Dea - Milan: i duelli. Reijnders, Chuwku e Giroud...

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
200,232
Reaction score
25,717
Come riportato dalla GDS in edicola, oggi pomeriggio in Atalanta - Milan saranno molto importanti i duelli in tutte le zone del campo. A centrocampo il duello tra cervelloni:

Reijnders vs Koop. Erano insieme all'AZ e oggi sono rivali. Koopmeiners sembra più quadrato, Reijnders più creativo, ma tutti e due si muovono e giocano con razionalità. La prevalenza dell’uno sull’altro, ammesso che si verifichi, può spostare l’asse della partita di oggi. Koopmeiners fin qui ha inciso di più quanto a gol, assist e occasioni create, ma il Milan di Reijnders ha 9 punti di più, distanza notevole, tanto che quello di oggi è uno snodo cruciale per i sogni atalantini di piazzamento Champions


Chuku vs Lookman: potenti, veloci e P tiratori:Atalanta- Milan contiene un derby di Nigeria, Ademola Lookman contro Samuel Chukwueze. Lookman è più attaccante, nel senso che può giocare seconda punta o trequartista, e ha la porta in testa. Chukwueze è un esterno offensivo e per arrivare a rete prende la rincorsa sulla fascia. Sarà la loro prima volta da avversari, insieme hanno giocato tre partite nella Nigeria per complessivi 128 minuti, l’ultima volta in un’amichevole a ottobre contro l’Arabia Saudita di Roberto Mancini (2-2). Il c.t. nigeriano, il portoghese Peseiro, li impiega come ali pure dentro un 4-4-2, con Chukwueze a destra e Lookman a sinistra. Lookman è alla seconda stagione a Bergamo e può dirsi integrato, i 20 gol in 50 presenze ufficiali parlano per lui. Chukwueze attraversa una fase delicata, molti si chiedono se abbia avuto senso investire 20 milioni, più 8 di bonus, per acquistarlo dal Villarreal. Ha segnato un unico gol, però inutile, la sera della sconfitta in casa contro il Borussia Dortmund in Champions. Non sappiamo se sia inibito dalle consegne tattiche di Pioli o se non si sia ambientato. A Natale il tempo comincia a restringersi, c’è bisogno di un’”apparizione” del Chukwueze apprezzato in Liga per scacciare i cattivi pensieri. Ma no, Chukwueze non è un bidone, di questo siamo sicuri. Sconta difficoltà di accensione in un contesto nuovo. A Bergamo si gioca l’ennesima chance. Immaginiamo che Pioli insista su di lui perché in allenamento gli vede fare belle cose.


Giroud vs Djimsiti: non è sicuro che Djimsiti giochi, Gasperini deciderà stamattina. Nel caso, davanti a Musso si accentrerà Giorgio Scalvini con il suo metro e 94 (oppure Bonfanti). Giroud rientra al centro dell’attacco milanista dopo le due giornate di squalifica per le proteste reiterate di Lecce. Sebbene con Jovic centravanti, abbia vinto lo stesso contro Fiorentina e Frosinone, il Milan non può prescindere dalla fisicità di Giroud, dalla sua capacità di fare reparto. Jovic fa leva sul talento personale, dispensa giocate. Giroud è un nove che fa squadra. I suoi precedenti contro Djimsiti sono incoraggianti: i due hanno giocato contro per 5 volte e il bilancio è di 4 vittorie per il rossonero più un pareggio. Due vittorie di Giroud con la Francia contro l’Albania e due con il Milan contro l’Atalanta. In queste quattro partite però Giroud ha segnato una volta sola, nel primo confronto in nazionale, segno che bene o male Djimsiti l’ha sempre arginato. Ma Giroud rientra con una voglia matta e torreggerà con esperienza.

