Milan: Rangnick manager. Pazzo di Sacchi. Pochi dirigenti.

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
200,180
Reaction score
25,709
Come riportato dal Corriere dello Sport in edicola oggi, 22 aprile, Rangick è sempre più l'indiziato numero uno per il ruolo di manager del Milan. Sta studiando italiano 6 ore al giorno. Calcisticamente, Rangnick è pazzo di Sacchi e un amante della cultura. Sempre calcisticamente, ha mixato la filosofia di Zeman e Lobanovsky adattandola alle sue squadre. La peculiarità principale delle sue squadre è rappresentata dal pressing immediato. Il Milan lo ha scelto anche perchè Rangnick è uno che sa scovare sconosciuti a basso prezzo, valorizzarli e poi rivenderli. Rangnick si occuperà di tutto: campo, mercato, scouting e avrà voce in capitolo anche nell'organizzazione del club. Ciò ridurrà al minimo il numero degli altri dirigenti.

Il budget per il mercato QUI -) http://www.milanworld.net/milan-pia...ssioni-gli-obiettivi-vt88726.html#post2047957
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
200,180
Reaction score
25,709
Come riportato dal Corriere dello Sport in edicola oggi, 22 aprile, Rangick è sempre più l'indiziato numero uno per il ruolo di manager del Milan. Sta studiando italiano 6 ore al giorno. Calcisticamente, Rangnick è pazzo di Sacchi e un amante della cultura. Sempre calcisticamente, ha mixato la filosofia di Zeman e Lobanovsky adattandola alle sue squadre. La peculiarità principale delle sue squadre è rappresentata dal pressing immediato. Il Milan lo ha scelto anche perchè Rangnick è uno che sa scovare sconosciuti a basso prezzo, valorizzarli e poi rivenderli. Rangnick si occuperà di tutto: campo, mercato, scouting e avrà voce in capitolo anche nell'organizzazione del club. Ciò ridurrà al minimo il numero degli altri dirigenti.

Il budget per il mercato QUI -) http://www.milanworld.net/milan-pia...ssioni-gli-obiettivi-vt88726.html#post2047957

Sacchiano, flop assicurato. Ormai è una certezza assoluta.
 

Milanforever26

Senior Member
Registrato
6 Giugno 2014
Messaggi
39,686
Reaction score
3,276
Sacchiano, flop assicurato. Ormai è una certezza assoluta.

Ma poi ormai tutti quelli che vogliono fare i fenomeni si definiscono "sacchiani"...

Come dopo il 2009 sono spuntati i "guardiola" ovunque..

Alla fine come dico sempre, se bastasse copiare uno bravo per fare bene, lo farebbero tutti no?
 
Registrato
23 Giugno 2015
Messaggi
13,065
Reaction score
2,875
Come riportato dal Corriere dello Sport in edicola oggi, 22 aprile, Rangick è sempre più l'indiziato numero uno per il ruolo di manager del Milan. Sta studiando italiano 6 ore al giorno. Calcisticamente, Rangnick è pazzo di Sacchi e un amante della cultura. Sempre calcisticamente, ha mixato la filosofia di Zeman e Lobanovsky adattandola alle sue squadre. La peculiarità principale delle sue squadre è rappresentata dal pressing immediato. Il Milan lo ha scelto anche perchè Rangnick è uno che sa scovare sconosciuti a basso prezzo, valorizzarli e poi rivenderli. Rangnick si occuperà di tutto: campo, mercato, scouting e avrà voce in capitolo anche nell'organizzazione del club. Ciò ridurrà al minimo il numero degli altri dirigenti.

Il budget per il mercato QUI -) http://www.milanworld.net/milan-pia...ssioni-gli-obiettivi-vt88726.html#post2047957

purchè il pressing sia fatto con criterio...non che vai a caso contro l'uomo modello Poli
 

7AlePato7

Senior Member
Registrato
3 Settembre 2012
Messaggi
24,027
Reaction score
11,465
Come riportato dal Corriere dello Sport in edicola oggi, 22 aprile, Rangick è sempre più l'indiziato numero uno per il ruolo di manager del Milan. Sta studiando italiano 6 ore al giorno. Calcisticamente, Rangnick è pazzo di Sacchi e un amante della cultura. Sempre calcisticamente, ha mixato la filosofia di Zeman e Lobanovsky adattandola alle sue squadre. La peculiarità principale delle sue squadre è rappresentata dal pressing immediato. Il Milan lo ha scelto anche perchè Rangnick è uno che sa scovare sconosciuti a basso prezzo, valorizzarli e poi rivenderli. Rangnick si occuperà di tutto: campo, mercato, scouting e avrà voce in capitolo anche nell'organizzazione del club. Ciò ridurrà al minimo il numero degli altri dirigenti.

Il budget per il mercato QUI -) http://www.milanworld.net/milan-pia...ssioni-gli-obiettivi-vt88726.html#post2047957
Un fallimento annunciato per quello che mi riguarda. I filosofi senza i giocatori forti non vanno lontano. Persino Sacchi, quando pose l’aut aut “O me o Van Basten”, fu messo alla porta senza troppi pensieri. Al suo posto arrivò Capello che plasmò il Milan degli invincibili.
 

Goro

Senior Member
Registrato
7 Febbraio 2017
Messaggi
9,578
Reaction score
1,624
Come riportato dal Corriere dello Sport in edicola oggi, 22 aprile, Rangick è sempre più l'indiziato numero uno per il ruolo di manager del Milan. Sta studiando italiano 6 ore al giorno. Calcisticamente, Rangnick è pazzo di Sacchi e un amante della cultura. Sempre calcisticamente, ha mixato la filosofia di Zeman e Lobanovsky adattandola alle sue squadre. La peculiarità principale delle sue squadre è rappresentata dal pressing immediato. Il Milan lo ha scelto anche perchè Rangnick è uno che sa scovare sconosciuti a basso prezzo, valorizzarli e poi rivenderli. Rangnick si occuperà di tutto: campo, mercato, scouting e avrà voce in capitolo anche nell'organizzazione del club. Ciò ridurrà al minimo il numero degli altri dirigenti.

Il budget per il mercato QUI -) http://www.milanworld.net/milan-pia...ssioni-gli-obiettivi-vt88726.html#post2047957

Riuscirebbero a fare un articolo celebrativo persino su Brocchi, pur di prenderci in giro
 

Similar threads

Alto
head>