Kjaer:"Ho fatto l'eremita. Noi dietro Juve e Inter? ...".

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
157,236
Reaction score
9,620
Kjaer a Sportweek:"Ho fatto l’eremita, mi sono isolato da tutto e da tutti, ma ora voglio solo giocare, a partire dal prossimo derby. I pronostici ci danno dietro a Juve e Inter. Capisco chi la pensa così, dato che le avversarie sono state molto aggressive sul mercato. Ma anche la stagione passata non ci davano per favoriti, e poi sappiamo tutti com’è andata… E comunque sono convinto che possiamo ancora crescere”.

L'intervista completa:"Non avevo mai sofferto un infortunio tanto grave e per la prima volta nella mia carriera dovevo affrontare un periodo in cui avrei lavorato da solo, lontano dal resto del gruppo. Mia madre mi disse: fai finta di essere un eremita, uno di quelli che vivono nella foresta, separati da tutto e tutti. Io mi sentivo proprio così. Sì, la società mi stava vicino, i compagni mi scrivevano incoraggiandomi, ma alla fine ero io a dovermi alzare alle 8 del mattino tutti i giorni per lavorare fino alle 8 di sera: terapia, rieducazione, da solo insieme al fisioterapista. Allora mi sono detto, se sembro un eremita, che sia così: taglierò la barba solo quando tornerò a lavorare con la squadra".

"Quando mi sono fatto male ho staccato la spinta dal calcio per quattro mesi. Non guardavo neanche le partite. Ero in contatto con Pioli e i compagni, niente altro. Non andavo a Milanello perchè non avevo niente da dire e niente da fare. Sono tornato più o meno a dieci partite dalla fine perchè dovevo ricominciare a fare qualche lavoro con la squadra e restituire qualcosa a me. I ragazzi mi hanno accolto regalandomi la maglia con il mio nome firmata da tutti loro. Il Milan è davvero una famiglia e io voglio bene a tutti. Cosa mi ha rubato l'infortunio? Io so di aver dato una grande mano a vincere questo scudetto perchè è stata la conclusione di un percorso di crescita, tecnica e mentale, iniziato due anni e mezzo fa quando sono arrivato al Milan. L'anno scorso ho giocato solo 11 partite, ma lo scudetto lo sento mio. Lo abbiamo vinto tutti insieme. Abbiamo festeggiato come devono fare i campioni. Di solito tengo le cose dentro, ma ogni tanto sono capace di farle uscire".

"I compagni di squadra? Daniel Maldini mi sembrava maturato, più pronto. Spero che lo possa dimostrare allo Spezia dove è andato in prestito. La società ha fatto bene perchè ha bisogno di giocare. Su Leao e Tonali dico che voglio vederli quest'anno: non sono più ragazzi, devono crescere enormemente. Quello che hanno fatto l'anno scorso non basta più. Leao ha qualità straordinarie e perciò non può permettersi partite in cui si vede poco: deve essere decisivo sempre. Se riesce a fare questo salto, può diventare uno dei top cinque al mondo. Poi voglio vedere Origi: sono stato con lui a Lille, era un ragazzino, adesso mi aspetto un campione che fa la differenza perchè ha tutto per esserlo, velocità, fisico e piedi. Anche Bennacer deve crescere, ritagliandosi un ruolo importante".

"Kalulu? Pierre ha fatto una stagione fantastica. Dal mio punto di vista lui non è un rivale. Se io faccio il mio lavoro, se sto bene, c'è solo uno che può decidere, Pioli. Poi io posso arrabbiarmi con lui, ma non con Kalulu, Tomori o Gabbia perchè sono colleghi e uno di loro mi sarà al fianco in campo. Avrò bisogno di loro, del loro aiuto, quindi non potranno mai essere rivali. So che quest'anno non farò 45 partite. Ci saranno occasioni per tutti, ma ovviamente voglio giocare. Quando ci sarà il derby voglio giocare".