Tuttosport in edicola su Chuku vs Lookman: amici sì. Compagni di nazionale con la Nigeria, pure. Volendo, entrambi pronti a battere un colpo in una stagione che stenta a decollare. Solo che, per forza di cose, uno dei due questo pomeriggio rischia di fare bella figura a scapito dell’altro, visto che con ogni probabilità giocheranno l’uno di fronte all’altro. Sull’esterno destro del Milan in attacco, Stefano Pioli dovrebbe mettere Samuel Chukwueze. Arrivato in estate dopo una grande stagione al Villarreal, ma ancora in attesa di esplodere al Milan. Un gol in Champions League contro il Borussia Dortmund, una partita così così contro il Frosinone, con qualche errore al dribbling di troppo. È vero che Chukwueze sta iniziando a evidenziare segnali di crescita, merito anche del fatto che l’infortunio al bicipite femorale della coscia sinistra che lo ha bloccato a fine ottobre è stato superato benissimo e che nelle ultime settimane, complici gli infortuni altrui, ha avuto modo di godere di più minuti in campo. Ma è anche vero che nella passata stagione a questo punto dell’anno aveva messo a segno 3 gol e 4 assist.

NUOVA REALTà
Sicuramente il milanista sta ambientandosi in un campionato nuovo e con i rossoneri ha affrontato avversari di caratura maggiore in Europa (lo scorso anno il Villarreal ha partecipato alla Conference League). Aggiungiamoci anche che, essendo arrivato con l’etichetta di acquisto più oneroso della sessione di mercato estiva del Milan, le attese dei tifosi erano belle alte. Fatto sta che da Chukwueze si aspettano tutti ancora di più. Magari proprio a Bergamo, con lo stimolo di affrontare in una sorta di duello rusticano l’amico Lookman. La freccia sinistra dell'attacco di Gasperini finora in campionato è andato a segno 4 volte, l’ultima contro il Napoli, proprio al Gewiss Stadium. Considerando il momento positivo che sta vivendo Ademola, è logico pensare che l’Atalanta possa affidarsi proprio a lui. Specie in un momento in cui la squadra ha perso per infortunio Scamacca contro lo Sporting Lisbona in Europa League e in cui pure l’ex milanista Charles De Ketelaere, dopo un inizio alla Dea spumeggiante (anche in fase realizzativa) sembra in un periodo di involuzione.


A TUTTO DRIBBLING
I due nigeriani se le daranno di santa ragione a colpi di dribbling, prima di ritrovarsi insieme all’inizio del 2024 in ritiro. Quello della Nazionale per la quale giocano e che sarà impegnata nella Coppa d’Africa che parte a metà gennaio. Le Super Aquile, un po’ per tradizione, un po’ perché avranno (salvo spiacevoli variabili) un Lookman a sinistra e un Chukwueze a destra dello schieramento (e Osimhen davanti) fanno già del gruppo delle squadre favorite per il successo finale.


LE CONDIZIONI DI KJAER LEAO E OKAFOR QUI -) Leao in gruppo lunedì. Okafor col Monza. Kjaer out.

PIOLI GASP: tanti duelli, stessa media punti qui -) Pioli - Gasperini: stessa media punti in 1000 gare.

Theo centrale anche col Newcastle QUI -) Theo centrale anche col Newcastle. E' una possibilità.
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
200,232
Reaction score
25,717
Tuttosport in edicola su Chuku vs Lookman: amici sì. Compagni di nazionale con la Nigeria, pure. Volendo, entrambi pronti a battere un colpo in una stagione che stenta a decollare. Solo che, per forza di cose, uno dei due questo pomeriggio rischia di fare bella figura a scapito dell’altro, visto che con ogni probabilità giocheranno l’uno di fronte all’altro. Sull’esterno destro del Milan in attacco, Stefano Pioli dovrebbe mettere Samuel Chukwueze. Arrivato in estate dopo una grande stagione al Villarreal, ma ancora in attesa di esplodere al Milan. Un gol in Champions League contro il Borussia Dortmund, una partita così così contro il Frosinone, con qualche errore al dribbling di troppo. È vero che Chukwueze sta iniziando a evidenziare segnali di crescita, merito anche del fatto che l’infortunio al bicipite femorale della coscia sinistra che lo ha bloccato a fine ottobre è stato superato benissimo e che nelle ultime settimane, complici gli infortuni altrui, ha avuto modo di godere di più minuti in campo. Ma è anche vero che nella passata stagione a questo punto dell’anno aveva messo a segno 3 gol e 4 assist.

