FIGC: ecco la riforma sul calcio. Tutte le novità.

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
204,363
Reaction score
27,570
La FIGC, presieduta da Gabriele Gravina, sta mettendo a punto il piano di sostenibilità economica da presentare al governo che contiene tutte le modifiche al sistema calcio italiano grazie alle tanto volute riforme da parte delle Federcalcio.
Come riporta l’edizione odierna de Il Fatto Quotidiano, all’interno del prospetto da presentare al governo, la FIGC sta valutando un piano che preveda meno squadre iscritte ai vari campionati professionistici, più controlli da parte degli organi competenti in materia regolamentare ed economica e, infine, un numero di retrocessioni ridotte per impattare il meno possibile sui conti delle piccole società. Senza dimenticare Coppa Italia e vivai.


Dal documento che dovrebbe essere presentato a breve al governo si parte dal numero di squadre e dal un presupposto: oggi sono troppe. Nel sistema professionistico ci sono, al momento, 100 squadre che dovrebbero essere ridotte a 80. L’intervento sarebbe solo sulla Serie C, che di fatto perderebbe così un girone. Inoltre addio Lega Pro, come organismo di rappresentanza, con l’ultima serie professionistica che sarebbe accorpata alla Serie B.
Poi ecco pronta una mossa politica che permetterebbe alla Serie A di avere più peso nelle decisioni, anche se formalmente continuerà a contare solo per il 12% (tema sollevato dal presidente Casini della Lega di A con richiesta di più autonomia, respinta da Gravina stesso). A quella percentuale si aggiunge il 6% legato al calcio femminile, che di fatto non è che uno specchio della Serie A. Totale 18%. Per quanto riguarda gli altri organismi a pesare di più saranno sempre i Dilettanti (30%), seguiti da calciatori (19%), Serie B (12%), allenatori (9%) e arbitri (2%).
Con questo disegno, la FIGC sembrerebbe quindi accantonare le speranze per una Serie A a 18 squadre, anche se troverebbe la sponda da parte delle big (l’ultima a essersi aggiunta all’elenco è la Lazio di Claudio Lotito). Quindi la massima serie rimane a 20 formazioni, così come la Serie B. Ma a cambiare sarà il sistema delle retrocessioni, visto che la Serie C sarà ridotta di un terzo.

Piano riforme FIGC – Cambiano retrocessioni e promozioni

Si tratta di un sistema simmetrico: due squadre retrocederanno direttamente, mentre ci sarà un playoff fra la terzultima e la quartultima della Serie A (cosa che si vede già nel calcio dilettantistico). Mentre le promozioni dirette in Serie B rimarrebbero due, con i playoff che riguarderebbero solamente terza e quarta che accederebbero direttamente a quella che oggi è la finalissima. Ridotto anche il paracadute per le retrocesse (da 60 a 30 milioni), visto che si considera troppo alto e a totale appannaggio delle retrocesse dalla A e a discapito delle formazioni che rimangono in B.

Piano riforme FIGC – Nuovo format per la Coppa Italia

Nel disegno federale è stata inserita anche la Coppa Italia, che avrà così un nuovo format. Si parte dall’allargamento a tutti i club professionistici con la formula, confermata, della gara secca. Una scommessa per la FIGC, visto che accontenta i tifosi, che chiedono un cambio format da diversi anni, ma un po’ meno la Lega che sta raccogliendo ottimi risultati sia dagli ascolti che dagli incassi.
Una volta sistemata la riforma dei campionati, ecco che si passa forse a quella più scomoda e difficile: contenere le spese e ridurre l’indebitamento generale. Anche se si sta vedendo in Serie A un trend positivo rispetto alle altre stagioni, i conti in generale delle società professionistiche preoccupano e non poco. Quindi ecco la ricetta della FIGC per andare verso un calcio più sostenibile.

