Milan: bonifica San Donato. Ma WWF e residenti denunciano.

Stato
Chiusa ad ulteriori risposte.

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
212,166
Reaction score
32,398
Come riportato dal CorSera, a San Donato è partita la bonifica dell'area, con una prima opera di pulizia, da parte della società rossonera.

Ma il WWF si è fatto sentire con "La diffida alla proprietà dal procedere agli annunciati interventi di pulizia e taglio di vegetazione e alberi nell’area oggetto della richiesta di variante, per la realizzazione dello stadio di calcio. Seguiamo questa zona a sud di Milano da quando è stata resa edificabile . Si parla addirittura dai primi anni '90. Quando poi in prospettiva sono arrivati questi nuovi progetti sportivi avevamo segnalato agli enti competenti, già nel 2021, la zona umida e quella boscata a ovest dell'area di San Francesco, attaccata all'autostrada. Nessuna risposta. Nel 2023 abbiamo ripetuto la segnalazione. Ci siamo permessi di chiedere aiuto a un legale, l'avvocato Dini, per avere una risposta dovuta. A seguito di questo contatto con il legale, abbiamo coinvolto anche un agronomo, il dottor Guzzi, che ha espresso una relazione confermando quanto da noi affermato. Con questa perizia, tramite il legale abbiamo mandato una diffida alla proprietà, al comune di San Donato e, per conoscenza, a prefetto, carabinieri forestali e sovrintendenza. Vedremo come va a finire. Noi siamo preoccupati, abbiamo ovviamente accelerato sulla questione legale perché si parlava di bonifica e sicurezza dell'area, e non si capisce bene cosa voglia dire "bonifica". Perché quando si dice «rimozione del verde spontaneo, rimozione della sterpaglia», magari comprende anche la distruzione del sottobosco e l'abbattimento degli alberi, e la cosa ci preoccupa parecchio. Chiaro che questa è un azione iniziale, poi c'è tutto l’accordo di programma. Potrebbero andare a intaccare le aree naturalistiche».

Fabio Songa, rappresentante del Comitato di Chiaravalle:"Qui siamo dietro l'abitato di Chiaravalle, le case sono a un 100 metri, dietro nascosta dagli alberi c'è l'Abbazia con la Ciribiciaccola. Lo stadio del Milan dovrebbe sorgere a circa 250 metri da qui, vicino al rudere della cascina di San Francesco, parte della grangia dell'Abbazia di Chiaravalle. Qui siamo nel Parco Sud, che dovrebbe essere tutelato, ma ad oggi i progetti del Milan prevedono il "verde attrezzato". Tradotto: potrebbero costruire i parcheggi. La creazione di uno stadio sarebbe devastante in un territorio che invece andrebbe assolutamente valorizzato, con più di 1.000 anni di storia.Sempre più residenti contrari allo stadio. È difficile dare una risposta semplice. Ancora oggi, a un anno di distanza dalla notizia, molte persone non sono informate, non hanno capito cosa comporta uno stadio. Quello che posso dire io è che abbiamo fatto quattro assemblee a Chiaravalle, e che un numero crescente di cittadini è contrario e si sta attrezzando per opporsi all'impianto. C'è anche un problema di democrazia reale, la maggioranza fatta di liste civiche, che governa San Donato Milanese, si è fatta eleggere con un programma contro il consumo di suolo e promettendo che avrebbe addirittura ridimensionato il progetto preesistente su questa area, un progetto che non avrebbe comportato la creazione di ulteriore traffico. C'è un problema di democrazia perché. in primo luogo, è immorale che uno si presenti alle elezioni con un programma e una volta eletto faccia il contrario, ma in più c'è un problema di democrazia perché noi abbiamo chiesto un referendum, io sono cittadino di Milano, ma gli amici di San Donato hanno chiesto un referendum ed è stato negato, un referendum che chiedeva semplicemente: “Volete voi uno stadio a San Donato?”».


648aad8801316.jpeg
 

malos

Senior Member
Registrato
29 Agosto 2014
Messaggi
8,024
Reaction score
2,547
Come riportato dal CorSera, a San Donato è partita la bonifica dell'area, con una prima opera di pulizia, da parte della società rossonera.

