Gravina:"5-6 stadi per Euro 2032 in Italia"

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
199,248
Reaction score
25,403
Gravina a Sky:"Il Viola Park è un inno alla bellezza e alla nuova eccellenza italiana nel campo delle infrastrutture. Un classico miracolo all'italiana, io ero venuto quattro anni fa e c'erano solo terreno e polvere. Era impensabile dominare e governare l'entusiasmo di Commisso e Barone, oggi è una straordinaria e stupenda realtà".

Ora il miracolo stadi?
"Il problema non è la legge, la burocrazia è uno degli elementi che dobbiamo superare e affrontare ma il vero problema è l'atteggiamento culturale. Abbiamo paura di proiettarci verso il futuro e modificare situazioni bloccare. Dobbiamo capire quanto importanti siano le infrastrutture. E importante è anche l'approccio dato dal ministro Abodi sul tema, in maniera decisa: ci sentiamo supportati da lui e sono convinto che lo saremo anche in futuro, ma il mondo del calcio e i suoi dirigenti devono capire quanto è il guadagno nel realizzare certi progetti"

Ora l'Europeo del 2032. Quanti saranno gli stadi coinvolti?
"Gli stadi saranno cinque, potrebbero diventare sei in base a determinate esigenze di calendario. L'Europeo è un'opportunità, sicuramente non un elemento risolutivo di tutti i problemi ma dobbiamo saperla cogliere e non sia una nuova occasione mancata".

Quanti stadi nuovi da qui al 2032 rappresenterebbero un grande risultato?
"Abbiamo una prima data da rispettare, il 1° ottobre 2026. Entro allora dovremo avere progetti esecutivi e copertura finanziaria su cinque-sei stadi, la prima pietra poi dovrà essere posta entro il 1° marzo 2027. Questo è il risultato minimo ma non possiamo pensare di risolvere il problema infrastrutture così. C'è una necessità urgente che il nostro paese deve affrontare. Dobbiamo fare modo, tutti insieme, che ci sia un esplosione di entusiasmo per migliorare la cultura sportiva".

Qualche indiscrezione sulle città?
"No, è presto, ancora troppo presto. Basta siano pronte per il 2026...".
 

gabri65

BFMI-class member
Registrato
26 Giugno 2018
Messaggi
20,441
Reaction score
14,504
Gravina a Sky:"Il Viola Park è un inno alla bellezza e alla nuova eccellenza italiana nel campo delle infrastrutture. Un classico miracolo all'italiana, io ero venuto quattro anni fa e c'erano solo terreno e polvere. Era impensabile dominare e governare l'entusiasmo di Commisso e Barone, oggi è una straordinaria e stupenda realtà".

Ora il miracolo stadi?
"Il problema non è la legge, la burocrazia è uno degli elementi che dobbiamo superare e affrontare ma il vero problema è l'atteggiamento culturale. Abbiamo paura di proiettarci verso il futuro e modificare situazioni bloccare. Dobbiamo capire quanto importanti siano le infrastrutture. E importante è anche l'approccio dato dal ministro Abodi sul tema, in maniera decisa: ci sentiamo supportati da lui e sono convinto che lo saremo anche in futuro, ma il mondo del calcio e i suoi dirigenti devono capire quanto è il guadagno nel realizzare certi progetti"

Ora l'Europeo del 2032. Quanti saranno gli stadi coinvolti?
"Gli stadi saranno cinque, potrebbero diventare sei in base a determinate esigenze di calendario. L'Europeo è un'opportunità, sicuramente non un elemento risolutivo di tutti i problemi ma dobbiamo saperla cogliere e non sia una nuova occasione mancata".

Quanti stadi nuovi da qui al 2032 rappresenterebbero un grande risultato?
"Abbiamo una prima data da rispettare, il 1° ottobre 2026. Entro allora dovremo avere progetti esecutivi e copertura finanziaria su cinque-sei stadi, la prima pietra poi dovrà essere posta entro il 1° marzo 2027. Questo è il risultato minimo ma non possiamo pensare di risolvere il problema infrastrutture così. C'è una necessità urgente che il nostro paese deve affrontare. Dobbiamo fare modo, tutti insieme, che ci sia un esplosione di entusiasmo per migliorare la cultura sportiva".

Qualche indiscrezione sulle città?
"No, è presto, ancora troppo presto. Basta siano pronte per il 2026...".

6 stadi della giuve ? Ma non sono un po' troppi ?
 

Zenos

Senior Member
Registrato
30 Agosto 2012
Messaggi
22,047
Reaction score
10,144
Gravina a Sky:"Il Viola Park è un inno alla bellezza e alla nuova eccellenza italiana nel campo delle infrastrutture. Un classico miracolo all'italiana, io ero venuto quattro anni fa e c'erano solo terreno e polvere. Era impensabile dominare e governare l'entusiasmo di Commisso e Barone, oggi è una straordinaria e stupenda realtà".

