Edicola: Milan, urlo CL. Terzo posto blindato. Giroud mago.

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
203,999
Reaction score
27,289
I quotidiani in edicola sulla vittoria del Milan contro la Roma

GDS: Milan, urlo Champions. Adli, Giroud e Theo. Il Diavolo si rialza. Terzo posto blindato. Una prova convincente dei rossoneri che archiviano il passo falso in Coppa Italia con un tris... francese La squadra di Mou sempre più giù: ora è al nono posto. Con mago Giroud, che ha fatto una partita totale, il Milan ha giocato una partita da squadra dominando tatticamente, di testa, di gambe. Con il solito vizietto di spegnersi all’improvviso: questa volta stop di un quarto d’ora per l’errore di Calabria che concede un rigore e un po’ d’illusione alla Roma, prima che Theo chiuda la pratica. Finisce 3-1 ma il distacco poteva essere più ampio. Una traversa, un palo, tante occasioni. La Champions è blindata, con Fiorentina e Bologna che perdono terreno. Pioli è di nuovo il più bravo degli allenatori fino alla prossima critica. La Roma sprofonda a -13 dai rossoneri. Se la crisi fin qui era soltanto immanente, dopo il doppio ko con Lazio e Milan è ufficiale.

Tuttosport: il discorso motivazionale pre-partita aiuta: Gerry Cardinale e Zlatan Ibrahimovic prima scendono nello spogliatoio e poi, sul campo, ritrovano il vero Milan. Quello che mette sotto senza problemi la Roma, andando facile sul 2-0 e respingendo il tentativo di rimonta dopo il rigore di Paredes con una rete da antologia di Theo Hernandez. Una squadra logica, che torna al 4-2-3-1 dopo il 3-4-3 visto in Coppa Italia con l'Atalanta. Ma non è solo questione di modulo, è anche una questione di testa, come non era capitato contro i bergamaschi. La squadra rossonera è solida nell'assetto e stabile nella mente, con il gioco tenuto in mano dal primo all'ultimo minuto. E anche oltre, visto il palo colpito da Musah poco dopo il 90' e che avrebbe significato 4-1. Tre punti che confermano il buon rendimento in campionato, dove sono arrivate quattro vittorie e un pareggio nelle ultime cinque partite. Terzo posto rafforzato e clima che torna sul sereno dopo la delusione di Coppa. Il tutto per la soddisfazione di Stefano Pioli.

CorSport: troppi Diavoli per questa Roma. Milan superiore per qualità e giocate dei singoli: Pioli blinda il terzo posto. Tre gol (Adli, Giroud, Hernandez) e due pali. Ai giallorossi resta solo l’illusione del rigore trasformato da Paredes.

CorSera: il Milan si mette in sicurezza. Nella notte delle grandi deluse, è il Milan a rialzare la testa. Ormai un classico: quando si trova spalle al mro, dà il meglio di sé. Contro la Roma arriva un successo mertitato e convincente, che consente di consolidare il terzo posto in classifica, con un margine di sicurezza ora di ben 9 punti sulla Lazio quinta, ma anche di lasciarsi alle spalle la bruciante eliminazione dalla Coppa Italia di mercoledì, la seconda stagionale dopo quella dalla Champions. Diavolo alla francese: a segno Adli, Giroud ed Hernandez. Salgono a 12 i marcatori in campionato, meno solo di Juventus e Frosinone (13). Ora però serve continuità: fra Udinese, Bologna e Frosinone occorre un’accelerata. Adli al primo gol in rossonero. Criticato spesso (e a ragione) per la sua lentezza fuori dal tempo, da calciatore anni Ottanta, ma dotato di indiscutibili qualità tecniche. Stavolta però non sbaglia niente: la miglior prestazione da quando è arrivato nelll’estate del 2022.