Ma il WWF si è fatto sentire con "La diffida alla proprietà dal procedere agli annunciati interventi di pulizia e taglio di vegetazione e alberi nell’area oggetto della richiesta di variante, per la realizzazione dello stadio di calcio. Seguiamo questa zona a sud di Milano da quando è stata resa edificabile . Si parla addirittura dai primi anni '90. Quando poi in prospettiva sono arrivati questi nuovi progetti sportivi avevamo segnalato agli enti competenti, già nel 2021, la zona umida e quella boscata a ovest dell'area di San Francesco, attaccata all'autostrada. Nessuna risposta. Nel 2023 abbiamo ripetuto la segnalazione. Ci siamo permessi di chiedere aiuto a un legale, l'avvocato Dini, per avere una risposta dovuta. A seguito di questo contatto con il legale, abbiamo coinvolto anche un agronomo, il dottor Guzzi, che ha espresso una relazione confermando quanto da noi affermato. Con questa perizia, tramite il legale abbiamo mandato una diffida alla proprietà, al comune di San Donato e, per conoscenza, a prefetto, carabinieri forestali e sovrintendenza. Vedremo come va a finire. Noi siamo preoccupati, abbiamo ovviamente accelerato sulla questione legale perché si parlava di bonifica e sicurezza dell'area, e non si capisce bene cosa voglia dire "bonifica". Perché quando si dice «rimozione del verde spontaneo, rimozione della sterpaglia», magari comprende anche la distruzione del sottobosco e l'abbattimento degli alberi, e la cosa ci preoccupa parecchio. Chiaro che questa è un azione iniziale, poi c'è tutto l’accordo di programma. Potrebbero andare a intaccare le aree naturalistiche».

Fabio Songa, rappresentante del Comitato di Chiaravalle:"Qui siamo dietro l'abitato di Chiaravalle, le case sono a un 100 metri, dietro nascosta dagli alberi c'è l'Abbazia con la Ciribiciaccola. Lo stadio del Milan dovrebbe sorgere a circa 250 metri da qui, vicino al rudere della cascina di San Francesco, parte della grangia dell'Abbazia di Chiaravalle. Qui siamo nel Parco Sud, che dovrebbe essere tutelato, ma ad oggi i progetti del Milan prevedono il "verde attrezzato". Tradotto: potrebbero costruire i parcheggi. La creazione di uno stadio sarebbe devastante in un territorio che invece andrebbe assolutamente valorizzato, con più di 1.000 anni di storia.Sempre più residenti contrari allo stadio. È difficile dare una risposta semplice. Ancora oggi, a un anno di distanza dalla notizia, molte persone non sono informate, non hanno capito cosa comporta uno stadio. Quello che posso dire io è che abbiamo fatto quattro assemblee a Chiaravalle, e che un numero crescente di cittadini è contrario e si sta attrezzando per opporsi all'impianto. C'è anche un problema di democrazia reale, la maggioranza fatta di liste civiche, che governa San Donato Milanese, si è fatta eleggere con un programma contro il consumo di suolo e promettendo che avrebbe addirittura ridimensionato il progetto preesistente su questa area, un progetto che non avrebbe comportato la creazione di ulteriore traffico. C'è un problema di democrazia perché. in primo luogo, è immorale che uno si presenti alle elezioni con un programma e una volta eletto faccia il contrario, ma in più c'è un problema di democrazia perché noi abbiamo chiesto un referendum, io sono cittadino di Milano, ma gli amici di San Donato hanno chiesto un referendum ed è stato negato, un referendum che chiedeva semplicemente: “Volete voi uno stadio a San Donato?”».


648aad8801316.jpeg

Ma che due maroni.
 

Rudi84

Junior Member
Registrato
26 Ottobre 2020
Messaggi
2,278
Reaction score
2,209
Come riportato dal CorSera, a San Donato è partita la bonifica dell'area, con una prima opera di pulizia, da parte della società rossonera.

