Uto Ughi"Maneskin un insulto alla cultura e all'arte".

Swaitak

Senior Member
Registrato
22 Aprile 2019
Messaggi
16,510
Reaction score
7,273
Tipo, ricordo quando ci fu la nuova esplosione del rap a livello commerciale (con i vari Fedez, Emis Killa e accattoni vari) nei primi anni 2010, nel 2013 Maria De Filippi lanciò questo Moreno, che ora è scomparso, che faceva schifo a dir poco, però i giudici lo elogiavano perchè "originale".
lascia perdere Moreno dai :asd:
 
Registrato
23 Giugno 2018
Messaggi
7,298
Reaction score
2,919
In realtà ci sono studi anche seri riguardo il fatto che la qualità della musica stia calando col passare del tempo, ne linkerei uno ma non si può. Questo per dire che la soggettività vale finché si è di fronte a una fruizione prettamente personale, se c'è da parlare di qualità generale della musica il discorso deve necessariamente essere impostato tenendo conto di fattori noti
Non conosco gli studi di cui parli, ma non sarei sorpreso. “Robaccia” si è sempre prodotta, ma attualmente prodotti ottimi-eccellenti che raggiungono un successo globale non se ne vedono. Cosa peraltro riscontrabile in molti altri settori.
Diciamo che comunque negli ultimi trent’anni hanno raggiunto un successo globale anche band che non è che fossero tutte queste eccellenze. Penso in primis alle varie boyband. Insomma, se si esce dalla moda di doverli per forza o idolatrare o insultare, non mi sembra che i Måneskin possano essere indicati come la causa di tutti i mali.

Beh se tu iniziassi a dire di far un tiramisù di qualità pari a quello di Massari, ci starebbe pure la perculata
Adesso si percula qualcuno solo perché dice una verità inconfutabile? :muhahah:
(scusa Iginio, è solo per spirito di battuta :ave: )
 
Registrato
23 Giugno 2018
Messaggi
7,298
Reaction score
2,919
L'argomento principale non penso sia il fatto che i Maneskin facciano buona musica o meno. Ma se siano veramente rock nelle idee, ossia contro il sistema, contro il potere ecc.
Un gruppo che vende milioni di album in tutto il mondo può essere “contro il sistema, contro il potere ecc”? Per me no. Né ora né in passato. Se fai caso, anche ai tempi d’oro del rock, c’erano due o tre etichette discografiche che avevano sotto contratto il 90% degli artisti/dei gruppi migliori e ne gestivano immagini, concerti eccetera. Erano davvero “contro il sistema, contro il potere ecc?”. Difficile da credere. Erano n-mila volte più talentuosi dei gruppi che girano oggi, ma contro il sistema proprio no.
Ti dirò di più. Se ci pensi, il genere sulla carta più “anti-sistema”(il punk)ha avuto tra i massimi esponenti mondiali gruppi che altro non erano che prodotti creati a tavolino mettendo insieme gente che a malapena sapeva suonare un citofono…
 

Ruuddil23

Senior Member
Registrato
27 Gennaio 2017
Messaggi
6,435
Reaction score
858
Ma di base ognuno dovrebbero essere libero di fare e ascoltare la musica che vuole senza sentirsi fare la morale da chi fa e ascolta altro. A livello musicale, tra Ughi e i Måneskin la mia preferenza va al primo senza ombra di dubbio, ma non mi metto a sfracassare i gioielli di famiglia a chi preferisce i secondi, né mi sento superiore.
Secondo i miei standard, per esempio, dovrei etichettare come “robaccia” parecchie produzioni musicali, cinematografiche, editoriali eccetera che da molti vengono considerate pietre miliari della cultura italiana. Ma who cares? A ognuno il suo. Non vedo motivi per abbandonare, dopo più di duemila anni, il caro vecchio “de gustibus non disputandum est”.

PS: dal poco che ho sentito dei Måneskin, mi sembra si possa fare un elenco infinito di “roba” uguale o di gran lunga inferiore, che ha avuto pari o maggior successo senza che ci fossero “guerre” tra fazioni: ormai parlar bene e parlar male di loro è diventata una moda e, alla fine, gli unici che ci guadagnano sono proprio loro.
Credo che la tua analisi sia pressoché perfetta. Non sono d'accordo solo con le ultime righe, molto più facile trovare roba di livello superiore alla musica dei maneskin che ha avuto minor successo che non il contrario. Il fatto è che sono un fenomeno molto più mediatico che musicale ed allora parlar di loro è come dici te diventata una moda che giova solo alla loro casa discografica.
 
Alto
head>