Repubblica: nella rassicurante voragine dei 9 punti che dividono ora il Milan dal confine della zona Champions è rimasta inghiottita, chissà se definitivamente, la macchina trita-Pioli. E pazienza se poi c’è un’altra piccola voragine della stessa larghezza che lo separa dal primo posto dell’Inter, con la Juventus aggrappata al bordo. Adesso sembra un po’ più semplice il tragitto verso l’Europa League di febbraio: merito del 3-1 — gol del tenace Adli, ovvero la metafora della riserva che non si arrende mai, dell’affidabile Giroud e dell’inarrestabile Theo Hernandez restituito al ruolo di terzino d’assalto — inflitto alla Roma di Mourinho, lui sì finito nel limbo di una classifica mediocre (è nono) e dentro l’inevitable processo mediatico. La retorica si è presa abbondante spazio, nella gelida serata a San Siro ancora strapieno. Gerry Cardinale, l’azionista di maggioranza americano del Milan, ha visto la partita accanto al dirigente ombra Ibrahimovic e insieme a lui, prima del fischio d’inizio, ha arringato la squadra con un discorso motivazionale il cui contenuto è più o meno riassumibile così: anche se di solito sono lontano, vi seguo, e ho la massima fiducia in voi e in Pioli.

Il Giornale: MIlan, che scossa. I rossoneri battono la Roma 3-1 soffrendo solo nel finale. La zona Champions è blindata. Se non brilla Leao, provvede Theo a colmare qualche lacuna insieme ad Adli, tra i migliori, ed a Giroud all'undicesimo centro stagionale. Pioli risponde alla delusione di mercoledì. Dietro il risultato c'è anche il bel calcio che è forse la miglior garanzia per il futuro.
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
203,999
Reaction score
27,289
I quotidiani in edicola sulla vittoria del Milan contro la Roma

GDS: Milan, urlo Champions. Adli, Giroud e Theo. Il Diavolo si rialza. Terzo posto blindato. Una prova convincente dei rossoneri che archiviano il passo falso in Coppa Italia con un tris... francese La squadra di Mou sempre più giù: ora è al nono posto. Con mago Giroud, che ha fatto una partita totale, il Milan ha giocato una partita da squadra dominando tatticamente, di testa, di gambe. Con il solito vizietto di spegnersi all’improvviso: questa volta stop di un quarto d’ora per l’errore di Calabria che concede un rigore e un po’ d’illusione alla Roma, prima che Theo chiuda la pratica. Finisce 3-1 ma il distacco poteva essere più ampio. Una traversa, un palo, tante occasioni. La Champions è blindata, con Fiorentina e Bologna che perdono terreno. Pioli è di nuovo il più bravo degli allenatori fino alla prossima critica. La Roma sprofonda a -13 dai rossoneri. Se la crisi fin qui era soltanto immanente, dopo il doppio ko con Lazio e Milan è ufficiale.

Tuttosport: il discorso motivazionale pre-partita aiuta: Gerry Cardinale e Zlatan Ibrahimovic prima scendono nello spogliatoio e poi, sul campo, ritrovano il vero Milan. Quello che mette sotto senza problemi la Roma, andando facile sul 2-0 e respingendo il tentativo di rimonta dopo il rigore di Paredes con una rete da antologia di Theo Hernandez. Una squadra logica, che torna al 4-2-3-1 dopo il 3-4-3 visto in Coppa Italia con l'Atalanta. Ma non è solo questione di modulo, è anche una questione di testa, come non era capitato contro i bergamaschi. La squadra rossonera è solida nell'assetto e stabile nella mente, con il gioco tenuto in mano dal primo all'ultimo minuto. E anche oltre, visto il palo colpito da Musah poco dopo il 90' e che avrebbe significato 4-1. Tre punti che confermano il buon rendimento in campionato, dove sono arrivate quattro vittorie e un pareggio nelle ultime cinque partite. Terzo posto rafforzato e clima che torna sul sereno dopo la delusione di Coppa. Il tutto per la soddisfazione di Stefano Pioli.