Ora il miracolo stadi?
"Il problema non è la legge, la burocrazia è uno degli elementi che dobbiamo superare e affrontare ma il vero problema è l'atteggiamento culturale. Abbiamo paura di proiettarci verso il futuro e modificare situazioni bloccare. Dobbiamo capire quanto importanti siano le infrastrutture. E importante è anche l'approccio dato dal ministro Abodi sul tema, in maniera decisa: ci sentiamo supportati da lui e sono convinto che lo saremo anche in futuro, ma il mondo del calcio e i suoi dirigenti devono capire quanto è il guadagno nel realizzare certi progetti"

Ora l'Europeo del 2032. Quanti saranno gli stadi coinvolti?
"Gli stadi saranno cinque, potrebbero diventare sei in base a determinate esigenze di calendario. L'Europeo è un'opportunità, sicuramente non un elemento risolutivo di tutti i problemi ma dobbiamo saperla cogliere e non sia una nuova occasione mancata".

Quanti stadi nuovi da qui al 2032 rappresenterebbero un grande risultato?
"Abbiamo una prima data da rispettare, il 1° ottobre 2026. Entro allora dovremo avere progetti esecutivi e copertura finanziaria su cinque-sei stadi, la prima pietra poi dovrà essere posta entro il 1° marzo 2027. Questo è il risultato minimo ma non possiamo pensare di risolvere il problema infrastrutture così. C'è una necessità urgente che il nostro paese deve affrontare. Dobbiamo fare modo, tutti insieme, che ci sia un esplosione di entusiasmo per migliorare la cultura sportiva".

Qualche indiscrezione sulle città?
"No, è presto, ancora troppo presto. Basta siano pronte per il 2026...".
Per il 2026 sono pronti cessum, Atalanta, udinese, Sassuolo, Frosinone.
Siamo già esclusi dal porco.
 

Giofa

Junior Member
Registrato
12 Settembre 2020
Messaggi
3,785
Reaction score
1,981
Per il 2026 sono pronti cessum, Atalanta, udinese, Sassuolo, Frosinone.
Siamo già esclusi dal porco.
In realtà credo debbano essere pronte le sedi inteso come progetto definitivo o lavori in corso da concludersi entro il 2030. Non avrebbe senso se no, in 6 anni gli stadi ci mettono poco a diventare obsoleti.
Se ci rientreremo penso riusciremo ad attingere a parte dei fondi per costruirlo
 
Registrato
11 Aprile 2016
Messaggi
58,838
Reaction score
24,350
Gravina a Sky:"Il Viola Park è un inno alla bellezza e alla nuova eccellenza italiana nel campo delle infrastrutture. Un classico miracolo all'italiana, io ero venuto quattro anni fa e c'erano solo terreno e polvere. Era impensabile dominare e governare l'entusiasmo di Commisso e Barone, oggi è una straordinaria e stupenda realtà".

Ora il miracolo stadi?
"Il problema non è la legge, la burocrazia è uno degli elementi che dobbiamo superare e affrontare ma il vero problema è l'atteggiamento culturale. Abbiamo paura di proiettarci verso il futuro e modificare situazioni bloccare. Dobbiamo capire quanto importanti siano le infrastrutture. E importante è anche l'approccio dato dal ministro Abodi sul tema, in maniera decisa: ci sentiamo supportati da lui e sono convinto che lo saremo anche in futuro, ma il mondo del calcio e i suoi dirigenti devono capire quanto è il guadagno nel realizzare certi progetti"

Ora l'Europeo del 2032. Quanti saranno gli stadi coinvolti?
"Gli stadi saranno cinque, potrebbero diventare sei in base a determinate esigenze di calendario. L'Europeo è un'opportunità, sicuramente non un elemento risolutivo di tutti i problemi ma dobbiamo saperla cogliere e non sia una nuova occasione mancata".

Quanti stadi nuovi da qui al 2032 rappresenterebbero un grande risultato?
"Abbiamo una prima data da rispettare, il 1° ottobre 2026. Entro allora dovremo avere progetti esecutivi e copertura finanziaria su cinque-sei stadi, la prima pietra poi dovrà essere posta entro il 1° marzo 2027. Questo è il risultato minimo ma non possiamo pensare di risolvere il problema infrastrutture così. C'è una necessità urgente che il nostro paese deve affrontare. Dobbiamo fare modo, tutti insieme, che ci sia un esplosione di entusiasmo per migliorare la cultura sportiva".

Qualche indiscrezione sulle città?
"No, è presto, ancora troppo presto. Basta siano pronte per il 2026...".
Un dinosauro che parla di modernità.
Salva il brand, ché quello si ti viene bene..
 
Alto
head>