NUOVA REALTà
Sicuramente il milanista sta ambientandosi in un campionato nuovo e con i rossoneri ha affrontato avversari di caratura maggiore in Europa (lo scorso anno il Villarreal ha partecipato alla Conference League). Aggiungiamoci anche che, essendo arrivato con l’etichetta di acquisto più oneroso della sessione di mercato estiva del Milan, le attese dei tifosi erano belle alte. Fatto sta che da Chukwueze si aspettano tutti ancora di più. Magari proprio a Bergamo, con lo stimolo di affrontare in una sorta di duello rusticano l’amico Lookman. La freccia sinistra dell'attacco di Gasperini finora in campionato è andato a segno 4 volte, l’ultima contro il Napoli, proprio al Gewiss Stadium. Considerando il momento positivo che sta vivendo Ademola, è logico pensare che l’Atalanta possa affidarsi proprio a lui. Specie in un momento in cui la squadra ha perso per infortunio Scamacca contro lo Sporting Lisbona in Europa League e in cui pure l’ex milanista Charles De Ketelaere, dopo un inizio alla Dea spumeggiante (anche in fase realizzativa) sembra in un periodo di involuzione.

A TUTTO DRIBBLING
I due nigeriani se le daranno di santa ragione a colpi di dribbling, prima di ritrovarsi insieme all’inizio del 2024 in ritiro. Quello della Nazionale per la quale giocano e che sarà impegnata nella Coppa d’Africa che parte a metà gennaio. Le Super Aquile, un po’ per tradizione, un po’ perché avranno (salvo spiacevoli variabili) un Lookman a sinistra e un Chukwueze a destra dello schieramento (e Osimhen davanti) fanno già del gruppo delle squadre favorite per il successo finale.

 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
200,232
Reaction score
25,717
Come riportato dalla GDS in edicola, oggi pomeriggio in Atalanta - Milan saranno molto importanti i duelli in tutte le zone del campo. A centrocampo il duello tra cervelloni:

Reijnders vs Koop. Erano insieme all'AZ e oggi sono rivali. Koopmeiners sembra più quadrato, Reijnders più creativo, ma tutti e due si muovono e giocano con razionalità. La prevalenza dell’uno sull’altro, ammesso che si verifichi, può spostare l’asse della partita di oggi. Koopmeiners fin qui ha inciso di più quanto a gol, assist e occasioni create, ma il Milan di Reijnders ha 9 punti di più, distanza notevole, tanto che quello di oggi è uno snodo cruciale per i sogni atalantini di piazzamento Champions


Chuku vs Lookman: potenti, veloci e P tiratori:Atalanta- Milan contiene un derby di Nigeria, Ademola Lookman contro Samuel Chukwueze. Lookman è più attaccante, nel senso che può giocare seconda punta o trequartista, e ha la porta in testa. Chukwueze è un esterno offensivo e per arrivare a rete prende la rincorsa sulla fascia. Sarà la loro prima volta da avversari, insieme hanno giocato tre partite nella Nigeria per complessivi 128 minuti, l’ultima volta in un’amichevole a ottobre contro l’Arabia Saudita di Roberto Mancini (2-2). Il c.t. nigeriano, il portoghese Peseiro, li impiega come ali pure dentro un 4-4-2, con Chukwueze a destra e Lookman a sinistra. Lookman è alla seconda stagione a Bergamo e può dirsi integrato, i 20 gol in 50 presenze ufficiali parlano per lui. Chukwueze attraversa una fase delicata, molti si chiedono se abbia avuto senso investire 20 milioni, più 8 di bonus, per acquistarlo dal Villarreal. Ha segnato un unico gol, però inutile, la sera della sconfitta in casa contro il Borussia Dortmund in Champions. Non sappiamo se sia inibito dalle consegne tattiche di Pioli o se non si sia ambientato. A Natale il tempo comincia a restringersi, c’è bisogno di un’”apparizione” del Chukwueze apprezzato in Liga per scacciare i cattivi pensieri. Ma no, Chukwueze non è un bidone, di questo siamo sicuri. Sconta difficoltà di accensione in un contesto nuovo. A Bergamo si gioca l’ennesima chance. Immaginiamo che Pioli insista su di lui perché in allenamento gli vede fare belle cose.