In aggiornamento con altri quotidiani

01hm4yeqq7kypzj0thmg.jpg
.
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
203,999
Reaction score
27,289
I quotidiani in edicola sulla vittoria del Milan contro la Roma

GDS: Milan, urlo Champions. Adli, Giroud e Theo. Il Diavolo si rialza. Terzo posto blindato. Una prova convincente dei rossoneri che archiviano il passo falso in Coppa Italia con un tris... francese La squadra di Mou sempre più giù: ora è al nono posto. Con mago Giroud, che ha fatto una partita totale, il Milan ha giocato una partita da squadra dominando tatticamente, di testa, di gambe. Con il solito vizietto di spegnersi all’improvviso: questa volta stop di un quarto d’ora per l’errore di Calabria che concede un rigore e un po’ d’illusione alla Roma, prima che Theo chiuda la pratica. Finisce 3-1 ma il distacco poteva essere più ampio. Una traversa, un palo, tante occasioni. La Champions è blindata, con Fiorentina e Bologna che perdono terreno. Pioli è di nuovo il più bravo degli allenatori fino alla prossima critica. La Roma sprofonda a -13 dai rossoneri. Se la crisi fin qui era soltanto immanente, dopo il doppio ko con Lazio e Milan è ufficiale.

Tuttosport: il discorso motivazionale pre-partita aiuta: Gerry Cardinale e Zlatan Ibrahimovic prima scendono nello spogliatoio e poi, sul campo, ritrovano il vero Milan. Quello che mette sotto senza problemi la Roma, andando facile sul 2-0 e respingendo il tentativo di rimonta dopo il rigore di Paredes con una rete da antologia di Theo Hernandez. Una squadra logica, che torna al 4-2-3-1 dopo il 3-4-3 visto in Coppa Italia con l'Atalanta. Ma non è solo questione di modulo, è anche una questione di testa, come non era capitato contro i bergamaschi. La squadra rossonera è solida nell'assetto e stabile nella mente, con il gioco tenuto in mano dal primo all'ultimo minuto. E anche oltre, visto il palo colpito da Musah poco dopo il 90' e che avrebbe significato 4-1. Tre punti che confermano il buon rendimento in campionato, dove sono arrivate quattro vittorie e un pareggio nelle ultime cinque partite. Terzo posto rafforzato e clima che torna sul sereno dopo la delusione di Coppa. Il tutto per la soddisfazione di Stefano Pioli.

In aggiornamento con altri quotidiani

01hm4yeqq7kypzj0thmg.jpg
.
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
203,999
Reaction score
27,289
CorSport: troppi Diavoli per questa Roma. Milan superiore per qualità e giocate dei singoli: Pioli blinda il terzo posto. Tre gol (Adli, Giroud, Hernandez) e due pali. Ai giallorossi resta solo l’illusione del rigore trasformato da Paredes.

 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
203,999
Reaction score
27,289
CorSera: il Milan si mette in sicurezza. Nella notte delle grandi deluse, è il Milan a rialzare la testa. Ormai un classico: quando si trova spalle al mro, dà il meglio di sé. Contro la Roma arriva un successo mertitato e convincente, che consente di consolidare il terzo posto in classifica, con un margine di sicurezza ora di ben 9 punti sulla Lazio quinta, ma anche di lasciarsi alle spalle la bruciante eliminazione dalla Coppa Italia di mercoledì, la seconda stagionale dopo quella dalla Champions. Diavolo alla francese: a segno Adli, Giroud ed Hernandez. Salgono a 12 i marcatori in campionato, meno solo di Juventus e Frosinone (13). Ora però serve continuità: fra Udinese, Bologna e Frosinone occorre un’accelerata. Adli al primo gol in rossonero. Criticato spesso (e a ragione) per la sua lentezza fuori dal tempo, da calciatore anni Ottanta, ma dotato di indiscutibili qualità tecniche. Stavolta però non sbaglia niente: la miglior prestazione da quando è arrivato nelll’estate del 2022.
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
203,999
Reaction score
27,289
Repubblica: nella rassicurante voragine dei 9 punti che dividono ora il Milan dal confine della zona Champions è rimasta inghiottita, chissà se definitivamente, la macchina trita-Pioli. E pazienza se poi c’è un’altra piccola voragine della stessa larghezza che lo separa dal primo posto dell’Inter, con la Juventus aggrappata al bordo. Adesso sembra un po’ più semplice il tragitto verso l’Europa League di febbraio: merito del 3-1 — gol del tenace Adli, ovvero la metafora della riserva che non si arrende mai, dell’affidabile Giroud e dell’inarrestabile Theo Hernandez restituito al ruolo di terzino d’assalto — inflitto alla Roma di Mourinho, lui sì finito nel limbo di una classifica mediocre (è nono) e dentro l’inevitable processo mediatico. La retorica si è presa abbondante spazio, nella gelida serata a San Siro ancora strapieno. Gerry Cardinale, l’azionista di maggioranza americano del Milan, ha visto la partita accanto al dirigente ombra Ibrahimovic e insieme a lui, prima del fischio d’inizio, ha arringato la squadra con un discorso motivazionale il cui contenuto è più o meno riassumibile così: anche se di solito sono lontano, vi seguo, e ho la massima fiducia in voi e in Pioli.
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
203,999
Reaction score
27,289
I quotidiani in edicola sulla vittoria del Milan contro la Roma

