Camarda: il Milan vuole blindarlo dalle big europee.

Stato
Chiusa ad ulteriori risposte.

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
199,745
Reaction score
25,605
TeamTalk: su Camarda ci sono Manchester City, Arsenal, Chelsea e Borussia Dortmund che potrebbero prelevarlo pagando solo il premio di formazione al Milan.

News precedenti

Tuttosport in edicola: l baby d’oro non ha dubbi, il Milan neanche, ma da adesso al 10 marzo 2024, quando compirà 16 anni, andrà concretamente trovato l’accordo per il contratto di Francesco Camarda e blindarlo almeno fino al 2027. Dopo l’esordio da record - a 15 anni e 260 giorni è diventato il debuttante più precoce della storia della Serie A -, ora sull’attaccante il Milan dovrà svolgere, se vogliamo, un lavoro ancora più importante: quello di proteggerlo dai fari della ribalta mediatica, ma anche dalle grinfie dei club stranieri, pronti a proporre al suo entourage contratti importanti. Manchester City, Arsenal, Newcastle e Borussia Dortmund sono solo alcuni dei club che nell’ultimo anno si sono interessati al bomberino rossonero. Il rischio che accada qualcosa già visto in passato con diversi talenti del nostro calcio - Scamacca preso dal Psv quando era nelle giovanili della Roma; Gnonto dallo Zurigo quando era all’Inter - è dietro l’angolo. Finché non avrà compiuto 16 anni, infatti, il Milan non potrà far firmare il contratto a Camarda. I contatti con Giuseppe Riso, il suo agente, sono iniziati da tempo. Già Maldini e Massara avevano iniziato a discutere nella scorsa primavera, adesso la palla è nelle mani di Furlani, Moncada e D’Ottavio, un file aperto e ben presente fra le priorità della dirigenza rossonera. Di sicuro il Milan non vuole perderlo, ma neanche Camarda, dall’innocenza dei suoi 15 anni, è intenzionato a dire addio al club. Il post di ieri su Instagram per celebrare il suo esordio, con il richiamo a un coro della Curva Sud, è eloquente: «Che dire, è stato qualcosa di unico che non dimenticherò mai. È proprio vero che “da quand’ero piccolino io mi innamorai di te, il mio cuore che batteva non mi chiedere perché”. Beh oggi il perché lo so! Ho scoperto di avere una seconda casa e la cosa più bella è che sono tutte persone come me! Vi amo, grazie!». Camarda, classe 2008, è arrivato al Milan quando aveva 7 anni dopo aver mosso i primi passi nell’annata 2014-15 nell’Afforese, società giovanile milanese. Già allora, il piccolo Camarda - che ieri a Milanello si è presentato con i pasticcini - sfidava in campo bambini di due-tre anni più grandi di lui e con le sue doti aveva subito colpito gli scout del Milan che lo fecero allenare per un giorno a settimana al Vismara, per poi tesserarlo nell’estate 2015.

GDS: Camarda oggi a scuola. Sarà interrogato. Il programma dei prossimi giorni è da definire: probabile che Pioli lo tenga ancora con sé (come ieri, pasticcini offerti alla squadra) e a seconda degli allenamenti della prima squadra, Camarda organizzerà gli impegni scolastici. Allenamento al mattino, lezioni al pomeriggio; allenamento pomeridiano, in classe al mattino. Non potrà giocare in Champions: deve prima compiere 16 anni e firmare un contratto da professionista. Sedici anni servono anche per firmare il primo contratto “pro”, che al massimo potrà estendersi per tre anni: gli agenti Giuseppe Riso e Marianna Mecacci sono al lavoro. Potrà succedere dal 10 marzo in poi: nel frattempo tutta Europa osserva.

Il Giornale: Camarda non sarà Donnarumma bis. Il ragazzo oltre che sul campo va forte anche nelle interrogazioni. In particolare nelle lingue straniere. Oggi tornerà a scuola. A meno di 48 ore dal debutto la sua vita è completamente cambiata. Il padre è tifoso milanista da sempre. Gli ha trasmesso la passione per Va Basten e Kakà. Il Milan ora se lo gode ed è pronto a blindarlo. Appuntamento a marzo, quando compirà 16 anni. Nonostante le tante richieste arrivate, Camarda non sta prendendo in considerazione le offerte straniere. Camarda non sarà un Donnarumma bis.

