Effetto De Luca,imprese cinesi vanno via

Andris

Senior Member
Registrato
21 Febbraio 2019
Messaggi
23,958
Reaction score
5,087
Wu Zhiqiang,detto Salvio,presidente del sindacato nazionale della comunità cinese:

"In Campania ci cono circa 4000 attività commerciali asiatiche, il 50% tra il capoluogo campano e la sua provincia e non tutte riapriranno né oggi né mai.
Difficile dare un numero di chi ha chiuso per sempre, ma diversi connazionali hanno perso fiducia nei confronti dello Stato italiano e hanno deciso che torneranno in Cina.

La comunità cinese non ha registrato contagi
abbiamo iniziato a mettere in isolamento subito chi tornava dalla Cina
Ora siamo orgogliosi del risultato ottenuto contro il virus.
Siamo riusciti a non avere infetti tra i nostri 15.000 cinesi.


Sono comunque decisioni difficili e tristi perché chi le ha prese sa di aver investito quasi tutta la sua vita in un'attività lavorativa che ora sta abbandonando.
Il vero volto di una persona di un'istituzione si vede momenti di crisi e qui c'è stata confusione.

Non comprendo per esempio tutto il caso delle mascherine.
Noi a gennaio le distribuivamo, ma lo Stato doveva garantire mascherine e guanti a chi uscisse di casa come è successo in Cina.
Qui invece abbiamo dovuto fare tutto noi che siamo gli ultimi.
Sui ristoranti le norme non sono proprio chiarissime, e non tutti i ristoranti cinesi hanno rialzato la saracinesca per l'asporto e il delivery.
Parecchi apriranno giovedì o quando sarà possibile l'ingresso della clientela ai tavoli.

Quanto all'abbigliamento, l'ingrosso e l'oggettistica, chi ha potuto, ha aperto i battenti nelle scorse settimane. Nel settore dell'abbigliamento molti apriranno oggi.
Ma devo dire che scaricare su commercianti il compito di distribuire guanti ai clienti non lo vediamo come fatto positivo.
Inoltre le mascherine per i miei operai le fornisco con piacere, ma i guanti ai clienti faremo fatica a trovarli, quindi a distribuirli siamo in difficoltà.
Con le mascherine siamo a posto, visto che abbiamo una produzione nostra e ne abbiamo donate tante

C'è caos istituzionale e mancanza di tutele nei confronti nostri e verso tutti i cittadini.
Mi auguro che le cose cambino quando sarà finita del tutto la pandemia".


Il Mattino
 
Registrato
8 Ottobre 2018
Messaggi
34,061
Reaction score
6,747
non ho capito cosa c'entra de luca. cmq godo. e faceva prima a dire che la gentenon vuole andare in posti gestiti dai cinesi perchè stanno sulle palle.

finalmente, spero chiudano tutti
 

Andris

Senior Member
Registrato
21 Febbraio 2019
Messaggi
23,958
Reaction score
5,087
non ho capito cosa c'entra de luca. cmq godo. e faceva prima a dire che la gentenon vuole andare in posti gestiti dai cinesi perchè stanno sulle palle.

finalmente, spero chiudano tutti

queste sono le aziende campane solamente
leggi l'altro thread su De Luca che non vuole applicare le riaperture (quindi ristoranti cinesi etc) ed ha applicato un lockdown serrato più che nazionale,per esempio per settimane le vendite a domicilio erano impossibili al contrario di altre regioni.
 

Ringhio8

Senior Member
Registrato
14 Febbraio 2020
Messaggi
7,947
Reaction score
2,426
non ho capito cosa c'entra de luca. cmq godo. e faceva prima a dire che la gentenon vuole andare in posti gestiti dai cinesi perchè stanno sulle palle.

finalmente, spero chiudano tutti

Detta così pare cattiva, ma concordo totalmente con te, che se ne vadano tutti per la miseria
 
Registrato
5 Ottobre 2016
Messaggi
11,531
Reaction score
1,964
Wu Zhiqiang,detto Salvio,presidente del sindacato nazionale della comunità cinese:

"In Campania ci cono circa 4000 attività commerciali asiatiche, il 50% tra il capoluogo campano e la sua provincia e non tutte riapriranno né oggi né mai.
Difficile dare un numero di chi ha chiuso per sempre, ma diversi connazionali hanno perso fiducia nei confronti dello Stato italiano e hanno deciso che torneranno in Cina.

La comunità cinese non ha registrato contagi
abbiamo iniziato a mettere in isolamento subito chi tornava dalla Cina
Ora siamo orgogliosi del risultato ottenuto contro il virus.
Siamo riusciti a non avere infetti tra i nostri 15.000 cinesi.


Sono comunque decisioni difficili e tristi perché chi le ha prese sa di aver investito quasi tutta la sua vita in un'attività lavorativa che ora sta abbandonando.
Il vero volto di una persona di un'istituzione si vede momenti di crisi e qui c'è stata confusione.

Non comprendo per esempio tutto il caso delle mascherine.
Noi a gennaio le distribuivamo, ma lo Stato doveva garantire mascherine e guanti a chi uscisse di casa come è successo in Cina.
Qui invece abbiamo dovuto fare tutto noi che siamo gli ultimi.
Sui ristoranti le norme non sono proprio chiarissime, e non tutti i ristoranti cinesi hanno rialzato la saracinesca per l'asporto e il delivery.
Parecchi apriranno giovedì o quando sarà possibile l'ingresso della clientela ai tavoli.

Quanto all'abbigliamento, l'ingrosso e l'oggettistica, chi ha potuto, ha aperto i battenti nelle scorse settimane. Nel settore dell'abbigliamento molti apriranno oggi.
Ma devo dire che scaricare su commercianti il compito di distribuire guanti ai clienti non lo vediamo come fatto positivo.
Inoltre le mascherine per i miei operai le fornisco con piacere, ma i guanti ai clienti faremo fatica a trovarli, quindi a distribuirli siamo in difficoltà.
Con le mascherine siamo a posto, visto che abbiamo una produzione nostra e ne abbiamo donate tante

C'è caos istituzionale e mancanza di tutele nei confronti nostri e verso tutti i cittadini.
Mi auguro che le cose cambino quando sarà finita del tutto la pandemia".


Il Mattino

Questo è oggettivamente il colmo, la pandemia cinese ci manda l'economia a rotoli e loro si offendono pure...
 
Registrato
19 Luglio 2018
Messaggi
11,181
Reaction score
3,247
Ciao ciao
Tornate a pipistrellolandia e andate godervi la famosa “democrazia” cinese.
Salutatemi mao
 
Alto
head>