GDS: Milan, urlo Champions. Adli, Giroud e Theo. Il Diavolo si rialza. Terzo posto blindato. Una prova convincente dei rossoneri che archiviano il passo falso in Coppa Italia con un tris... francese La squadra di Mou sempre più giù: ora è al nono posto. Con mago Giroud, che ha fatto una partita totale, il Milan ha giocato una partita da squadra dominando tatticamente, di testa, di gambe. Con il solito vizietto di spegnersi all’improvviso: questa volta stop di un quarto d’ora per l’errore di Calabria che concede un rigore e un po’ d’illusione alla Roma, prima che Theo chiuda la pratica. Finisce 3-1 ma il distacco poteva essere più ampio. Una traversa, un palo, tante occasioni. La Champions è blindata, con Fiorentina e Bologna che perdono terreno. Pioli è di nuovo il più bravo degli allenatori fino alla prossima critica. La Roma sprofonda a -13 dai rossoneri. Se la crisi fin qui era soltanto immanente, dopo il doppio ko con Lazio e Milan è ufficiale.

Tuttosport: il discorso motivazionale pre-partita aiuta: Gerry Cardinale e Zlatan Ibrahimovic prima scendono nello spogliatoio e poi, sul campo, ritrovano il vero Milan. Quello che mette sotto senza problemi la Roma, andando facile sul 2-0 e respingendo il tentativo di rimonta dopo il rigore di Paredes con una rete da antologia di Theo Hernandez. Una squadra logica, che torna al 4-2-3-1 dopo il 3-4-3 visto in Coppa Italia con l'Atalanta. Ma non è solo questione di modulo, è anche una questione di testa, come non era capitato contro i bergamaschi. La squadra rossonera è solida nell'assetto e stabile nella mente, con il gioco tenuto in mano dal primo all'ultimo minuto. E anche oltre, visto il palo colpito da Musah poco dopo il 90' e che avrebbe significato 4-1. Tre punti che confermano il buon rendimento in campionato, dove sono arrivate quattro vittorie e un pareggio nelle ultime cinque partite. Terzo posto rafforzato e clima che torna sul sereno dopo la delusione di Coppa. Il tutto per la soddisfazione di Stefano Pioli.

CorSport: troppi Diavoli per questa Roma. Milan superiore per qualità e giocate dei singoli: Pioli blinda il terzo posto. Tre gol (Adli, Giroud, Hernandez) e due pali. Ai giallorossi resta solo l’illusione del rigore trasformato da Paredes.

CorSera: il Milan si mette in sicurezza. Nella notte delle grandi deluse, è il Milan a rialzare la testa. Ormai un classico: quando si trova spalle al mro, dà il meglio di sé. Contro la Roma arriva un successo mertitato e convincente, che consente di consolidare il terzo posto in classifica, con un margine di sicurezza ora di ben 9 punti sulla Lazio quinta, ma anche di lasciarsi alle spalle la bruciante eliminazione dalla Coppa Italia di mercoledì, la seconda stagionale dopo quella dalla Champions. Diavolo alla francese: a segno Adli, Giroud ed Hernandez. Salgono a 12 i marcatori in campionato, meno solo di Juventus e Frosinone (13). Ora però serve continuità: fra Udinese, Bologna e Frosinone occorre un’accelerata. Adli al primo gol in rossonero. Criticato spesso (e a ragione) per la sua lentezza fuori dal tempo, da calciatore anni Ottanta, ma dotato di indiscutibili qualità tecniche. Stavolta però non sbaglia niente: la miglior prestazione da quando è arrivato nelll’estate del 2022.

