Leao:"Il Milan, Cancelo, Ibra e cosa migliorare".

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
209,925
Reaction score
31,220
Leao intervistato da Fabrizio Romano

"Quando sono arrivato le mie prime partite non erano molto buone per le mie qualità ma ho sentito il supporto. Io sono giovane, so che tanti ragazzi hanno il sogno di giocare a calcio. Fare una masterclass, dei video, è anche un aiuto per loro. Allenamenti, abilità di tiro, dribbling. Piccole cose che possono fare la differenza e aiutare a migliorare. Quanto tempo dedico alle mie abilità? Sto cercando di migliorare la mia rifinitura e sentirmi un attaccante. Ho bisogno di migliorare. Cristiano Ronaldo? E' una questione di talento e mentalità. Come prepari bene la partita. Prima della partita. Sono orgoglioso di giocare con lui in nazionale. Siamo tanti giovani. Penso sia un piacere averlo in nazionale. E' un esempio per tutti. Il rapporto con i tifosi? Quando sono arrivato i miei primi incontri non erano troppo belli. Ho sentito il sostegno. L'allenatore non mi ha mandato subito in campo e per me era difficile. C'erano giocatori di buona quasi. Mi sono detto di restare concentrato e di migliorare. Il Milan è un club storico e devi spingere di più. Ci sono giocatori leggendari e devi dimostrare anche a loro. In cosa migliorare' Posso segnare più gol per essere al top. Deve segnare ed essere più decisivo sotto porta. Ibra? Mi ha aiutato a concentrarmi di più, a tirare bene. A volte ero nervoso durante le partite, lui mi diceva di stare concentrato e che sarebbe arrivato. Ti fa sentire a tuo agio e ti dà più fiducia. Le mie passioni? Quando l'allenatore ci dà due giorni liberi, mi dedico alle mie passioni. La musica è un hobby, è un modo di stare nel mio mondo. Cosa ha il Milan che gli altri club non hanno? Tutto: stadio, tifosi, passione, città. Tutto. Tante cose. Cancelo? In nazionale parlavamo. Mi ha detto che il Milan gli piaceva molto, che era un bel club. Io gli dicevo... vieni. Ma era difficile visto che giocava nel City. Questa nuova era del MIlan è incentrata sui giovani, Cancelo è come nel mezzo".

01hk2fqatrg3nw888r01.jpg
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
209,925
Reaction score
31,220
Leao intervistato da Fabrizio Romano

"Quando sono arrivato le mie prime partite non erano molto buone per le mie qualità ma ho sentito il supporto. Io sono giovane, so che tanti ragazzi hanno il sogno di giocare a calcio. Fare una masterclass, dei video, è anche un aiuto per loro. Allenamenti, abilità di tiro, dribbling. Piccole cose che possono fare la differenza e aiutare a migliorare. Quanto tempo dedico alle mie abilità? Sto cercando di migliorare la mia rifinitura e sentirmi un attaccante. Ho bisogno di migliorare. Cristiano Ronaldo? E' una questione di talento e mentalità. Come prepari bene la partita. Prima della partita. Sono orgoglioso di giocare con lui in nazionale. Siamo tanti giovani. Penso sia un piacere averlo in nazionale. E' un esempio per tutti. Il rapporto con i tifosi? Quando sono arrivato i miei primi incontri non erano troppo belli. Ho sentito il sostegno. L'allenatore non mi ha mandato subito in campo e per me era difficile. C'erano giocatori di buona quasi. Mi sono detto di restare concentrato e di migliorare. Il Milan è un club storico e devi spingere di più. Ci sono giocatori leggendari e devi dimostrare anche a loro. In cosa migliorare' Posso segnare più gol per essere al top. Deve segnare ed essere più decisivo sotto porta. Ibra? Mi ha aiutato a concentrarmi di più, a tirare bene. A volte ero nervoso durante le partite, lui mi diceva di stare concentrato e che sarebbe arrivato. Ti fa sentire a tuo agio e ti dà più fiducia. Le mie passioni? Quando l'allenatore ci dà due giorni liberi, mi dedico alle mie passioni. La musica è un hobby, è un modo di stare nel mio mondo. Cosa ha il Milan che gli altri club non hanno? Tutto: stadio, tifosi, passione, città. Tutto. Tante cose. Cancelo? In nazionale parlavamo. Mi ha detto che il Milan gli piaceva molto, che era un bel club. Io gli dicevo... vieni. Ma era difficile visto che giocava nel City. Questa nuova era del MIlan è incentrata sui giovani, Cancelo è come nel mezzo".
.
 

