Ti stiamo aspettando! Bastano 30 secondi per registrarsi sulla più grande community rossonera e condividere le proprie passioni con migliaia di utenti! registrati subito! (Ti preghiamo di attendere l'attivazione dopo l'iscrizione)

Top 22 Stats
Loading... Latest Posts
Loading...
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Loading...
 

Pagina 11 di 11 PrimaPrima ... 91011
Risultati da 101 a 109 di 109
  1. #101
    Citazione Originariamente Scritto da MarcoG Visualizza Messaggio
    Beh insomma... praticamente ogni cosa che hanno fatta si è rivelato un danno sociale ed economico. Il Decreto Dignità ha portato perdita di posti di lavoro (ed ora è una cosa certa, non più paventata), la finanziaria è stata una barzelletta a debito, l'economia si è fermata completamente, le grandi opere sono state bloccate, la nostra credibilità internazionale è stata enormemente minata, le nostre banche sono tutte in sofferenza per l'alto tasso spread da mesi, i nostri titoli di Stato non sappiamo a chi venderli, la disoccupazione è diminuita ma sono aumentati del 10% gli inoccupati (disoccupati che non cercano lavoro perché rassegnati)... e si potrebbe continuare...

    Non è che i consensi persi dal governo 5 stelle siano frutto di follia collettiva... e non si tratta di pochi punti percentuali, si parla del 50% (in alcune amministrazioni) perso in pochi mesi..

    Quello che mi aspettavo io però, ad onor del vero, era di peggio. Ero convinto che non sarebbero neanche riusciti a fare una finanziaria...
    L'economia ha una forza inerziale. E' come un veicolo lanciato, chi prende il comando ci può applicare forze differenti, di frenata, accelerazione, sterzata, ma il veicolo opporrà resistenza inerziale.
    L' Italia del 2018/19 non è la stessa Italia del passato purtroppo. I danni dei precedenti governi e i danni della UE e dell' Euro proseguono.

  2. #102
    Member
    Data Registrazione
    Feb 2015
    Messaggi
    2,204
    Citazione Originariamente Scritto da FiglioDelDioOdino Visualizza Messaggio
    L'economia ha una forza inerziale. E' come un veicolo lanciato, chi prende il comando ci può applicare forze differenti, di frenata, accelerazione, sterzata, ma il veicolo opporrà resistenza inerziale.
    L' Italia del 2018/19 non è la stessa Italia del passato purtroppo. I danni dei precedenti governi e i danni della UE e dell' Euro proseguono.
    In buona parte è sicuramente vero, ma non si può dire che sia colpa esclusiva del PD l'attuale stato delle cose (occhio che odio Renzi, non parlo quindi per uno o l'altro partito). Di fatto negli ultimi sei mesi non c'è stato alcun cambiamento o misura economica rilevante, solo tanta propaganda. Perché dovrebbe ridursi il numero dei lavoratori indeterminati? Perché dovrebbe aumentare la produzione in qualsivoglia settore industriale? Se non si interviene in maniera pesante, a mio modo di vedere prevalentemente sulle imprese, tutto il resto sarà bloccato.

    Forse sono io che la faccio semplice, ma sinceramente se metti i 10 miliardi di una delle due trovate (reddito e quota 100) non più per queste cose ma per ridurre la pressione fiscale alle imprese, sicuramente hai una ripresa economica e un aumento dei lavoratori.
    Dico di più. Se ti metti a togliere tutte le tasse solo al sud, tempo dieci anni e non esisterà più il divario sud e nord.

    E' fantascienza, mi rendo conto che ci sono mille problemi e mille interessi, ma su alcuni principi economici non si scappa. La produzione determina aumento dei salari e del tenore della vita. Su quella si deve agire.
    Poi è ovvio che vorrei dare un reddito a tutti e mandare in pensione tutti a 30 anni, ma serve comunque avere delle priorità.

  3. #103
    Citazione Originariamente Scritto da MarcoG Visualizza Messaggio
    In buona parte è sicuramente vero, ma non si può dire che sia colpa esclusiva del PD l'attuale stato delle cose (occhio che odio Renzi, non parlo quindi per uno o l'altro partito). Di fatto negli ultimi sei mesi non c'è stato alcun cambiamento o misura economica rilevante, solo tanta propaganda. Perché dovrebbe ridursi il numero dei lavoratori indeterminati? Perché dovrebbe aumentare la produzione in qualsivoglia settore industriale? Se non si interviene in maniera pesante, a mio modo di vedere prevalentemente sulle imprese, tutto il resto sarà bloccato.

    Forse sono io che la faccio semplice, ma sinceramente se metti i 10 miliardi di una delle due trovate (reddito e quota 100) non più per queste cose ma per ridurre la pressione fiscale alle imprese, sicuramente hai una ripresa economica e un aumento dei lavoratori.
    Dico di più. Se ti metti a togliere tutte le tasse solo al sud, tempo dieci anni e non esisterà più il divario sud e nord.

