Condò:"Milan, la frustrazione popolare e Lopetegui...".

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
209,743
Reaction score
31,162
Paolo Condò da Repubblica in edicola:"Il pareggio del Milan col Genoa in una casa che lo sciopero del tifo ha reso gelida è una storia diversa, figlia dei sei derby persi di fila che hanno avvelenato il rapporto con Pioli e, più in generale, di un superamento ancora irrisolto dell’era-Berlusconi. Dal 2000 a oggi il Milan ha vinto 3 scudetti contro gli 11 della Juve e i 7 dell’Inter, la frustrazione popolare ha raggiunto l’orlo del bicchiere, e ormai trabocca. La partita di ieri è stata un mix di belle giocate e grosse sciocchezze, tipico prodotto di un ambiente dove il futuro ha invaso il presente togliendogli ogni interesse: ogni discorso riguarda il prossimo allenatore e i prossimi giocatori, e la pressione sulla società ha già tolto dal tavolo l’ipotesi Lopetegui. I tifosi hanno il diritto di esprimere le loro preferenze ed è vero che lo spagnolo scalda poco: detto ciò, il club forte e convinto delle sue scelte non si lascia condizionare. La verità è che il primo a non esserne convinto era lui".

Paolo-Condo.jpg
 

Zenos

Senior Member
Registrato
30 Agosto 2012
Messaggi
23,221
Reaction score
11,669
Paolo Condò da Repubblica in edicola:"Il pareggio del Milan col Genoa in una casa che lo sciopero del tifo ha reso gelida è una storia diversa, figlia dei sei derby persi di fila che hanno avvelenato il rapporto con Pioli e, più in generale, di un superamento ancora irrisolto dell’era-Berlusconi. Dal 2000 a oggi il Milan ha vinto 3 scudetti contro gli 11 della Juve e i 7 dell’Inter, la frustrazione popolare ha raggiunto l’orlo del bicchiere, e ormai trabocca. La partita di ieri è stata un mix di belle giocate e grosse sciocchezze, tipico prodotto di un ambiente dove il futuro ha invaso il presente togliendogli ogni interesse: ogni discorso riguarda il prossimo allenatore e i prossimi giocatori, e la pressione sulla società ha già tolto dal tavolo l’ipotesi Lopetegui. I tifosi hanno il diritto di esprimere le loro preferenze ed è vero che lo spagnolo scalda poco: detto ciò, il club forte e convinto delle sue scelte non si lascia condizionare. La verità è che il primo a non esserne convinto era lui".

Paolo-Condo.jpg
Quello che dico sempre. Se erano convinti di lopetegui andava preso a prescindere dal consenso popolare. Non lo hanno fatto?Che valutazioni erano state fatte allora?1 secondo dopo la proprietà doveva azzerare la dirigenza.
 
Registrato
29 Agosto 2012
Messaggi
33,472
Reaction score
2,975
Quello che dico sempre. Se erano convinti di lopetegui andava preso a prescindere dal consenso popolare. Non lo hanno fatto?Che valutazioni erano state fatte allora?1 secondo dopo la proprietà doveva azzerare la dirigenza.
Prenderlo a prescindere non lo so sai, diciamo che non è bello per un nuovo allenatore esordire in un ambiente che non lo vuole, lo metti già pesantemente in difficoltà.
Fosse stato un allenatore che già conosce la Serie A (tipo un Mourinho, che immagino da noi sarebbe odiatissimo per il suo passato e perché ormai bollito) magari non ci fa caso, ma per uno che viene da fuori...
Io sono convinto che loro (dirigenza) vorrebbero tenere ancora Pioli, ma si sono accorti che ormai è una situazione insostenibile e non sanno che pesci pigliare, la doppia umiliazione Roma+Inter li ha messi con le spalle al muro, mentre anche solo con un pari nel derby avrebbero potuto blindare Guarpioli.
 
Registrato
13 Gennaio 2014
Messaggi
32,433
Reaction score
10,333
Quello che dico sempre. Se erano convinti di lopetegui andava preso a prescindere dal consenso popolare. Non lo hanno fatto?Che valutazioni erano state fatte allora?1 secondo dopo la proprietà doveva azzerare la dirigenza.
Esatto.
Che poi purtroppo tutte le notizie vanno prese con le pinze.

