Milan: piano triennale. Stadio, giocatori e identità.

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
159,944
Reaction score
10,463
Come riportato dalla GDS in edicola oggi, 28 maggio, il piano di rilancio del Milan sarà lungo. Serviranno almeno tre anni. Con Rangnick non si registrano passi avanti, ma è lui il candidato numero 1 di Gazidis. Il rilancio del club ripartirà anche dalla costruzione del nuovo stadio: c'è ottimismo. Il progetto di Elliott, che comunque ha speso già molto, è a medio termine. Il Milan ha 400 mln di tifosi nel mondo, e questo sarà un dato cardine per le strategie future.

Occhio anche al mercato e ai rinforzi. Uno dei più seguiti da Moncada è il difensore Quaresma. Il Milan acquisterà giocatori di prospettiva da rivendere in poche stagioni. Modello Arsenal o Ajax. Autofinanziamento in primis. Se servirà qualche profilo esperto, si farà il possibile.

Poi, uno sguardo all'identità. Aperte le questioni relative ai rinnovi di Ibra, Donnarumma e Romagnoli. Col capitano, in scadenza nel 2022, si vuole evitare un caso Donnarumma bis.
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
159,944
Reaction score
10,463
Come riportato dalla GDS in edicola oggi, 28 maggio, il piano di rilancio del Milan sarà lungo. Serviranno almeno tre anni. Con Rangnick non si registrano passi avanti, ma è lui il candidato numero 1 di Gazidis. Il rilancio del club ripartirà anche dalla costruzione del nuovo stadio: c'è ottimismo. Il progetto di Elliott, che comunque ha speso già molto, è a medio termine. Il Milan ha 400 mln di tifosi nel mondo, e questo sarà un dato cardine per le strategie future.

Occhio anche al mercato e ai rinforzi. Uno dei più seguiti da Moncada è il difensore Quaresma. Il Milan acquisterà giocatori di prospettiva da rivendere in poche stagioni. Modello Arsenal o Ajax. Autofinanziamento in primis. Se servirà qualche profilo esperto, si farà il possibile.

Poi, uno sguardo all'identità. Aperte le questioni relative ai rinnovi di Ibra, Donnarumma e Romagnoli. Col capitano, in scadenza nel 2022, si vuole evitare un caso Donnarumma bis.

Saranno quindici anni che andiamo a piani triennali. E che piani...
 
Registrato
30 Agosto 2017
Messaggi
11,305
Reaction score
5,641
Come riportato dalla GDS in edicola oggi, 28 maggio, il piano di rilancio del Milan sarà lungo. Serviranno almeno tre anni. Con Rangnick non si registrano passi avanti, ma è lui il candidato numero 1 di Gazidis. Il rilancio del club ripartirà anche dalla costruzione del nuovo stadio: c'è ottimismo. Il progetto di Elliott, che comunque ha speso già molto, è a medio termine. Il Milan ha 400 mln di tifosi nel mondo, e questo sarà un dato cardine per le strategie future.

Occhio anche al mercato e ai rinforzi. Uno dei più seguiti da Moncada è il difensore Quaresma. Il Milan acquisterà giocatori di prospettiva da rivendere in poche stagioni. Modello Arsenal o Ajax. Autofinanziamento in primis. Se servirà qualche profilo esperto, si farà il possibile.

Poi, uno sguardo all'identità. Aperte le questioni relative ai rinnovi di Ibra, Donnarumma e Romagnoli. Col capitano, in scadenza nel 2022, si vuole evitare un caso Donnarumma bis.

Al termine di questo piano triennale saranno 16 anni dall'ultima Champions vinta e 10 dall'ultima Champions disputata,saranno 12 anni dall'ultimo scudetto e 11 anni dall'ultima volta che abbiamo lottato per vincerlo,in pratica il Milan esisterà solo nei ricordi dei milanisti,già oggi abbiamo perso tutta la generazione di bambini che vanno dai 6 ai 10 anni.Inutile dire che al termine dei 3 anni ne ripartirà un'altro di 3 anni.Se non ci fosse l'Inter coinvolta mi sentirei di dire che pure lo stadio avrebbe avuto un piano quarantennale,solo la cessione ci può salvare.
 