Ma il WWF si è fatto sentire con "La diffida alla proprietà dal procedere agli annunciati interventi di pulizia e taglio di vegetazione e alberi nell’area oggetto della richiesta di variante, per la realizzazione dello stadio di calcio. Seguiamo questa zona a sud di Milano da quando è stata resa edificabile . Si parla addirittura dai primi anni '90. Quando poi in prospettiva sono arrivati questi nuovi progetti sportivi avevamo segnalato agli enti competenti, già nel 2021, la zona umida e quella boscata a ovest dell'area di San Francesco, attaccata all'autostrada. Nessuna risposta. Nel 2023 abbiamo ripetuto la segnalazione. Ci siamo permessi di chiedere aiuto a un legale, l'avvocato Dini, per avere una risposta dovuta. A seguito di questo contatto con il legale, abbiamo coinvolto anche un agronomo, il dottor Guzzi, che ha espresso una relazione confermando quanto da noi affermato. Con questa perizia, tramite il legale abbiamo mandato una diffida alla proprietà, al comune di San Donato e, per conoscenza, a prefetto, carabinieri forestali e sovrintendenza. Vedremo come va a finire. Noi siamo preoccupati, abbiamo ovviamente accelerato sulla questione legale perché si parlava di bonifica e sicurezza dell'area, e non si capisce bene cosa voglia dire "bonifica". Perché quando si dice «rimozione del verde spontaneo, rimozione della sterpaglia», magari comprende anche la distruzione del sottobosco e l'abbattimento degli alberi, e la cosa ci preoccupa parecchio. Chiaro che questa è un azione iniziale, poi c'è tutto l’accordo di programma. Potrebbero andare a intaccare le aree naturalistiche».

Fabio Songa, rappresentante del Comitato di Chiaravalle:"Qui siamo dietro l'abitato di Chiaravalle, le case sono a un 100 metri, dietro nascosta dagli alberi c'è l'Abbazia con la Ciribiciaccola. Lo stadio del Milan dovrebbe sorgere a circa 250 metri da qui, vicino al rudere della cascina di San Francesco, parte della grangia dell'Abbazia di Chiaravalle. Qui siamo nel Parco Sud, che dovrebbe essere tutelato, ma ad oggi i progetti del Milan prevedono il "verde attrezzato". Tradotto: potrebbero costruire i parcheggi. La creazione di uno stadio sarebbe devastante in un territorio che invece andrebbe assolutamente valorizzato, con più di 1.000 anni di storia.Sempre più residenti contrari allo stadio. È difficile dare una risposta semplice. Ancora oggi, a un anno di distanza dalla notizia, molte persone non sono informate, non hanno capito cosa comporta uno stadio. Quello che posso dire io è che abbiamo fatto quattro assemblee a Chiaravalle, e che un numero crescente di cittadini è contrario e si sta attrezzando per opporsi all'impianto. C'è anche un problema di democrazia reale, la maggioranza fatta di liste civiche, che governa San Donato Milanese, si è fatta eleggere con un programma contro il consumo di suolo e promettendo che avrebbe addirittura ridimensionato il progetto preesistente su questa area, un progetto che non avrebbe comportato la creazione di ulteriore traffico. C'è un problema di democrazia perché. in primo luogo, è immorale che uno si presenti alle elezioni con un programma e una volta eletto faccia il contrario, ma in più c'è un problema di democrazia perché noi abbiamo chiesto un referendum, io sono cittadino di Milano, ma gli amici di San Donato hanno chiesto un referendum ed è stato negato, un referendum che chiedeva semplicemente: “Volete voi uno stadio a San Donato?”».


648aad8801316.jpeg
Ma a San Donato c'è anche gente che va a lavorare o stanno tutto il santo giorno a rompere le palle?
 

7AlePato7

Senior Member
Registrato
3 Settembre 2012
Messaggi
24,979
Reaction score
13,093
Come riportato dal CorSera, a San Donato è partita la bonifica dell'area, con una prima opera di pulizia, da parte della società rossonera.