"Le avversarie sono state aggressive sul mercato. Quando mancavano dieci partite alla fine, nessuno credeva nel nostro scudetto. Adesso diventa ancora più dura perchè tutti vogliono battere i campioni d'Italia. Ma noi possiamo ancora crescere. Nessuno, qui al Milan, ha ancora finito di farlo. Anche noi vecchi: se il fisico inizia a crollare, la testa deve andare più veloce".
 

alexpozzi90

Well-known member
Registrato
22 Marzo 2022
Messaggi
2,321
Reaction score
1,119
Kjaer a Sportweek:"Ho fatto l’eremita, mi sono isolato da tutto e da tutti, ma ora voglio solo giocare, a partire dal prossimo derby. I pronostici ci danno dietro a Juve e Inter. Capisco chi la pensa così, dato che le avversarie sono state molto aggressive sul mercato. Ma anche la stagione passata non ci davano per favoriti, e poi sappiamo tutti com’è andata… E comunque sono convinto che possiamo ancora crescere”.

Domani l'intervista completa.
Uomo dall'intelligenza e sobrietà non comune per questo sport, spero possa restare a lungo con noi.
 

sampapot

Junior Member
Registrato
17 Agosto 2019
Messaggi
1,954
Reaction score
199
uomo di carisma e personalità...ci serve come il pane
 

Sam

Junior Member
Registrato
16 Luglio 2018
Messaggi
1,390
Reaction score
1,568
Kjaer a Sportweek:"Ho fatto l’eremita, mi sono isolato da tutto e da tutti, ma ora voglio solo giocare, a partire dal prossimo derby. I pronostici ci danno dietro a Juve e Inter. Capisco chi la pensa così, dato che le avversarie sono state molto aggressive sul mercato. Ma anche la stagione passata non ci davano per favoriti, e poi sappiamo tutti com’è andata… E comunque sono convinto che possiamo ancora crescere”.

Domani l'intervista completa.
Ho sempre pensato che Kjaer sarebbe stato il Capitano perfetto per questo Milan, non fosse per la sua tenuta fisica.
 
Registrato
31 Luglio 2017
Messaggi
4,692
Reaction score
1,481
Kjaer a Sportweek:"Ho fatto l’eremita, mi sono isolato da tutto e da tutti, ma ora voglio solo giocare, a partire dal prossimo derby. I pronostici ci danno dietro a Juve e Inter. Capisco chi la pensa così, dato che le avversarie sono state molto aggressive sul mercato. Ma anche la stagione passata non ci davano per favoriti, e poi sappiamo tutti com’è andata… E comunque sono convinto che possiamo ancora crescere”.

Domani l'intervista completa.
Caro Kjaer,in italia non esistiamo. Siamo Gli Inspiegabili,quelli che vincono per miracolo e gli altri perdono i campionati per una papera del portiere.. Vai tranquillo.
 

Giofa

Junior Member
Registrato
12 Settembre 2020
Messaggi
2,231
Reaction score
767
Kjaer a Sportweek:"Ho fatto l’eremita, mi sono isolato da tutto e da tutti, ma ora voglio solo giocare, a partire dal prossimo derby. I pronostici ci danno dietro a Juve e Inter. Capisco chi la pensa così, dato che le avversarie sono state molto aggressive sul mercato. Ma anche la stagione passata non ci davano per favoriti, e poi sappiamo tutti com’è andata… E comunque sono convinto che possiamo ancora crescere”.

Domani l'intervista completa.
Grande Simon, finché i ragazzi non si sentiranno arrivati son tranquillo
 
Registrato
29 Marzo 2017
Messaggi
2,448
Reaction score
116
Kjaer a Sportweek:"Ho fatto l’eremita, mi sono isolato da tutto e da tutti, ma ora voglio solo giocare, a partire dal prossimo derby. I pronostici ci danno dietro a Juve e Inter. Capisco chi la pensa così, dato che le avversarie sono state molto aggressive sul mercato. Ma anche la stagione passata non ci davano per favoriti, e poi sappiamo tutti com’è andata… E comunque sono convinto che possiamo ancora crescere”.

Domani l'intervista completa.
Quanto gasa Simon. Come lui solo Rebic.
Dalle panchine di Atalanta e Verona a simboli del nuovo Milan.
Fenici che risorgono dalle proprie ceneri.
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
157,236
Reaction score
9,620
Kjaer a Sportweek:"Ho fatto l’eremita, mi sono isolato da tutto e da tutti, ma ora voglio solo giocare, a partire dal prossimo derby. I pronostici ci danno dietro a Juve e Inter. Capisco chi la pensa così, dato che le avversarie sono state molto aggressive sul mercato. Ma anche la stagione passata non ci davano per favoriti, e poi sappiamo tutti com’è andata… E comunque sono convinto che possiamo ancora crescere”.

