. Ci sono nomi che di giorno in giorno scendono, come Lopetegui, Fonseca, Galtier e Gallardo (tutti in stand-by); o salgono, come Sergio Conceicao, Rose e Van Bommel (l'olandese è un vecchio amico di Ibra). Il club rossonero rimane sintetizzato su profili principalmente stranieri, possibilmente giovani o con "idee giovani", per questo non va scartato un profilo come l'italiano Farioli - che lavora al Nizza -, già valutato in inverno, quando il preferito era Thiago Motta, oggi però più in orbita Juventus. Sfumato Emery, che ha rinnovato con l'Aston Villa, è uscito rapidamente dai radar Xavi; mentre De Zerbi, che ovviamente piace, preferirebbe rimanere in Premier e ha una clausola da 15 milioni per essere liberato dal Brighton.

Corriere della Sera: nelle ultime ore ha preso quota il nome di Farioli (come già ampiamente riferito NDR) per il post Pioli. Ma restano in corsa anche Lopetegui, Fonseca, Van Bommel e Tedesco. La scelta arriverà nelle prossime settimane e sarà collegiale con Furlani, Ibra e Moncada a organizzare il casting e Cardinale con l’ultima parola.


lopetegui.siviglia.2019.20.1400x840.jpg

Pazzesco come pian piano Lopetegui stia diventando il nome meno peggio fra tutti ahahaha :asd:
 

diavolo

شراء ميل
Registrato
24 Giugno 2014
Messaggi
6,776
Reaction score
2,070
Come riportato dalla GDS, in prima linea per la panchina del Milan ci sono tre tecnici: Lopetegui, Tedesco e Fonseca. Ecco di seguito richieste, curriculum e moduli di gioco.

Lopetegui non scalda San Siro. C'è il West Ham su di lui, ma la priorità del tecnico è il Milan. Lopetegui accetterebbe la linea autostostenibile del Milan. E' abituato a collaborare con i dirigenti in sede di mercato e non è tipo da imposizioni. Ma in carriera ha sempre sofferto la pressione dei grandi club. E San Siro sarà molto esigente. Possibile stipendi da 4 mln. Ci sono stati contatti tra le parti ma l'accelerata che Lopetegui si attendeva non è ancora arrivata. Con lui il Milan giocherebbe col 4-3-3

Tedesco: CT belga, 38 anni, sa lavorare coi giovani. Rientra negli standard economici del club Prima dei grandi si era dedicato ai ragazzi, capacità che il Milan apprezza considerato che il prossimo allenatore dovrà essere bravo a valorizzare i giovani. Nella corsa alla panchina rossonera oggi parte un passo indietro rispetto e Lopetegui e Fonseca, ma è tra i contattati. Allo stesso modo dovrebbe accelerare in estate: a metà giugno inizierà l’Europeo alla guida del Belgio. Al Milan arriverebbe soltanto a luglio, poco prima dell’inizio della tournée americana di fine mese: i tempi sono stretti e non aiutano. Rispetto ai candidati principali Tedesco può suscitare curiosità: non è un nome di prima fascia, ma è quello che intende diventare. Con lui il Milan giocherebbe col 3412

Fonseca: Paulo Fonseca nei ragionamenti sul prossimo allenatore del Milan passa spesso in secondo piano. Ingeneroso: ha chance. A Casa Milan piace a molti e il suo nome è già arrivato sul tavolo di Gerry Cardinale. E poi Paulo Fonseca ha un vantaggio: rispetto a Lopetegui, rispetto a Tedesco e altri candidati, ha già allenato in Italia. Due stagioni alla Roma, con un quinto posto nel 2019- 20, un settimo posto nel 2020- 21 abbinato alla semifinale di Europa League. Per il Milan, traguardo già sentito. Giovani Il Milan cerca un allenatore internazionale e Fonseca ha i requisiti: ha cominciato in Portogallo, è stato in Ucraina allo Shakhtar, alla Roma e da due stagioni allena in Francia, al Lilla. Altra caratteristica: il nuovo allenatore deve saper far crescere i giovani. E Fonseca ha qualche nota da spendere sul curriculum. Bove, Zalewski e Calafiori alla Roma hanno giocato la prima partita con lui, Darboe ha avuto spazio, Ibanez è diventato materiale da Serie A dopo l’esperienza negativa all’Atalanta. Nel Lilla attuale si è imposto Leny Yoro, difensore centrale del 2005, arrivato dalle giovanili e ora materiale da grandissime squadre. E con lui giocano Tiago Santos e Haraldsson, ragazzi non attesi a quel livello. Fase difensiva Alcuni dubbi, certo, ci sono. Due su tutti: la personalità e la tenuta difensiva. Fonseca alla Roma ha dimostrato grande pacatezza nelle dichiarazioni pubbliche e buon senso nella gestione di situazioni complesse ma non ha mai tenuto in mano lo spogliatoio di una grande. Tra Lilla e San Siro, la differenza è enorme. Difensivamente, poi, le sue squadre hanno alti e bassi. Il suo primo Lilla ha chiuso con la sesta difesa di Ligue1, dato nettamente migliorato in questo campionato: solo il Nizza subisce meno. La sua ultima Roma, addirittura, subì 58 gol: decima difesa in A. Coraggio I suoi tifosi però guardano soprattutto la fase offensiva. Fonseca ha coraggio, ama il possesso e in carriera ha usato molti giocatori rapidi. Sistema di gioco? Mah, come tanti allenatori varia ma è logico pensare che al Milan potrebbe giocare con il 4-2-3-1, come Pioli. Certo, con caratteristiche diverse. Con lui il Milan giocherebbe col 4231

Tuttosport: i tifosi vorrebbero Conte ma il club non lo considera un'opzione. Ci sono nomi che di giorno in giorno scendono, come Lopetegui, Fonseca, Galtier e Gallardo (tutti in stand-by); o salgono, come Sergio Conceicao, Rose e Van Bommel (l'olandese è un vecchio amico di Ibra). Il club rossonero rimane sintetizzato su profili principalmente stranieri, possibilmente giovani o con "idee giovani", per questo non va scartato un profilo come l'italiano Farioli - che lavora al Nizza -, già valutato in inverno, quando il preferito era Thiago Motta, oggi però più in orbita Juventus. Sfumato Emery, che ha rinnovato con l'Aston Villa, è uscito rapidamente dai radar Xavi; mentre De Zerbi, che ovviamente piace, preferirebbe rimanere in Premier e ha una clausola da 15 milioni per essere liberato dal Brighton.

Corriere della Sera: nelle ultime ore ha preso quota il nome di Farioli (come già ampiamente riferito NDR) per il post Pioli. Ma restano in corsa anche Lopetegui, Fonseca, Van Bommel e Tedesco. La scelta arriverà nelle prossime settimane e sarà collegiale con Furlani, Ibra e Moncada a organizzare il casting e Cardinale con l’ultima parola.


lopetegui.siviglia.2019.20.1400x840.jpg
chef-gino-bolognese.gif
 
Stato
Chiusa ad ulteriori risposte.
Alto
head>