Gates comunista tech: "3 giorni lavoro umano settimanali"

Registrato
8 Ottobre 2018
Messaggi
44,081
Reaction score
14,290
Bill Gates, mentre negli Stati Uniti è in piena guerra interna in OpenAI da cui è nato ChatGPT, profetizza la settimana corta comunista ma in variante tecnologica battendo persino gli esperimenti socialisti occidentali di 4 giorni

"In futuro gli uomini potrebbero non dover lavorare duramente, perché le macchine sapranno produrre il cibo e tutto il resto.
Se alla fine si crea una società in cui si deve lavorare solo tre giorni a settimana grazie a robot e intelligenza artificiale, probabilmente va bene”


Confartigianato invece ha stimato di recente 8 milioni di posti di lavoro in meno solo per l'italia...


Sky tg 24

magari!
scommetto che ci sarebbe gente che protesterebbe anche per questo, che sono pi gli stessi che protesterebbero se al posto di 5, lavorassimo 6 giorni, o 7, o 3.........
 
Registrato
13 Gennaio 2014
Messaggi
31,546
Reaction score
9,565
magari!
scommetto che ci sarebbe gente che protesterebbe anche per questo, che sono pi gli stessi che protesterebbero se al posto di 5, lavorassimo 6 giorni, o 7, o 3.........

Ma ci credi che si lavorerà meno a pari potere di acquisto?
Manco se lo vedo.

Più probabile che in futuro per un sostentamento BASE si potrà quasi non lavorare, ma rinunciando a qualunque extra che sarà riservato sempre a più pochissimi.
 
Registrato
8 Ottobre 2018
Messaggi
44,081
Reaction score
14,290
Ma ci credi che si lavorerà meno a pari potere di acquisto?
Manco se lo vedo.

Più probabile che in futuro per un sostentamento BASE si potrà quasi non lavorare, ma rinunciando a qualunque extra che sarà riservato sempre a più pochissimi.
io non credo a niente dal '98 (cit ispettore block per chi lo conosce).
 

Jino

Senior Member
Registrato
29 Agosto 2012
Messaggi
56,100
Reaction score
3,931
La storia si ripete, e non sempre nel verso sbagliato.

Successe esattamente nella seconda meta' del 1800 con l'introduzione della macchina a vapore. L'impatto nel settore tessile fu devastante, si produceva esponenzialmente di piu' con una frazione minima di personale. L'impatto fu cosi enorme che i postulati fondamentali della macroeconomia moderna sono ancora alla base oggi (Keynes su tutti).

Stessa cosa e' successa negli anni 70/80 dello scorso secolo quando sostanzialmente la seconda rivoluzione industriale era gia' finita da un pezzo e si decise praticamente di uccidere il settore minerario con milioni di minatori che persero il posto. Il mondo non necessitava piu di carbone.

Oggi succede la stessa cosa, ci sono tanti lavori che gia adesso sono superflui. La sfida sara' capire quale sara' l'impatto sociale di tutto questo e la capacita' di convertire forza lavoro in nuovi ambiti. Ci sara' sempre lavoro per tutti, lavori che oggi neanche sappiamo che esisteranno.

Esatto, i lavori semplicemente cambiano. L'unica cosa che non cambierà mai sarà dare più giorni di riposo, e di conseguenza più soldi, ai lavoratori. E' il sogno di fantozzi.
 

galianivatene

Well-known member
Registrato
15 Aprile 2016
Messaggi
857
Reaction score
393
La storia si ripete, e non sempre nel verso sbagliato.

Successe esattamente nella seconda meta' del 1800 con l'introduzione della macchina a vapore. L'impatto nel settore tessile fu devastante, si produceva esponenzialmente di piu' con una frazione minima di personale. L'impatto fu cosi enorme che i postulati fondamentali della macroeconomia moderna sono ancora alla base oggi (Keynes su tutti).

Stessa cosa e' successa negli anni 70/80 dello scorso secolo quando sostanzialmente la seconda rivoluzione industriale era gia' finita da un pezzo e si decise praticamente di uccidere il settore minerario con milioni di minatori che persero il posto. Il mondo non necessitava piu di carbone.

Oggi succede la stessa cosa, ci sono tanti lavori che gia adesso sono superflui. La sfida sara' capire quale sara' l'impatto sociale di tutto questo e la capacita' di convertire forza lavoro in nuovi ambiti. Ci sara' sempre lavoro per tutti, lavori che oggi neanche sappiamo che esisteranno.
tutto giusto, ma non dimentichiamo che questi cambiamenti andarono di pari passo con la crescita della rappresentanza politica e sindacale dei lavoratori.
Mentre oggi siamo in un trend inverso, almeno dagli
anni 80 in poi.

Per far sì che tutti beneficino di questa rivoluzione tecnologica, occorrerebbe che sia garantito che la ricchezza generata sia redistribuita in modo che anche i (ex) lavoratori vi partecipino. Questo banalmente avviene solo a condizione di una forte statualità, e che la stessa non sia catturata dalle logiche del profitto di pochi.

Al momento, non vedo il luogo politico e geografico dove questi requisiti esistano contemporaneamente, anche solo in potenza.

È pure vero, e fai bene a citare Keynes, che in un mondo dove praticamente l’interezza del lavoro umano diventa potenzialmente ridondante, si pone il problema del consumo, e quindi del funzionamento stesso di una economia di mercato.

Praticamente lo stesso capitalismo verrebbe minato alle fondamenta. Si porrebbe il problema di come accumulare, sviluppare e redistribuire una ricchezza creata senza o quasi la necessità di lavoro. Forse è per questo motivo che l’IA è vista con paura anche da una parte delle elite industriali e finanziarie.
 

Marilson

Milano vende moda
Registrato
29 Agosto 2012
Messaggi
7,651
Reaction score
2,806
tutto giusto, ma non dimentichiamo che questi cambiamenti andarono di pari passo con la crescita della rappresentanza politica e sindacale dei lavoratori.
Mentre oggi siamo in un trend inverso, almeno dagli
anni 80 in poi.

Per far sì che tutti beneficino di questa rivoluzione tecnologica, occorrerebbe che sia garantito che la ricchezza generata sia redistribuita in modo che anche i (ex) lavoratori vi partecipino. Questo banalmente avviene solo a condizione di una forte statualità, e che la stessa non sia catturata dalle logiche del profitto di pochi.

Al momento, non vedo il luogo politico e geografico dove questi requisiti esistano contemporaneamente, anche solo in potenza.

È pure vero, e fai bene a citare Keynes, che in un mondo dove praticamente l’interezza del lavoro umano diventa potenzialmente ridondante, si pone il problema del consumo, e quindi del funzionamento stesso di una economia di mercato.

Praticamente lo stesso capitalismo verrebbe minato alle fondamenta. Si porrebbe il problema di come accumulare, sviluppare e redistribuire una ricchezza creata senza o quasi la necessità di lavoro. Forse è per questo motivo che l’IA è vista con paura anche da una parte delle elite industriali e finanziarie.

completamente d'accordo con te.. il problema infatti che intravedo e' di carattere sociale .. la ridistribuzione di risorse sara' cruciale. Cosi come i minatori dell'era thatcher si sono riconvertiti a fare altro, sara' da trovare la soluzione anche per questa nuova fase evolutiva della nostra storia
 

Devil man

Well-known member
Registrato
6 Luglio 2017
Messaggi
6,544
Reaction score
2,867
il mio prossimo lavoro sarà creare una modella milanista influencer in Ai che guadagni 10.000 euro al mese
 
Alto
head>