Giroud vs Djimsiti: non è sicuro che Djimsiti giochi, Gasperini deciderà stamattina. Nel caso, davanti a Musso si accentrerà Giorgio Scalvini con il suo metro e 94 (oppure Bonfanti). Giroud rientra al centro dell’attacco milanista dopo le due giornate di squalifica per le proteste reiterate di Lecce. Sebbene con Jovic centravanti, abbia vinto lo stesso contro Fiorentina e Frosinone, il Milan non può prescindere dalla fisicità di Giroud, dalla sua capacità di fare reparto. Jovic fa leva sul talento personale, dispensa giocate. Giroud è un nove che fa squadra. I suoi precedenti contro Djimsiti sono incoraggianti: i due hanno giocato contro per 5 volte e il bilancio è di 4 vittorie per il rossonero più un pareggio. Due vittorie di Giroud con la Francia contro l’Albania e due con il Milan contro l’Atalanta. In queste quattro partite però Giroud ha segnato una volta sola, nel primo confronto in nazionale, segno che bene o male Djimsiti l’ha sempre arginato. Ma Giroud rientra con una voglia matta e torreggerà con esperienza.

Tuttosport in edicola su Chuku vs Lookman: amici sì. Compagni di nazionale con la Nigeria, pure. Volendo, entrambi pronti a battere un colpo in una stagione che stenta a decollare. Solo che, per forza di cose, uno dei due questo pomeriggio rischia di fare bella figura a scapito dell’altro, visto che con ogni probabilità giocheranno l’uno di fronte all’altro. Sull’esterno destro del Milan in attacco, Stefano Pioli dovrebbe mettere Samuel Chukwueze. Arrivato in estate dopo una grande stagione al Villarreal, ma ancora in attesa di esplodere al Milan. Un gol in Champions League contro il Borussia Dortmund, una partita così così contro il Frosinone, con qualche errore al dribbling di troppo. È vero che Chukwueze sta iniziando a evidenziare segnali di crescita, merito anche del fatto che l’infortunio al bicipite femorale della coscia sinistra che lo ha bloccato a fine ottobre è stato superato benissimo e che nelle ultime settimane, complici gli infortuni altrui, ha avuto modo di godere di più minuti in campo. Ma è anche vero che nella passata stagione a questo punto dell’anno aveva messo a segno 3 gol e 4 assist.

NUOVA REALTà
Sicuramente il milanista sta ambientandosi in un campionato nuovo e con i rossoneri ha affrontato avversari di caratura maggiore in Europa (lo scorso anno il Villarreal ha partecipato alla Conference League). Aggiungiamoci anche che, essendo arrivato con l’etichetta di acquisto più oneroso della sessione di mercato estiva del Milan, le attese dei tifosi erano belle alte. Fatto sta che da Chukwueze si aspettano tutti ancora di più. Magari proprio a Bergamo, con lo stimolo di affrontare in una sorta di duello rusticano l’amico Lookman. La freccia sinistra dell'attacco di Gasperini finora in campionato è andato a segno 4 volte, l’ultima contro il Napoli, proprio al Gewiss Stadium. Considerando il momento positivo che sta vivendo Ademola, è logico pensare che l’Atalanta possa affidarsi proprio a lui. Specie in un momento in cui la squadra ha perso per infortunio Scamacca contro lo Sporting Lisbona in Europa League e in cui pure l’ex milanista Charles De Ketelaere, dopo un inizio alla Dea spumeggiante (anche in fase realizzativa) sembra in un periodo di involuzione.


A TUTTO DRIBBLING
I due nigeriani se le daranno di santa ragione a colpi di dribbling, prima di ritrovarsi insieme all’inizio del 2024 in ritiro. Quello della Nazionale per la quale giocano e che sarà impegnata nella Coppa d’Africa che parte a metà gennaio. Le Super Aquile, un po’ per tradizione, un po’ perché avranno (salvo spiacevoli variabili) un Lookman a sinistra e un Chukwueze a destra dello schieramento (e Osimhen davanti) fanno già del gruppo delle squadre favorite per il successo finale.
.
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
200,232
Reaction score
25,717
Come riportato dalla GDS in edicola, oggi pomeriggio in Atalanta - Milan saranno molto importanti i duelli in tutte le zone del campo. A centrocampo il duello tra cervelloni:

Reijnders vs Koop. Erano insieme all'AZ e oggi sono rivali. Koopmeiners sembra più quadrato, Reijnders più creativo, ma tutti e due si muovono e giocano con razionalità. La prevalenza dell’uno sull’altro, ammesso che si verifichi, può spostare l’asse della partita di oggi. Koopmeiners fin qui ha inciso di più quanto a gol, assist e occasioni create, ma il Milan di Reijnders ha 9 punti di più, distanza notevole, tanto che quello di oggi è uno snodo cruciale per i sogni atalantini di piazzamento Champions


Chuku vs Lookman: potenti, veloci e P tiratori:Atalanta- Milan contiene un derby di Nigeria, Ademola Lookman contro Samuel Chukwueze. Lookman è più attaccante, nel senso che può giocare seconda punta o trequartista, e ha la porta in testa. Chukwueze è un esterno offensivo e per arrivare a rete prende la rincorsa sulla fascia. Sarà la loro prima volta da avversari, insieme hanno giocato tre partite nella Nigeria per complessivi 128 minuti, l’ultima volta in un’amichevole a ottobre contro l’Arabia Saudita di Roberto Mancini (2-2). Il c.t. nigeriano, il portoghese Peseiro, li impiega come ali pure dentro un 4-4-2, con Chukwueze a destra e Lookman a sinistra. Lookman è alla seconda stagione a Bergamo e può dirsi integrato, i 20 gol in 50 presenze ufficiali parlano per lui. Chukwueze attraversa una fase delicata, molti si chiedono se abbia avuto senso investire 20 milioni, più 8 di bonus, per acquistarlo dal Villarreal. Ha segnato un unico gol, però inutile, la sera della sconfitta in casa contro il Borussia Dortmund in Champions. Non sappiamo se sia inibito dalle consegne tattiche di Pioli o se non si sia ambientato. A Natale il tempo comincia a restringersi, c’è bisogno di un’”apparizione” del Chukwueze apprezzato in Liga per scacciare i cattivi pensieri. Ma no, Chukwueze non è un bidone, di questo siamo sicuri. Sconta difficoltà di accensione in un contesto nuovo. A Bergamo si gioca l’ennesima chance. Immaginiamo che Pioli insista su di lui perché in allenamento gli vede fare belle cose.


Giroud vs Djimsiti: non è sicuro che Djimsiti giochi, Gasperini deciderà stamattina. Nel caso, davanti a Musso si accentrerà Giorgio Scalvini con il suo metro e 94 (oppure Bonfanti). Giroud rientra al centro dell’attacco milanista dopo le due giornate di squalifica per le proteste reiterate di Lecce. Sebbene con Jovic centravanti, abbia vinto lo stesso contro Fiorentina e Frosinone, il Milan non può prescindere dalla fisicità di Giroud, dalla sua capacità di fare reparto. Jovic fa leva sul talento personale, dispensa giocate. Giroud è un nove che fa squadra. I suoi precedenti contro Djimsiti sono incoraggianti: i due hanno giocato contro per 5 volte e il bilancio è di 4 vittorie per il rossonero più un pareggio. Due vittorie di Giroud con la Francia contro l’Albania e due con il Milan contro l’Atalanta. In queste quattro partite però Giroud ha segnato una volta sola, nel primo confronto in nazionale, segno che bene o male Djimsiti l’ha sempre arginato. Ma Giroud rientra con una voglia matta e torreggerà con esperienza.

Tuttosport in edicola su Chuku vs Lookman: amici sì. Compagni di nazionale con la Nigeria, pure. Volendo, entrambi pronti a battere un colpo in una stagione che stenta a decollare. Solo che, per forza di cose, uno dei due questo pomeriggio rischia di fare bella figura a scapito dell’altro, visto che con ogni probabilità giocheranno l’uno di fronte all’altro. Sull’esterno destro del Milan in attacco, Stefano Pioli dovrebbe mettere Samuel Chukwueze. Arrivato in estate dopo una grande stagione al Villarreal, ma ancora in attesa di esplodere al Milan. Un gol in Champions League contro il Borussia Dortmund, una partita così così contro il Frosinone, con qualche errore al dribbling di troppo. È vero che Chukwueze sta iniziando a evidenziare segnali di crescita, merito anche del fatto che l’infortunio al bicipite femorale della coscia sinistra che lo ha bloccato a fine ottobre è stato superato benissimo e che nelle ultime settimane, complici gli infortuni altrui, ha avuto modo di godere di più minuti in campo. Ma è anche vero che nella passata stagione a questo punto dell’anno aveva messo a segno 3 gol e 4 assist.