Piano riforme FIGC – Norme più stringenti in materia economica

Si parte con criteri più stringenti per quanto riguarda l’iscrizione al campionato. Quindi non solo l’indice di liquidità, ma nuovi parametri sul patrimonio netto che dovrà per forza essere positivo (a oggi per esempio Inter e Roma, e molte altre, sono a rischio) e anche sul risultato d’esercizio, con perdite da ripianare entro quattro mesi. Un cambio di paradigma importante, che però potrebbe essere messo in standby per qualche stagione, così da permettere ai club di adeguarsi alle nuove norme.
Ma non solo i professionisti, le riforme federali riguardano anche giovani e vivai, così da ritornare a riempire il serbatoio di calciatori utilizzabili dalle varie nazionali. Si va dall’aumento dei giocatori provenienti dal vivaio in lista (da 4 a 6) e incentivi alle seconde squadre, anche condivise fra due club. Più innovativa la proposta di un credito fiscale per i contratti dei calciatori cresciuti nelle giovanili: una sorta di Decreto Crescita ma al contrario, pensato per favorire gli italiani e non gli stranieri.

Piano riforme FIGC – Gli interventi richiesti al governo

Il tutto prevede, però, che il governo faccia la sua parte, con la Federazione che si aspetta degli aiuti concreti dopo aver dimostrato di provare a cambiare il sistema calcio. I punti salienti, dove la FIGC si aspetta sponde importanti dalla politica nazionale, riguardano i temi scommesse (abolizione del divieto di pubblicità e percentuale sul margine dei concessionari) e stadi (cabina di regia con il governo per sbloccare i progetti in essere). Due temi ricorrenti, che però potrebbero essere accompagnati da altri. Come, per esempio, un intervento sui contratti dei calciatori, con una durata che potrebbe essere estesa oltre i cinque anni previsti ora con clausole automatiche. In più ecco degli sgravi fiscali per i giovani.
Ora che il piano è fatto va presentato ai vari attori del calcio italiano, che sicuramente presenteranno le proprie ragioni. Si parte dalla Serie A che vorrebbe più autonomia (punto centrale del proprio progetto di riforma autonomo) senza dimenticare la Serie B e la Lega Pro, quella più colpita dal progetto firmato FIGC. In quest’ottica, l’assemblea straordinaria convocata l’11 marzo per togliere il diritto di veto potrebbe saltare, così da garantire più tempo per esporre al meglio il progetto federale per un nuovo calcio italiano

01h0wrvc178aebwypebb.jpg
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
204,363
Reaction score
27,570
La FIGC, presieduta da Gabriele Gravina, sta mettendo a punto il piano di sostenibilità economica da presentare al governo che contiene tutte le modifiche al sistema calcio italiano grazie alle tanto volute riforme da parte delle Federcalcio.
Come riporta l’edizione odierna de Il Fatto Quotidiano, all’interno del prospetto da presentare al governo, la FIGC sta valutando un piano che preveda meno squadre iscritte ai vari campionati professionistici, più controlli da parte degli organi competenti in materia regolamentare ed economica e, infine, un numero di retrocessioni ridotte per impattare il meno possibile sui conti delle piccole società. Senza dimenticare Coppa Italia e vivai.


Dal documento che dovrebbe essere presentato a breve al governo si parte dal numero di squadre e dal un presupposto: oggi sono troppe. Nel sistema professionistico ci sono, al momento, 100 squadre che dovrebbero essere ridotte a 80. L’intervento sarebbe solo sulla Serie C, che di fatto perderebbe così un girone. Inoltre addio Lega Pro, come organismo di rappresentanza, con l’ultima serie professionistica che sarebbe accorpata alla Serie B.
Poi ecco pronta una mossa politica che permetterebbe alla Serie A di avere più peso nelle decisioni, anche se formalmente continuerà a contare solo per il 12% (tema sollevato dal presidente Casini della Lega di A con richiesta di più autonomia, respinta da Gravina stesso). A quella percentuale si aggiunge il 6% legato al calcio femminile, che di fatto non è che uno specchio della Serie A. Totale 18%. Per quanto riguarda gli altri organismi a pesare di più saranno sempre i Dilettanti (30%), seguiti da calciatori (19%), Serie B (12%), allenatori (9%) e arbitri (2%).
Con questo disegno, la FIGC sembrerebbe quindi accantonare le speranze per una Serie A a 18 squadre, anche se troverebbe la sponda da parte delle big (l’ultima a essersi aggiunta all’elenco è la Lazio di Claudio Lotito). Quindi la massima serie rimane a 20 formazioni, così come la Serie B. Ma a cambiare sarà il sistema delle retrocessioni, visto che la Serie C sarà ridotta di un terzo.

