Collina spiega i motivi dei maxi recuperi

Raryof

Senior Member
Registrato
24 Gennaio 2017
Messaggi
14,321
Reaction score
4,000
Purtroppo il tempo effettivo col calcio non c'entra niente e non è la soluzione.
Serve intervenire sulle perdite di tempo in campo (simulazioni, finti infortuni, rimesse laterali e dal fondo a piacimento, ecc.) scoraggiandole e punendole (ammonizione sistematica per es.) magari anche coinvolgendo il VAR.
Ma è semplice dai, quando l'arbitro fischia si ferma il gioco, nelle situazioni in cui il gioco è semplicemente fermo, ad esempio quando si segna e la palla oltrepassa la linea, come nel basket, ma non puoi fermare il gioco quando un giocatore è a terra ed è un finto infortunio e calcoli quel tempo perso nel normale recupero che alla fine sarebbe sempre ridotto senza var o anche solamente le sostituzioni dove il gioco è fermo e quindi anche il tempo va fermato.
Sostanzialmente il gioco si fermerebbe in diverse situazioni:
Quando segni finché non riprende il gioco.
Quando c'è un check var in corso cioè nel momento in cui l'arbitro ferma il gioco per un controllo.
Quando l'arbitro va al var.
Quando ci si sta preparando per un calcio di rigore e di solito si perde tanto tempo prima della battuta.
Quando l'arbitro colpisce la palla e la rimette in gioco.
Quando la palla è sgonfia e va cambiata (ma sono situazioni dove fermi il gioco poco poco).
Quando fai i cambi.

Non lo fermerei per situazioni di gioco normali come giallo, rosso, palla fuori, corner, finti infortuni o giocatori che perdono tempo perché non puoi decidere l'esatto momento in cui c'è una chiara voglia di fare i furbi.
Il fatto di fermare il tempo aiuta lo spettatore perché non vede il tempo che scorre e quindi percepisce una presenza maggiore in campo nonostante il tempo in cui si gioca rimanga pressoché simile, come se non stesse pagando per vedere dei tempi morti, più spazio per le pubblicità, più spazio per farsi un paninazzo, una pisciatina, è una visione molto americana a cui bisogna abituarsi (e io da fan nba ce l'ho) ma è anche l'unico modo per non vendere tempi morti o portare tutto quel tempo "morto" alla fine, con le gambe più stanche e uno spettacolo più lento.
 
Registrato
31 Luglio 2017
Messaggi
8,441
Reaction score
3,478
Assolutamente d'accordo. Infatti stiamo assistendo a molte partite tirate, con finali emozionanti e spettacolari.

Una misura che andrebbe introdotta in particolar modo in Italia, dove la perdita di tempo è un'arte per gran parte dei giocatori delle piccole.

Una partita orrenda come quella nostra a Cremona con 20 minuti in piu da giocare è tutta un'altra cosa.

Tatticamente e tecnicamente diventa molto difficile difendere a oltranza e in modo ostruzionistico per 110 minuti.
Contro la Cremonese non sarebbe entrata nemmeno se giocavamo altri 90 minuti. Pioli è stato un pollo e i giocatori peggio di lui.
 
Registrato
8 Settembre 2016
Messaggi
5,995
Reaction score
1,033
Il tempo effettivo sarebbe da mettere subito.
Ma non mi fermerei lì.
Una squadra in difficoltà, anche se il tempo non scorresse, sicuramente cercherebbe ugualmente di spezzettare il gioco per rifiatare. Anche questi comportamenti andrebbero puniti di più (ad esempio c'è un fallo laterale o una punizione per gli altri, io prendo con le mani il pallone e glielo restituisco dopo alcuni secondi con la mia squadra ricompattata in difesa, io darei ammonizione automatica, salvo evidente involontarietà; oppure ci metto un minuto per una rimessa laterale).
 

