Calhanoglu:"Al Milan non ero pronto a fare il regista. Poi...".

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
203,826
Reaction score
27,220
Calhanoglu a DAZN:"Io regista? Al Milan non ero pronto, quando è successo qui lo ero. Ho detto subito sì al mister, perché volevo mettermi alla prova. Quando hai l'età giusta cambiare posizione ti pesa meno, è stato un momento fondamentale nel mio percorso. Il lancio contro la Juventus? Io cercherò sempre in campo questo tipo di passaggi, non mi piace gestire sempre. Mi piace verticalizzare subito, giocare veloce perché abbiamo giocatori che vanno in profondità. Qui avevo già visto Dimash che correva prima di ricevere il pallone, i miei compagni sanno che questi palloni arrivano. Purtroppo Marcus non ha segnato ma è stata una buona azione".

Tu sapevi già che lì c'era Dimarco, è l'emblema di come giocate. Sapete già in anticipo i movimenti, è tutto codificato.

"Conosciamo le nostre qualità. Ora siamo insieme da tre anni e ogni anno ci conosciamo meglio. Loro conoscono le mie qualità, io conosco le loro e in campo si vede".

La sensazione è che tu ti diverta a fare scivolate e tackle.

"Sì, mi piace ed è meglio se prendo il pallone. Mi piace correre e lavorare, credo che se sono diventato così importante è perché ho fatto tanti sacrifici. Mi diverte fare queste cose".
 
Registrato
11 Aprile 2016
Messaggi
59,960
Reaction score
25,668
Calhanoglu a DAZN:"Io regista? Al Milan non ero pronto, quando è successo qui lo ero. Ho detto subito sì al mister, perché volevo mettermi alla prova. Quando hai l'età giusta cambiare posizione ti pesa meno, è stato un momento fondamentale nel mio percorso. Il lancio contro la Juventus? Io cercherò sempre in campo questo tipo di passaggi, non mi piace gestire sempre. Mi piace verticalizzare subito, giocare veloce perché abbiamo giocatori che vanno in profondità. Qui avevo già visto Dimash che correva prima di ricevere il pallone, i miei compagni sanno che questi palloni arrivano. Purtroppo Marcus non ha segnato ma è stata una buona azione".

Tu sapevi già che lì c'era Dimarco, è l'emblema di come giocate. Sapete già in anticipo i movimenti, è tutto codificato.

"Conosciamo le nostre qualità. Ora siamo insieme da tre anni e ogni anno ci conosciamo meglio. Loro conoscono le mie qualità, io conosco le loro e in campo si vede".

La sensazione è che tu ti diverta a fare scivolate e tackle.

"Sì, mi piace ed è meglio se prendo il pallone. Mi piace correre e lavorare, credo che se sono diventato così importante è perché ho fatto tanti sacrifici. Mi diverte fare queste cose".

01hm3ngdb2myv3zwazwe.jpg
Non per fargli crollare l'ego ma contro l'Atletico ha giocato da 4.
17 palloni persi li ho contati io, poi mi sono fermato perché 17 porta sfigaa.
Il regista dei poveri.
 

gabri65

BFMI-class member
Registrato
26 Giugno 2018
Messaggi
20,958
Reaction score
15,529
Calhanoglu a DAZN:"Io regista? Al Milan non ero pronto, quando è successo qui lo ero. Ho detto subito sì al mister, perché volevo mettermi alla prova. Quando hai l'età giusta cambiare posizione ti pesa meno, è stato un momento fondamentale nel mio percorso. Il lancio contro la Juventus? Io cercherò sempre in campo questo tipo di passaggi, non mi piace gestire sempre. Mi piace verticalizzare subito, giocare veloce perché abbiamo giocatori che vanno in profondità. Qui avevo già visto Dimash che correva prima di ricevere il pallone, i miei compagni sanno che questi palloni arrivano. Purtroppo Marcus non ha segnato ma è stata una buona azione".

Tu sapevi già che lì c'era Dimarco, è l'emblema di come giocate. Sapete già in anticipo i movimenti, è tutto codificato.