Ma il WWF si è fatto sentire con "La diffida alla proprietà dal procedere agli annunciati interventi di pulizia e taglio di vegetazione e alberi nell’area oggetto della richiesta di variante, per la realizzazione dello stadio di calcio. Seguiamo questa zona a sud di Milano da quando è stata resa edificabile . Si parla addirittura dai primi anni '90. Quando poi in prospettiva sono arrivati questi nuovi progetti sportivi avevamo segnalato agli enti competenti, già nel 2021, la zona umida e quella boscata a ovest dell'area di San Francesco, attaccata all'autostrada. Nessuna risposta. Nel 2023 abbiamo ripetuto la segnalazione. Ci siamo permessi di chiedere aiuto a un legale, l'avvocato Dini, per avere una risposta dovuta. A seguito di questo contatto con il legale, abbiamo coinvolto anche un agronomo, il dottor Guzzi, che ha espresso una relazione confermando quanto da noi affermato. Con questa perizia, tramite il legale abbiamo mandato una diffida alla proprietà, al comune di San Donato e, per conoscenza, a prefetto, carabinieri forestali e sovrintendenza. Vedremo come va a finire. Noi siamo preoccupati, abbiamo ovviamente accelerato sulla questione legale perché si parlava di bonifica e sicurezza dell'area, e non si capisce bene cosa voglia dire "bonifica". Perché quando si dice «rimozione del verde spontaneo, rimozione della sterpaglia», magari comprende anche la distruzione del sottobosco e l'abbattimento degli alberi, e la cosa ci preoccupa parecchio. Chiaro che questa è un azione iniziale, poi c'è tutto l’accordo di programma. Potrebbero andare a intaccare le aree naturalistiche».

Fabio Songa, rappresentante del Comitato di Chiaravalle:"Qui siamo dietro l'abitato di Chiaravalle, le case sono a un 100 metri, dietro nascosta dagli alberi c'è l'Abbazia con la Ciribiciaccola. Lo stadio del Milan dovrebbe sorgere a circa 250 metri da qui, vicino al rudere della cascina di San Francesco, parte della grangia dell'Abbazia di Chiaravalle. Qui siamo nel Parco Sud, che dovrebbe essere tutelato, ma ad oggi i progetti del Milan prevedono il "verde attrezzato". Tradotto: potrebbero costruire i parcheggi. La creazione di uno stadio sarebbe devastante in un territorio che invece andrebbe assolutamente valorizzato, con più di 1.000 anni di storia.Sempre più residenti contrari allo stadio. È difficile dare una risposta semplice. Ancora oggi, a un anno di distanza dalla notizia, molte persone non sono informate, non hanno capito cosa comporta uno stadio. Quello che posso dire io è che abbiamo fatto quattro assemblee a Chiaravalle, e che un numero crescente di cittadini è contrario e si sta attrezzando per opporsi all'impianto. C'è anche un problema di democrazia reale, la maggioranza fatta di liste civiche, che governa San Donato Milanese, si è fatta eleggere con un programma contro il consumo di suolo e promettendo che avrebbe addirittura ridimensionato il progetto preesistente su questa area, un progetto che non avrebbe comportato la creazione di ulteriore traffico. C'è un problema di democrazia perché. in primo luogo, è immorale che uno si presenti alle elezioni con un programma e una volta eletto faccia il contrario, ma in più c'è un problema di democrazia perché noi abbiamo chiesto un referendum, io sono cittadino di Milano, ma gli amici di San Donato hanno chiesto un referendum ed è stato negato, un referendum che chiedeva semplicemente: “Volete voi uno stadio a San Donato?”».


648aad8801316.jpeg
E si riparte. Adesso arriveranno i comitati con le catene umane. Il WWF perché non si attiva per rimettere in gabbia le scimmie che derubano nella metro di Milano?
In ogni caso si va verso la stuccata di San Siro in coabitazione con l'Inter.
 
Registrato
2 Maggio 2015
Messaggi
6,859
Reaction score
1,779
Come riportato dal CorSera, a San Donato è partita la bonifica dell'area, con una prima opera di pulizia, da parte della società rossonera.

