Italia: ma quale potenza di fuoco. I soldi non arrivano.

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
161,065
Reaction score
10,983
Il Corriere della Sera in edicola oggi, 26 aprile, analizza la questione relativa agli aiuti alle imprese, annunciati da Conte. Il Premier in conferenza parlò di potenza di fuoco, ma ad oggi si vede poco o nulla di tale presunta potenza. I fondi promessi per la garanzia pubblica (che servono per coprire le banche in caso di mancato pagamento) non ci sono ancora tutti. Arriveranno solo col prossimo decreto. Ad oggi il serbatoio è mezzo vuoto.

Paolo Ferrè di Confcommercio:"Il governo ha fatto un annuncio frettoloso, prima ancora che ci fosse la reale operatività dello strumento. Per giorni la gente è andata in banca a chiedere soldi che non c’era- no. Questo non favorisce un clima sereno".

Il canale che funziona meglio è quello dei prestiti fino a 25.000 euro, ma sono state necessarie delle correzioni in corsa. Salvo Politino di Unimpresa:"In banca abbiamo toccato con mano la presenza di trucchi e intoppi che rendono non di rado impossibile accedere alle forme di liquidità decise dal governo".

11 mln di persone hanno chiesto un sostegno ma è stato ricevuto solo da 7,5 mln. La cassa integrazione in deroga ha is suoi tempi burocratici.

Per quanto riguarda il bonus da 600 euro ci sono ancora 900.000 domande in corso di valutazione.
 

Ruuddil23

Senior Member
Registrato
27 Gennaio 2017
Messaggi
6,393
Reaction score
802
Il Corriere della Sera in edicola oggi, 26 aprile, analizza la questione relativa agli aiuti alle imprese, annunciati da Conte. Il Premier in conferenza parlò di potenza di fuoco, ma ad oggi si vede poco o nulla di tale presunta potenza. I fondi promessi per la garanzia pubblica (che servono per coprire le banche in caso di mancato pagamento) non ci sono ancora tutti. Arriveranno solo col prossimo decreto. Ad oggi il serbatoio è mezzo vuoto.

Paolo Ferrè di Confcommercio:"Il governo ha fatto un annuncio frettoloso, prima ancora che ci fosse la reale operatività dello strumento. Per giorni la gente è andata in banca a chiedere soldi che non c’era- no. Questo non favorisce un clima sereno".

Il canale che funziona meglio è quello dei prestiti fino a 25.000 euro, ma sono state necessarie delle correzioni in corsa. Salvo Politino di Unimpresa:"In banca abbiamo toccato con mano la presenza di trucchi e intoppi che rendono non di rado impossibile accedere alle forme di liquidità decise dal governo".

11 mln di persone hanno chiesto un sostegno ma è stato ricevuto solo da 7,5 mln. La cassa integrazione in deroga ha is suoi tempi burocratici.

Per quanto riguarda il bonus da 600 euro ci sono ancora 900.000 domande in corso di valutazione.

Solo a me questa storia ricorda la mitica panzana della "potenza di fuoco" dei fantomatici cinesi del Milan? :muhahah:
 

Kaketto

Junior Member
Registrato
4 Aprile 2018
Messaggi
315
Reaction score
6
Il Corriere della Sera in edicola oggi, 26 aprile, analizza la questione relativa agli aiuti alle imprese, annunciati da Conte. Il Premier in conferenza parlò di potenza di fuoco, ma ad oggi si vede poco o nulla di tale presunta potenza. I fondi promessi per la garanzia pubblica (che servono per coprire le banche in caso di mancato pagamento) non ci sono ancora tutti. Arriveranno solo col prossimo decreto. Ad oggi il serbatoio è mezzo vuoto.

Paolo Ferrè di Confcommercio:"Il governo ha fatto un annuncio frettoloso, prima ancora che ci fosse la reale operatività dello strumento. Per giorni la gente è andata in banca a chiedere soldi che non c’era- no. Questo non favorisce un clima sereno".

Il canale che funziona meglio è quello dei prestiti fino a 25.000 euro, ma sono state necessarie delle correzioni in corsa. Salvo Politino di Unimpresa:"In banca abbiamo toccato con mano la presenza di trucchi e intoppi che rendono non di rado impossibile accedere alle forme di liquidità decise dal governo".

11 mln di persone hanno chiesto un sostegno ma è stato ricevuto solo da 7,5 mln. La cassa integrazione in deroga ha is suoi tempi burocratici.

Per quanto riguarda il bonus da 600 euro ci sono ancora 900.000 domande in corso di valutazione.

L'altro ieri tutti contenti per il sostegno plurimiliardario europeo. Oggi a corriere, conte, parla di "tempi bui e sacrifici". Tutto un complotto? Chissa. I governanti e massoni fanno girare miliardi, a noi resta la crisi conseguenziale a questo virus uscito dal laboratorio della umbrella corporation.
 