Repubblica: nella rassicurante voragine dei 9 punti che dividono ora il Milan dal confine della zona Champions è rimasta inghiottita, chissà se definitivamente, la macchina trita-Pioli. E pazienza se poi c’è un’altra piccola voragine della stessa larghezza che lo separa dal primo posto dell’Inter, con la Juventus aggrappata al bordo. Adesso sembra un po’ più semplice il tragitto verso l’Europa League di febbraio: merito del 3-1 — gol del tenace Adli, ovvero la metafora della riserva che non si arrende mai, dell’affidabile Giroud e dell’inarrestabile Theo Hernandez restituito al ruolo di terzino d’assalto — inflitto alla Roma di Mourinho, lui sì finito nel limbo di una classifica mediocre (è nono) e dentro l’inevitable processo mediatico. La retorica si è presa abbondante spazio, nella gelida serata a San Siro ancora strapieno. Gerry Cardinale, l’azionista di maggioranza americano del Milan, ha visto la partita accanto al dirigente ombra Ibrahimovic e insieme a lui, prima del fischio d’inizio, ha arringato la squadra con un discorso motivazionale il cui contenuto è più o meno riassumibile così: anche se di solito sono lontano, vi seguo, e ho la massima fiducia in voi e in Pioli.


In aggiornamento con altri quotidiani

01hm4yeqq7kypzj0thmg.jpg
.
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
203,999
Reaction score
27,289
Il Giornale: MIlan, che scossa. I rossoneri battono la Roma 3-1 soffrendo solo nel finale. La zona Champions è blindata. Se non brilla Leao, provvede Theo a colmare qualche lacuna insieme ad Adli, tra i migliori, ed a Giroud all'undicesimo centro stagionale. Pioli risponde alla delusione di mercoledì. Dietro il risultato c'è anche il bel calcio che è forse la miglior garanzia per il futuro.
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
203,999
Reaction score
27,289
I quotidiani in edicola sulla vittoria del Milan contro la Roma

GDS: Milan, urlo Champions. Adli, Giroud e Theo. Il Diavolo si rialza. Terzo posto blindato. Una prova convincente dei rossoneri che archiviano il passo falso in Coppa Italia con un tris... francese La squadra di Mou sempre più giù: ora è al nono posto. Con mago Giroud, che ha fatto una partita totale, il Milan ha giocato una partita da squadra dominando tatticamente, di testa, di gambe. Con il solito vizietto di spegnersi all’improvviso: questa volta stop di un quarto d’ora per l’errore di Calabria che concede un rigore e un po’ d’illusione alla Roma, prima che Theo chiuda la pratica. Finisce 3-1 ma il distacco poteva essere più ampio. Una traversa, un palo, tante occasioni. La Champions è blindata, con Fiorentina e Bologna che perdono terreno. Pioli è di nuovo il più bravo degli allenatori fino alla prossima critica. La Roma sprofonda a -13 dai rossoneri. Se la crisi fin qui era soltanto immanente, dopo il doppio ko con Lazio e Milan è ufficiale.

Tuttosport: il discorso motivazionale pre-partita aiuta: Gerry Cardinale e Zlatan Ibrahimovic prima scendono nello spogliatoio e poi, sul campo, ritrovano il vero Milan. Quello che mette sotto senza problemi la Roma, andando facile sul 2-0 e respingendo il tentativo di rimonta dopo il rigore di Paredes con una rete da antologia di Theo Hernandez. Una squadra logica, che torna al 4-2-3-1 dopo il 3-4-3 visto in Coppa Italia con l'Atalanta. Ma non è solo questione di modulo, è anche una questione di testa, come non era capitato contro i bergamaschi. La squadra rossonera è solida nell'assetto e stabile nella mente, con il gioco tenuto in mano dal primo all'ultimo minuto. E anche oltre, visto il palo colpito da Musah poco dopo il 90' e che avrebbe significato 4-1. Tre punti che confermano il buon rendimento in campionato, dove sono arrivate quattro vittorie e un pareggio nelle ultime cinque partite. Terzo posto rafforzato e clima che torna sul sereno dopo la delusione di Coppa. Il tutto per la soddisfazione di Stefano Pioli.

