Ibra consigliere. Cardinale in arrivo... per l'annuncio?

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
199,868
Reaction score
25,650
Tuttosport in edicola riporta le frasi (già ampiamente riferite NDR) di Ibra rilasciate ieri su un possibile ritorno al Milan e aggiunge:"A quando l’annuncio al Milan? Vediamo, vediamo... parliamo, parliamo». Col suo solito ghigno alla Joker, Zlatan Ibrahimovic dalla luccicante Las Vegas ha riacceso le luci sull’atteso ritorno nel club rossonero, questa volta però con abiti differenti da quelli del giocatore. Il Milan da settimane sta corteggiando Ibra, Zlatan da settimane flirta col Milan e non solo, visto il feeling personale che si sta creando con Gerry Cardinale, proprietario del club rossonero con il suo fondo RedBird Capital, e incontrato a Milano prima della gara col Psg. Proprio dalla porta di RedBird dovrebbe avvenire il rientro di Ibra nel pianeta rossonero: nessun ruolo ufficiale nell’organigramma del Diavolo - almeno queste sono le indiscrezioni -, ma l’etichetta di “consigliere speciale” di Cardinale con lo sguardo ovviamente rivolto al Milan. Nell’ambiente rossonero c’è fibrillazione, i risultati altalenanti dell’ultimo mese hanno riportato alla memoria le difficoltà di fine 2019 che furono superate proprio con l’acquisto di Ibra. Stavolta lo svedese non potrà dare il suo contributo in campo, ma in tanti sono convinti che la sua influenza potrà aiutare tutti: giocatori, ma anche Pioli, rimasto forse un po’ troppo solo a Milanello, e pure i dirigenti che avrebbero nello svedese un referente “calcistico” in più con cui confrontarsi. Per non parlare della società a più ampio respiro, visto il suo appeal internazionale che va ormai oltre quello del semplice calciatore. Ibra è imprenditore, testimonial pubblicitario, attore, showman. Ieri era uno dei tanti vip che hanno seguito il Gp di Formula 1 a Las Vegas. Zlatan era ospite nel box Ferrari, dove gli è stato regalato un volante: «Sono un grande tifoso della Ferrari, ho portato bene con la pole. Che spettacolo la Formula 1 qui, gli americani sanno come fare lo show», le sue parole a Sky. Si pensava che questa sosta fosse il momento buono per l'annuncio del suo nuovo ingaggio: la prima settimana è passata, adesso si vedrà cosa accadrà da qui a sabato, giorno di Milan-Fiorentina. Se dovesse filare via senza novità, non è detto comunque che non possano arrivare in quella successiva, quando, per esempio, potrebbe tornare a Milano pure Cardinale: la sua presenza per Milan-Borussia Dortmund, bivio fondamentale della Champions rossonera, non è ancora confermata, ma se dovesse esserci, chissà che non sia il momento giusto per... le foto. L'attesa c'è, si sente, perché in molti sono convinti che Ibra possa dare tanto a questo Milan. La sua figura potrebbe essere importante con i giocatori: lo svedese non sarà fisso a Milanello e nello spogliatoio, ma le sue presenze saranno determinanti per caricare i suoi ex compagni, dare consigli, spronare a reagire alle difficoltà che la squadra sta trovando in questo avvio di stagione. Qualcuno potrebbe obiettare che il suo ritorno potrebbe essere ingombrante per Pioli, ma l'allenatore ha sempre avuto un ottimo rapporto con lo svedese e avere un uomo del suo calibro a fianco - non sempre, per altro - a gestire determinanti snodi, potrebbe essere tutt'altro che negativo. E, come detto, anche i dirigenti potrebbero sfruttarlo per confrontarsi su diversi aspetti, dalla vita quotidiana di Milanello a pareri su giocatori da comprare, calciatori a cui Ibra potrebbe fare... una telefonata.