Registrato
29 Ottobre 2017
Messaggi
2,515
Reaction score
187
Al nostro terzo piano triennale arriviamo a 10 anni senza disputare la Champions.

Uno può elaborare tutti i piani che vuole, ma poi bisogna anche essere in grado di metterli in pratica.
 

Konrad

Senior Member
Registrato
12 Giugno 2015
Messaggi
6,316
Reaction score
225
Come riportato dalla GDS in edicola oggi, 28 maggio, il piano di rilancio del Milan sarà lungo. Serviranno almeno tre anni. Con Rangnick non si registrano passi avanti, ma è lui il candidato numero 1 di Gazidis. Il rilancio del club ripartirà anche dalla costruzione del nuovo stadio: c'è ottimismo. Il progetto di Elliott, che comunque ha speso già molto, è a medio termine. Il Milan ha 400 mln di tifosi nel mondo, e questo sarà un dato cardine per le strategie future.

Occhio anche al mercato e ai rinforzi. Uno dei più seguiti da Moncada è il difensore Quaresma. Il Milan acquisterà giocatori di prospettiva da rivendere in poche stagioni. Modello Arsenal o Ajax. Autofinanziamento in primis. Se servirà qualche profilo esperto, si farà il possibile.

Poi, uno sguardo all'identità. Aperte le questioni relative ai rinnovi di Ibra, Donnarumma e Romagnoli. Col capitano, in scadenza nel 2022, si vuole evitare un caso Donnarumma bis.

Parlo oggi non sapendo quello che riuscirà a fare Rangnick al Milan (e nemmeno se poi ci verrà, visto che di ufficiale non c'è, come da logica, nulla). Quello che percepisco però è che, dopo anni di fumo negli occhi volontario o meno, stiamo finalmente per sdoganarci dai vecchi errori. Mi pare che si voglia ripartire da un'anno 0, con un piano triennale tecnico-sportivo ed economico ben definito (di cui lo stadio, come diciamo da un bel pò è elemento determinante).
Possiamo tra l'altro ripartire non solo da macerie questa volta, ma anche da qualcosa di buono: Theo e Bennacer in primis, Rebic stesso se si confermerà ai livelli degli ultimi mesi pre-covid. C'è qualche rincalzo (nella mia testa) che può essere utile alla necessità: penso a Castillejo, Gabbia, Conti (sfortunatissimo), Duarte. E poi abbiamo un paio di giocatori di cui dovremmo capire cosa fare: Leao e Duarte, che a mio parere non si sono espressi (per un motivo o per l'altro) secondo le loro qualità.
Quello che è importante è però smetterla con gli errori del passato. Non possiamo più supportare (e sopportare) i Biglia o Borini con stipendi folli, così come gli acquisti di "scommesse" (Vedi Paquetà e Piatek) a cifre superiori a 20/25 milioni. Stipendi e ammortamenti residui hanno reso invendibili i vari paracarri entrati nel nostro universo (sigh!) e hanno appesantito i nostri bilanci in maniera allucinante, tanto da portarci all'onta dell'esclusione dalle coppe. Per farla breve, una squadra che chiude tra il 5° e il 10° posto il campionato italiano non può andare a bilancio con le nostre perdite. VA CAMBIATA ROTTA...andava fatto prima, vediamo di iniziare oggi, che siamo almeno 2/3 anni dietro tutte le altre.
Il prossimo mercato, in caso di arrivo di Rangnick (e suo allenatore?) e compagnia cantante, sarà fondamentale. Gente fresca, magari già avvezza ai suoi metodi di lavoro, alla sua filosofia (anche per il tramite di allenatori che a lui si ispirano) oppure di sua scelta. Non possiamo ripetere l'errore dell'anno scorso, in cui prendi un tecnico (già limitato a mio parere) e non gli compri nemmeno gli uomini adatti. Per cui ben vengano i nomi sconosciuti, se avallati dalla guida tecnica, ma sul serio però...non di facciata.
Con costi di cartellino light e con stipendi accessibili (Theo e Bennacer, 20 e 16 milioni, 1,5 di stipendio).
Oggi il mercato, secondo me, offre importanti possibilità di acquisire questo tipo di giocatori. Va fatto uno sforzo, ponderato certo, ma teso a costruire un'intelaiatura su cui poi si potranno effettuare ritocchi e modifiche e, chissà, inserire anche qualche giocatore di maggior nome.
Insomma, ribadisco non so come andrà a finire, ma inizio ad approcciarmi alla nuova stagione con stato d'animo positivo. Speranzoso che davvero si stia ripartendo, quasi da 0, ma senza commettere gli errori di un passato prossimo durato troppo a lungo.
 