"Conosciamo le nostre qualità. Ora siamo insieme da tre anni e ogni anno ci conosciamo meglio. Loro conoscono le mie qualità, io conosco le loro e in campo si vede".

La sensazione è che tu ti diverta a fare scivolate e tackle.

"Sì, mi piace ed è meglio se prendo il pallone. Mi piace correre e lavorare, credo che se sono diventato così importante è perché ho fatto tanti sacrifici. Mi diverte fare queste cose".

Un sempreverde.

 
Registrato
18 Settembre 2017
Messaggi
14,774
Reaction score
5,973
Calhanoglu a DAZN:"Io regista? Al Milan non ero pronto, quando è successo qui lo ero. Ho detto subito sì al mister, perché volevo mettermi alla prova. Quando hai l'età giusta cambiare posizione ti pesa meno, è stato un momento fondamentale nel mio percorso. Il lancio contro la Juventus? Io cercherò sempre in campo questo tipo di passaggi, non mi piace gestire sempre. Mi piace verticalizzare subito, giocare veloce perché abbiamo giocatori che vanno in profondità. Qui avevo già visto Dimash che correva prima di ricevere il pallone, i miei compagni sanno che questi palloni arrivano. Purtroppo Marcus non ha segnato ma è stata una buona azione".

Tu sapevi già che lì c'era Dimarco, è l'emblema di come giocate. Sapete già in anticipo i movimenti, è tutto codificato.

"Conosciamo le nostre qualità. Ora siamo insieme da tre anni e ogni anno ci conosciamo meglio. Loro conoscono le mie qualità, io conosco le loro e in campo si vede".

La sensazione è che tu ti diverta a fare scivolate e tackle.

"Sì, mi piace ed è meglio se prendo il pallone. Mi piace correre e lavorare, credo che se sono diventato così importante è perché ho fatto tanti sacrifici. Mi diverte fare queste cose".
tutto codificato. Basta guardare le partite, tutto come alla play station, situazioni provate è riprovate. Chala da noi questi lanci non li potrebbe fare perché vogliamo palla addosso, non ci muoviamo figurati attaccare lo spazio.

Se mettessimo una telecamera dall'alto vedremo una squadra in continuo movimento dove tutti sono collegati nello sviluppo della manovra a partire dalportiere. Da una altra una squadra ferma, con i vari Pulisic Leao ecc che per fare movimento devono andare allo scontro fisico cercando con forza di saltare il proprio uomo.

Di mondi agli antipodi.
 
Registrato
15 Maggio 2018
Messaggi
6,511
Reaction score
1,407
E si,
loro in 3 anni si sono specializzati, Inzaghi propone sempre gli stessi concetti e a furia di lavorare insieme, vengono assimilati.
Coprono bene il campo, sono compatti, sanno cosa fare e come attaccare.

Noi abbiamo medioman che si sente l’Oracolo, ogni anno sa lui come cambiare principi di gioco, così che ogni anno è come ripartire da 0.
Quello che poi notiamo è che la fase difensiva è peggiorata, che la fase offensiva è lasciata al caso, alle capacità individuali.
Siamo lunghi, pressiamo male, e gli unici movimenti senza palla li fanno i tifosi quando cercano il loro posto allo stadio per vedere la partita e quando se ne vanno, una volta finita.
 
Registrato
26 Marzo 2017
Messaggi
5,287
Reaction score
535
tutto codificato. Basta guardare le partite, tutto come alla play station, situazioni provate è riprovate. Chala da noi questi lanci non li potrebbe fare perché vogliamo palla addosso, non ci muoviamo figurati attaccare lo spazio.

Se mettessimo una telecamera dall'alto vedremo una squadra in continuo movimento dove tutti sono collegati nello sviluppo della manovra a partire dalportiere. Da una altra una squadra ferma, con i vari Pulisic Leao ecc che per fare movimento devono andare allo scontro fisico cercando con forza di saltare il proprio uomo.

Di mondi agli antipodi.

C'è da dire però che i registi centrali di difesa e i centrali di difesa centrocampisti sono mosse equiparabili a Theo e Calabria che vengono in mezzo, non è che Pioli sia meno stravagante, logicamente chi vince ha sempre ragione, se perdi prendi pernacchie
 
Alto
head>