Calhanoglu:"Prossima stagione ultima, dovrò decidere bene"

Swaitak

Senior Member
Registrato
22 Aprile 2019
Messaggi
23,592
Reaction score
14,652
Calhanoglu a Goal.com parla a 360 gradi

Sulla sfida contro la Juve. "Ci si sente molto bene, abbiamo giocato contro una squadra molto forte. Dopo il 2-0 non ci siamo mai arresi e abbiamo provato a fare qualcosa creando molte occasioni. Dopo il rigore che Zlatan ha segnato, la fiducia è tornata. È una sensazione incredibile, siamo così felici e ora l'atmosfera è incredibile. Tutti speriamo possa continuare. Anche in Coppa Italia abbiamo giocato bene contro la Juventus, ma è stato difficile con un giocatore in meno. Con 10, devi correre di più e difendere di più. Quella gara era nella nostra mente durante la partita di campionato"

Forte contro le Big. "In passato ci siamo persi questa caratteristica contro le big. Ora abbiamo battuto la Roma, la Lazio e ora la Juventus. Se giochiamo come una squadra, possiamo essere davvero un buon team. Ora siamo molto fiduciosi perché abbiamo battuto tre grandi club e non è facile batterli. Sappiamo che meritavamo di essere lassù, stanno cominciando a capire che è dura sfidarci. Sono davvero felice per il nostro allenatore che ci motiva ogni giorno. È sempre positivo".

Pioli: "Mi ha portato nella sua stanza e mi ha parlato dicendomi che mi conosce da Leverkusen perché ho giocato contro di lui quando allenava la Lazio. Mi ha detto che conosce il mio ruolo e le mie qualità. Gli ho detto che mi piace giocare come numero 10 perché questa è la mia posizione naturale. Mi ha dato tutta la sicurezza di cui ho bisogno in campo".

Su Ibra: "L'età è quella che è, ma si sente giovane in campo perché non vuole mai rinunciare. È un grande giocatore con un grande personaggio, ha una grande passione e vuole vincere ogni volta. Quando perde, è davvero arrabbiato. E' normale, considerando quanto ha vinto. È un leader nel nostro team. Ci aiuta molto anche fuori dal campo, ci sentiamo davvero a nostro agio con lui. Dopo l'allenamento, mi dà sempre alcuni consigli su cosa posso fare meglio sul campo. È un vero leone, basta vedere come si allena e gioca. Vuole vincere sempre, anche in allenamento. Una volta ho giocato con lui ed era furioso, è entrato nello spogliatoio davvero arrabbiato. Questo è quello che mi piace vedere di lui, la sua mentalità è fortissima".

Sul Milan: "Sono qui da 3 anni, ma da quando sono qui le cose cambiano sempre. Mi sono già allenato con quattro allenatori e dirigenti, la stabilità non è come prima al Milan. Tutti cercano di fare il meglio per il club ma manca qualcosa. Spero di poter riportare il Milan a quello che era prima.

Sull'arrivo al Milan. "Non dimentichiamo che non ho giocato per 6 mesi quando sono arrivato a Milano. È stato molto difficile per me tornare in campo, ero in cattive condizioni fisiche. Arrivando in un grande club come il Milan, le persone si aspettano tanto da me perché mi conoscono da Leverkusen. Il primo anno non ho giocato come volevo. Il secondo anno giocavo meglio giorno dopo giorno e quando è arrivato Gattuso mi ha dato molta energia, spingendomi molto. A volte mi ha lasciato giocare nel mio ruolo, ma tatticamente non era come Pioli, è più difensivista. Con Pioli giochiamo in modo aggressivo e sempre in maniera offensiva. Sì, è il mio anno migliore"

Sul futuro: "Il Milan è grande e rimane tale, un club incredibile. Lo sanno tutti. È diverso dal Leverkusen che è un piccolo club, ma gioca sempre in Champions League. Sono venuto a Milano con tutto il cuore e voglio giocare in Champions con i rossoneri. È lì che deve essere il club. Penso sia il momento in cui devo decidere bene perché la prossima stagione è l'ultima. Ora ho 7 partite davanti a me. Ho iniziato bene dopo il coronavirus e voglio continuare così, poi vedremo cosa succederà in futuro. Devo decidere con il mio agente. Amo il Milan ed è fantastico per me indossare il numero 10 perché so i grandi giocatori che l'hanno avuto".