NUOVA REALTà
Sicuramente il milanista sta ambientandosi in un campionato nuovo e con i rossoneri ha affrontato avversari di caratura maggiore in Europa (lo scorso anno il Villarreal ha partecipato alla Conference League). Aggiungiamoci anche che, essendo arrivato con l’etichetta di acquisto più oneroso della sessione di mercato estiva del Milan, le attese dei tifosi erano belle alte. Fatto sta che da Chukwueze si aspettano tutti ancora di più. Magari proprio a Bergamo, con lo stimolo di affrontare in una sorta di duello rusticano l’amico Lookman. La freccia sinistra dell'attacco di Gasperini finora in campionato è andato a segno 4 volte, l’ultima contro il Napoli, proprio al Gewiss Stadium. Considerando il momento positivo che sta vivendo Ademola, è logico pensare che l’Atalanta possa affidarsi proprio a lui. Specie in un momento in cui la squadra ha perso per infortunio Scamacca contro lo Sporting Lisbona in Europa League e in cui pure l’ex milanista Charles De Ketelaere, dopo un inizio alla Dea spumeggiante (anche in fase realizzativa) sembra in un periodo di involuzione.


A TUTTO DRIBBLING
I due nigeriani se le daranno di santa ragione a colpi di dribbling, prima di ritrovarsi insieme all’inizio del 2024 in ritiro. Quello della Nazionale per la quale giocano e che sarà impegnata nella Coppa d’Africa che parte a metà gennaio. Le Super Aquile, un po’ per tradizione, un po’ perché avranno (salvo spiacevoli variabili) un Lookman a sinistra e un Chukwueze a destra dello schieramento (e Osimhen davanti) fanno già del gruppo delle squadre favorite per il successo finale.


LE CONDIZIONI DI KJAER LEAO E OKAFOR QUI -) Leao in gruppo lunedì. Okafor col Monza. Kjaer out.

PIOLI GASP: tanti duelli, stessa media punti qui -) Pioli - Gasperini: stessa media punti in 1000 gare.

Theo centrale anche col Newcastle QUI -) Theo centrale anche col Newcastle. E' una possibilità.
.
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
200,232
Reaction score
25,717
Come riportato dalla GDS in edicola, oggi pomeriggio in Atalanta - Milan saranno molto importanti i duelli in tutte le zone del campo. A centrocampo il duello tra cervelloni:

Reijnders vs Koop. Erano insieme all'AZ e oggi sono rivali. Koopmeiners sembra più quadrato, Reijnders più creativo, ma tutti e due si muovono e giocano con razionalità. La prevalenza dell’uno sull’altro, ammesso che si verifichi, può spostare l’asse della partita di oggi. Koopmeiners fin qui ha inciso di più quanto a gol, assist e occasioni create, ma il Milan di Reijnders ha 9 punti di più, distanza notevole, tanto che quello di oggi è uno snodo cruciale per i sogni atalantini di piazzamento Champions