Darren Marshall

Senior Member
Registrato
27 Agosto 2012
Messaggi
16,169
Reaction score
1,864
Il Corriere della Sera in edicola oggi, 26 aprile, analizza la questione relativa agli aiuti alle imprese, annunciati da Conte. Il Premier in conferenza parlò di potenza di fuoco, ma ad oggi si vede poco o nulla di tale presunta potenza. I fondi promessi per la garanzia pubblica (che servono per coprire le banche in caso di mancato pagamento) non ci sono ancora tutti. Arriveranno solo col prossimo decreto. Ad oggi il serbatoio è mezzo vuoto.

Paolo Ferrè di Confcommercio:"Il governo ha fatto un annuncio frettoloso, prima ancora che ci fosse la reale operatività dello strumento. Per giorni la gente è andata in banca a chiedere soldi che non c’era- no. Questo non favorisce un clima sereno".

Il canale che funziona meglio è quello dei prestiti fino a 25.000 euro, ma sono state necessarie delle correzioni in corsa. Salvo Politino di Unimpresa:"In banca abbiamo toccato con mano la presenza di trucchi e intoppi che rendono non di rado impossibile accedere alle forme di liquidità decise dal governo".

11 mln di persone hanno chiesto un sostegno ma è stato ricevuto solo da 7,5 mln. La cassa integrazione in deroga ha is suoi tempi burocratici.

Per quanto riguarda il bonus da 600 euro ci sono ancora 900.000 domande in corso di valutazione.

Lo avevo già detto qualche giorno fa in un topic apposito, le banche non concedono il prestito a tutti, altro che potenza di fuoco.
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
161,065
Reaction score
10,983
Obiettivamente: sto Conte ha detto una sola cosa che poi NON si è rivelata una menzogna?
 
Registrato
30 Agosto 2017
Messaggi
11,437
Reaction score
5,761
Il Corriere della Sera in edicola oggi, 26 aprile, analizza la questione relativa agli aiuti alle imprese, annunciati da Conte. Il Premier in conferenza parlò di potenza di fuoco, ma ad oggi si vede poco o nulla di tale presunta potenza. I fondi promessi per la garanzia pubblica (che servono per coprire le banche in caso di mancato pagamento) non ci sono ancora tutti. Arriveranno solo col prossimo decreto. Ad oggi il serbatoio è mezzo vuoto.

Paolo Ferrè di Confcommercio:"Il governo ha fatto un annuncio frettoloso, prima ancora che ci fosse la reale operatività dello strumento. Per giorni la gente è andata in banca a chiedere soldi che non c’era- no. Questo non favorisce un clima sereno".

Il canale che funziona meglio è quello dei prestiti fino a 25.000 euro, ma sono state necessarie delle correzioni in corsa. Salvo Politino di Unimpresa:"In banca abbiamo toccato con mano la presenza di trucchi e intoppi che rendono non di rado impossibile accedere alle forme di liquidità decise dal governo".

11 mln di persone hanno chiesto un sostegno ma è stato ricevuto solo da 7,5 mln. La cassa integrazione in deroga ha is suoi tempi burocratici.

Per quanto riguarda il bonus da 600 euro ci sono ancora 900.000 domande in corso di valutazione.

Vorrei puntualizzare,in merito ai ritardi sull'erogazione dei 600 euro,che in tantissimi hanno fatto domanda pur non rientrando nelle casistiche,come ad esempio quelli che attualmente percepiscono il reddito di cittadinanza,e questo me lo ha detto un mio amico che lavora per i centri Caf.Poi è innegabile che molte cose non quadrano,si spera possa rientrare tutto nella normalità al più presto.
 

Toby rosso nero

Moderatore
Membro dello Staff
Registrato
29 Agosto 2012
Messaggi
30,909
Reaction score
7,102
Il Corriere della Sera in edicola oggi, 26 aprile, analizza la questione relativa agli aiuti alle imprese, annunciati da Conte. Il Premier in conferenza parlò di potenza di fuoco, ma ad oggi si vede poco o nulla di tale presunta potenza. I fondi promessi per la garanzia pubblica (che servono per coprire le banche in caso di mancato pagamento) non ci sono ancora tutti. Arriveranno solo col prossimo decreto. Ad oggi il serbatoio è mezzo vuoto.

Paolo Ferrè di Confcommercio:"Il governo ha fatto un annuncio frettoloso, prima ancora che ci fosse la reale operatività dello strumento. Per giorni la gente è andata in banca a chiedere soldi che non c’era- no. Questo non favorisce un clima sereno".

Il canale che funziona meglio è quello dei prestiti fino a 25.000 euro, ma sono state necessarie delle correzioni in corsa. Salvo Politino di Unimpresa:"In banca abbiamo toccato con mano la presenza di trucchi e intoppi che rendono non di rado impossibile accedere alle forme di liquidità decise dal governo".

11 mln di persone hanno chiesto un sostegno ma è stato ricevuto solo da 7,5 mln. La cassa integrazione in deroga ha is suoi tempi burocratici.

Per quanto riguarda il bonus da 600 euro ci sono ancora 900.000 domande in corso di valutazione.

Ora, per compensare la notizia, Pagnoncelli e Ixé aumenteranno i sondaggi di Conte e PD di altri due punti :asd:
 
Alto
head>