Leao:"Ibra e Maldini mi hanno aiutato. Milano e la musica"

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
203,991
Reaction score
27,285
Leao a GQ in edicola oggi:"Una delle cose che mi dicono più spesso in giro, dai bambini a ragazzi che magari hanno qualche anno più di me, è che vorrebbero arrivare al mio livello, non per forza nel calcio, ma nel loro ambito, nella loro passione. Vorrebbero – in poche parole – rendere il loro sogno realtà. Io ce l’ho fatta, sono stato molto bravo e molto fortunato, in qualche modo volevo restituire un po’ della mia fortuna. Quindi nel mio libro mi auguro che le persone possano trovare un messaggio per non mollare, per perseguire l’obiettivo o, una volta ottenuto, per non guardarsi indietro o non frenare nel percorso. Spero possa essere utile».

"Maldini, Ibra e Ronaldo? I primi due mi hanno aiutato, specie Zlatan, quando ero già grande, quando sono arrivato al Milan. Cristiano Ronaldo è ovviamente un mio idolo. Però le uniche persone che ho tenuto come esempio sin da quando ero molto piccolo sono state mia madre e mio padre, la mia famiglia».

"Milano è una bella città, non pensavo neanche così accogliente. Io ci ho messo un po’ ad adattarmi, circa due anni, ma perché non parlavo bene in italiano. Quello è stato l’unico ostacolo. Poi per me è perfetta, il clima è molto simile al Portogallo. Mi piace anche che quando deve far freddo, il freddo lo senti addosso. Come adesso. Se qualcuno della mia età si trasferisse qui adesso, non vedo dove potrebbe sbagliare. Si possono fare un sacco di cose, ci sono molti ristoranti, puoi comprare e appassionarti a qualsiasi cosa. Non è certo una città noiosa. Certo, devo anche dire che la cosa fondamentale è forse trovare le persone giuste con cui viverla, quello è fondamentale. Se ti circondi di persone che non sono giuste, il rischio di perdersi, di distrarsi, è alto…».


https://www.gqitalia.it/article/san...9cd3e8-36f5-4a4f-ba9c-6e9c36f4aa46_popular4-1
"La musica? La realtà è che la cosa che mi ha fatto decidere che quello era il mio genere preferito sono i testi. Sono tutti testi che raccontano di quanto sia importante non mollare mai, tenere sempre duro. Per me la musica è fondamentale, non solo farla. Vivo da solo qua a Milano, quindi è la mia compagnia tutto il giorno. Appena mi sveglio c’è la musica, quando vado all’allenamento c’è la musica, persino in spogliatoio c’è la musica, tra l’altro adesso sono anche tra i compagni che più di altri può selezionare la playlist… La musica per me vale più che un sound, un sottofondo».

Le foto del servizio su GQ

6.jpg



7.jpg



8.jpg


5.jpg
 

Swaitak

Senior Member
Registrato
22 Aprile 2019
Messaggi
23,577
Reaction score
14,635
Leao a GQ in edicola oggi:"Una delle cose che mi dicono più spesso in giro, dai bambini a ragazzi che magari hanno qualche anno più di me, è che vorrebbero arrivare al mio livello, non per forza nel calcio, ma nel loro ambito, nella loro passione. Vorrebbero – in poche parole – rendere il loro sogno realtà. Io ce l’ho fatta, sono stato molto bravo e molto fortunato, in qualche modo volevo restituire un po’ della mia fortuna. Quindi nel mio libro mi auguro che le persone possano trovare un messaggio per non mollare, per perseguire l’obiettivo o, una volta ottenuto, per non guardarsi indietro o non frenare nel percorso. Spero possa essere utile».

"Maldini, Ibra e Ronaldo? I primi due mi hanno aiutato, specie Zlatan, quando ero già grande, quando sono arrivato al Milan. Cristiano Ronaldo è ovviamente un mio idolo. Però le uniche persone che ho tenuto come esempio sin da quando ero molto piccolo sono state mia madre e mio padre, la mia famiglia».