Chuku vs Lookman: potenti, veloci e P tiratori:Atalanta- Milan contiene un derby di Nigeria, Ademola Lookman contro Samuel Chukwueze. Lookman è più attaccante, nel senso che può giocare seconda punta o trequartista, e ha la porta in testa. Chukwueze è un esterno offensivo e per arrivare a rete prende la rincorsa sulla fascia. Sarà la loro prima volta da avversari, insieme hanno giocato tre partite nella Nigeria per complessivi 128 minuti, l’ultima volta in un’amichevole a ottobre contro l’Arabia Saudita di Roberto Mancini (2-2). Il c.t. nigeriano, il portoghese Peseiro, li impiega come ali pure dentro un 4-4-2, con Chukwueze a destra e Lookman a sinistra. Lookman è alla seconda stagione a Bergamo e può dirsi integrato, i 20 gol in 50 presenze ufficiali parlano per lui. Chukwueze attraversa una fase delicata, molti si chiedono se abbia avuto senso investire 20 milioni, più 8 di bonus, per acquistarlo dal Villarreal. Ha segnato un unico gol, però inutile, la sera della sconfitta in casa contro il Borussia Dortmund in Champions. Non sappiamo se sia inibito dalle consegne tattiche di Pioli o se non si sia ambientato. A Natale il tempo comincia a restringersi, c’è bisogno di un’”apparizione” del Chukwueze apprezzato in Liga per scacciare i cattivi pensieri. Ma no, Chukwueze non è un bidone, di questo siamo sicuri. Sconta difficoltà di accensione in un contesto nuovo. A Bergamo si gioca l’ennesima chance. Immaginiamo che Pioli insista su di lui perché in allenamento gli vede fare belle cose.


Giroud vs Djimsiti: non è sicuro che Djimsiti giochi, Gasperini deciderà stamattina. Nel caso, davanti a Musso si accentrerà Giorgio Scalvini con il suo metro e 94 (oppure Bonfanti). Giroud rientra al centro dell’attacco milanista dopo le due giornate di squalifica per le proteste reiterate di Lecce. Sebbene con Jovic centravanti, abbia vinto lo stesso contro Fiorentina e Frosinone, il Milan non può prescindere dalla fisicità di Giroud, dalla sua capacità di fare reparto. Jovic fa leva sul talento personale, dispensa giocate. Giroud è un nove che fa squadra. I suoi precedenti contro Djimsiti sono incoraggianti: i due hanno giocato contro per 5 volte e il bilancio è di 4 vittorie per il rossonero più un pareggio. Due vittorie di Giroud con la Francia contro l’Albania e due con il Milan contro l’Atalanta. In queste quattro partite però Giroud ha segnato una volta sola, nel primo confronto in nazionale, segno che bene o male Djimsiti l’ha sempre arginato. Ma Giroud rientra con una voglia matta e torreggerà con esperienza.

Tuttosport in edicola su Chuku vs Lookman: amici sì. Compagni di nazionale con la Nigeria, pure. Volendo, entrambi pronti a battere un colpo in una stagione che stenta a decollare. Solo che, per forza di cose, uno dei due questo pomeriggio rischia di fare bella figura a scapito dell’altro, visto che con ogni probabilità giocheranno l’uno di fronte all’altro. Sull’esterno destro del Milan in attacco, Stefano Pioli dovrebbe mettere Samuel Chukwueze. Arrivato in estate dopo una grande stagione al Villarreal, ma ancora in attesa di esplodere al Milan. Un gol in Champions League contro il Borussia Dortmund, una partita così così contro il Frosinone, con qualche errore al dribbling di troppo. È vero che Chukwueze sta iniziando a evidenziare segnali di crescita, merito anche del fatto che l’infortunio al bicipite femorale della coscia sinistra che lo ha bloccato a fine ottobre è stato superato benissimo e che nelle ultime settimane, complici gli infortuni altrui, ha avuto modo di godere di più minuti in campo. Ma è anche vero che nella passata stagione a questo punto dell’anno aveva messo a segno 3 gol e 4 assist.

NUOVA REALTà
Sicuramente il milanista sta ambientandosi in un campionato nuovo e con i rossoneri ha affrontato avversari di caratura maggiore in Europa (lo scorso anno il Villarreal ha partecipato alla Conference League). Aggiungiamoci anche che, essendo arrivato con l’etichetta di acquisto più oneroso della sessione di mercato estiva del Milan, le attese dei tifosi erano belle alte. Fatto sta che da Chukwueze si aspettano tutti ancora di più. Magari proprio a Bergamo, con lo stimolo di affrontare in una sorta di duello rusticano l’amico Lookman. La freccia sinistra dell'attacco di Gasperini finora in campionato è andato a segno 4 volte, l’ultima contro il Napoli, proprio al Gewiss Stadium. Considerando il momento positivo che sta vivendo Ademola, è logico pensare che l’Atalanta possa affidarsi proprio a lui. Specie in un momento in cui la squadra ha perso per infortunio Scamacca contro lo Sporting Lisbona in Europa League e in cui pure l’ex milanista Charles De Ketelaere, dopo un inizio alla Dea spumeggiante (anche in fase realizzativa) sembra in un periodo di involuzione.