TheKombo

Well-known member
Registrato
29 Giugno 2022
Messaggi
1,450
Reaction score
906
Ma è semplice dai, quando l'arbitro fischia si ferma il gioco, nelle situazioni in cui il gioco è semplicemente fermo, ad esempio quando si segna e la palla oltrepassa la linea, come nel basket, ma non puoi fermare il gioco quando un giocatore è a terra ed è un finto infortunio e calcoli quel tempo perso nel normale recupero che alla fine sarebbe sempre ridotto senza var o anche solamente le sostituzioni dove il gioco è fermo e quindi anche il tempo va fermato.
Sostanzialmente il gioco si fermerebbe in diverse situazioni:
Quando segni finché non riprende il gioco.
Quando c'è un check var in corso cioè nel momento in cui l'arbitro ferma il gioco per un controllo.
Quando l'arbitro va al var.
Quando ci si sta preparando per un calcio di rigore e di solito si perde tanto tempo prima della battuta.
Quando l'arbitro colpisce la palla e la rimette in gioco.
Quando la palla è sgonfia e va cambiata (ma sono situazioni dove fermi il gioco poco poco).
Quando fai i cambi.

Non lo fermerei per situazioni di gioco normali come giallo, rosso, palla fuori, corner, finti infortuni o giocatori che perdono tempo perché non puoi decidere l'esatto momento in cui c'è una chiara voglia di fare i furbi.
Il fatto di fermare il tempo aiuta lo spettatore perché non vede il tempo che scorre e quindi percepisce una presenza maggiore in campo nonostante il tempo in cui si gioca rimanga pressoché simile, come se non stesse pagando per vedere dei tempi morti, più spazio per le pubblicità, più spazio per farsi un paninazzo, una pisciatina, è una visione molto americana a cui bisogna abituarsi (e io da fan nba ce l'ho) ma è anche l'unico modo per non vendere tempi morti o portare tutto quel tempo "morto" alla fine, con le gambe più stanche e uno spettacolo più lento.
Si ma il calcio non è il basket per Nmila motivi, a me andrebbe anche bene, ma non risolverebbe quello che il vero problema cioè rendere il gioco fluido,continuo e ridurre le pause inutili.
Ripeto mi sbaglierò, ma il tempo effettivo nel calcio è utopia (e di fatto anche le parole di Collina vanno in questa direzione).
La soluzione è trovare regole rigide e applicabili per disincentivare il "non gioco" .
 

TheKombo

Well-known member
Registrato
29 Giugno 2022
Messaggi
1,450
Reaction score
906
Non condivido. Per me con il tempo effettivo di gioco tutti i trucchetti e le simulazioni verrebbero meno.
Può essere ma non è automatico, anzi.
Io parto dal presupposto che bisogna rendere lo spettacolo più "gradevole", quindi giocare di più e in modo più scorrevole. È un discorso ampio che riguarda non solo la gestione del tempo e degli interventi arbitrali ma anche il modo e l'intensità di gioco delle squadre.
I dati dicono che la differenza tra SerieA, Champion's e altri campionati non è così ampia, quello che cambia veramente è la velocità di gioco, le zone di sviluppo del gioco, ecc.
Per questo secondo me il tempo effettivo non è La Soluzione
 

Blu71

Senior Member
Registrato
27 Agosto 2012
Messaggi
35,192
Reaction score
10,492
Può essere ma non è automatico, anzi.
Io parto dal presupposto che bisogna rendere lo spettacolo più "gradevole", quindi giocare di più e in modo più scorrevole. È un discorso ampio che riguarda non solo la gestione del tempo e degli interventi arbitrali ma anche il modo e l'intensità di gioco delle squadre.
I dati dicono che la differenza tra SerieA, Champion's e altri campionati non è così ampia, quello che cambia veramente è la velocità di gioco, le zone di sviluppo del gioco, ecc.
Per questo secondo me il tempo effettivo non è La Soluzione

Forse non è la soluzione a tutti i mali ma certe scene disgustose almeno si eviterebbero.
 
Alto
head>