    E' fantascienza, mi rendo conto che ci sono mille problemi e mille interessi, ma su alcuni principi economici non si scappa. La produzione determina aumento dei salari e del tenore della vita. Su quella si deve agire.
    Poi è ovvio che vorrei dare un reddito a tutti e mandare in pensione tutti a 30 anni, ma serve comunque avere delle priorità.
    Sopravvaluti grandemente l'importanza delle istituzioni italiane sull'andamento dell'economia. L'economia funziona da sola, l'intervento migliore che si possa fare è diminuire le tasse come hai detto.
    Ma la "produzione" è un falso mito. Produrre cosa e per chi? Siamo già in over-produzione, se la domanda aumenta aumenta la produzione, e purtroppo la domanda è soddisfatta da paesi stranieri Cina in primis, che cresce soddisfando la nostra domanda.
    10 miliardi non sono tanti purtroppo se si relativizzano. L'embargo alla Russia per esempio ci costa 14 miliardi all'anno, questa cifra sì che è stata persa da un giorno all'altro e la colpa è del PD (partito che obbedisce alle oligarchie di potere che governano anche l'UE e l' ONU).

  4. #104
    Member
    Data Registrazione
    Feb 2015
    Messaggi
    2,204
    Citazione Originariamente Scritto da FiglioDelDioOdino Visualizza Messaggio
    Sopravvaluti grandemente l'importanza delle istituzioni italiane sull'andamento dell'economia. L'economia funziona da sola, l'intervento migliore che si possa fare è diminuire le tasse come hai detto.
    Ma la "produzione" è un falso mito. Produrre cosa e per chi? Siamo già in over-produzione, se la domanda aumenta aumenta la produzione, e purtroppo la domanda è soddisfatta da paesi stranieri Cina in primis, che cresce soddisfando la nostra domanda.
    10 miliardi non sono tanti purtroppo se si relativizzano. L'embargo alla Russia per esempio ci costa 14 miliardi all'anno, questa cifra sì che è stata persa da un giorno all'altro e la colpa è del PD (partito che obbedisce alle oligarchie di potere che governano anche l'UE e l' ONU).
    No aspetta, tu stai andando in discorsi di natura internazionale ed allora è ovvio che si deve ragionare sulle decisioni del passato, a partire dall'entrata nell'Euro. Io sto ragionando in termini di produzione interna dove per produzione intendo in genere un'attività di impresa. Lascio perdere i discorsi macroeconomici e mi concentro più sullo sviluppo microeconomico e aziendale.

    Ti faccio un esempio per capirci.
    Sono un padre di famiglia disoccupato e magari sono del Sud (se non sbaglio è la Calabria ad avere i salari più bassi in Italia). Decido di aprire un ristorante e faccio un prestito. Bene, per puro caso ho visto i costi per aprire un ristorante, e non parlo dell'investimento iniziale ma delle spese necessarie annuali... Ci stanno tipo 5000 euro da versare all'INPS, INAIL, ed imposte varie di base. Vado a cambiare destinazione d'uso ad un immobile, metti di mia proprietà (ipotizzando di non dover andare in affitto, per favorire il nostro padre di famiglia), e mi aumentano a dismisura tutte le altre tasse, TASI, TARI, PINCO e PALLINO. A quel punto ovviamente ho i costi di gestione del ristorante (materie prime e lavoro) e su quanto guadagno, infine, lo stato mi tassa al 43%.
    Bene, quanto deve fatturare un ristorante per restare a galla considerando che ha tipo 2000 euro minimo di tasse e tassine al mese e considerando che lo stato gli prende anche il 43% del fatturato?
    Di fatto non siamo lontani a quanto ha dichiarato Berlusconi in televisione l'altro giorno, e cioè che lui incassa il 27% di quanto produce Mediaset. Lasciando stare se sia vero o meno, se al 43% aggiungi il resto delle tasse, spesso non deducibili, ti ritrovi a dover lavorare per prendere una percentuale pari al 30%. Lo stato è tuo socio al 70%, ovviamente solo sui guadagni.
    Risultato? Il padre di famiglia non apre l'attività, non guadagna, non può permettersi di andare in ristoranti di altri che a loro volta non coprono le spese e chiudono.

    Queste cose si risolvono con la politica interna, non con le istituzioni. Il cambio di tassi di interesse è utilissimo ovviamente, ma la vera povertà di base e l'occupazione dipende da manovre che il governo dovrebbe fare.

  5. #105
    Member L'avatar di Miro
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    1,677
    Citazione Originariamente Scritto da juventino Visualizza Messaggio
    Ho scritto un intero thread contro il governo, ma per par condicio posterò qualcosa per far capire il livello di “quelli competenti”.



    E il bello è che fa pure il fenomeno sui social (come il suo compare Boldrin) mettendo alla gogna chiunque provi a fare argomentazioni contrarie, anche in modo civile.
    Questo "luminare" dell'economia è stato mio professore in triennale...vi lascio immaginare quale fosse l'opinione generale che si aveva di lui.