L'intervista completa:"Non avevo mai sofferto un infortunio tanto grave e per la prima volta nella mia carriera dovevo affrontare un periodo in cui avrei lavorato da solo, lontano dal resto del gruppo. Mia madre mi disse: fai finta di essere un eremita, uno di quelli che vivono nella foresta, separati da tutto e tutti. Io mi sentivo proprio così. Sì, la società mi stava vicino, i compagni mi scrivevano incoraggiandomi, ma alla fine ero io a dovermi alzare alle 8 del mattino tutti i giorni per lavorare fino alle 8 di sera: terapia, rieducazione, da solo insieme al fisioterapista. Allora mi sono detto, se sembro un eremita, che sia così: taglierò la barba solo quando tornerò a lavorare con la squadra".

"Quando mi sono fatto male ho staccato la spinta dal calcio per quattro mesi. Non guardavo neanche le partite. Ero in contatto con Pioli e i compagni, niente altro. Non andavo a Milanello perchè non avevo niente da dire e niente da fare. Sono tornato più o meno a dieci partite dalla fine perchè dovevo ricominciare a fare qualche lavoro con la squadra e restituire qualcosa a me. I ragazzi mi hanno accolto regalandomi la maglia con il mio nome firmata da tutti loro. Il Milan è davvero una famiglia e io voglio bene a tutti. Cosa mi ha rubato l'infortunio? Io so di aver dato una grande mano a vincere questo scudetto perchè è stata la conclusione di un percorso di crescita, tecnica e mentale, iniziato due anni e mezzo fa quando sono arrivato al Milan. L'anno scorso ho giocato solo 11 partite, ma lo scudetto lo sento mio. Lo abbiamo vinto tutti insieme. Abbiamo festeggiato come devono fare i campioni. Di solito tengo le cose dentro, ma ogni tanto sono capace di farle uscire".

"I compagni di squadra? Daniel Maldini mi sembrava maturato, più pronto. Spero che lo possa dimostrare allo Spezia dove è andato in prestito. La società ha fatto bene perchè ha bisogno di giocare. Su Leao e Tonali dico che voglio vederli quest'anno: non sono più ragazzi, devono crescere enormemente. Quello che hanno fatto l'anno scorso non basta più. Leao ha qualità straordinarie e perciò non può permettersi partite in cui si vede poco: deve essere decisivo sempre. Se riesce a fare questo salto, può diventare uno dei top cinque al mondo. Poi voglio vedere Origi: sono stato con lui a Lille, era un ragazzino, adesso mi aspetto un campione che fa la differenza perchè ha tutto per esserlo, velocità, fisico e piedi. Anche Bennacer deve crescere, ritagliandosi un ruolo importante".

"Kalulu? Pierre ha fatto una stagione fantastica. Dal mio punto di vista lui non è un rivale. Se io faccio il mio lavoro, se sto bene, c'è solo uno che può decidere, Pioli. Poi io posso arrabbiarmi con lui, ma non con Kalulu, Tomori o Gabbia perchè sono colleghi e uno di loro mi sarà al fianco in campo. Avrò bisogno di loro, del loro aiuto, quindi non potranno mai essere rivali. So che quest'anno non farò 45 partite. Ci saranno occasioni per tutti, ma ovviamente voglio giocare. Quando ci sarà il derby voglio giocare".

"Le avversarie sono state aggressive sul mercato. Quando mancavano dieci partite alla fine, nessuno credeva nel nostro scudetto. Adesso diventa ancora più dura perchè tutti vogliono battere i campioni d'Italia. Ma noi possiamo ancora crescere. Nessuno, qui al Milan, ha ancora finito di farlo. Anche noi vecchi: se il fisico inizia a crollare, la testa deve andare più veloce".
.
 

admin

Administrator
Membro dello Staff
Registrato
6 Agosto 2012
Messaggi
157,236
Reaction score
9,620
Kjaer a Sportweek:"Ho fatto l’eremita, mi sono isolato da tutto e da tutti, ma ora voglio solo giocare, a partire dal prossimo derby. I pronostici ci danno dietro a Juve e Inter. Capisco chi la pensa così, dato che le avversarie sono state molto aggressive sul mercato. Ma anche la stagione passata non ci davano per favoriti, e poi sappiamo tutti com’è andata… E comunque sono convinto che possiamo ancora crescere”.