Col Frosinone nuova chance QUI -) Camarda: col Frosinone altra chance.
 
Ultima modifica:
Registrato
12 Dicembre 2014
Messaggi
8,929
Reaction score
3,557
Tuttosport in edicola: l baby d’oro non ha dubbi, il Milan neanche, ma da adesso al 10 marzo 2024, quando compirà 16 anni, andrà concretamente trovato l’accordo per il contratto di Francesco Camarda e blindarlo almeno fino al 2027. Dopo l’esordio da record - a 15 anni e 260 giorni è diventato il debuttante più precoce della storia della Serie A -, ora sull’attaccante il Milan dovrà svolgere, se vogliamo, un lavoro ancora più importante: quello di proteggerlo dai fari della ribalta mediatica, ma anche dalle grinfie dei club stranieri, pronti a proporre al suo entourage contratti importanti. Manchester City, Arsenal, Newcastle e Borussia Dortmund sono solo alcuni dei club che nell’ultimo anno si sono interessati al bomberino rossonero. Il rischio che accada qualcosa già visto in passato con diversi talenti del nostro calcio - Scamacca preso dal Psv quando era nelle giovanili della Roma; Gnonto dallo Zurigo quando era all’Inter - è dietro l’angolo. Finché non avrà compiuto 16 anni, infatti, il Milan non potrà far firmare il contratto a Camarda. I contatti con Giuseppe Riso, il suo agente, sono iniziati da tempo. Già Maldini e Massara avevano iniziato a discutere nella scorsa primavera, adesso la palla è nelle mani di Furlani, Moncada e D’Ottavio, un file aperto e ben presente fra le priorità della dirigenza rossonera. Di sicuro il Milan non vuole perderlo, ma neanche Camarda, dall’innocenza dei suoi 15 anni, è intenzionato a dire addio al club. Il post di ieri su Instagram per celebrare il suo esordio, con il richiamo a un coro della Curva Sud, è eloquente: «Che dire, è stato qualcosa di unico che non dimenticherò mai. È proprio vero che “da quand’ero piccolino io mi innamorai di te, il mio cuore che batteva non mi chiedere perché”. Beh oggi il perché lo so! Ho scoperto di avere una seconda casa e la cosa più bella è che sono tutte persone come me! Vi amo, grazie!». Camarda, classe 2008, è arrivato al Milan quando aveva 7 anni dopo aver mosso i primi passi nell’annata 2014-15 nell’Afforese, società giovanile milanese. Già allora, il piccolo Camarda - che ieri a Milanello si è presentato con i pasticcini - sfidava in campo bambini di due-tre anni più grandi di lui e con le sue doti aveva subito colpito gli scout del Milan che lo fecero allenare per un giorno a settimana al Vismara, per poi tesserarlo nell’estate 2015.

Col Frosinone nuova chance QUI -) Camarda: col Frosinone altra chance.
"Diversi talenti del nostro calcio": Gnonto.
Chiudete tutto.
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
199,745
Reaction score
25,605
GDS: Camarda oggi a scuola. Sarà interrogato. Il programma dei prossimi giorni è da definire: probabile che Pioli lo tenga ancora con sé (come ieri, pasticcini offerti alla squadra) e a seconda degli allenamenti della prima squadra, Camarda organizzerà gli impegni scolastici. Allenamento al mattino, lezioni al pomeriggio; allenamento pomeridiano, in classe al mattino. Non potrà giocare in Champions: deve prima compiere 16 anni e firmare un contratto da professionista. Sedici anni servono anche per firmare il primo contratto “pro”, che al massimo potrà estendersi per tre anni: gli agenti Giuseppe Riso e Marianna Mecacci sono al lavoro. Potrà succedere dal 10 marzo in poi: nel frattempo tutta Europa osserva.
 