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
199,868
Reaction score
25,650
Tuttosport in edicola riporta le frasi (già ampiamente riferite NDR) di Ibra rilasciate ieri su un possibile ritorno al Milan e aggiunge:"A quando l’annuncio al Milan? Vediamo, vediamo... parliamo, parliamo». Col suo solito ghigno alla Joker, Zlatan Ibrahimovic dalla luccicante Las Vegas ha riacceso le luci sull’atteso ritorno nel club rossonero, questa volta però con abiti differenti da quelli del giocatore. Il Milan da settimane sta corteggiando Ibra, Zlatan da settimane flirta col Milan e non solo, visto il feeling personale che si sta creando con Gerry Cardinale, proprietario del club rossonero con il suo fondo RedBird Capital, e incontrato a Milano prima della gara col Psg. Proprio dalla porta di RedBird dovrebbe avvenire il rientro di Ibra nel pianeta rossonero: nessun ruolo ufficiale nell’organigramma del Diavolo - almeno queste sono le indiscrezioni -, ma l’etichetta di “consigliere speciale” di Cardinale con lo sguardo ovviamente rivolto al Milan. Nell’ambiente rossonero c’è fibrillazione, i risultati altalenanti dell’ultimo mese hanno riportato alla memoria le difficoltà di fine 2019 che furono superate proprio con l’acquisto di Ibra. Stavolta lo svedese non potrà dare il suo contributo in campo, ma in tanti sono convinti che la sua influenza potrà aiutare tutti: giocatori, ma anche Pioli, rimasto forse un po’ troppo solo a Milanello, e pure i dirigenti che avrebbero nello svedese un referente “calcistico” in più con cui confrontarsi. Per non parlare della società a più ampio respiro, visto il suo appeal internazionale che va ormai oltre quello del semplice calciatore. Ibra è imprenditore, testimonial pubblicitario, attore, showman. Ieri era uno dei tanti vip che hanno seguito il Gp di Formula 1 a Las Vegas. Zlatan era ospite nel box Ferrari, dove gli è stato regalato un volante: «Sono un grande tifoso della Ferrari, ho portato bene con la pole. Che spettacolo la Formula 1 qui, gli americani sanno come fare lo show», le sue parole a Sky. Si pensava che questa sosta fosse il momento buono per l'annuncio del suo nuovo ingaggio: la prima settimana è passata, adesso si vedrà cosa accadrà da qui a sabato, giorno di Milan-Fiorentina. Se dovesse filare via senza novità, non è detto comunque che non possano arrivare in quella successiva, quando, per esempio, potrebbe tornare a Milano pure Cardinale: la sua presenza per Milan-Borussia Dortmund, bivio fondamentale della Champions rossonera, non è ancora confermata, ma se dovesse esserci, chissà che non sia il momento giusto per... le foto. L'attesa c'è, si sente, perché in molti sono convinti che Ibra possa dare tanto a questo Milan. La sua figura potrebbe essere importante con i giocatori: lo svedese non sarà fisso a Milanello e nello spogliatoio, ma le sue presenze saranno determinanti per caricare i suoi ex compagni, dare consigli, spronare a reagire alle difficoltà che la squadra sta trovando in questo avvio di stagione. Qualcuno potrebbe obiettare che il suo ritorno potrebbe essere ingombrante per Pioli, ma l'allenatore ha sempre avuto un ottimo rapporto con lo svedese e avere un uomo del suo calibro a fianco - non sempre, per altro - a gestire determinanti snodi, potrebbe essere tutt'altro che negativo. E, come detto, anche i dirigenti potrebbero sfruttarlo per confrontarsi su diversi aspetti, dalla vita quotidiana di Milanello a pareri su giocatori da comprare, calciatori a cui Ibra potrebbe fare... una telefonata.
.
