Zilliacus:"Stavo per prendere l'Inter, tutto era fatto ma.."

Tifo'o

Moderatore
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
36,880
Reaction score
5,711
Torna a parlare per l'ennesima volta Zilliacus sull'acquisto dell'Inter con tanto di dettagli. Le sue parole al The Italian Football Podcast

"No, non sono fuori dalla corsa per acquistare l'Inter, ma voglio essere fuori corsa in questo momento. Uno dei sottoprodotti di tutta questa pubblicità negativa di queste ridicole storie sull'inchiesta dell'Interpol, del mio arresto etc..., è che ovviamente influisce sulle persone che le leggono. Quindi, il risultato è stato che alcuni investitori nel consorzio che avevo messo insieme si sono ritirati e mi hanno detto che fino a quando questa cosa non è risolta loro non sono intenzionati ad investire. Quindi ho dovuto annunciare che non potevo più procedere a causa di queste false accuse, perché come ho spiegato prima sono false accuse. Quindi sì, ho dovuto farlo, ma ciò non significa che non voglia ancora farlo. È stata una tempesta in un bicchier d'acqua. Fino a quando questa situazione non sarà risolta non sono coinvolto nell'acquisto di alcun club. Le trattative erano molto avanzate. Quando è scoppiata questa notizia alla fine di febbraio, eravamo molto, molto vicini a concludere tutto. Avevamo investitori impegnati, avevamo già presentato una prima offerta a luglio, le discussioni sono iniziate a maggio. Abbiamo presentato una seconda offerta a novembre perché volevamo aggiornare l'offerta di luglio sulla base di certe cose accadute nel frattempo".

Era un'offerta molto seria, completa, avevo come consulenti una delle più grandi banche d'investimento al mondo con sedi in tutti i principali centri finanziari del mondo, compresa Milano. Un nome che tutti conoscono ma che non posso citare per motivi contrattuali. Avevano un grande team che lavorava su questo affare insieme a me, inoltre avevamo avvocati, consulenti dall'Italia, revisori, persone che erano state nel consiglio di amministrazione dell'Inter, persone che conoscevano davvero tutti i dettagli. Quindi avevamo un'offerta molto buona e dettagliata. È stata un'offerta per il 100% della proprietà del club. Non avremmo mai presentato un'offerta se non ci avessero detto che avevano un interesse serio a vendere. La due diligence era stata fatta, avevamo un'offerta completa e concreta per il club con un valore esatto che eravamo pronti a pagare".


Abbiamo nominato un'altra banca d'investimento con sede negli Stati Uniti e a New York specializzata principalmente nel fundraising americano ma anche con una rete globale. Di nuovo non mi è consentito dire chi fosse, ma queste due banche d'investimento hanno coinvolto insieme grandi società di private equity e insieme alla mia rete avevamo una rete simile a quella di RedBird per procedere all'acquisto e all'investimento nel club".

I tifosi delusi? Sono grato di questa domanda perché è una completa sciocchezza. Sì, sono attivo sui social media perché è così che vedo il mondo. Mi piace comunicare soprattutto con la base dei tifosi. Perché senza i tifosi non c'è club. E con i tifosi il club può essere letteralmente autosufficiente come ho spiegato qui prima. Voglio comunicare con i tifosi, voglio far sapere ai tifosi cosa penso e cosa voglio fare. E ho visto gli stessi commenti a cui ti riferisci del tipo 'oh fai qualcosa, compra il club'. Ma comprare un club di calcio non è come andare al supermercato a comprare il cibo. Il cibo è lì sullo scaffale e paghi il prezzo e il cibo è tuo. Non potevamo semplicemente dire cosa stava succedendo dietro le quinte sui social media o altrove.


"Ho sempre avuto una grande comunicazione con Steven Zhang. Ho sentito immediatamente la prima volta che ci siamo incontrati, che è stato a maggio dell'anno scorso, ho sentito immediatamente una grande simpatia per lui. Credo sia una persona incredibile, è venuto a Milano all'età di 26 anni senza alcun background nel calcio e è riuscito a far sì che la grande organizzazione dell'Inter con molti dirigenti anziani che erano stati nel calcio per molti anni, lo ascoltassero. Penso che abbia fatto un lavoro fantastico, lo ammiro pienamente. Come tifoso io stesso, ma come tifoso che non è solo un tifoso ma ha la capacità di costruire un consorzio che può acquistare il club, la mia risposta è sì, penso che sia ora che Suning venda il club".


PROBLEMA DEBITI - "Zhang sta rimandando il problema. I debiti sono già molto elevati, e diventeranno ancora più grandi perché se il prestito di OakTree viene sostituito da un nuovo prestito a causa di un tasso di interesse massiccio che gonfierà notevolmente il prestito. Allo stesso tempo, anche se non ho idea delle ragioni, non vedo davvero come normale che il presidente del club non sia stato in Italia da quasi un anno".
 
Alto
head>