Swaitak

Senior Member
Registrato
22 Aprile 2019
Messaggi
23,021
Reaction score
13,879
Tuttosport in edicola: l baby d’oro non ha dubbi, il Milan neanche, ma da adesso al 10 marzo 2024, quando compirà 16 anni, andrà concretamente trovato l’accordo per il contratto di Francesco Camarda e blindarlo almeno fino al 2027. Dopo l’esordio da record - a 15 anni e 260 giorni è diventato il debuttante più precoce della storia della Serie A -, ora sull’attaccante il Milan dovrà svolgere, se vogliamo, un lavoro ancora più importante: quello di proteggerlo dai fari della ribalta mediatica, ma anche dalle grinfie dei club stranieri, pronti a proporre al suo entourage contratti importanti. Manchester City, Arsenal, Newcastle e Borussia Dortmund sono solo alcuni dei club che nell’ultimo anno si sono interessati al bomberino rossonero. Il rischio che accada qualcosa già visto in passato con diversi talenti del nostro calcio - Scamacca preso dal Psv quando era nelle giovanili della Roma; Gnonto dallo Zurigo quando era all’Inter - è dietro l’angolo. Finché non avrà compiuto 16 anni, infatti, il Milan non potrà far firmare il contratto a Camarda. I contatti con Giuseppe Riso, il suo agente, sono iniziati da tempo. Già Maldini e Massara avevano iniziato a discutere nella scorsa primavera, adesso la palla è nelle mani di Furlani, Moncada e D’Ottavio, un file aperto e ben presente fra le priorità della dirigenza rossonera. Di sicuro il Milan non vuole perderlo, ma neanche Camarda, dall’innocenza dei suoi 15 anni, è intenzionato a dire addio al club. Il post di ieri su Instagram per celebrare il suo esordio, con il richiamo a un coro della Curva Sud, è eloquente: «Che dire, è stato qualcosa di unico che non dimenticherò mai. È proprio vero che “da quand’ero piccolino io mi innamorai di te, il mio cuore che batteva non mi chiedere perché”. Beh oggi il perché lo so! Ho scoperto di avere una seconda casa e la cosa più bella è che sono tutte persone come me! Vi amo, grazie!». Camarda, classe 2008, è arrivato al Milan quando aveva 7 anni dopo aver mosso i primi passi nell’annata 2014-15 nell’Afforese, società giovanile milanese. Già allora, il piccolo Camarda - che ieri a Milanello si è presentato con i pasticcini - sfidava in campo bambini di due-tre anni più grandi di lui e con le sue doti aveva subito colpito gli scout del Milan che lo fecero allenare per un giorno a settimana al Vismara, per poi tesserarlo nell’estate 2015.

GDS: Camarda oggi a scuola. Sarà interrogato. Il programma dei prossimi giorni è da definire: probabile che Pioli lo tenga ancora con sé (come ieri, pasticcini offerti alla squadra) e a seconda degli allenamenti della prima squadra, Camarda organizzerà gli impegni scolastici. Allenamento al mattino, lezioni al pomeriggio; allenamento pomeridiano, in classe al mattino. Non potrà giocare in Champions: deve prima compiere 16 anni e firmare un contratto da professionista. Sedici anni servono anche per firmare il primo contratto “pro”, che al massimo potrà estendersi per tre anni: gli agenti Giuseppe Riso e Marianna Mecacci sono al lavoro. Potrà succedere dal 10 marzo in poi: nel frattempo tutta Europa osserva.

Col Frosinone nuova chance QUI -) Camarda: col Frosinone altra chance.
Debutto con krunic ed interrogazione, poveraccio
 
Ultima modifica di un moderatore:

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
199,745
Reaction score
25,605
Il Giornale: Camarda non sarà Donnarumma bis. Il ragazzo oltre che sul campo va forte anche nelle interrogazioni. In particolare nelle lingue straniere. Oggi tornerà a scuola. A meno di 48 ore dal debutto la sua vita è completamente cambiata. Il padre è tifoso milanista da sempre. Gli ha trasmesso la passione per Va Basten e Kakà. Il Milan ora se lo gode ed è pronto a blindarlo. Appuntamento a marzo, quando compirà 16 anni. Nonostante le tante richieste arrivate, Camarda non sta prendendo in considerazione le offerte straniere. Camarda non sarà un Donnarumma bis.
 
Registrato
11 Aprile 2016
Messaggi
58,958
Reaction score
24,461
Il Giornale: Camarda non sarà Donnarumma bis. Il ragazzo oltre che sul campo va forte anche nelle interrogazioni. In particolare nelle lingue straniere. Oggi tornerà a scuola. A meno di 48 ore dal debutto la sua vita è completamente cambiata. Il padre è tifoso milanista da sempre. Gli ha trasmesso la passione per Va Basten e Kakà. Il Milan ora se lo gode ed è pronto a blindarlo. Appuntamento a marzo, quando compirà 16 anni. Nonostante le tante richieste arrivate, Camarda non sta prendendo in considerazione le offerte straniere. Camarda non sarà un Donnarumma bis.
Speriamo il cielo con camarda abbia voluto chiederci scusa per donnarumma.