"Milano è una bella città, non pensavo neanche così accogliente. Io ci ho messo un po’ ad adattarmi, circa due anni, ma perché non parlavo bene in italiano. Quello è stato l’unico ostacolo. Poi per me è perfetta, il clima è molto simile al Portogallo. Mi piace anche che quando deve far freddo, il freddo lo senti addosso. Come adesso. Se qualcuno della mia età si trasferisse qui adesso, non vedo dove potrebbe sbagliare. Si possono fare un sacco di cose, ci sono molti ristoranti, puoi comprare e appassionarti a qualsiasi cosa. Non è certo una città noiosa. Certo, devo anche dire che la cosa fondamentale è forse trovare le persone giuste con cui viverla, quello è fondamentale. Se ti circondi di persone che non sono giuste, il rischio di perdersi, di distrarsi, è alto…».


https://www.gqitalia.it/article/san...9cd3e8-36f5-4a4f-ba9c-6e9c36f4aa46_popular4-1
"La musica? La realtà è che la cosa che mi ha fatto decidere che quello era il mio genere preferito sono i testi. Sono tutti testi che raccontano di quanto sia importante non mollare mai, tenere sempre duro. Per me la musica è fondamentale, non solo farla. Vivo da solo qua a Milano, quindi è la mia compagnia tutto il giorno. Appena mi sveglio c’è la musica, quando vado all’allenamento c’è la musica, persino in spogliatoio c’è la musica, tra l’altro adesso sono anche tra i compagni che più di altri può selezionare la playlist… La musica per me vale più che un sound, un sottofondo».

Le foto del servizio su GQ

6.jpg



7.jpg



8.jpg


5.jpg
ormai penso sia diventato 1/2 neurone, giusto per dare fiato
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
203,991
Reaction score
27,285
Leao a GQ in edicola oggi:"Una delle cose che mi dicono più spesso in giro, dai bambini a ragazzi che magari hanno qualche anno più di me, è che vorrebbero arrivare al mio livello, non per forza nel calcio, ma nel loro ambito, nella loro passione. Vorrebbero – in poche parole – rendere il loro sogno realtà. Io ce l’ho fatta, sono stato molto bravo e molto fortunato, in qualche modo volevo restituire un po’ della mia fortuna. Quindi nel mio libro mi auguro che le persone possano trovare un messaggio per non mollare, per perseguire l’obiettivo o, una volta ottenuto, per non guardarsi indietro o non frenare nel percorso. Spero possa essere utile».

"Maldini, Ibra e Ronaldo? I primi due mi hanno aiutato, specie Zlatan, quando ero già grande, quando sono arrivato al Milan. Cristiano Ronaldo è ovviamente un mio idolo. Però le uniche persone che ho tenuto come esempio sin da quando ero molto piccolo sono state mia madre e mio padre, la mia famiglia».

"Milano è una bella città, non pensavo neanche così accogliente. Io ci ho messo un po’ ad adattarmi, circa due anni, ma perché non parlavo bene in italiano. Quello è stato l’unico ostacolo. Poi per me è perfetta, il clima è molto simile al Portogallo. Mi piace anche che quando deve far freddo, il freddo lo senti addosso. Come adesso. Se qualcuno della mia età si trasferisse qui adesso, non vedo dove potrebbe sbagliare. Si possono fare un sacco di cose, ci sono molti ristoranti, puoi comprare e appassionarti a qualsiasi cosa. Non è certo una città noiosa. Certo, devo anche dire che la cosa fondamentale è forse trovare le persone giuste con cui viverla, quello è fondamentale. Se ti circondi di persone che non sono giuste, il rischio di perdersi, di distrarsi, è alto…».


https://www.gqitalia.it/article/san...9cd3e8-36f5-4a4f-ba9c-6e9c36f4aa46_popular4-1
"La musica? La realtà è che la cosa che mi ha fatto decidere che quello era il mio genere preferito sono i testi. Sono tutti testi che raccontano di quanto sia importante non mollare mai, tenere sempre duro. Per me la musica è fondamentale, non solo farla. Vivo da solo qua a Milano, quindi è la mia compagnia tutto il giorno. Appena mi sveglio c’è la musica, quando vado all’allenamento c’è la musica, persino in spogliatoio c’è la musica, tra l’altro adesso sono anche tra i compagni che più di altri può selezionare la playlist… La musica per me vale più che un sound, un sottofondo».

