Anthony Hopkins: "Cancel culture nuovo fascismo."

Toby rosso nero

Moderatore
Membro dello Staff
Registrato
29 Agosto 2012
Messaggi
40,608
Reaction score
20,866
Sfogo del celebre attore Anthony Hopkins contro il woke di Hollywood, le nuove ideologie del pensiero unico nell'arte, società e letteratura:

"Viviamo nella cultura del nuovo fascismo, della cancel culture. Non c'è più libertà di parola. Tutti hanno paura di esprimere il proprio pensiero, altrimenti vieni giudicato, marchiato.
Oggi se dici qualcosa, sei cancellato. Le persone vivono nel terrore di non poter dire quello che pensano. E questo richiama alla Germania nazista, ricorda l'Unione Sovietica e Stalin, il maccartismo americano. La dittatura del pensiero 'giusto' è terribile.
Chi vuole imporre il proprio pensiero, cancellare la cultura, pensa di essere nel giusto Le persone che si attengono a questo standard dicono: 'Ti sbagli, io sono nel giusto'. La virtù di essere nel giusto. Ma nella storia, queste virtù finiscono per lo sfociare nell'assassinio. Basta guardare agli orrori degli ultimi cento anni. Milioni di russi massacrati da Hitler, Mao Zedong. La strada verso la grande utopia è sempre un bagno di sangue."
 

Mika

Senior Member
Registrato
29 Aprile 2017
Messaggi
13,566
Reaction score
6,057
Sfogo del celebre attore Anthony Hopkins contro il woke di Hollywood, le nuove ideologie del pensiero unico nell'arte, società e letteratura:

"Viviamo nella cultura del nuovo fascismo, della cancel culture. Non c'è più libertà di parola. Tutti hanno paura di esprimere il proprio pensiero, altrimenti vieni giudicato, marchiato.
Oggi se dici qualcosa, sei cancellato. Le persone vivono nel terrore di non poter dire quello che pensano. E questo richiama alla Germania nazista, ricorda l'Unione Sovietica e Stalin, il maccartismo americano. La dittatura del pensiero 'giusto' è terribile.
Chi vuole imporre il proprio pensiero, cancellare la cultura, pensa di essere nel giusto Le persone che si attengono a questo standard dicono: 'Ti sbagli, io sono nel giusto'. La virtù di essere nel giusto. Ma nella storia, queste virtù finiscono per lo sfociare nell'assassinio. Basta guardare agli orrori degli ultimi cento anni. Milioni di russi massacrati da Hitler, Mao Zedong. La strada verso la grande utopia è sempre un bagno di sangue."
Ha ragione ma lui ora ha finito di lavorare.
 

Swaitak

Senior Member
Registrato
22 Aprile 2019
Messaggi
23,528
Reaction score
14,603
Sfogo del celebre attore Anthony Hopkins contro il woke di Hollywood, le nuove ideologie del pensiero unico nell'arte, società e letteratura:

"Viviamo nella cultura del nuovo fascismo, della cancel culture. Non c'è più libertà di parola. Tutti hanno paura di esprimere il proprio pensiero, altrimenti vieni giudicato, marchiato.
Oggi se dici qualcosa, sei cancellato. Le persone vivono nel terrore di non poter dire quello che pensano. E questo richiama alla Germania nazista, ricorda l'Unione Sovietica e Stalin, il maccartismo americano. La dittatura del pensiero 'giusto' è terribile.
Chi vuole imporre il proprio pensiero, cancellare la cultura, pensa di essere nel giusto Le persone che si attengono a questo standard dicono: 'Ti sbagli, io sono nel giusto'. La virtù di essere nel giusto. Ma nella storia, queste virtù finiscono per lo sfociare nell'assassinio. Basta guardare agli orrori degli ultimi cento anni. Milioni di russi massacrati da Hitler, Mao Zedong. La strada verso la grande utopia è sempre un bagno di sangue."
senza se e senza ma, ed ancora siamo un po liberi
 

Gamma

Junior Member
Registrato
6 Giugno 2019
Messaggi
4,858
Reaction score
3,715
Sfogo del celebre attore Anthony Hopkins contro il woke di Hollywood, le nuove ideologie del pensiero unico nell'arte, società e letteratura:

"Viviamo nella cultura del nuovo fascismo, della cancel culture. Non c'è più libertà di parola. Tutti hanno paura di esprimere il proprio pensiero, altrimenti vieni giudicato, marchiato.
Oggi se dici qualcosa, sei cancellato. Le persone vivono nel terrore di non poter dire quello che pensano. E questo richiama alla Germania nazista, ricorda l'Unione Sovietica e Stalin, il maccartismo americano. La dittatura del pensiero 'giusto' è terribile.
Chi vuole imporre il proprio pensiero, cancellare la cultura, pensa di essere nel giusto Le persone che si attengono a questo standard dicono: 'Ti sbagli, io sono nel giusto'. La virtù di essere nel giusto. Ma nella storia, queste virtù finiscono per lo sfociare nell'assassinio. Basta guardare agli orrori degli ultimi cento anni. Milioni di russi massacrati da Hitler, Mao Zedong. La strada verso la grande utopia è sempre un bagno di sangue."
Tutto sacrosanto.