diavoloINme

Senior Member
Registrato
11 Aprile 2016
Messaggi
46,083
Reaction score
11,770
Come riportato dalla GDS in edicola oggi, 28 maggio, il piano di rilancio del Milan sarà lungo. Serviranno almeno tre anni. Con Rangnick non si registrano passi avanti, ma è lui il candidato numero 1 di Gazidis. Il rilancio del club ripartirà anche dalla costruzione del nuovo stadio: c'è ottimismo. Il progetto di Elliott, che comunque ha speso già molto, è a medio termine. Il Milan ha 400 mln di tifosi nel mondo, e questo sarà un dato cardine per le strategie future.

Occhio anche al mercato e ai rinforzi. Uno dei più seguiti da Moncada è il difensore Quaresma. Il Milan acquisterà giocatori di prospettiva da rivendere in poche stagioni. Modello Arsenal o Ajax. Autofinanziamento in primis. Se servirà qualche profilo esperto, si farà il possibile.

Poi, uno sguardo all'identità. Aperte le questioni relative ai rinnovi di Ibra, Donnarumma e Romagnoli. Col capitano, in scadenza nel 2022, si vuole evitare un caso Donnarumma bis.

Non capisco come un tifoso si possa esaltare per tutto ciò e possa aspettare con trepidazione la realizzazione di questo disegno.
L'elogio della mediocrità.
E non mi si dica è l'unica strada percorribile perchè non è cosi.
 

Goro

Senior Member
Registrato
7 Febbraio 2017
Messaggi
7,622
Reaction score
477
Come riportato dalla GDS in edicola oggi, 28 maggio, il piano di rilancio del Milan sarà lungo. Serviranno almeno tre anni. Con Rangnick non si registrano passi avanti, ma è lui il candidato numero 1 di Gazidis. Il rilancio del club ripartirà anche dalla costruzione del nuovo stadio: c'è ottimismo. Il progetto di Elliott, che comunque ha speso già molto, è a medio termine. Il Milan ha 400 mln di tifosi nel mondo, e questo sarà un dato cardine per le strategie future.

Occhio anche al mercato e ai rinforzi. Uno dei più seguiti da Moncada è il difensore Quaresma. Il Milan acquisterà giocatori di prospettiva da rivendere in poche stagioni. Modello Arsenal o Ajax. Autofinanziamento in primis. Se servirà qualche profilo esperto, si farà il possibile.

Poi, uno sguardo all'identità. Aperte le questioni relative ai rinnovi di Ibra, Donnarumma e Romagnoli. Col capitano, in scadenza nel 2022, si vuole evitare un caso Donnarumma bis.

LIMBO! Con qualche slitta qua e là
 

gabri65

BFMI-class member
Registrato
26 Giugno 2018
Messaggi
15,789
Reaction score
7,473
Come riportato dalla GDS in edicola oggi, 28 maggio, il piano di rilancio del Milan sarà lungo. Serviranno almeno tre anni. Con Rangnick non si registrano passi avanti, ma è lui il candidato numero 1 di Gazidis. Il rilancio del club ripartirà anche dalla costruzione del nuovo stadio: c'è ottimismo. Il progetto di Elliott, che comunque ha speso già molto, è a medio termine. Il Milan ha 400 mln di tifosi nel mondo, e questo sarà un dato cardine per le strategie future.

Occhio anche al mercato e ai rinforzi. Uno dei più seguiti da Moncada è il difensore Quaresma. Il Milan acquisterà giocatori di prospettiva da rivendere in poche stagioni. Modello Arsenal o Ajax. Autofinanziamento in primis. Se servirà qualche profilo esperto, si farà il possibile.

Poi, uno sguardo all'identità. Aperte le questioni relative ai rinnovi di Ibra, Donnarumma e Romagnoli. Col capitano, in scadenza nel 2022, si vuole evitare un caso Donnarumma bis.

Il piano triennale.

Roba da ex unione sovietica stalinista.
 

Similar threads

Alto
head>