 
Registrato
23 Giugno 2015
Messaggi
13,055
Reaction score
2,867
Tuttosport in edicola riporta le frasi (già ampiamente riferite NDR) di Ibra rilasciate ieri su un possibile ritorno al Milan e aggiunge:"A quando l’annuncio al Milan? Vediamo, vediamo... parliamo, parliamo». Col suo solito ghigno alla Joker, Zlatan Ibrahimovic dalla luccicante Las Vegas ha riacceso le luci sull’atteso ritorno nel club rossonero, questa volta però con abiti differenti da quelli del giocatore. Il Milan da settimane sta corteggiando Ibra, Zlatan da settimane flirta col Milan e non solo, visto il feeling personale che si sta creando con Gerry Cardinale, proprietario del club rossonero con il suo fondo RedBird Capital, e incontrato a Milano prima della gara col Psg. Proprio dalla porta di RedBird dovrebbe avvenire il rientro di Ibra nel pianeta rossonero: nessun ruolo ufficiale nell’organigramma del Diavolo - almeno queste sono le indiscrezioni -, ma l’etichetta di “consigliere speciale” di Cardinale con lo sguardo ovviamente rivolto al Milan. Nell’ambiente rossonero c’è fibrillazione, i risultati altalenanti dell’ultimo mese hanno riportato alla memoria le difficoltà di fine 2019 che furono superate proprio con l’acquisto di Ibra. Stavolta lo svedese non potrà dare il suo contributo in campo, ma in tanti sono convinti che la sua influenza potrà aiutare tutti: giocatori, ma anche Pioli, rimasto forse un po’ troppo solo a Milanello, e pure i dirigenti che avrebbero nello svedese un referente “calcistico” in più con cui confrontarsi. Per non parlare della società a più ampio respiro, visto il suo appeal internazionale che va ormai oltre quello del semplice calciatore. Ibra è imprenditore, testimonial pubblicitario, attore, showman. Ieri era uno dei tanti vip che hanno seguito il Gp di Formula 1 a Las Vegas. Zlatan era ospite nel box Ferrari, dove gli è stato regalato un volante: «Sono un grande tifoso della Ferrari, ho portato bene con la pole. Che spettacolo la Formula 1 qui, gli americani sanno come fare lo show», le sue parole a Sky. Si pensava che questa sosta fosse il momento buono per l'annuncio del suo nuovo ingaggio: la prima settimana è passata, adesso si vedrà cosa accadrà da qui a sabato, giorno di Milan-Fiorentina. Se dovesse filare via senza novità, non è detto comunque che non possano arrivare in quella successiva, quando, per esempio, potrebbe tornare a Milano pure Cardinale: la sua presenza per Milan-Borussia Dortmund, bivio fondamentale della Champions rossonera, non è ancora confermata, ma se dovesse esserci, chissà che non sia il momento giusto per... le foto. L'attesa c'è, si sente, perché in molti sono convinti che Ibra possa dare tanto a questo Milan. La sua figura potrebbe essere importante con i giocatori: lo svedese non sarà fisso a Milanello e nello spogliatoio, ma le sue presenze saranno determinanti per caricare i suoi ex compagni, dare consigli, spronare a reagire alle difficoltà che la squadra sta trovando in questo avvio di stagione. Qualcuno potrebbe obiettare che il suo ritorno potrebbe essere ingombrante per Pioli, ma l'allenatore ha sempre avuto un ottimo rapporto con lo svedese e avere un uomo del suo calibro a fianco - non sempre, per altro - a gestire determinanti snodi, potrebbe essere tutt'altro che negativo. E, come detto, anche i dirigenti potrebbero sfruttarlo per confrontarsi su diversi aspetti, dalla vita quotidiana di Milanello a pareri su giocatori da comprare, calciatori a cui Ibra potrebbe fare... una telefonata.