Avere un settore giovanile di livello è stato sempre il mio sogno.
Portare in squadra ragazzi in gamba con senso di appartenenza per poi andare sul mercato a prendere vere eccellenze.

Se si deve andare sul mercato per prendere i krunic meglio spararsi nelle palle.
In primavera a centrocampo ne abbiamo almeno 3 più forti : zeroli, stalmach e eletu.
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
199,745
Reaction score
25,605
Tuttosport in edicola: l baby d’oro non ha dubbi, il Milan neanche, ma da adesso al 10 marzo 2024, quando compirà 16 anni, andrà concretamente trovato l’accordo per il contratto di Francesco Camarda e blindarlo almeno fino al 2027. Dopo l’esordio da record - a 15 anni e 260 giorni è diventato il debuttante più precoce della storia della Serie A -, ora sull’attaccante il Milan dovrà svolgere, se vogliamo, un lavoro ancora più importante: quello di proteggerlo dai fari della ribalta mediatica, ma anche dalle grinfie dei club stranieri, pronti a proporre al suo entourage contratti importanti. Manchester City, Arsenal, Newcastle e Borussia Dortmund sono solo alcuni dei club che nell’ultimo anno si sono interessati al bomberino rossonero. Il rischio che accada qualcosa già visto in passato con diversi talenti del nostro calcio - Scamacca preso dal Psv quando era nelle giovanili della Roma; Gnonto dallo Zurigo quando era all’Inter - è dietro l’angolo. Finché non avrà compiuto 16 anni, infatti, il Milan non potrà far firmare il contratto a Camarda. I contatti con Giuseppe Riso, il suo agente, sono iniziati da tempo. Già Maldini e Massara avevano iniziato a discutere nella scorsa primavera, adesso la palla è nelle mani di Furlani, Moncada e D’Ottavio, un file aperto e ben presente fra le priorità della dirigenza rossonera. Di sicuro il Milan non vuole perderlo, ma neanche Camarda, dall’innocenza dei suoi 15 anni, è intenzionato a dire addio al club. Il post di ieri su Instagram per celebrare il suo esordio, con il richiamo a un coro della Curva Sud, è eloquente: «Che dire, è stato qualcosa di unico che non dimenticherò mai. È proprio vero che “da quand’ero piccolino io mi innamorai di te, il mio cuore che batteva non mi chiedere perché”. Beh oggi il perché lo so! Ho scoperto di avere una seconda casa e la cosa più bella è che sono tutte persone come me! Vi amo, grazie!». Camarda, classe 2008, è arrivato al Milan quando aveva 7 anni dopo aver mosso i primi passi nell’annata 2014-15 nell’Afforese, società giovanile milanese. Già allora, il piccolo Camarda - che ieri a Milanello si è presentato con i pasticcini - sfidava in campo bambini di due-tre anni più grandi di lui e con le sue doti aveva subito colpito gli scout del Milan che lo fecero allenare per un giorno a settimana al Vismara, per poi tesserarlo nell’estate 2015.

GDS: Camarda oggi a scuola. Sarà interrogato. Il programma dei prossimi giorni è da definire: probabile che Pioli lo tenga ancora con sé (come ieri, pasticcini offerti alla squadra) e a seconda degli allenamenti della prima squadra, Camarda organizzerà gli impegni scolastici. Allenamento al mattino, lezioni al pomeriggio; allenamento pomeridiano, in classe al mattino. Non potrà giocare in Champions: deve prima compiere 16 anni e firmare un contratto da professionista. Sedici anni servono anche per firmare il primo contratto “pro”, che al massimo potrà estendersi per tre anni: gli agenti Giuseppe Riso e Marianna Mecacci sono al lavoro. Potrà succedere dal 10 marzo in poi: nel frattempo tutta Europa osserva.

Il Giornale: Camarda non sarà Donnarumma bis. Il ragazzo oltre che sul campo va forte anche nelle interrogazioni. In particolare nelle lingue straniere. Oggi tornerà a scuola. A meno di 48 ore dal debutto la sua vita è completamente cambiata. Il padre è tifoso milanista da sempre. Gli ha trasmesso la passione per Va Basten e Kakà. Il Milan ora se lo gode ed è pronto a blindarlo. Appuntamento a marzo, quando compirà 16 anni. Nonostante le tante richieste arrivate, Camarda non sta prendendo in considerazione le offerte straniere. Camarda non sarà un Donnarumma bis.

