Zac:”Milan da rivedere. CDK pensavo meglio”.

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
165,049
Reaction score
12,154
Zaccheroni a Radio Rai:”In casa Milan il ko di Londra può lasciare il segno. Su De Ketelaere, pensavo che si inserisse meglio. La pesante sconfitta in Champions League può lasciare il segno: il Milan è una squadra con tanti giovani, che ha vissuto molto sull'esuberanza e sulla positività del suo percorso. Ma allo stesso tempo ha la consapevolezza di fare un calcio diverso dagli altri, in cui tutti si sentono importanti in questo progetto e quindi ne verrà fuori. CDK per il ruolo che ricopre e per i ritmi che propone la squadra di Pioli è estremamente complicato inserirsi velocemente. Poi diventa anche una questione caratteriale: noi vediamo solo le sue caratteristiche tecniche e fisiche ma non quelle mentali. Mi aspettavo che si inserisse meglio onestamente. Bisogna dargli tempo, poi De Ketelaere arriverà. il Milan ci aveva abituato ad avere certi indisponibili ma poi chi subentrava dava garanzie. Mi sorprende che Ballo-Touré non sia riuscito a fare delle discrete prestazioni".

Zaccheroni alla GDS:"A San Siro sarà una gara molto aperta, e molto dipenderà da quel che succederà ad inizio partita. Partire male potrebbe poi condizionare l'intero match. Credo che sarà il Milan a fare la partita: darà grande intensità e ritmo a centrocampo, consapevole che la Juve in mezzo va a corrente alterna. I bianconeri dovranno stare molto raccolti ed evitare di concedere spazi e ripartenze al Milan. I rossoneri lasciano però qualcosa in difesa e la Juve potrebbe approfittarne".

Fra Milan e Juve chi sta meglio o meno peggio?
"Nessuna delle due sta benissimo. Però la Juve venendo da due vittorie è più carica, a livello di testa sta meglio. Ma conosco troppo bene Maldini: quando i risultati sono in calo sa bene come intervenire. Anche perché il Milan sta perdendo qualche colpo sul piano dei risultati, meno su quello delle prestazioni. Certo rispetto a prima rischia di più e fa più fatica a concretizzare".
I dolori del giovane Vlahovic: il peggio è passato?
"Lui di problemi non ne ha, il suo problema è quando il centrocampo non gira. Palle sporche e spalle alla porta: in queste condizioni qualsiasi attaccante andrebbe in difficoltà. Lui vede la porta, si sa smarcare, ha fisicità e grande determinazione: con Di Maria e Chiesa si divertirà molto...".

Identità e mentalità, due anelli deboli della catena bianconera. Mentre il Milan...
"La Juve è mentalmente da ricostruire. Il lavoro principale va indirizzato in questa direzione, il resto arriverà di conseguenza. Non è possibile che tutti i giocatori comprati di recente siano tutti scarsi. C'è un certo tipo di mentalità da ricostruire, delle sicurezze da dare ai giocatori: bisogna prima catturare l'uomo, e poi il giocatore. C'è da fare un lavoro certosino. Del Milan mi piace molto lo spirito che mette in campo: ha coraggio, coraggio anche nel cambiare di gara in gara, in base alle caratteristiche di chi manda in campo e degli avversari. È imprevedibile, chi gioca gioca, lo spirito non cambia e il Milan non si ferma. L'unico problema in cui può incappare è quel che succede dopo la vittoria, ossia qualche calo di tensione, figlio del successo della passata stagione. Ma, ripeto, Maldini sa come affrontare questi momenti, supportando al meglio Pioli".
 
