Cutrone:"Milan molto importante, ringrazio i tifosi".

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
160,266
Reaction score
10,632
Patrick Cutrone, intervistato da La Nazione, ha parlato anche di Milan. Ecco le dichiarazioni dell'attaccante:"Il Milan è una società molto importante, è stato un onore per me poter giocare a San Siro. Difficile dire cosa mi ha insegnato l’esperienza in rossonero. Sono cresciuto lì, se sono oggi un calciatore di A è sicuramente anche grazie a loro. E devo ringraziare tantissimo i tifosi per l’appoggio che mi hanno sempre dato, mi hanno aiutato moltissimo sia nei momenti belli che in quelli più difficili".
 

Jino

Senior Member
Registrato
29 Agosto 2012
Messaggi
51,861
Reaction score
1,280
Per me è un giocatore normale... ma se penso che lo abbiamo dato via per tenere Piatek o comprare Leao mi vien male...
 

IDRIVE

Member
Registrato
4 Giugno 2016
Messaggi
2,418
Reaction score
364
Per me resta un cuore rossonero sincero, ma dopo la sceneggiata di Firenze le sue quotazioni mi sono scese. E di brutto.
 

diavoloINme

Senior Member
Registrato
11 Aprile 2016
Messaggi
46,151
Reaction score
11,835
Patrick Cutrone, intervistato da La Nazione, ha parlato anche di Milan. Ecco le dichiarazioni dell'attaccante:"Il Milan è una società molto importante, è stato un onore per me poter giocare a San Siro. Difficile dire cosa mi ha insegnato l’esperienza in rossonero. Sono cresciuto lì, se sono oggi un calciatore di A è sicuramente anche grazie a loro. E devo ringraziare tantissimo i tifosi per l’appoggio che mi hanno sempre dato, mi hanno aiutato moltissimo sia nei momenti belli che in quelli più difficili".

L'ho sempre sostenuto e difeso andando spesso contro tutto e tutti ma dopo l'indecorosa scenata di firenze per me è morto.
 

A.C Milan 1899

Bannato
Registrato
7 Aprile 2019
Messaggi
21,708
Reaction score
1,445
Patrick Cutrone, intervistato da La Nazione, ha parlato anche di Milan. Ecco le dichiarazioni dell'attaccante:"Il Milan è una società molto importante, è stato un onore per me poter giocare a San Siro. Difficile dire cosa mi ha insegnato l’esperienza in rossonero. Sono cresciuto lì, se sono oggi un calciatore di A è sicuramente anche grazie a loro. E devo ringraziare tantissimo i tifosi per l’appoggio che mi hanno sempre dato, mi hanno aiutato moltissimo sia nei momenti belli che in quelli più difficili".

Un giocatore di livello infimo, per quanto superiore a Pi(pp)atek. Siamo sui livelli di un Paloschi.

Strano a dirsi, ma Petagna, disprezzato da molti, per quanto scarso è il miglior attaccante prodotto dal nostro vivaio negli ultimi anni. E Petagna è scarso molto, eh.

Per me è un giocatore normale... ma se penso che lo abbiamo dato via per tenere Piatek o comprare Leao mi vien male...

Cutrone, Piatek, Leao, tutti attaccanti con lo stesso enorme difetto: non segnano. E continuano a non segnare anche altrove (dimostrando che il problema della maledizione della nove e in generale del nostro attacco c’è perché prendiamo attaccanti che non hanno il goal nelle gambe, non solo per colpa del centrocampo. Higuain quest’anno ha avuto un minutaggio superiore a quello avuto con noi nel 2018/2019 e ha segnato ancora meno, giocando nella Juve. Non esiste nessuna maledizione se non quella di prendere gente scarsa o gente forte che col tempo è diventata scarsa, come Higuain).

E un attaccante che non segna è inutile (specie se, come nel caso di Cutrone e Piatek -lui in particolare, perché anche Cutrone è scarso di tecnica ma Piatek è davvero da Lega Pro-, ha una tecnica da zappatore e di aiutare la manovra della squadra, fare assist, far salire la squadra ecc non se ne parla).
 
Registrato
12 Dicembre 2014
Messaggi
6,944
Reaction score
1,461
Patrick Cutrone, intervistato da La Nazione, ha parlato anche di Milan. Ecco le dichiarazioni dell'attaccante:"Il Milan è una società molto importante, è stato un onore per me poter giocare a San Siro. Difficile dire cosa mi ha insegnato l’esperienza in rossonero. Sono cresciuto lì, se sono oggi un calciatore di A è sicuramente anche grazie a loro. E devo ringraziare tantissimo i tifosi per l’appoggio che mi hanno sempre dato, mi hanno aiutato moltissimo sia nei momenti belli che in quelli più difficili".

Sparisci, dopo l'invereconda porcata di Firenze puoi farti la tua tranquilla carriera da attaccante di provincia.
 

Djici

Senior Member
Registrato
27 Agosto 2012
Messaggi
22,734
Reaction score
2,407
Un giocatore di livello infimo, per quanto superiore a Pi(pp)atek. Siamo sui livelli di un Paloschi.

Strano a dirsi, ma Petagna, disprezzato da molti, per quanto scarso è il miglior attaccante prodotto dal nostro vivaio negli ultimi anni. E Petagna è scarso molto, eh.



Cutrone, Piatek, Leao, tutti attaccanti con lo stesso enorme difetto: non segnano. E continuano a non segnare anche altrove (dimostrando che il problema della maledizione della nove e in generale del nostro attacco c’è perché prendiamo attaccanti che non hanno il goal nelle gambe, non solo per colpa del centrocampo. Higuain quest’anno ha avuto un minutaggio superiore a quello avuto con noi nel 2018/2019 e ha segnato ancora meno, giocando nella Juve. Non esiste nessuna maledizione se non quella di prendere gente scarsa o gente forte che col tempo è diventata scarsa, come Higuain).

E un attaccante che non segna è inutile (specie se, come nel caso di Cutrone e Piatek -lui in particolare, perché anche Cutrone è scarso di tecnica ma Piatek è davvero da Lega Pro-, ha una tecnica da zappatore e di aiutare la manovra della squadra, fare assist, far salire la squadra ecc non se ne parla).

Sto per usare un termine che fara storcere il naso sopratutto da quando e arrivato Kalinic... ma un Petagna in rosa lo vorrei sempre.
Attacante utilissimo. Arma tattica da usare in certe partite o in partita in corso.
Ovviamente non e l'attacante dei miei sogni.
Non deve essere il nostro titolare.
Ma in rosa ci sta alla grande.

Saro matto io (perche se non sono matto allora sono incapaci il 90% dei DS e allenatori che accettano le rose costruite dai DS), ma io oltre ai titolari che devono avere caratterstiche ben precise (chi vuole giocare in contropiede predilegge giocatori veloci davanti, chi crea sui lati preferisce una torre in mezzo, chi fa possesso vuole un falso 9...), vorrei si, altri 11 giocatori che hanno le stesse caratteristiche dei titolari (in modo da non dovere cambiare tattica quando e infortunato/squalificato un titolare) ma poi li altri 2-3 giocatori della rosa devono essere arme tattiche, con caratteristiche differenti degli 11 titolari e delle 11 riserve.
E un giocatore alla Petagna in rosa ci sta sempre.
 

Similar threads

Alto
head>