Milan: divario netto in CL. Ibra e Maignan steccano.

rossonero71

Senior Member
Registrato
18 Settembre 2017
Messaggi
8,811
Reaction score
1,232
Ieri con un Rebic al posto di nonno Ibra si poteva anche vincere.
Ormai le squadre che vanno perla maggiore giocano sistematicamente sugli spazi lasciati, ma per fare questo ci devono essere giocatori che devono attaccare la profondità con è senza palla.

Ieri quelle poche volte che l'azione è arrivata a Ibra, si fermava.

Uno come Zapata ci avrebbe fatto comodo.
 
Registrato
7 Gennaio 2021
Messaggi
3,000
Reaction score
510
mi dispiace solo che sia passato l'anticalcio di simeone, che anche ieri per fare il suo catenaccio da 30% di possesso palla ha tenuto in panca per 90' joao felix.
Potessimo permettercelo noi Joao sulla trequarti...
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
142,810
Reaction score
3,467
Come riportato dalla GDS in edicola, il Liverpool ieri ha fatto turnover ma il divario di qualità col Milan è apparso comunque evidente. Ibra in serata no: ha patito l'assenza di rifornimenti ma la sua è stata una gara priva di elettricità. Anche Maignan ha steccato. Tomori inizialmente ha dato speranza al Milan, poi gli uomini di Klopp hanno ribaltato il match. Quattro punti in sei partite sono davvero troppo pochi. Il Milan avrebbe potuto fare molto di più.

Sempre la GDS: per Ibrahimovic tabù Champions. Lo svedese non riesce a incidere col Liverpool. Niente gol numero 50 e sfuma anche l'assalto al gol più anziano, che resta di Totti.

CorSera: ieri il divario tra Milan e Liverpool è stato abissale e la ripresa lo ha confermato. L'inconsistenza di Ibra è stata lo specchio delle fragilità del Milan. Pioli ora può concentrarsi solo sul campionato e la decisione di risparmiare Tonali e Diaz a metà ripresa è un chiaro segnale.

Tuttosport: il Milan ha dimostrato di non essere ancora maturo per certi palcoscenici. Inferiorità netta. E Ibra ha steccato. Ora la squadra di Pioli può concentrarsi solamente sul campionato.

Il Giornale: tra errori e rimpianti, il sogno del Milan dura solamente sette minuti. Sono mancati gli acuti di Ibra. Anche se il Milan non può rimproverarsi molto. Ora restano solamente il campionato e la Coppa Italia.
.
 
Alto
head>