Col Frosinone nuova chance QUI -) Camarda: col Frosinone altra chance.
.
 
Registrato
23 Giugno 2015
Messaggi
13,054
Reaction score
2,867
Tuttosport in edicola: l baby d’oro non ha dubbi, il Milan neanche, ma da adesso al 10 marzo 2024, quando compirà 16 anni, andrà concretamente trovato l’accordo per il contratto di Francesco Camarda e blindarlo almeno fino al 2027. Dopo l’esordio da record - a 15 anni e 260 giorni è diventato il debuttante più precoce della storia della Serie A -, ora sull’attaccante il Milan dovrà svolgere, se vogliamo, un lavoro ancora più importante: quello di proteggerlo dai fari della ribalta mediatica, ma anche dalle grinfie dei club stranieri, pronti a proporre al suo entourage contratti importanti. Manchester City, Arsenal, Newcastle e Borussia Dortmund sono solo alcuni dei club che nell’ultimo anno si sono interessati al bomberino rossonero. Il rischio che accada qualcosa già visto in passato con diversi talenti del nostro calcio - Scamacca preso dal Psv quando era nelle giovanili della Roma; Gnonto dallo Zurigo quando era all’Inter - è dietro l’angolo. Finché non avrà compiuto 16 anni, infatti, il Milan non potrà far firmare il contratto a Camarda. I contatti con Giuseppe Riso, il suo agente, sono iniziati da tempo. Già Maldini e Massara avevano iniziato a discutere nella scorsa primavera, adesso la palla è nelle mani di Furlani, Moncada e D’Ottavio, un file aperto e ben presente fra le priorità della dirigenza rossonera. Di sicuro il Milan non vuole perderlo, ma neanche Camarda, dall’innocenza dei suoi 15 anni, è intenzionato a dire addio al club. Il post di ieri su Instagram per celebrare il suo esordio, con il richiamo a un coro della Curva Sud, è eloquente: «Che dire, è stato qualcosa di unico che non dimenticherò mai. È proprio vero che “da quand’ero piccolino io mi innamorai di te, il mio cuore che batteva non mi chiedere perché”. Beh oggi il perché lo so! Ho scoperto di avere una seconda casa e la cosa più bella è che sono tutte persone come me! Vi amo, grazie!». Camarda, classe 2008, è arrivato al Milan quando aveva 7 anni dopo aver mosso i primi passi nell’annata 2014-15 nell’Afforese, società giovanile milanese. Già allora, il piccolo Camarda - che ieri a Milanello si è presentato con i pasticcini - sfidava in campo bambini di due-tre anni più grandi di lui e con le sue doti aveva subito colpito gli scout del Milan che lo fecero allenare per un giorno a settimana al Vismara, per poi tesserarlo nell’estate 2015.

GDS: Camarda oggi a scuola. Sarà interrogato. Il programma dei prossimi giorni è da definire: probabile che Pioli lo tenga ancora con sé (come ieri, pasticcini offerti alla squadra) e a seconda degli allenamenti della prima squadra, Camarda organizzerà gli impegni scolastici. Allenamento al mattino, lezioni al pomeriggio; allenamento pomeridiano, in classe al mattino. Non potrà giocare in Champions: deve prima compiere 16 anni e firmare un contratto da professionista. Sedici anni servono anche per firmare il primo contratto “pro”, che al massimo potrà estendersi per tre anni: gli agenti Giuseppe Riso e Marianna Mecacci sono al lavoro. Potrà succedere dal 10 marzo in poi: nel frattempo tutta Europa osserva.

Il Giornale: Camarda non sarà Donnarumma bis. Il ragazzo oltre che sul campo va forte anche nelle interrogazioni. In particolare nelle lingue straniere. Oggi tornerà a scuola. A meno di 48 ore dal debutto la sua vita è completamente cambiata. Il padre è tifoso milanista da sempre. Gli ha trasmesso la passione per Va Basten e Kakà. Il Milan ora se lo gode ed è pronto a blindarlo. Appuntamento a marzo, quando compirà 16 anni. Nonostante le tante richieste arrivate, Camarda non sta prendendo in considerazione le offerte straniere. Camarda non sarà un Donnarumma bis.