queste sono le scemenze che tanto piacciono ai media e che a volte anche i tifoso si bevono..si diceva anche per maldini

a nessun giocatore frega nulla se al tel c'è galliani Zlatan Maldini o AlThani al giocatore frega quello che metti sul piatto..soldi soprattutto
 

Swaitak

Senior Member
Registrato
22 Aprile 2019
Messaggi
23,035
Reaction score
13,889
queste sono le scemenze che tanto piacciono ai media e che a volte anche i tifoso si bevono..si diceva anche per maldini

a nessun giocatore frega nulla se al tel c'è galliani Zlatan Maldini o AlThani al giocatore frega quello che metti sul piatto..soldi soprattutto
avremo la controprova quando Krunic sarà Ds del Milan, vediamo quali campioni porterà :asd:
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
199,868
Reaction score
25,650
Tuttosport in edicola riporta le frasi (già ampiamente riferite NDR) di Ibra rilasciate ieri su un possibile ritorno al Milan e aggiunge:"A quando l’annuncio al Milan? Vediamo, vediamo... parliamo, parliamo». Col suo solito ghigno alla Joker, Zlatan Ibrahimovic dalla luccicante Las Vegas ha riacceso le luci sull’atteso ritorno nel club rossonero, questa volta però con abiti differenti da quelli del giocatore. Il Milan da settimane sta corteggiando Ibra, Zlatan da settimane flirta col Milan e non solo, visto il feeling personale che si sta creando con Gerry Cardinale, proprietario del club rossonero con il suo fondo RedBird Capital, e incontrato a Milano prima della gara col Psg. Proprio dalla porta di RedBird dovrebbe avvenire il rientro di Ibra nel pianeta rossonero: nessun ruolo ufficiale nell’organigramma del Diavolo - almeno queste sono le indiscrezioni -, ma l’etichetta di “consigliere speciale” di Cardinale con lo sguardo ovviamente rivolto al Milan. Nell’ambiente rossonero c’è fibrillazione, i risultati altalenanti dell’ultimo mese hanno riportato alla memoria le difficoltà di fine 2019 che furono superate proprio con l’acquisto di Ibra. Stavolta lo svedese non potrà dare il suo contributo in campo, ma in tanti sono convinti che la sua influenza potrà aiutare tutti: giocatori, ma anche Pioli, rimasto forse un po’ troppo solo a Milanello, e pure i dirigenti che avrebbero nello svedese un referente “calcistico” in più con cui confrontarsi. Per non parlare della società a più ampio respiro, visto il suo appeal internazionale che va ormai oltre quello del semplice calciatore. Ibra è imprenditore, testimonial pubblicitario, attore, showman. Ieri era uno dei tanti vip che hanno seguito il Gp di Formula 1 a Las Vegas. Zlatan era ospite nel box Ferrari, dove gli è stato regalato un volante: «Sono un grande tifoso della Ferrari, ho portato bene con la pole. Che spettacolo la Formula 1 qui, gli americani sanno come fare lo show», le sue parole a Sky. Si pensava che questa sosta fosse il momento buono per l'annuncio del suo nuovo ingaggio: la prima settimana è passata, adesso si vedrà cosa accadrà da qui a sabato, giorno di Milan-Fiorentina. Se dovesse filare via senza novità, non è detto comunque che non possano arrivare in quella successiva, quando, per esempio, potrebbe tornare a Milano pure Cardinale: la sua presenza per Milan-Borussia Dortmund, bivio fondamentale della Champions rossonera, non è ancora confermata, ma se dovesse esserci, chissà che non sia il momento giusto per... le foto. L'attesa c'è, si sente, perché in molti sono convinti che Ibra possa dare tanto a questo Milan. La sua figura potrebbe essere importante con i giocatori: lo svedese non sarà fisso a Milanello e nello spogliatoio, ma le sue presenze saranno determinanti per caricare i suoi ex compagni, dare consigli, spronare a reagire alle difficoltà che la squadra sta trovando in questo avvio di stagione. Qualcuno potrebbe obiettare che il suo ritorno potrebbe essere ingombrante per Pioli, ma l'allenatore ha sempre avuto un ottimo rapporto con lo svedese e avere un uomo del suo calibro a fianco - non sempre, per altro - a gestire determinanti snodi, potrebbe essere tutt'altro che negativo. E, come detto, anche i dirigenti potrebbero sfruttarlo per confrontarsi su diversi aspetti, dalla vita quotidiana di Milanello a pareri su giocatori da comprare, calciatori a cui Ibra potrebbe fare... una telefonata.