Piano riforme FIGC – Cambiano retrocessioni e promozioni

Si tratta di un sistema simmetrico: due squadre retrocederanno direttamente, mentre ci sarà un playoff fra la terzultima e la quartultima della Serie A (cosa che si vede già nel calcio dilettantistico). Mentre le promozioni dirette in Serie B rimarrebbero due, con i playoff che riguarderebbero solamente terza e quarta che accederebbero direttamente a quella che oggi è la finalissima. Ridotto anche il paracadute per le retrocesse (da 60 a 30 milioni), visto che si considera troppo alto e a totale appannaggio delle retrocesse dalla A e a discapito delle formazioni che rimangono in B.

Piano riforme FIGC – Nuovo format per la Coppa Italia

Nel disegno federale è stata inserita anche la Coppa Italia, che avrà così un nuovo format. Si parte dall’allargamento a tutti i club professionistici con la formula, confermata, della gara secca. Una scommessa per la FIGC, visto che accontenta i tifosi, che chiedono un cambio format da diversi anni, ma un po’ meno la Lega che sta raccogliendo ottimi risultati sia dagli ascolti che dagli incassi.
Una volta sistemata la riforma dei campionati, ecco che si passa forse a quella più scomoda e difficile: contenere le spese e ridurre l’indebitamento generale. Anche se si sta vedendo in Serie A un trend positivo rispetto alle altre stagioni, i conti in generale delle società professionistiche preoccupano e non poco. Quindi ecco la ricetta della FIGC per andare verso un calcio più sostenibile.

Piano riforme FIGC – Norme più stringenti in materia economica

Si parte con criteri più stringenti per quanto riguarda l’iscrizione al campionato. Quindi non solo l’indice di liquidità, ma nuovi parametri sul patrimonio netto che dovrà per forza essere positivo (a oggi per esempio Inter e Roma, e molte altre, sono a rischio) e anche sul risultato d’esercizio, con perdite da ripianare entro quattro mesi. Un cambio di paradigma importante, che però potrebbe essere messo in standby per qualche stagione, così da permettere ai club di adeguarsi alle nuove norme.
Ma non solo i professionisti, le riforme federali riguardano anche giovani e vivai, così da ritornare a riempire il serbatoio di calciatori utilizzabili dalle varie nazionali. Si va dall’aumento dei giocatori provenienti dal vivaio in lista (da 4 a 6) e incentivi alle seconde squadre, anche condivise fra due club. Più innovativa la proposta di un credito fiscale per i contratti dei calciatori cresciuti nelle giovanili: una sorta di Decreto Crescita ma al contrario, pensato per favorire gli italiani e non gli stranieri.

Piano riforme FIGC – Gli interventi richiesti al governo

Il tutto prevede, però, che il governo faccia la sua parte, con la Federazione che si aspetta degli aiuti concreti dopo aver dimostrato di provare a cambiare il sistema calcio. I punti salienti, dove la FIGC si aspetta sponde importanti dalla politica nazionale, riguardano i temi scommesse (abolizione del divieto di pubblicità e percentuale sul margine dei concessionari) e stadi (cabina di regia con il governo per sbloccare i progetti in essere). Due temi ricorrenti, che però potrebbero essere accompagnati da altri. Come, per esempio, un intervento sui contratti dei calciatori, con una durata che potrebbe essere estesa oltre i cinque anni previsti ora con clausole automatiche. In più ecco degli sgravi fiscali per i giovani.
Ora che il piano è fatto va presentato ai vari attori del calcio italiano, che sicuramente presenteranno le proprie ragioni. Si parte dalla Serie A che vorrebbe più autonomia (punto centrale del proprio progetto di riforma autonomo) senza dimenticare la Serie B e la Lega Pro, quella più colpita dal progetto firmato FIGC. In quest’ottica, l’assemblea straordinaria convocata l’11 marzo per togliere il diritto di veto potrebbe saltare, così da garantire più tempo per esporre al meglio il progetto federale per un nuovo calcio italiano
.
 