Sulle punizioni: "L'allenatore decide chi le batte. Quando ero a Leverkusen, il mio allenatore decise di affidarle solo a me. Se qualcuno si avvicinava alla palla, si arrabbiava. Sapeva che mi sento meglio quando sono solo sul pallone, così posso concentrarmi di più. Qui avevo Suso e ora Zlatan, a lui è difficile togliere la palla... (ride, ndr). Voglio segnare su punizione e so che posso farcela. Se rimango solo, la fiducia in me è più forte. Quando tiro i calci di punizione, voglio rimanere da solo sulla palla e posso decidere cosa fare. Quando c'è qualcun altro, allora ci sono altre idee. Piccole cose ma per me fa la differenza".

grazie a coloro che l'hanno messo al centro del progetto, questo crede di essere un campione dopo 3 partite discrete su 100
 

Milo

Member
Registrato
30 Agosto 2012
Messaggi
9,409
Reaction score
1,112
Fa schifo e se la tira a che, addiooooooooosssssss!!!!!
 
Registrato
23 Giugno 2015
Messaggi
13,164
Reaction score
2,955
i nostri sono diventati dei chiaccheroni...è bastato 1 mese fatto bene e qualche moina dai giornali...

praticamente Calhanoglu non sa se resterà perchè ha ambizioni forse non compatibili con il Milan...in altre parole il Milan inizia a stargli stretto...:facepalm:

si forse è davvero giunta l'ora che arrivi Ragnick e dia un cambio di mentalità...forse la sua idea di avere giovani che fanno un pò i soldatini e testa bassa e lavorare non è poi cosi folle..
 

IlProfessore

Bannato
Registrato
1 Dicembre 2019
Messaggi
135
Reaction score
5
Eccone un altro... tre anni di prestazioni indegne, la tenuta fisica di una mozzarella scaduta e una mosceria da far deprimere un cavallo imbottito di viagra e appena fa mezzo gol (per altro su tiro deviato) si sente il nuovo Rivera... ma vai a distribuire pop corn nei cinema deserti, cialtrone. Pippa al sugo. Fuori dall'A.C.Milan 'sta gentaglia.
 

IlProfessore

Bannato
Registrato
1 Dicembre 2019
Messaggi
135
Reaction score
5
Ma poi che parli? Cosa rilasci interviste se hai il carisma di un lombrico asfaltato? Parla lui... ringrazia il padre eterno che ti hanno dato un lavoro e togliti 'sta 10 che non vali l'unghia incarnita di un Morfeo... zecca depauperante, verme. Vuole fare la Champion's lui... ma vai a sbucciare piselli, scarparo. Via.
 

7AlePato7

Senior Member
Registrato
3 Settembre 2012
Messaggi
24,185
Reaction score
11,661
Calhanoglu a Goal.com parla a 360 gradi

Sulla sfida contro la Juve. "Ci si sente molto bene, abbiamo giocato contro una squadra molto forte. Dopo il 2-0 non ci siamo mai arresi e abbiamo provato a fare qualcosa creando molte occasioni. Dopo il rigore che Zlatan ha segnato, la fiducia è tornata. È una sensazione incredibile, siamo così felici e ora l'atmosfera è incredibile. Tutti speriamo possa continuare. Anche in Coppa Italia abbiamo giocato bene contro la Juventus, ma è stato difficile con un giocatore in meno. Con 10, devi correre di più e difendere di più. Quella gara era nella nostra mente durante la partita di campionato"

Forte contro le Big. "In passato ci siamo persi questa caratteristica contro le big. Ora abbiamo battuto la Roma, la Lazio e ora la Juventus. Se giochiamo come una squadra, possiamo essere davvero un buon team. Ora siamo molto fiduciosi perché abbiamo battuto tre grandi club e non è facile batterli. Sappiamo che meritavamo di essere lassù, stanno cominciando a capire che è dura sfidarci. Sono davvero felice per il nostro allenatore che ci motiva ogni giorno. È sempre positivo".

Pioli: "Mi ha portato nella sua stanza e mi ha parlato dicendomi che mi conosce da Leverkusen perché ho giocato contro di lui quando allenava la Lazio. Mi ha detto che conosce il mio ruolo e le mie qualità. Gli ho detto che mi piace giocare come numero 10 perché questa è la mia posizione naturale. Mi ha dato tutta la sicurezza di cui ho bisogno in campo".