A TUTTO DRIBBLING
I due nigeriani se le daranno di santa ragione a colpi di dribbling, prima di ritrovarsi insieme all’inizio del 2024 in ritiro. Quello della Nazionale per la quale giocano e che sarà impegnata nella Coppa d’Africa che parte a metà gennaio. Le Super Aquile, un po’ per tradizione, un po’ perché avranno (salvo spiacevoli variabili) un Lookman a sinistra e un Chukwueze a destra dello schieramento (e Osimhen davanti) fanno già del gruppo delle squadre favorite per il successo finale.


LE CONDIZIONI DI KJAER LEAO E OKAFOR QUI -) Leao in gruppo lunedì. Okafor col Monza. Kjaer out.

PIOLI GASP: tanti duelli, stessa media punti qui -) Pioli - Gasperini: stessa media punti in 1000 gare.

Theo centrale anche col Newcastle QUI -) Theo centrale anche col Newcastle. E' una possibilità.
.
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
200,232
Reaction score
25,717
Tuttosport in edicola su Chuku vs Lookman: amici sì. Compagni di nazionale con la Nigeria, pure. Volendo, entrambi pronti a battere un colpo in una stagione che stenta a decollare. Solo che, per forza di cose, uno dei due questo pomeriggio rischia di fare bella figura a scapito dell’altro, visto che con ogni probabilità giocheranno l’uno di fronte all’altro. Sull’esterno destro del Milan in attacco, Stefano Pioli dovrebbe mettere Samuel Chukwueze. Arrivato in estate dopo una grande stagione al Villarreal, ma ancora in attesa di esplodere al Milan. Un gol in Champions League contro il Borussia Dortmund, una partita così così contro il Frosinone, con qualche errore al dribbling di troppo. È vero che Chukwueze sta iniziando a evidenziare segnali di crescita, merito anche del fatto che l’infortunio al bicipite femorale della coscia sinistra che lo ha bloccato a fine ottobre è stato superato benissimo e che nelle ultime settimane, complici gli infortuni altrui, ha avuto modo di godere di più minuti in campo. Ma è anche vero che nella passata stagione a questo punto dell’anno aveva messo a segno 3 gol e 4 assist.

NUOVA REALTà
Sicuramente il milanista sta ambientandosi in un campionato nuovo e con i rossoneri ha affrontato avversari di caratura maggiore in Europa (lo scorso anno il Villarreal ha partecipato alla Conference League). Aggiungiamoci anche che, essendo arrivato con l’etichetta di acquisto più oneroso della sessione di mercato estiva del Milan, le attese dei tifosi erano belle alte. Fatto sta che da Chukwueze si aspettano tutti ancora di più. Magari proprio a Bergamo, con lo stimolo di affrontare in una sorta di duello rusticano l’amico Lookman. La freccia sinistra dell'attacco di Gasperini finora in campionato è andato a segno 4 volte, l’ultima contro il Napoli, proprio al Gewiss Stadium. Considerando il momento positivo che sta vivendo Ademola, è logico pensare che l’Atalanta possa affidarsi proprio a lui. Specie in un momento in cui la squadra ha perso per infortunio Scamacca contro lo Sporting Lisbona in Europa League e in cui pure l’ex milanista Charles De Ketelaere, dopo un inizio alla Dea spumeggiante (anche in fase realizzativa) sembra in un periodo di involuzione.


A TUTTO DRIBBLING
I due nigeriani se le daranno di santa ragione a colpi di dribbling, prima di ritrovarsi insieme all’inizio del 2024 in ritiro. Quello della Nazionale per la quale giocano e che sarà impegnata nella Coppa d’Africa che parte a metà gennaio. Le Super Aquile, un po’ per tradizione, un po’ perché avranno (salvo spiacevoli variabili) un Lookman a sinistra e un Chukwueze a destra dello schieramento (e Osimhen davanti) fanno già del gruppo delle squadre favorite per il successo finale.
.
 
Alto
head>