Le foto del servizio su GQ

6.jpg



7.jpg



8.jpg


5.jpg
.
 
Registrato
18 Settembre 2017
Messaggi
14,789
Reaction score
5,985
Leao a GQ in edicola oggi:"Una delle cose che mi dicono più spesso in giro, dai bambini a ragazzi che magari hanno qualche anno più di me, è che vorrebbero arrivare al mio livello, non per forza nel calcio, ma nel loro ambito, nella loro passione. Vorrebbero – in poche parole – rendere il loro sogno realtà. Io ce l’ho fatta, sono stato molto bravo e molto fortunato, in qualche modo volevo restituire un po’ della mia fortuna. Quindi nel mio libro mi auguro che le persone possano trovare un messaggio per non mollare, per perseguire l’obiettivo o, una volta ottenuto, per non guardarsi indietro o non frenare nel percorso. Spero possa essere utile».

"Maldini, Ibra e Ronaldo? I primi due mi hanno aiutato, specie Zlatan, quando ero già grande, quando sono arrivato al Milan. Cristiano Ronaldo è ovviamente un mio idolo. Però le uniche persone che ho tenuto come esempio sin da quando ero molto piccolo sono state mia madre e mio padre, la mia famiglia».

"Milano è una bella città, non pensavo neanche così accogliente. Io ci ho messo un po’ ad adattarmi, circa due anni, ma perché non parlavo bene in italiano. Quello è stato l’unico ostacolo. Poi per me è perfetta, il clima è molto simile al Portogallo. Mi piace anche che quando deve far freddo, il freddo lo senti addosso. Come adesso. Se qualcuno della mia età si trasferisse qui adesso, non vedo dove potrebbe sbagliare. Si possono fare un sacco di cose, ci sono molti ristoranti, puoi comprare e appassionarti a qualsiasi cosa. Non è certo una città noiosa. Certo, devo anche dire che la cosa fondamentale è forse trovare le persone giuste con cui viverla, quello è fondamentale. Se ti circondi di persone che non sono giuste, il rischio di perdersi, di distrarsi, è alto…».


https://www.gqitalia.it/article/san...9cd3e8-36f5-4a4f-ba9c-6e9c36f4aa46_popular4-1
"La musica? La realtà è che la cosa che mi ha fatto decidere che quello era il mio genere preferito sono i testi. Sono tutti testi che raccontano di quanto sia importante non mollare mai, tenere sempre duro. Per me la musica è fondamentale, non solo farla. Vivo da solo qua a Milano, quindi è la mia compagnia tutto il giorno. Appena mi sveglio c’è la musica, quando vado all’allenamento c’è la musica, persino in spogliatoio c’è la musica, tra l’altro adesso sono anche tra i compagni che più di altri può selezionare la playlist… La musica per me vale più che un sound, un sottofondo».

Le foto del servizio su GQ

6.jpg



7.jpg



8.jpg


5.jpg
E gli altri ridono di noi e fanno bene
 
Registrato
29 Ottobre 2017
Messaggi
4,827
Reaction score
2,072
Leao a GQ in edicola oggi:"Una delle cose che mi dicono più spesso in giro, dai bambini a ragazzi che magari hanno qualche anno più di me, è che vorrebbero arrivare al mio livello, non per forza nel calcio, ma nel loro ambito, nella loro passione. Vorrebbero – in poche parole – rendere il loro sogno realtà. Io ce l’ho fatta, sono stato molto bravo e molto fortunato, in qualche modo volevo restituire un po’ della mia fortuna. Quindi nel mio libro mi auguro che le persone possano trovare un messaggio per non mollare, per perseguire l’obiettivo o, una volta ottenuto, per non guardarsi indietro o non frenare nel percorso. Spero possa essere utile».

"Maldini, Ibra e Ronaldo? I primi due mi hanno aiutato, specie Zlatan, quando ero già grande, quando sono arrivato al Milan. Cristiano Ronaldo è ovviamente un mio idolo. Però le uniche persone che ho tenuto come esempio sin da quando ero molto piccolo sono state mia madre e mio padre, la mia famiglia».