Su Ibra: "L'età è quella che è, ma si sente giovane in campo perché non vuole mai rinunciare. È un grande giocatore con un grande personaggio, ha una grande passione e vuole vincere ogni volta. Quando perde, è davvero arrabbiato. E' normale, considerando quanto ha vinto. È un leader nel nostro team. Ci aiuta molto anche fuori dal campo, ci sentiamo davvero a nostro agio con lui. Dopo l'allenamento, mi dà sempre alcuni consigli su cosa posso fare meglio sul campo. È un vero leone, basta vedere come si allena e gioca. Vuole vincere sempre, anche in allenamento. Una volta ho giocato con lui ed era furioso, è entrato nello spogliatoio davvero arrabbiato. Questo è quello che mi piace vedere di lui, la sua mentalità è fortissima".

Sul Milan: "Sono qui da 3 anni, ma da quando sono qui le cose cambiano sempre. Mi sono già allenato con quattro allenatori e dirigenti, la stabilità non è come prima al Milan. Tutti cercano di fare il meglio per il club ma manca qualcosa. Spero di poter riportare il Milan a quello che era prima.

Sull'arrivo al Milan. "Non dimentichiamo che non ho giocato per 6 mesi quando sono arrivato a Milano. È stato molto difficile per me tornare in campo, ero in cattive condizioni fisiche. Arrivando in un grande club come il Milan, le persone si aspettano tanto da me perché mi conoscono da Leverkusen. Il primo anno non ho giocato come volevo. Il secondo anno giocavo meglio giorno dopo giorno e quando è arrivato Gattuso mi ha dato molta energia, spingendomi molto. A volte mi ha lasciato giocare nel mio ruolo, ma tatticamente non era come Pioli, è più difensivista. Con Pioli giochiamo in modo aggressivo e sempre in maniera offensiva. Sì, è il mio anno migliore"

Sul futuro: "Il Milan è grande e rimane tale, un club incredibile. Lo sanno tutti. È diverso dal Leverkusen che è un piccolo club, ma gioca sempre in Champions League. Sono venuto a Milano con tutto il cuore e voglio giocare in Champions con i rossoneri. È lì che deve essere il club. Penso sia il momento in cui devo decidere bene perché la prossima stagione è l'ultima. Ora ho 7 partite davanti a me. Ho iniziato bene dopo il coronavirus e voglio continuare così, poi vedremo cosa succederà in futuro. Devo decidere con il mio agente. Amo il Milan ed è fantastico per me indossare il numero 10 perché so i grandi giocatori che l'hanno avuto".

Sulle punizioni: "L'allenatore decide chi le batte. Quando ero a Leverkusen, il mio allenatore decise di affidarle solo a me. Se qualcuno si avvicinava alla palla, si arrabbiava. Sapeva che mi sento meglio quando sono solo sul pallone, così posso concentrarmi di più. Qui avevo Suso e ora Zlatan, a lui è difficile togliere la palla... (ride, ndr). Voglio segnare su punizione e so che posso farcela. Se rimango solo, la fiducia in me è più forte. Quando tiro i calci di punizione, voglio rimanere da solo sulla palla e posso decidere cosa fare. Quando c'è qualcun altro, allora ci sono altre idee. Piccole cose ma per me fa la differenza".
Francamente è uno dei peggiori 10 che hanno vestito la nostra maglia. Ora sta facendo meglio, ma non è certo un campione che fa la differenza.
 

meteoras1982

Junior Member
Registrato
30 Agosto 2012
Messaggi
1,785
Reaction score
445
Ma mo rimpiangiamo pure questo pacco ma dai!!!! Se vuole andare via non mi strapperò le vesti.
 

Marcex7

Member
Registrato
25 Maggio 2018
Messaggi
2,802
Reaction score
552
"Se rimango solo, la fiducia in me è più forte. Quando tiro i calci di punizione, voglio rimanere da solo sulla palla e posso decidere cosa fare."
Questo deve giocare nell'Fc Sapienza.Ha la personalità di una scatola da scarpe
 

Miracle1980

Member
Registrato
28 Aprile 2016
Messaggi
1,563
Reaction score
90
La prossima è l'ultima stagione per qualificarsi con il Milan in Champions. In caso contrario sarà un fallimento.
Questo vale anche per il Milan altrimenti il misterioso acquirente sposta il radar altrove.
 
Alto
head>