Ma il WWF si è fatto sentire con "La diffida alla proprietà dal procedere agli annunciati interventi di pulizia e taglio di vegetazione e alberi nell’area oggetto della richiesta di variante, per la realizzazione dello stadio di calcio. Seguiamo questa zona a sud di Milano da quando è stata resa edificabile . Si parla addirittura dai primi anni '90. Quando poi in prospettiva sono arrivati questi nuovi progetti sportivi avevamo segnalato agli enti competenti, già nel 2021, la zona umida e quella boscata a ovest dell'area di San Francesco, attaccata all'autostrada. Nessuna risposta. Nel 2023 abbiamo ripetuto la segnalazione. Ci siamo permessi di chiedere aiuto a un legale, l'avvocato Dini, per avere una risposta dovuta. A seguito di questo contatto con il legale, abbiamo coinvolto anche un agronomo, il dottor Guzzi, che ha espresso una relazione confermando quanto da noi affermato. Con questa perizia, tramite il legale abbiamo mandato una diffida alla proprietà, al comune di San Donato e, per conoscenza, a prefetto, carabinieri forestali e sovrintendenza. Vedremo come va a finire. Noi siamo preoccupati, abbiamo ovviamente accelerato sulla questione legale perché si parlava di bonifica e sicurezza dell'area, e non si capisce bene cosa voglia dire "bonifica". Perché quando si dice «rimozione del verde spontaneo, rimozione della sterpaglia», magari comprende anche la distruzione del sottobosco e l'abbattimento degli alberi, e la cosa ci preoccupa parecchio. Chiaro che questa è un azione iniziale, poi c'è tutto l’accordo di programma. Potrebbero andare a intaccare le aree naturalistiche».

Fabio Songa, rappresentante del Comitato di Chiaravalle:"Qui siamo dietro l'abitato di Chiaravalle, le case sono a un 100 metri, dietro nascosta dagli alberi c'è l'Abbazia con la Ciribiciaccola. Lo stadio del Milan dovrebbe sorgere a circa 250 metri da qui, vicino al rudere della cascina di San Francesco, parte della grangia dell'Abbazia di Chiaravalle. Qui siamo nel Parco Sud, che dovrebbe essere tutelato, ma ad oggi i progetti del Milan prevedono il "verde attrezzato". Tradotto: potrebbero costruire i parcheggi. La creazione di uno stadio sarebbe devastante in un territorio che invece andrebbe assolutamente valorizzato, con più di 1.000 anni di storia.Sempre più residenti contrari allo stadio. È difficile dare una risposta semplice. Ancora oggi, a un anno di distanza dalla notizia, molte persone non sono informate, non hanno capito cosa comporta uno stadio. Quello che posso dire io è che abbiamo fatto quattro assemblee a Chiaravalle, e che un numero crescente di cittadini è contrario e si sta attrezzando per opporsi all'impianto. C'è anche un problema di democrazia reale, la maggioranza fatta di liste civiche, che governa San Donato Milanese, si è fatta eleggere con un programma contro il consumo di suolo e promettendo che avrebbe addirittura ridimensionato il progetto preesistente su questa area, un progetto che non avrebbe comportato la creazione di ulteriore traffico. C'è un problema di democrazia perché. in primo luogo, è immorale che uno si presenti alle elezioni con un programma e una volta eletto faccia il contrario, ma in più c'è un problema di democrazia perché noi abbiamo chiesto un referendum, io sono cittadino di Milano, ma gli amici di San Donato hanno chiesto un referendum ed è stato negato, un referendum che chiedeva semplicemente: “Volete voi uno stadio a San Donato?”».


648aad8801316.jpeg
No vabbè addirittura il WWF siamo alle comiche, manca solo Greenpeace
Comunque è un peccato lo facciano così lontano, sarebbe stato meglio Milano nord o est
 

nybreath

Member
Registrato
19 Ottobre 2016
Messaggi
2,502
Reaction score
720
ma questi non stanno bene, voglio capire una pineta, un bosco, un laghetto, un qualsiasi cosa di naturale, ma una distesa di nulla ed erbaccie vogliono proteggere?
poi vabbe il secondo tipo manco si commenta, ha fatto un comizio politico
 

Swaitak

Senior Member
Registrato
22 Aprile 2019
Messaggi
25,199
Reaction score
17,030
Come riportato dal CorSera, a San Donato è partita la bonifica dell'area, con una prima opera di pulizia, da parte della società rossonera.