L'intervista completa:"Non avevo mai sofferto un infortunio tanto grave e per la prima volta nella mia carriera dovevo affrontare un periodo in cui avrei lavorato da solo, lontano dal resto del gruppo. Mia madre mi disse: fai finta di essere un eremita, uno di quelli che vivono nella foresta, separati da tutto e tutti. Io mi sentivo proprio così. Sì, la società mi stava vicino, i compagni mi scrivevano incoraggiandomi, ma alla fine ero io a dovermi alzare alle 8 del mattino tutti i giorni per lavorare fino alle 8 di sera: terapia, rieducazione, da solo insieme al fisioterapista. Allora mi sono detto, se sembro un eremita, che sia così: taglierò la barba solo quando tornerò a lavorare con la squadra".

"Quando mi sono fatto male ho staccato la spinta dal calcio per quattro mesi. Non guardavo neanche le partite. Ero in contatto con Pioli e i compagni, niente altro. Non andavo a Milanello perchè non avevo niente da dire e niente da fare. Sono tornato più o meno a dieci partite dalla fine perchè dovevo ricominciare a fare qualche lavoro con la squadra e restituire qualcosa a me. I ragazzi mi hanno accolto regalandomi la maglia con il mio nome firmata da tutti loro. Il Milan è davvero una famiglia e io voglio bene a tutti. Cosa mi ha rubato l'infortunio? Io so di aver dato una grande mano a vincere questo scudetto perchè è stata la conclusione di un percorso di crescita, tecnica e mentale, iniziato due anni e mezzo fa quando sono arrivato al Milan. L'anno scorso ho giocato solo 11 partite, ma lo scudetto lo sento mio. Lo abbiamo vinto tutti insieme. Abbiamo festeggiato come devono fare i campioni. Di solito tengo le cose dentro, ma ogni tanto sono capace di farle uscire".

"I compagni di squadra? Daniel Maldini mi sembrava maturato, più pronto. Spero che lo possa dimostrare allo Spezia dove è andato in prestito. La società ha fatto bene perchè ha bisogno di giocare. Su Leao e Tonali dico che voglio vederli quest'anno: non sono più ragazzi, devono crescere enormemente. Quello che hanno fatto l'anno scorso non basta più. Leao ha qualità straordinarie e perciò non può permettersi partite in cui si vede poco: deve essere decisivo sempre. Se riesce a fare questo salto, può diventare uno dei top cinque al mondo. Poi voglio vedere Origi: sono stato con lui a Lille, era un ragazzino, adesso mi aspetto un campione che fa la differenza perchè ha tutto per esserlo, velocità, fisico e piedi. Anche Bennacer deve crescere, ritagliandosi un ruolo importante".

"Kalulu? Pierre ha fatto una stagione fantastica. Dal mio punto di vista lui non è un rivale. Se io faccio il mio lavoro, se sto bene, c'è solo uno che può decidere, Pioli. Poi io posso arrabbiarmi con lui, ma non con Kalulu, Tomori o Gabbia perchè sono colleghi e uno di loro mi sarà al fianco in campo. Avrò bisogno di loro, del loro aiuto, quindi non potranno mai essere rivali. So che quest'anno non farò 45 partite. Ci saranno occasioni per tutti, ma ovviamente voglio giocare. Quando ci sarà il derby voglio giocare".

"Le avversarie sono state aggressive sul mercato. Quando mancavano dieci partite alla fine, nessuno credeva nel nostro scudetto. Adesso diventa ancora più dura perchè tutti vogliono battere i campioni d'Italia. Ma noi possiamo ancora crescere. Nessuno, qui al Milan, ha ancora finito di farlo. Anche noi vecchi: se il fisico inizia a crollare, la testa deve andare più veloce".
.
 