Col Frosinone nuova chance QUI -) Camarda: col Frosinone altra chance.
Hachim-Mastour.jpg
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
199,745
Reaction score
25,605
Tuttosport in edicola: l baby d’oro non ha dubbi, il Milan neanche, ma da adesso al 10 marzo 2024, quando compirà 16 anni, andrà concretamente trovato l’accordo per il contratto di Francesco Camarda e blindarlo almeno fino al 2027. Dopo l’esordio da record - a 15 anni e 260 giorni è diventato il debuttante più precoce della storia della Serie A -, ora sull’attaccante il Milan dovrà svolgere, se vogliamo, un lavoro ancora più importante: quello di proteggerlo dai fari della ribalta mediatica, ma anche dalle grinfie dei club stranieri, pronti a proporre al suo entourage contratti importanti. Manchester City, Arsenal, Newcastle e Borussia Dortmund sono solo alcuni dei club che nell’ultimo anno si sono interessati al bomberino rossonero. Il rischio che accada qualcosa già visto in passato con diversi talenti del nostro calcio - Scamacca preso dal Psv quando era nelle giovanili della Roma; Gnonto dallo Zurigo quando era all’Inter - è dietro l’angolo. Finché non avrà compiuto 16 anni, infatti, il Milan non potrà far firmare il contratto a Camarda. I contatti con Giuseppe Riso, il suo agente, sono iniziati da tempo. Già Maldini e Massara avevano iniziato a discutere nella scorsa primavera, adesso la palla è nelle mani di Furlani, Moncada e D’Ottavio, un file aperto e ben presente fra le priorità della dirigenza rossonera. Di sicuro il Milan non vuole perderlo, ma neanche Camarda, dall’innocenza dei suoi 15 anni, è intenzionato a dire addio al club. Il post di ieri su Instagram per celebrare il suo esordio, con il richiamo a un coro della Curva Sud, è eloquente: «Che dire, è stato qualcosa di unico che non dimenticherò mai. È proprio vero che “da quand’ero piccolino io mi innamorai di te, il mio cuore che batteva non mi chiedere perché”. Beh oggi il perché lo so! Ho scoperto di avere una seconda casa e la cosa più bella è che sono tutte persone come me! Vi amo, grazie!». Camarda, classe 2008, è arrivato al Milan quando aveva 7 anni dopo aver mosso i primi passi nell’annata 2014-15 nell’Afforese, società giovanile milanese. Già allora, il piccolo Camarda - che ieri a Milanello si è presentato con i pasticcini - sfidava in campo bambini di due-tre anni più grandi di lui e con le sue doti aveva subito colpito gli scout del Milan che lo fecero allenare per un giorno a settimana al Vismara, per poi tesserarlo nell’estate 2015.

GDS: Camarda oggi a scuola. Sarà interrogato. Il programma dei prossimi giorni è da definire: probabile che Pioli lo tenga ancora con sé (come ieri, pasticcini offerti alla squadra) e a seconda degli allenamenti della prima squadra, Camarda organizzerà gli impegni scolastici. Allenamento al mattino, lezioni al pomeriggio; allenamento pomeridiano, in classe al mattino. Non potrà giocare in Champions: deve prima compiere 16 anni e firmare un contratto da professionista. Sedici anni servono anche per firmare il primo contratto “pro”, che al massimo potrà estendersi per tre anni: gli agenti Giuseppe Riso e Marianna Mecacci sono al lavoro. Potrà succedere dal 10 marzo in poi: nel frattempo tutta Europa osserva.

Il Giornale: Camarda non sarà Donnarumma bis. Il ragazzo oltre che sul campo va forte anche nelle interrogazioni. In particolare nelle lingue straniere. Oggi tornerà a scuola. A meno di 48 ore dal debutto la sua vita è completamente cambiata. Il padre è tifoso milanista da sempre. Gli ha trasmesso la passione per Va Basten e Kakà. Il Milan ora se lo gode ed è pronto a blindarlo. Appuntamento a marzo, quando compirà 16 anni. Nonostante le tante richieste arrivate, Camarda non sta prendendo in considerazione le offerte straniere. Camarda non sarà un Donnarumma bis.

Col Frosinone nuova chance QUI -) Camarda: col Frosinone altra chance.
.
 
Stato
Chiusa ad ulteriori risposte.
Alto
head>