"Milano è una bella città, non pensavo neanche così accogliente. Io ci ho messo un po’ ad adattarmi, circa due anni, ma perché non parlavo bene in italiano. Quello è stato l’unico ostacolo. Poi per me è perfetta, il clima è molto simile al Portogallo. Mi piace anche che quando deve far freddo, il freddo lo senti addosso. Come adesso. Se qualcuno della mia età si trasferisse qui adesso, non vedo dove potrebbe sbagliare. Si possono fare un sacco di cose, ci sono molti ristoranti, puoi comprare e appassionarti a qualsiasi cosa. Non è certo una città noiosa. Certo, devo anche dire che la cosa fondamentale è forse trovare le persone giuste con cui viverla, quello è fondamentale. Se ti circondi di persone che non sono giuste, il rischio di perdersi, di distrarsi, è alto…».


https://www.gqitalia.it/article/san...9cd3e8-36f5-4a4f-ba9c-6e9c36f4aa46_popular4-1
"La musica? La realtà è che la cosa che mi ha fatto decidere che quello era il mio genere preferito sono i testi. Sono tutti testi che raccontano di quanto sia importante non mollare mai, tenere sempre duro. Per me la musica è fondamentale, non solo farla. Vivo da solo qua a Milano, quindi è la mia compagnia tutto il giorno. Appena mi sveglio c’è la musica, quando vado all’allenamento c’è la musica, persino in spogliatoio c’è la musica, tra l’altro adesso sono anche tra i compagni che più di altri può selezionare la playlist… La musica per me vale più che un sound, un sottofondo».

Le foto del servizio su GQ

6.jpg



7.jpg



8.jpg


5.jpg
passare da top player e top model è un attimo.

Comunque, parlando di extracalcio, ogni volta che lo vedo, mi sembra sempre di più un bonaccione.
Un bravo ragazzo che si gode la vita e ha un sacco di interessi.
 

Milanismo

Well-known member
Registrato
4 Dicembre 2022
Messaggi
2,820
Reaction score
2,048
Leao a GQ in edicola oggi:"Una delle cose che mi dicono più spesso in giro, dai bambini a ragazzi che magari hanno qualche anno più di me, è che vorrebbero arrivare al mio livello, non per forza nel calcio, ma nel loro ambito, nella loro passione. Vorrebbero – in poche parole – rendere il loro sogno realtà. Io ce l’ho fatta, sono stato molto bravo e molto fortunato, in qualche modo volevo restituire un po’ della mia fortuna. Quindi nel mio libro mi auguro che le persone possano trovare un messaggio per non mollare, per perseguire l’obiettivo o, una volta ottenuto, per non guardarsi indietro o non frenare nel percorso. Spero possa essere utile».

"Maldini, Ibra e Ronaldo? I primi due mi hanno aiutato, specie Zlatan, quando ero già grande, quando sono arrivato al Milan. Cristiano Ronaldo è ovviamente un mio idolo. Però le uniche persone che ho tenuto come esempio sin da quando ero molto piccolo sono state mia madre e mio padre, la mia famiglia».

"Milano è una bella città, non pensavo neanche così accogliente. Io ci ho messo un po’ ad adattarmi, circa due anni, ma perché non parlavo bene in italiano. Quello è stato l’unico ostacolo. Poi per me è perfetta, il clima è molto simile al Portogallo. Mi piace anche che quando deve far freddo, il freddo lo senti addosso. Come adesso. Se qualcuno della mia età si trasferisse qui adesso, non vedo dove potrebbe sbagliare. Si possono fare un sacco di cose, ci sono molti ristoranti, puoi comprare e appassionarti a qualsiasi cosa. Non è certo una città noiosa. Certo, devo anche dire che la cosa fondamentale è forse trovare le persone giuste con cui viverla, quello è fondamentale. Se ti circondi di persone che non sono giuste, il rischio di perdersi, di distrarsi, è alto…».


https://www.gqitalia.it/article/san...9cd3e8-36f5-4a4f-ba9c-6e9c36f4aa46_popular4-1
"La musica? La realtà è che la cosa che mi ha fatto decidere che quello era il mio genere preferito sono i testi. Sono tutti testi che raccontano di quanto sia importante non mollare mai, tenere sempre duro. Per me la musica è fondamentale, non solo farla. Vivo da solo qua a Milano, quindi è la mia compagnia tutto il giorno. Appena mi sveglio c’è la musica, quando vado all’allenamento c’è la musica, persino in spogliatoio c’è la musica, tra l’altro adesso sono anche tra i compagni che più di altri può selezionare la playlist… La musica per me vale più che un sound, un sottofondo».