Konrad

Senior Member
Registrato
12 Giugno 2015
Messaggi
6,302
Reaction score
215
Kjaer a Sportweek:"Ho fatto l’eremita, mi sono isolato da tutto e da tutti, ma ora voglio solo giocare, a partire dal prossimo derby. I pronostici ci danno dietro a Juve e Inter. Capisco chi la pensa così, dato che le avversarie sono state molto aggressive sul mercato. Ma anche la stagione passata non ci davano per favoriti, e poi sappiamo tutti com’è andata… E comunque sono convinto che possiamo ancora crescere”.

L'intervista completa:"Non avevo mai sofferto un infortunio tanto grave e per la prima volta nella mia carriera dovevo affrontare un periodo in cui avrei lavorato da solo, lontano dal resto del gruppo. Mia madre mi disse: fai finta di essere un eremita, uno di quelli che vivono nella foresta, separati da tutto e tutti. Io mi sentivo proprio così. Sì, la società mi stava vicino, i compagni mi scrivevano incoraggiandomi, ma alla fine ero io a dovermi alzare alle 8 del mattino tutti i giorni per lavorare fino alle 8 di sera: terapia, rieducazione, da solo insieme al fisioterapista. Allora mi sono detto, se sembro un eremita, che sia così: taglierò la barba solo quando tornerò a lavorare con la squadra".

"Quando mi sono fatto male ho staccato la spinta dal calcio per quattro mesi. Non guardavo neanche le partite. Ero in contatto con Pioli e i compagni, niente altro. Non andavo a Milanello perchè non avevo niente da dire e niente da fare. Sono tornato più o meno a dieci partite dalla fine perchè dovevo ricominciare a fare qualche lavoro con la squadra e restituire qualcosa a me. I ragazzi mi hanno accolto regalandomi la maglia con il mio nome firmata da tutti loro. Il Milan è davvero una famiglia e io voglio bene a tutti. Cosa mi ha rubato l'infortunio? Io so di aver dato una grande mano a vincere questo scudetto perchè è stata la conclusione di un percorso di crescita, tecnica e mentale, iniziato due anni e mezzo fa quando sono arrivato al Milan. L'anno scorso ho giocato solo 11 partite, ma lo scudetto lo sento mio. Lo abbiamo vinto tutti insieme. Abbiamo festeggiato come devono fare i campioni. Di solito tengo le cose dentro, ma ogni tanto sono capace di farle uscire".

"I compagni di squadra? Daniel Maldini mi sembrava maturato, più pronto. Spero che lo possa dimostrare allo Spezia dove è andato in prestito. La società ha fatto bene perchè ha bisogno di giocare. Su Leao e Tonali dico che voglio vederli quest'anno: non sono più ragazzi, devono crescere enormemente. Quello che hanno fatto l'anno scorso non basta più. Leao ha qualità straordinarie e perciò non può permettersi partite in cui si vede poco: deve essere decisivo sempre. Se riesce a fare questo salto, può diventare uno dei top cinque al mondo. Poi voglio vedere Origi: sono stato con lui a Lille, era un ragazzino, adesso mi aspetto un campione che fa la differenza perchè ha tutto per esserlo, velocità, fisico e piedi. Anche Bennacer deve crescere, ritagliandosi un ruolo importante".

"Kalulu? Pierre ha fatto una stagione fantastica. Dal mio punto di vista lui non è un rivale. Se io faccio il mio lavoro, se sto bene, c'è solo uno che può decidere, Pioli. Poi io posso arrabbiarmi con lui, ma non con Kalulu, Tomori o Gabbia perchè sono colleghi e uno di loro mi sarà al fianco in campo. Avrò bisogno di loro, del loro aiuto, quindi non potranno mai essere rivali. So che quest'anno non farò 45 partite. Ci saranno occasioni per tutti, ma ovviamente voglio giocare. Quando ci sarà il derby voglio giocare".

"Le avversarie sono state aggressive sul mercato. Quando mancavano dieci partite alla fine, nessuno credeva nel nostro scudetto. Adesso diventa ancora più dura perchè tutti vogliono battere i campioni d'Italia. Ma noi possiamo ancora crescere. Nessuno, qui al Milan, ha ancora finito di farlo. Anche noi vecchi: se il fisico inizia a crollare, la testa deve andare più veloce".
Sarebbe da appendere a Milanello. Concetti chiari e assolutamente non banali. Simon è uno dei nostri capitani senza fascia. Se il fisico lo assiste, questo è l'acquisto più importante dietro.
 
Alto
head>