CorSport: troppi Diavoli per questa Roma. Milan superiore per qualità e giocate dei singoli: Pioli blinda il terzo posto. Tre gol (Adli, Giroud, Hernandez) e due pali. Ai giallorossi resta solo l’illusione del rigore trasformato da Paredes.

CorSera: il Milan si mette in sicurezza. Nella notte delle grandi deluse, è il Milan a rialzare la testa. Ormai un classico: quando si trova spalle al mro, dà il meglio di sé. Contro la Roma arriva un successo mertitato e convincente, che consente di consolidare il terzo posto in classifica, con un margine di sicurezza ora di ben 9 punti sulla Lazio quinta, ma anche di lasciarsi alle spalle la bruciante eliminazione dalla Coppa Italia di mercoledì, la seconda stagionale dopo quella dalla Champions. Diavolo alla francese: a segno Adli, Giroud ed Hernandez. Salgono a 12 i marcatori in campionato, meno solo di Juventus e Frosinone (13). Ora però serve continuità: fra Udinese, Bologna e Frosinone occorre un’accelerata. Adli al primo gol in rossonero. Criticato spesso (e a ragione) per la sua lentezza fuori dal tempo, da calciatore anni Ottanta, ma dotato di indiscutibili qualità tecniche. Stavolta però non sbaglia niente: la miglior prestazione da quando è arrivato nelll’estate del 2022.

Repubblica: nella rassicurante voragine dei 9 punti che dividono ora il Milan dal confine della zona Champions è rimasta inghiottita, chissà se definitivamente, la macchina trita-Pioli. E pazienza se poi c’è un’altra piccola voragine della stessa larghezza che lo separa dal primo posto dell’Inter, con la Juventus aggrappata al bordo. Adesso sembra un po’ più semplice il tragitto verso l’Europa League di febbraio: merito del 3-1 — gol del tenace Adli, ovvero la metafora della riserva che non si arrende mai, dell’affidabile Giroud e dell’inarrestabile Theo Hernandez restituito al ruolo di terzino d’assalto — inflitto alla Roma di Mourinho, lui sì finito nel limbo di una classifica mediocre (è nono) e dentro l’inevitable processo mediatico. La retorica si è presa abbondante spazio, nella gelida serata a San Siro ancora strapieno. Gerry Cardinale, l’azionista di maggioranza americano del Milan, ha visto la partita accanto al dirigente ombra Ibrahimovic e insieme a lui, prima del fischio d’inizio, ha arringato la squadra con un discorso motivazionale il cui contenuto è più o meno riassumibile così: anche se di solito sono lontano, vi seguo, e ho la massima fiducia in voi e in Pioli.

Il Giornale: MIlan, che scossa. I rossoneri battono la Roma 3-1 soffrendo solo nel finale. La zona Champions è blindata. Se non brilla Leao, provvede Theo a colmare qualche lacuna insieme ad Adli, tra i migliori, ed a Giroud all'undicesimo centro stagionale. Pioli risponde alla delusione di mercoledì. Dietro il risultato c'è anche il bel calcio che è forse la miglior garanzia per il futuro.
.
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
203,999
Reaction score
27,289
I quotidiani in edicola sulla vittoria del Milan contro la Roma

GDS: Milan, urlo Champions. Adli, Giroud e Theo. Il Diavolo si rialza. Terzo posto blindato. Una prova convincente dei rossoneri che archiviano il passo falso in Coppa Italia con un tris... francese La squadra di Mou sempre più giù: ora è al nono posto. Con mago Giroud, che ha fatto una partita totale, il Milan ha giocato una partita da squadra dominando tatticamente, di testa, di gambe. Con il solito vizietto di spegnersi all’improvviso: questa volta stop di un quarto d’ora per l’errore di Calabria che concede un rigore e un po’ d’illusione alla Roma, prima che Theo chiuda la pratica. Finisce 3-1 ma il distacco poteva essere più ampio. Una traversa, un palo, tante occasioni. La Champions è blindata, con Fiorentina e Bologna che perdono terreno. Pioli è di nuovo il più bravo degli allenatori fino alla prossima critica. La Roma sprofonda a -13 dai rossoneri. Se la crisi fin qui era soltanto immanente, dopo il doppio ko con Lazio e Milan è ufficiale.