  6. #106
    Senior Member L'avatar di juventino
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    12,826
    Citazione Originariamente Scritto da Miro Visualizza Messaggio
    Questo "luminare" dell'economia è stato mio professore in triennale...vi lascio immaginare quale fosse l'opinione generale che si aveva di lui.
    Arrogante e cafone pure in aula o semplice leone da tastiera? Sono curioso.
    Ero un fiero e schifoso radical shit che vedeva in Obama il nuovo Kennedy e in Renzi il grande statista che avrebbe rilanciato l'Italia, poi sono stato ipnotizzato dalla propaganda russa, i messaggi subliminali e le fake news su Facebook e Twitter
    “Per me libertà e giustizia sociale, che poi sono le mete del socialismo, costituiscono un binomio inscindibile: non vi può essere vera libertà senza giustizia sociale, come non vi può essere vera giustizia sociale senza libertà.” (Sandro Pertini)

  7. #107
    Junior Member L'avatar di rot-schwarz
    Data Registrazione
    Jul 2017
    Località
    Frankfurt/Germany
    Messaggi
    911
    in campo economico questo governo non mi entusiasma molto, in campo di immigrazione invece concordo tutto..
    Le alternative pero' sono peggio, servi come il pd, FI che va a braccetto..non so propio a chi votare alle europee, ma ho la possibilita' qui in germania di votare per le rappresentanza tedesca e forse questa volta lo faro'

  8. #108
    Member L'avatar di Miro
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    1,677
    Citazione Originariamente Scritto da juventino Visualizza Messaggio
    Arrogante e cafone pure in aula o semplice leone da tastiera? Sono curioso.
    Arrivava quasi ogni volta in ritardo di mezz'ora, si è preso diversi richiami dal dipartimento perchè metteva gli esiti degli esami a volte anche due mesi dopo la data d'esame e molti dei miei compagni hanno dovuto rinunciare all'Erasmus per mancanza di crediti, dovuti appunto al fatto che ci metteva l'eternità a correggere, i suoi esami sono ridicoli perchè ricicla le prove e durante l'esame si faceva i fatti suoi, al punto che si poteva tranquillamente copiare in classe, quando spiegava riusciva a infilare elogi pro-UE e proselitismo da fanatico, insultava varie volte Borghi a lezione, iniziava ad alterarsi se per disgrazia qualcuno metteva in dubbio le politiche UE in classe...ne avrei da dire su di lui per giorni.

  9. #109
    Senior Member L'avatar di juventino
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    12,826
    Citazione Originariamente Scritto da Miro Visualizza Messaggio
    Arrivava quasi ogni volta in ritardo di mezz'ora, si è preso diversi richiami dal dipartimento perchè metteva gli esiti degli esami a volte anche due mesi dopo la data d'esame e molti dei miei compagni hanno dovuto rinunciare all'Erasmus per mancanza di crediti, dovuti appunto al fatto che ci metteva l'eternità a correggere, i suoi esami sono ridicoli perchè ricicla le prove e durante l'esame si faceva i fatti suoi, al punto che si poteva tranquillamente copiare in classe, quando spiegava riusciva a infilare elogi pro-UE e proselitismo da fanatico, insultava varie volte Borghi a lezione, iniziava ad alterarsi se per disgrazia qualcuno metteva in dubbio le politiche UE in classe...ne avrei da dire su di lui per giorni.
    Però lui è uno di “quelli competenti”
    Visto che il governo cadrà a breve bisognerebbe fare un appello a Mattarella per chiedergli di nominare questo genio come ministro dell’economia, così ci fa vedere quanto è bravo ad evitare gli #sdeng (termine a lui tanto caro su Twitter) dall’UE. Sarebbe un disastro, ma dal momento che siamo spacciati a prescindere almeno ci facciamo quattro risate.
    Ero un fiero e schifoso radical shit che vedeva in Obama il nuovo Kennedy e in Renzi il grande statista che avrebbe rilanciato l'Italia, poi sono stato ipnotizzato dalla propaganda russa, i messaggi subliminali e le fake news su Facebook e Twitter
    “Per me libertà e giustizia sociale, che poi sono le mete del socialismo, costituiscono un binomio inscindibile: non vi può essere vera libertà senza giustizia sociale, come non vi può essere vera giustizia sociale senza libertà.” (Sandro Pertini)

Pagina 11 di 11 PrimaPrima ... 91011

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

Milan World Forum © 2013 Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione, anche solo parziale, di contenuti e grafica.

Powered by vBulletin® • Copyright © 2012, Jelsoft Enterprises Ltd.

Milan World non si assume nessuna responsabilità riguardo i contenuti redatti dagli utenti. Foto e Video (da Youtube) pubblicati su MW non sono hostati su questo sito ma semplicemente riportati da altri media attraverso dei link accessibili a tutti.



P. Iva 03003620600