Franco

Well-known member
Registrato
22 Giugno 2022
Messaggi
1,739
Reaction score
1,575
Questa riforma non si farà mai. È solo la cartolina da presentare al governo per avere in cambio soldi pubblici e altri favori.
 

iceman.

Senior Member
Registrato
28 Agosto 2012
Messaggi
20,810
Reaction score
3,021
La FIGC, presieduta da Gabriele Gravina, sta mettendo a punto il piano di sostenibilità economica da presentare al governo che contiene tutte le modifiche al sistema calcio italiano grazie alle tanto volute riforme da parte delle Federcalcio.
Come riporta l’edizione odierna de Il Fatto Quotidiano, all’interno del prospetto da presentare al governo, la FIGC sta valutando un piano che preveda meno squadre iscritte ai vari campionati professionistici, più controlli da parte degli organi competenti in materia regolamentare ed economica e, infine, un numero di retrocessioni ridotte per impattare il meno possibile sui conti delle piccole società. Senza dimenticare Coppa Italia e vivai.


Dal documento che dovrebbe essere presentato a breve al governo si parte dal numero di squadre e dal un presupposto: oggi sono troppe. Nel sistema professionistico ci sono, al momento, 100 squadre che dovrebbero essere ridotte a 80. L’intervento sarebbe solo sulla Serie C, che di fatto perderebbe così un girone. Inoltre addio Lega Pro, come organismo di rappresentanza, con l’ultima serie professionistica che sarebbe accorpata alla Serie B.
Poi ecco pronta una mossa politica che permetterebbe alla Serie A di avere più peso nelle decisioni, anche se formalmente continuerà a contare solo per il 12% (tema sollevato dal presidente Casini della Lega di A con richiesta di più autonomia, respinta da Gravina stesso). A quella percentuale si aggiunge il 6% legato al calcio femminile, che di fatto non è che uno specchio della Serie A. Totale 18%. Per quanto riguarda gli altri organismi a pesare di più saranno sempre i Dilettanti (30%), seguiti da calciatori (19%), Serie B (12%), allenatori (9%) e arbitri (2%).
Con questo disegno, la FIGC sembrerebbe quindi accantonare le speranze per una Serie A a 18 squadre, anche se troverebbe la sponda da parte delle big (l’ultima a essersi aggiunta all’elenco è la Lazio di Claudio Lotito). Quindi la massima serie rimane a 20 formazioni, così come la Serie B. Ma a cambiare sarà il sistema delle retrocessioni, visto che la Serie C sarà ridotta di un terzo.

Piano riforme FIGC – Cambiano retrocessioni e promozioni

Si tratta di un sistema simmetrico: due squadre retrocederanno direttamente, mentre ci sarà un playoff fra la terzultima e la quartultima della Serie A (cosa che si vede già nel calcio dilettantistico). Mentre le promozioni dirette in Serie B rimarrebbero due, con i playoff che riguarderebbero solamente terza e quarta che accederebbero direttamente a quella che oggi è la finalissima. Ridotto anche il paracadute per le retrocesse (da 60 a 30 milioni), visto che si considera troppo alto e a totale appannaggio delle retrocesse dalla A e a discapito delle formazioni che rimangono in B.

Piano riforme FIGC – Nuovo format per la Coppa Italia

Nel disegno federale è stata inserita anche la Coppa Italia, che avrà così un nuovo format. Si parte dall’allargamento a tutti i club professionistici con la formula, confermata, della gara secca. Una scommessa per la FIGC, visto che accontenta i tifosi, che chiedono un cambio format da diversi anni, ma un po’ meno la Lega che sta raccogliendo ottimi risultati sia dagli ascolti che dagli incassi.
Una volta sistemata la riforma dei campionati, ecco che si passa forse a quella più scomoda e difficile: contenere le spese e ridurre l’indebitamento generale. Anche se si sta vedendo in Serie A un trend positivo rispetto alle altre stagioni, i conti in generale delle società professionistiche preoccupano e non poco. Quindi ecco la ricetta della FIGC per andare verso un calcio più sostenibile.