Ma il WWF si è fatto sentire con "La diffida alla proprietà dal procedere agli annunciati interventi di pulizia e taglio di vegetazione e alberi nell’area oggetto della richiesta di variante, per la realizzazione dello stadio di calcio. Seguiamo questa zona a sud di Milano da quando è stata resa edificabile . Si parla addirittura dai primi anni '90. Quando poi in prospettiva sono arrivati questi nuovi progetti sportivi avevamo segnalato agli enti competenti, già nel 2021, la zona umida e quella boscata a ovest dell'area di San Francesco, attaccata all'autostrada. Nessuna risposta. Nel 2023 abbiamo ripetuto la segnalazione. Ci siamo permessi di chiedere aiuto a un legale, l'avvocato Dini, per avere una risposta dovuta. A seguito di questo contatto con il legale, abbiamo coinvolto anche un agronomo, il dottor Guzzi, che ha espresso una relazione confermando quanto da noi affermato. Con questa perizia, tramite il legale abbiamo mandato una diffida alla proprietà, al comune di San Donato e, per conoscenza, a prefetto, carabinieri forestali e sovrintendenza. Vedremo come va a finire. Noi siamo preoccupati, abbiamo ovviamente accelerato sulla questione legale perché si parlava di bonifica e sicurezza dell'area, e non si capisce bene cosa voglia dire "bonifica". Perché quando si dice «rimozione del verde spontaneo, rimozione della sterpaglia», magari comprende anche la distruzione del sottobosco e l'abbattimento degli alberi, e la cosa ci preoccupa parecchio. Chiaro che questa è un azione iniziale, poi c'è tutto l’accordo di programma. Potrebbero andare a intaccare le aree naturalistiche».

Fabio Songa, rappresentante del Comitato di Chiaravalle:"Qui siamo dietro l'abitato di Chiaravalle, le case sono a un 100 metri, dietro nascosta dagli alberi c'è l'Abbazia con la Ciribiciaccola. Lo stadio del Milan dovrebbe sorgere a circa 250 metri da qui, vicino al rudere della cascina di San Francesco, parte della grangia dell'Abbazia di Chiaravalle. Qui siamo nel Parco Sud, che dovrebbe essere tutelato, ma ad oggi i progetti del Milan prevedono il "verde attrezzato". Tradotto: potrebbero costruire i parcheggi. La creazione di uno stadio sarebbe devastante in un territorio che invece andrebbe assolutamente valorizzato, con più di 1.000 anni di storia.Sempre più residenti contrari allo stadio. È difficile dare una risposta semplice. Ancora oggi, a un anno di distanza dalla notizia, molte persone non sono informate, non hanno capito cosa comporta uno stadio. Quello che posso dire io è che abbiamo fatto quattro assemblee a Chiaravalle, e che un numero crescente di cittadini è contrario e si sta attrezzando per opporsi all'impianto. C'è anche un problema di democrazia reale, la maggioranza fatta di liste civiche, che governa San Donato Milanese, si è fatta eleggere con un programma contro il consumo di suolo e promettendo che avrebbe addirittura ridimensionato il progetto preesistente su questa area, un progetto che non avrebbe comportato la creazione di ulteriore traffico. C'è un problema di democrazia perché. in primo luogo, è immorale che uno si presenti alle elezioni con un programma e una volta eletto faccia il contrario, ma in più c'è un problema di democrazia perché noi abbiamo chiesto un referendum, io sono cittadino di Milano, ma gli amici di San Donato hanno chiesto un referendum ed è stato negato, un referendum che chiedeva semplicemente: “Volete voi uno stadio a San Donato?”».


648aad8801316.jpeg
Se il prossimo paese, scelto per la costruzione dello stadio dovesse affacciarsi sul mare, arriverànno quelli della Sea Watch . Segnatevelo
 

evideon

Junior Member
Registrato
2 Agosto 2017
Messaggi
1,936
Reaction score
1,406
Andare avanti ignorando tutto e tutti!
Poi si va di sanatoria come si fa in Itaglia da sempre...!!
 
Stato
Chiusa ad ulteriori risposte.
Alto
head>