Le foto del servizio su GQ

6.jpg



7.jpg



8.jpg


5.jpg
No comment...
 

Now i'm here

Senior Member
Registrato
28 Agosto 2012
Messaggi
19,709
Reaction score
1,924
Leao a GQ in edicola oggi:"Una delle cose che mi dicono più spesso in giro, dai bambini a ragazzi che magari hanno qualche anno più di me, è che vorrebbero arrivare al mio livello, non per forza nel calcio, ma nel loro ambito, nella loro passione. Vorrebbero – in poche parole – rendere il loro sogno realtà. Io ce l’ho fatta, sono stato molto bravo e molto fortunato, in qualche modo volevo restituire un po’ della mia fortuna. Quindi nel mio libro mi auguro che le persone possano trovare un messaggio per non mollare, per perseguire l’obiettivo o, una volta ottenuto, per non guardarsi indietro o non frenare nel percorso. Spero possa essere utile».

"Maldini, Ibra e Ronaldo? I primi due mi hanno aiutato, specie Zlatan, quando ero già grande, quando sono arrivato al Milan. Cristiano Ronaldo è ovviamente un mio idolo. Però le uniche persone che ho tenuto come esempio sin da quando ero molto piccolo sono state mia madre e mio padre, la mia famiglia».

"Milano è una bella città, non pensavo neanche così accogliente. Io ci ho messo un po’ ad adattarmi, circa due anni, ma perché non parlavo bene in italiano. Quello è stato l’unico ostacolo. Poi per me è perfetta, il clima è molto simile al Portogallo. Mi piace anche che quando deve far freddo, il freddo lo senti addosso. Come adesso. Se qualcuno della mia età si trasferisse qui adesso, non vedo dove potrebbe sbagliare. Si possono fare un sacco di cose, ci sono molti ristoranti, puoi comprare e appassionarti a qualsiasi cosa. Non è certo una città noiosa. Certo, devo anche dire che la cosa fondamentale è forse trovare le persone giuste con cui viverla, quello è fondamentale. Se ti circondi di persone che non sono giuste, il rischio di perdersi, di distrarsi, è alto…».


https://www.gqitalia.it/article/san...9cd3e8-36f5-4a4f-ba9c-6e9c36f4aa46_popular4-1
"La musica? La realtà è che la cosa che mi ha fatto decidere che quello era il mio genere preferito sono i testi. Sono tutti testi che raccontano di quanto sia importante non mollare mai, tenere sempre duro. Per me la musica è fondamentale, non solo farla. Vivo da solo qua a Milano, quindi è la mia compagnia tutto il giorno. Appena mi sveglio c’è la musica, quando vado all’allenamento c’è la musica, persino in spogliatoio c’è la musica, tra l’altro adesso sono anche tra i compagni che più di altri può selezionare la playlist… La musica per me vale più che un sound, un sottofondo».

Le foto del servizio su GQ

6.jpg



7.jpg



8.jpg


5.jpg
degradao.

gli interessi extra campo ci stanno eh, per carità, ma questo qua sembra faccia calcio per hobby e il suo vero lavoro sia il rapper/modello.

la frase "che si vinca o si perda sembra che qua non interessi niente a nessuno" per lui è ancora attualissima.
 

Commodore06

Well-known member
Registrato
1 Ottobre 2023
Messaggi
1,331
Reaction score
1,201
Perché criticate il nostro bomber?!

È così concentrato sul calcio e ci mette la stessa dedizione che mettevano Shevchenko, Kakà, ecc, ecc, e.... :troll:
 

Similar threads

Alto
head>