Piano riforme FIGC – Norme più stringenti in materia economica

Si parte con criteri più stringenti per quanto riguarda l’iscrizione al campionato. Quindi non solo l’indice di liquidità, ma nuovi parametri sul patrimonio netto che dovrà per forza essere positivo (a oggi per esempio Inter e Roma, e molte altre, sono a rischio) e anche sul risultato d’esercizio, con perdite da ripianare entro quattro mesi. Un cambio di paradigma importante, che però potrebbe essere messo in standby per qualche stagione, così da permettere ai club di adeguarsi alle nuove norme.
Ma non solo i professionisti, le riforme federali riguardano anche giovani e vivai, così da ritornare a riempire il serbatoio di calciatori utilizzabili dalle varie nazionali. Si va dall’aumento dei giocatori provenienti dal vivaio in lista (da 4 a 6) e incentivi alle seconde squadre, anche condivise fra due club. Più innovativa la proposta di un credito fiscale per i contratti dei calciatori cresciuti nelle giovanili: una sorta di Decreto Crescita ma al contrario, pensato per favorire gli italiani e non gli stranieri.

Piano riforme FIGC – Gli interventi richiesti al governo

Il tutto prevede, però, che il governo faccia la sua parte, con la Federazione che si aspetta degli aiuti concreti dopo aver dimostrato di provare a cambiare il sistema calcio. I punti salienti, dove la FIGC si aspetta sponde importanti dalla politica nazionale, riguardano i temi scommesse (abolizione del divieto di pubblicità e percentuale sul margine dei concessionari) e stadi (cabina di regia con il governo per sbloccare i progetti in essere). Due temi ricorrenti, che però potrebbero essere accompagnati da altri. Come, per esempio, un intervento sui contratti dei calciatori, con una durata che potrebbe essere estesa oltre i cinque anni previsti ora con clausole automatiche. In più ecco degli sgravi fiscali per i giovani.
Ora che il piano è fatto va presentato ai vari attori del calcio italiano, che sicuramente presenteranno le proprie ragioni. Si parte dalla Serie A che vorrebbe più autonomia (punto centrale del proprio progetto di riforma autonomo) senza dimenticare la Serie B e la Lega Pro, quella più colpita dal progetto firmato FIGC. In quest’ottica, l’assemblea straordinaria convocata l’11 marzo per togliere il diritto di veto potrebbe saltare, così da garantire più tempo per esporre al meglio il progetto federale per un nuovo calcio italiano

01h0wrvc178aebwypebb.jpg
Deve implodere tutto il sistema, se a giocare sporco sono le tre del nord non succede mai niente visto il bacino di utenza, sulle medio-piccole si avventano come squali e vanno girando col petto di fuori orgogliosi.
 

Andris

Senior Member
Registrato
21 Febbraio 2019
Messaggi
34,786
Reaction score
10,604
alcune cose lette sono positive, il problema è che mazzolando ogni cosa non prenderebbe voti dai club per farla passare
 

Nomaduk

Well-known member
Registrato
4 Marzo 2022
Messaggi
4,009
Reaction score
2,096
Questa riforma non si farà mai. È solo la cartolina da presentare al governo per avere in cambio soldi pubblici e altri favori.
probabilmente l'unica riforma riguaderà la serie c. questione di tempo diventerà un unico girone da 20 squadre.
 
Registrato
29 Agosto 2012
Messaggi
3,550
Reaction score
1,806
L'unica cosa buona è il cambiamento per la coppia italia, se tutte le squadre partono dal primo turno.
 
Registrato
21 Settembre 2017
Messaggi
3,166
Reaction score
743
Riforma ridicola. Sempre le stesse gare sempre la stessa solfa…
Ci vogliono più big match non Milan-Pro Sesto
 
Alto
head>