.
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
199,868
Reaction score
25,650
Tuttosport in edicola riporta le frasi (già ampiamente riferite NDR) di Ibra rilasciate ieri su un possibile ritorno al Milan e aggiunge:"A quando l’annuncio al Milan? Vediamo, vediamo... parliamo, parliamo». Col suo solito ghigno alla Joker, Zlatan Ibrahimovic dalla luccicante Las Vegas ha riacceso le luci sull’atteso ritorno nel club rossonero, questa volta però con abiti differenti da quelli del giocatore. Il Milan da settimane sta corteggiando Ibra, Zlatan da settimane flirta col Milan e non solo, visto il feeling personale che si sta creando con Gerry Cardinale, proprietario del club rossonero con il suo fondo RedBird Capital, e incontrato a Milano prima della gara col Psg. Proprio dalla porta di RedBird dovrebbe avvenire il rientro di Ibra nel pianeta rossonero: nessun ruolo ufficiale nell’organigramma del Diavolo - almeno queste sono le indiscrezioni -, ma l’etichetta di “consigliere speciale” di Cardinale con lo sguardo ovviamente rivolto al Milan. Nell’ambiente rossonero c’è fibrillazione, i risultati altalenanti dell’ultimo mese hanno riportato alla memoria le difficoltà di fine 2019 che furono superate proprio con l’acquisto di Ibra. Stavolta lo svedese non potrà dare il suo contributo in campo, ma in tanti sono convinti che la sua influenza potrà aiutare tutti: giocatori, ma anche Pioli, rimasto forse un po’ troppo solo a Milanello, e pure i dirigenti che avrebbero nello svedese un referente “calcistico” in più con cui confrontarsi. Per non parlare della società a più ampio respiro, visto il suo appeal internazionale che va ormai oltre quello del semplice calciatore. Ibra è imprenditore, testimonial pubblicitario, attore, showman. Ieri era uno dei tanti vip che hanno seguito il Gp di Formula 1 a Las Vegas. Zlatan era ospite nel box Ferrari, dove gli è stato regalato un volante: «Sono un grande tifoso della Ferrari, ho portato bene con la pole. Che spettacolo la Formula 1 qui, gli americani sanno come fare lo show», le sue parole a Sky. Si pensava che questa sosta fosse il momento buono per l'annuncio del suo nuovo ingaggio: la prima settimana è passata, adesso si vedrà cosa accadrà da qui a sabato, giorno di Milan-Fiorentina. Se dovesse filare via senza novità, non è detto comunque che non possano arrivare in quella successiva, quando, per esempio, potrebbe tornare a Milano pure Cardinale: la sua presenza per Milan-Borussia Dortmund, bivio fondamentale della Champions rossonera, non è ancora confermata, ma se dovesse esserci, chissà che non sia il momento giusto per... le foto. L'attesa c'è, si sente, perché in molti sono convinti che Ibra possa dare tanto a questo Milan. La sua figura potrebbe essere importante con i giocatori: lo svedese non sarà fisso a Milanello e nello spogliatoio, ma le sue presenze saranno determinanti per caricare i suoi ex compagni, dare consigli, spronare a reagire alle difficoltà che la squadra sta trovando in questo avvio di stagione. Qualcuno potrebbe obiettare che il suo ritorno potrebbe essere ingombrante per Pioli, ma l'allenatore ha sempre avuto un ottimo rapporto con lo svedese e avere un uomo del suo calibro a fianco - non sempre, per altro - a gestire determinanti snodi, potrebbe essere tutt'altro che negativo. E, come detto, anche i dirigenti potrebbero sfruttarlo per confrontarsi su diversi aspetti, dalla vita quotidiana di Milanello a pareri su giocatori da comprare, calciatori a cui Ibra potrebbe fare... una telefonata.
.