Tuttosport: il discorso motivazionale pre-partita aiuta: Gerry Cardinale e Zlatan Ibrahimovic prima scendono nello spogliatoio e poi, sul campo, ritrovano il vero Milan. Quello che mette sotto senza problemi la Roma, andando facile sul 2-0 e respingendo il tentativo di rimonta dopo il rigore di Paredes con una rete da antologia di Theo Hernandez. Una squadra logica, che torna al 4-2-3-1 dopo il 3-4-3 visto in Coppa Italia con l'Atalanta. Ma non è solo questione di modulo, è anche una questione di testa, come non era capitato contro i bergamaschi. La squadra rossonera è solida nell'assetto e stabile nella mente, con il gioco tenuto in mano dal primo all'ultimo minuto. E anche oltre, visto il palo colpito da Musah poco dopo il 90' e che avrebbe significato 4-1. Tre punti che confermano il buon rendimento in campionato, dove sono arrivate quattro vittorie e un pareggio nelle ultime cinque partite. Terzo posto rafforzato e clima che torna sul sereno dopo la delusione di Coppa. Il tutto per la soddisfazione di Stefano Pioli.

CorSport: troppi Diavoli per questa Roma. Milan superiore per qualità e giocate dei singoli: Pioli blinda il terzo posto. Tre gol (Adli, Giroud, Hernandez) e due pali. Ai giallorossi resta solo l’illusione del rigore trasformato da Paredes.

CorSera: il Milan si mette in sicurezza. Nella notte delle grandi deluse, è il Milan a rialzare la testa. Ormai un classico: quando si trova spalle al mro, dà il meglio di sé. Contro la Roma arriva un successo mertitato e convincente, che consente di consolidare il terzo posto in classifica, con un margine di sicurezza ora di ben 9 punti sulla Lazio quinta, ma anche di lasciarsi alle spalle la bruciante eliminazione dalla Coppa Italia di mercoledì, la seconda stagionale dopo quella dalla Champions. Diavolo alla francese: a segno Adli, Giroud ed Hernandez. Salgono a 12 i marcatori in campionato, meno solo di Juventus e Frosinone (13). Ora però serve continuità: fra Udinese, Bologna e Frosinone occorre un’accelerata. Adli al primo gol in rossonero. Criticato spesso (e a ragione) per la sua lentezza fuori dal tempo, da calciatore anni Ottanta, ma dotato di indiscutibili qualità tecniche. Stavolta però non sbaglia niente: la miglior prestazione da quando è arrivato nelll’estate del 2022.

Repubblica: nella rassicurante voragine dei 9 punti che dividono ora il Milan dal confine della zona Champions è rimasta inghiottita, chissà se definitivamente, la macchina trita-Pioli. E pazienza se poi c’è un’altra piccola voragine della stessa larghezza che lo separa dal primo posto dell’Inter, con la Juventus aggrappata al bordo. Adesso sembra un po’ più semplice il tragitto verso l’Europa League di febbraio: merito del 3-1 — gol del tenace Adli, ovvero la metafora della riserva che non si arrende mai, dell’affidabile Giroud e dell’inarrestabile Theo Hernandez restituito al ruolo di terzino d’assalto — inflitto alla Roma di Mourinho, lui sì finito nel limbo di una classifica mediocre (è nono) e dentro l’inevitable processo mediatico. La retorica si è presa abbondante spazio, nella gelida serata a San Siro ancora strapieno. Gerry Cardinale, l’azionista di maggioranza americano del Milan, ha visto la partita accanto al dirigente ombra Ibrahimovic e insieme a lui, prima del fischio d’inizio, ha arringato la squadra con un discorso motivazionale il cui contenuto è più o meno riassumibile così: anche se di solito sono lontano, vi seguo, e ho la massima fiducia in voi e in Pioli.

Il Giornale: MIlan, che scossa. I rossoneri battono la Roma 3-1 soffrendo solo nel finale. La zona Champions è blindata. Se non brilla Leao, provvede Theo a colmare qualche lacuna insieme ad Adli, tra i migliori, ed a Giroud all'undicesimo centro stagionale. Pioli risponde alla delusione di mercoledì. Dietro il risultato c'è anche il bel calcio che è forse la miglior garanzia per il futuro.
.
 

Similar threads

Alto
head>