Ultima modifica:

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
165,049
Reaction score
12,154
Zaccheroni a Radio Rai:”In casa Milan il ko di Londra può lasciare il segno. Su De Ketelaere, pensavo che si inserisse meglio. La pesante sconfitta in Champions League può lasciare il segno: il Milan è una squadra con tanti giovani, che ha vissuto molto sull'esuberanza e sulla positività del suo percorso. Ma allo stesso tempo ha la consapevolezza di fare un calcio diverso dagli altri, in cui tutti si sentono importanti in questo progetto e quindi ne verrà fuori. CDK per il ruolo che ricopre e per i ritmi che propone la squadra di Pioli è estremamente complicato inserirsi velocemente. Poi diventa anche una questione caratteriale: noi vediamo solo le sue caratteristiche tecniche e fisiche ma non quelle mentali. Mi aspettavo che si inserisse meglio onestamente. Bisogna dargli tempo, poi De Ketelaere arriverà. il Milan ci aveva abituato ad avere certi indisponibili ma poi chi subentrava dava garanzie. Mi sorprende che Ballo-Touré non sia riuscito a fare delle discrete prestazioni".
.
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
165,049
Reaction score
12,154
Zaccheroni a Radio Rai:”In casa Milan il ko di Londra può lasciare il segno. Su De Ketelaere, pensavo che si inserisse meglio. La pesante sconfitta in Champions League può lasciare il segno: il Milan è una squadra con tanti giovani, che ha vissuto molto sull'esuberanza e sulla positività del suo percorso. Ma allo stesso tempo ha la consapevolezza di fare un calcio diverso dagli altri, in cui tutti si sentono importanti in questo progetto e quindi ne verrà fuori. CDK per il ruolo che ricopre e per i ritmi che propone la squadra di Pioli è estremamente complicato inserirsi velocemente. Poi diventa anche una questione caratteriale: noi vediamo solo le sue caratteristiche tecniche e fisiche ma non quelle mentali. Mi aspettavo che si inserisse meglio onestamente. Bisogna dargli tempo, poi De Ketelaere arriverà. il Milan ci aveva abituato ad avere certi indisponibili ma poi chi subentrava dava garanzie. Mi sorprende che Ballo-Touré non sia riuscito a fare delle discrete prestazioni".
.
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
165,049
Reaction score
12,154
Zaccheroni alla GDS:"A San Siro sarà una gara molto aperta, e molto dipenderà da quel che succederà ad inizio partita. Partire male potrebbe poi condizionare l'intero match. Credo che sarà il Milan a fare la partita: darà grande intensità e ritmo a centrocampo, consapevole che la Juve in mezzo va a corrente alterna. I bianconeri dovranno stare molto raccolti ed evitare di concedere spazi e ripartenze al Milan. I rossoneri lasciano però qualcosa in difesa e la Juve potrebbe approfittarne".

Fra Milan e Juve chi sta meglio o meno peggio?
"Nessuna delle due sta benissimo. Però la Juve venendo da due vittorie è più carica, a livello di testa sta meglio. Ma conosco troppo bene Maldini: quando i risultati sono in calo sa bene come intervenire. Anche perché il Milan sta perdendo qualche colpo sul piano dei risultati, meno su quello delle prestazioni. Certo rispetto a prima rischia di più e fa più fatica a concretizzare".
I dolori del giovane Vlahovic: il peggio è passato?
"Lui di problemi non ne ha, il suo problema è quando il centrocampo non gira. Palle sporche e spalle alla porta: in queste condizioni qualsiasi attaccante andrebbe in difficoltà. Lui vede la porta, si sa smarcare, ha fisicità e grande determinazione: con Di Maria e Chiesa si divertirà molto...".

Identità e mentalità, due anelli deboli della catena bianconera. Mentre il Milan...

"La Juve è mentalmente da ricostruire. Il lavoro principale va indirizzato in questa direzione, il resto arriverà di conseguenza. Non è possibile che tutti i giocatori comprati di recente siano tutti scarsi. C'è un certo tipo di mentalità da ricostruire, delle sicurezze da dare ai giocatori: bisogna prima catturare l'uomo, e poi il giocatore. C'è da fare un lavoro certosino. Del Milan mi piace molto lo spirito che mette in campo: ha coraggio, coraggio anche nel cambiare di gara in gara, in base alle caratteristiche di chi manda in campo e degli avversari. È imprevedibile, chi gioca gioca, lo spirito non cambia e il Milan non si ferma. L'unico problema in cui può incappare è quel che succede dopo la vittoria, ossia qualche calo di tensione, figlio del successo della passata stagione. Ma, ripeto, Maldini sa come affrontare questi momenti, supportando al meglio Pioli".
 

Similar threads

Alto
head>