 
Registrato
29 Ottobre 2017
Messaggi
4,511
Reaction score
1,783
Tuttosport in edicola riporta le frasi (già ampiamente riferite NDR) di Ibra rilasciate ieri su un possibile ritorno al Milan e aggiunge:"A quando l’annuncio al Milan? Vediamo, vediamo... parliamo, parliamo». Col suo solito ghigno alla Joker, Zlatan Ibrahimovic dalla luccicante Las Vegas ha riacceso le luci sull’atteso ritorno nel club rossonero, questa volta però con abiti differenti da quelli del giocatore. Il Milan da settimane sta corteggiando Ibra, Zlatan da settimane flirta col Milan e non solo, visto il feeling personale che si sta creando con Gerry Cardinale, proprietario del club rossonero con il suo fondo RedBird Capital, e incontrato a Milano prima della gara col Psg. Proprio dalla porta di RedBird dovrebbe avvenire il rientro di Ibra nel pianeta rossonero: nessun ruolo ufficiale nell’organigramma del Diavolo - almeno queste sono le indiscrezioni -, ma l’etichetta di “consigliere speciale” di Cardinale con lo sguardo ovviamente rivolto al Milan. Nell’ambiente rossonero c’è fibrillazione, i risultati altalenanti dell’ultimo mese hanno riportato alla memoria le difficoltà di fine 2019 che furono superate proprio con l’acquisto di Ibra. Stavolta lo svedese non potrà dare il suo contributo in campo, ma in tanti sono convinti che la sua influenza potrà aiutare tutti: giocatori, ma anche Pioli, rimasto forse un po’ troppo solo a Milanello, e pure i dirigenti che avrebbero nello svedese un referente “calcistico” in più con cui confrontarsi. Per non parlare della società a più ampio respiro, visto il suo appeal internazionale che va ormai oltre quello del semplice calciatore. Ibra è imprenditore, testimonial pubblicitario, attore, showman. Ieri era uno dei tanti vip che hanno seguito il Gp di Formula 1 a Las Vegas. Zlatan era ospite nel box Ferrari, dove gli è stato regalato un volante: «Sono un grande tifoso della Ferrari, ho portato bene con la pole. Che spettacolo la Formula 1 qui, gli americani sanno come fare lo show», le sue parole a Sky. Si pensava che questa sosta fosse il momento buono per l'annuncio del suo nuovo ingaggio: la prima settimana è passata, adesso si vedrà cosa accadrà da qui a sabato, giorno di Milan-Fiorentina. Se dovesse filare via senza novità, non è detto comunque che non possano arrivare in quella successiva, quando, per esempio, potrebbe tornare a Milano pure Cardinale: la sua presenza per Milan-Borussia Dortmund, bivio fondamentale della Champions rossonera, non è ancora confermata, ma se dovesse esserci, chissà che non sia il momento giusto per... le foto. L'attesa c'è, si sente, perché in molti sono convinti che Ibra possa dare tanto a questo Milan. La sua figura potrebbe essere importante con i giocatori: lo svedese non sarà fisso a Milanello e nello spogliatoio, ma le sue presenze saranno determinanti per caricare i suoi ex compagni, dare consigli, spronare a reagire alle difficoltà che la squadra sta trovando in questo avvio di stagione. Qualcuno potrebbe obiettare che il suo ritorno potrebbe essere ingombrante per Pioli, ma l'allenatore ha sempre avuto un ottimo rapporto con lo svedese e avere un uomo del suo calibro a fianco - non sempre, per altro - a gestire determinanti snodi, potrebbe essere tutt'altro che negativo. E, come detto, anche i dirigenti potrebbero sfruttarlo per confrontarsi su diversi aspetti, dalla vita quotidiana di Milanello a pareri su giocatori da comprare, calciatori a cui Ibra potrebbe fare... una telefonata.
Stanno ancora tutti (ibra compreso) cercando di capire cosa dovrebbe fare Ibra per prendersi uno stipendio dal Milan.
 
Alto
head>