Ad ogni modo, c'è un chiaro sentiment di rompere le palle al Milan.
Manco fossimo arrivati decimi.

Non vedo sti psicodrammi attorno a ovini, romani, napoletani vari.
Qui gatta ci cova abbondantemente.

Ci sono gli zoomati al contrario anche.
 
Registrato
13 Gennaio 2014
Messaggi
32,433
Reaction score
10,333
Prenderlo a prescindere non lo so sai, diciamo che non è bello per un nuovo allenatore esordire in un ambiente che non lo vuole, lo metti già pesantemente in difficoltà.
Fosse stato un allenatore che già conosce la Serie A (tipo un Mourinho, che immagino da noi sarebbe odiatissimo per il suo passato e perché ormai bollito) magari non ci fa caso, ma per uno che viene da fuori...
Io sono convinto che loro (dirigenza) vorrebbero tenere ancora Pioli, ma si sono accorti che ormai è una situazione insostenibile e non sanno che pesci pigliare, la doppia umiliazione Roma+Inter li ha messi con le spalle al muro, mentre anche solo con un pari nel derby avrebbero potuto blindare Guarpioli.
Concordo.
Anche per me vorrebbero tenere Pioli.
Perchè ha raggiunto parecchi, se non tutti ( per la società) gli obbiettivi, sia perchè ha un anno di contratto e quindi ha dei costi, sia perchè non è facile trovare un sostituito.

Ma tra ambiente, i suoi colpi di testa nelle formazioni ( dai, Musah titolare solamente nei due match più importanti dell' anno è inconcepibile), ed infortuni non è facile confermarlo.
 
Registrato
11 Aprile 2016
Messaggi
60,867
Reaction score
26,849
Quello che dico sempre. Se erano convinti di lopetegui andava preso a prescindere dal consenso popolare. Non lo hanno fatto?Che valutazioni erano state fatte allora?1 secondo dopo la proprietà doveva azzerare la dirigenza.
Perché sono valutazioni complessive.
Di lopetegui ne trovi quanti ne vuoi e sta sicuro che scorreranno sempre la lista dei lopetegui.
Non è che se salta lo spagnolo arriva conte , giusto per capirci.

Io lo dico da mesi che per me hanno messo di proposito un allenatore straniero nel mirino per alienare ulteriormente il mondo Milan.
 
Registrato
29 Ottobre 2017
Messaggi
5,360
Reaction score
2,676
Esatto.
Che poi purtroppo tutte le notizie vanno prese con le pinze.

Ad ogni modo, c'è un chiaro sentiment di rompere le palle al Milan.
Manco fossimo arrivati decimi.

Non vedo sti psicodrammi attorno a ovini, romani, napoletani vari.
Qui gatta ci cova abbondantemente.

Ci sono gli zoomati al contrario anche.
però sinceramente non ci facciamo mancare niente.

Io non lo vedo tutto sto complotto mediatico contro di noi. Tu, fossi un calciatore decente, andresti in questo Milan? Io no. E non è che non ci andrei perchè me lo dicono i giornali, ma non ci andrei perchè siamo un club che non ha ancora preso una direzione tecnica precisa, non si sa chi è il proprietario, non ha una rosa che ti fa sperare per il futuro, non ha uomini in società in grado di poter costruire qualcosa. Il caso Camarda (signor nessuno come calciatore ad oggi) è sintomatico. Noi la buttiamo tutta sul procuratore, ma ad oggi lui dovrebbe rimanere al Milan solo ed esclusivamente per il concetto di riconoscenza e basta. Per il resto ci sono club grandi quanto noi che saranno disposti a pagarlo di più e a dargli un progetto tecnico più accattivante del nostro. Non tarda a firmare per colpa della Gazzetta.

Poi se mi dici che la Juve non è trattata allo stesso modo, è vero. Dovrebbe essere trattata allo stesso modo, ma da sempre il loro apparato di potere e media non è paragonabile ad alcun club in Italia. Sono sicuramente protetti rispetto a noi. Noi però non è che siamo attaccati, noi le critiche che ci arrivano e che noi stessi tifosi facciamo, sono tutte guadagnate e giuste. Ci manca la loro protezione, ma non è che con qualche zoommato in più, cambierebbe la nostra situazione, Musah diventerebbe Seedorf, Reijnders diventerebbe Rijkaard e Leao diventerebbe Sheva.
 
Alto
head>