Dexter

Senior Member
Registrato
28 Agosto 2012
Messaggi
9,723
Reaction score
4,897
Leao intervistato da Fabrizio Romano

"Quando sono arrivato le mie prime partite non erano molto buone per le mie qualità ma ho sentito il supporto. Io sono giovane, so che tanti ragazzi hanno il sogno di giocare a calcio. Fare una masterclass, dei video, è anche un aiuto per loro. Allenamenti, abilità di tiro, dribbling. Piccole cose che possono fare la differenza e aiutare a migliorare. Quanto tempo dedico alle mie abilità? Sto cercando di migliorare la mia rifinitura e sentirmi un attaccante. Ho bisogno di migliorare. Cristiano Ronaldo? E' una questione di talento e mentalità. Come prepari bene la partita. Prima della partita. Sono orgoglioso di giocare con lui in nazionale. Siamo tanti giovani. Penso sia un piacere averlo in nazionale. E' un esempio per tutti. Il rapporto con i tifosi? Quando sono arrivato i miei primi incontri non erano troppo belli. Ho sentito il sostegno. L'allenatore non mi ha mandato subito in campo e per me era difficile. C'erano giocatori di buona quasi. Mi sono detto di restare concentrato e di migliorare. Il Milan è un club storico e devi spingere di più. Ci sono giocatori leggendari e devi dimostrare anche a loro. In cosa migliorare' Posso segnare più gol per essere al top. Deve segnare ed essere più decisivo sotto porta. Ibra? Mi ha aiutato a concentrarmi di più, a tirare bene. A volte ero nervoso durante le partite, lui mi diceva di stare concentrato e che sarebbe arrivato. Ti fa sentire a tuo agio e ti dà più fiducia. Le mie passioni? Quando l'allenatore ci dà due giorni liberi, mi dedico alle mie passioni. La musica è un hobby, è un modo di stare nel mio mondo. Cosa ha il Milan che gli altri club non hanno? Tutto: stadio, tifosi, passione, città. Tutto. Tante cose. Cancelo? In nazionale parlavamo. Mi ha detto che il Milan gli piaceva molto, che era un bel club. Io gli dicevo... vieni. Ma era difficile visto che giocava nel City. Questa nuova era del MIlan è incentrata sui giovani, Cancelo è come nel mezzo".

01hk2fqatrg3nw888r01.jpg
Cancelo é sottovalutato in generale da anni...non sa difendere ma é praticamente un numero 10 che gioca terzino, lo si deve mettere nelle condizioni giuste, come fece Guardiola. Sarebbe incredibile al posto di Calabria (che tanto non sa difendere ugualmente..), ma Mendes te lo porta solo se prendi il pacchetto completo con Conceicao.
Il resto dell' intervista neanche lo leggo e non mi interessa, i ragazzini delle medie sono più svegli e maturi...
 
Registrato
18 Settembre 2017
Messaggi
15,335
Reaction score
6,590
Leao intervistato da Fabrizio Romano

"Quando sono arrivato le mie prime partite non erano molto buone per le mie qualità ma ho sentito il supporto. Io sono giovane, so che tanti ragazzi hanno il sogno di giocare a calcio. Fare una masterclass, dei video, è anche un aiuto per loro. Allenamenti, abilità di tiro, dribbling. Piccole cose che possono fare la differenza e aiutare a migliorare. Quanto tempo dedico alle mie abilità? Sto cercando di migliorare la mia rifinitura e sentirmi un attaccante. Ho bisogno di migliorare. Cristiano Ronaldo? E' una questione di talento e mentalità. Come prepari bene la partita. Prima della partita. Sono orgoglioso di giocare con lui in nazionale. Siamo tanti giovani. Penso sia un piacere averlo in nazionale. E' un esempio per tutti. Il rapporto con i tifosi? Quando sono arrivato i miei primi incontri non erano troppo belli. Ho sentito il sostegno. L'allenatore non mi ha mandato subito in campo e per me era difficile. C'erano giocatori di buona quasi. Mi sono detto di restare concentrato e di migliorare. Il Milan è un club storico e devi spingere di più. Ci sono giocatori leggendari e devi dimostrare anche a loro. In cosa migliorare' Posso segnare più gol per essere al top. Deve segnare ed essere più decisivo sotto porta. Ibra? Mi ha aiutato a concentrarmi di più, a tirare bene. A volte ero nervoso durante le partite, lui mi diceva di stare concentrato e che sarebbe arrivato. Ti fa sentire a tuo agio e ti dà più fiducia. Le mie passioni? Quando l'allenatore ci dà due giorni liberi, mi dedico alle mie passioni. La musica è un hobby, è un modo di stare nel mio mondo. Cosa ha il Milan che gli altri club non hanno? Tutto: stadio, tifosi, passione, città. Tutto. Tante cose. Cancelo? In nazionale parlavamo. Mi ha detto che il Milan gli piaceva molto, che era un bel club. Io gli dicevo... vieni. Ma era difficile visto che giocava nel City. Questa nuova era del MIlan è incentrata sui giovani, Cancelo è come nel mezzo".

01hk2fqatrg3nw888r01.jpg
fatti qualche scopa.. che magari ti svegli un po'.
 

Similar threads

Alto
head>