In questo caso, parafrasando, con l'impossibilità di potersi esprimere per paura di ritorsioni, parliamo davvero de "il silenzio degli innocenti".
 

Djici

Senior Member
Registrato
27 Agosto 2012
Messaggi
27,314
Reaction score
6,710
Sfogo del celebre attore Anthony Hopkins contro il woke di Hollywood, le nuove ideologie del pensiero unico nell'arte, società e letteratura:

"Viviamo nella cultura del nuovo fascismo, della cancel culture. Non c'è più libertà di parola. Tutti hanno paura di esprimere il proprio pensiero, altrimenti vieni giudicato, marchiato.
Oggi se dici qualcosa, sei cancellato. Le persone vivono nel terrore di non poter dire quello che pensano. E questo richiama alla Germania nazista, ricorda l'Unione Sovietica e Stalin, il maccartismo americano. La dittatura del pensiero 'giusto' è terribile.
Chi vuole imporre il proprio pensiero, cancellare la cultura, pensa di essere nel giusto Le persone che si attengono a questo standard dicono: 'Ti sbagli, io sono nel giusto'. La virtù di essere nel giusto. Ma nella storia, queste virtù finiscono per lo sfociare nell'assassinio. Basta guardare agli orrori degli ultimi cento anni. Milioni di russi massacrati da Hitler, Mao Zedong. La strada verso la grande utopia è sempre un bagno di sangue."
Dead man walking
 
Registrato
26 Febbraio 2018
Messaggi
5,945
Reaction score
2,748
Sfogo del celebre attore Anthony Hopkins contro il woke di Hollywood, le nuove ideologie del pensiero unico nell'arte, società e letteratura:

"Viviamo nella cultura del nuovo fascismo, della cancel culture. Non c'è più libertà di parola. Tutti hanno paura di esprimere il proprio pensiero, altrimenti vieni giudicato, marchiato.
Oggi se dici qualcosa, sei cancellato. Le persone vivono nel terrore di non poter dire quello che pensano. E questo richiama alla Germania nazista, ricorda l'Unione Sovietica e Stalin, il maccartismo americano. La dittatura del pensiero 'giusto' è terribile.
Chi vuole imporre il proprio pensiero, cancellare la cultura, pensa di essere nel giusto Le persone che si attengono a questo standard dicono: 'Ti sbagli, io sono nel giusto'. La virtù di essere nel giusto. Ma nella storia, queste virtù finiscono per lo sfociare nell'assassinio. Basta guardare agli orrori degli ultimi cento anni. Milioni di russi massacrati da Hitler, Mao Zedong. La strada verso la grande utopia è sempre un bagno di sangue."
Gli daranno del rimba e la risolvono così, come han fatto di recente in altre recenti vicissitudini con altri illustri personaggi in avanti con gli anni e che, anche per questo, si son permessi di dire la verità.
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
203,722
Reaction score
27,150
Lui poveretto ha l'età di Mosé, non gli resta molto davanti.

Sarebbe bello che prendessero nota e lo appoggiassero i ridicoli fluido attori di oggi, vedi Timoteé Chalamet o come cavolo si chiama quell'androgino che va tanto di moda adesso.

Segnatevelo: prima o poi uscirà il gossip su DamiANO Manikin che si è ingroppato Timoteo Caramella, e viceversa. Tra gli olè dei media del patronato e dei decerebrati che gli vanno appresso
 

Milanismo

Well-known member
Registrato
4 Dicembre 2022
Messaggi
2,806
Reaction score
2,030
Sfogo del celebre attore Anthony Hopkins contro il woke di Hollywood, le nuove ideologie del pensiero unico nell'arte, società e letteratura:

"Viviamo nella cultura del nuovo fascismo, della cancel culture. Non c'è più libertà di parola. Tutti hanno paura di esprimere il proprio pensiero, altrimenti vieni giudicato, marchiato.
Oggi se dici qualcosa, sei cancellato. Le persone vivono nel terrore di non poter dire quello che pensano. E questo richiama alla Germania nazista, ricorda l'Unione Sovietica e Stalin, il maccartismo americano. La dittatura del pensiero 'giusto' è terribile.
Chi vuole imporre il proprio pensiero, cancellare la cultura, pensa di essere nel giusto Le persone che si attengono a questo standard dicono: 'Ti sbagli, io sono nel giusto'. La virtù di essere nel giusto. Ma nella storia, queste virtù finiscono per lo sfociare nell'assassinio. Basta guardare agli orrori degli ultimi cento anni. Milioni di russi massacrati da Hitler, Mao Zedong. La strada verso la grande utopia è sempre un bagno di sangue."
Ha ragione da vendere
 

Mika

Senior Member
Registrato
29 Aprile 2017
Messaggi
13,566
Reaction score
6,057
Lui poveretto ha l'età di Mosé, non gli resta molto davanti.

Sarebbe bello che prendessero nota e lo appoggiassero i ridicoli fluido attori di oggi, vedi Timoteé Chalamet o come cavolo si chiama quell'androgino che va tanto di moda adesso.
Vorrà dire che allora non verrà ricordato o al momento del ricordo ci saranno i post dei Woke Progressisti che festeggeranno. Perché sono capaci anche di festeggiare le morti di chi non segue il loro culto.
 
Alto
head>