Incontro Putin con aziende italiane. Nervosismo USA

Andris

Senior Member
Registrato
21 Febbraio 2019
Messaggi
21,161
Reaction score
3,766
Abbiamo perso la guerra e in Italia ci sono attualmente quasi più soldati usa che italiani. La prossima volta impariamo a scegliere gli alleati
sono passati quasi 80 anni dalla guerra mondiale, dobbiamo aspettare la prossima per alzare la testa ?
non c'è nessun patto firmato di dire sempre sì a qualsiasi cosa, specie quando è evidente si tratti di persona poco lucida

i soldati stranieri sono permessi dalla Costituzione e nessuno che pensa a cambiarla, ma accettare supinamente non è scritto in nessun documento sottoscritto.

in Giappone gli Stati Uniti hanno fatto scrivere la Costituzione senza esercito, negli anni recenti hanno cambiato e possono pure fare missioni all'estero
 
Ultima modifica:

Sam

Junior Member
Registrato
16 Luglio 2018
Messaggi
1,089
Reaction score
1,191
Su questo non puoi dire nulla. La guerra è stata persa e ci trattano come una colonia per quello. La Francia è stata annientata in un secondo ma formalmente non deve niente agli USA, tant’è vero che se vogliono bombardare la Libia lo fanno senza chiederlo a nessuno. Noi da perdenti quali siamo stati dobbiamo sottostare
Certo che siamo una colonia perché la guerra è stata persa. L'obbiettivo era proprio quello.
Il punto è che quella guerra ha radici molto più complesse della storiella del Duce che la mattina si sveglia e dichiara guerra al mondo.
 

Andrea Red&Black

Senior Member
Registrato
8 Febbraio 2019
Messaggi
9,284
Reaction score
2,288
Ripeto, la Storia vista dai libri di scuola elementare.
Prima di parlare di argomenti che evidentemente non conosci, ignorando persino la geopolitica del tempo e i rapporti di forza all'interno dello stesso stato italiano, leggi.
La guerra non l'hanno mai voluta le Potenze dell'Asse, ma fu una provocazione degli Alleati, in particolare dell'Impero Britannico e degli Stati Uniti, finanziati dal capitalismo sionista, che non poteva tollerare l'emergere della Terza Posizione nello scenario internazionale, in particolare dopo il fallimento del New Deal. L'unica posizione che non prevedeva il controllo dei mercati, in particolare quello petrolifero, in mano al capitale privato.
La guerra del sangue contro l'oro, la Seconda Guerra Mondiale, è stata combattuta per un semplice motivo: rendere il mondo quello che è oggi, schiavo del capitalismo imperante.
Ma ti rendi conto di cosa scrivi?
 

Sam

Junior Member
Registrato
16 Luglio 2018
Messaggi
1,089
Reaction score
1,191
Ma ti rendi conto di cosa scrivi?
Io sì, e la storiografia, purtroppo per te parla chiaro. Anche le dichiarazioni di stessi politici britannici del periodo lo sono.
Ma te lo ripeto: con chi non va oltre i libri di scuola elementare non c'è da discutere.
 

Andrea Red&Black

Senior Member
Registrato
8 Febbraio 2019
Messaggi
9,284
Reaction score
2,288
Io sì, e la storiografia, purtroppo per te parla chiaro. Anche le dichiarazioni di stessi politici britannici del periodo lo sono.
Ma te lo ripeto: con chi non va oltre i libri di scuola elementare non c'è da discutere.
Supponiamo che la storia sia come la descrivi. Fatto sta che hai perso la guerra, le colonie, l Istria, fiume, sei fuori dal comitato permanente ONU e nei trattati di pace sei stato militarizzato con X numero di basi americane che controllano il tuo territorio. FATTI
 
Registrato
9 Maggio 2017
Messaggi
10,176
Reaction score
576
Il fatto è che pure i Russi hanno dato una grossa mano per liberare l'Europa dal nazismo.. ma non per questo ha chiesto lo scalpo a tutti..
 

Sam

Junior Member
Registrato
16 Luglio 2018
Messaggi
1,089
Reaction score
1,191
Supponiamo che la storia sia come la descrivi. Fatto sta che hai perso la guerra, le colonie, l Istria, fiume, sei fuori dal comitato permanente ONU e nei trattati di pace sei stato militarizzato con X numero di basi americane che controllano il tuo territorio. FATTI
Certo, cosa ti aspettavi?
Le dichiarazioni di Casablanca parlavano chiaro: le Potenze dell'Asse dovevano arrendersi incondizionatamente, anche solo per il fatto che Roosevelt non avrebbe mai più permesso all'Europa di governare la politica mondiale.
L'Europa doveva essere messa in una posizione di non nuocere. Venduta per metà ai sovietici, e per l'altra ridotta a mera comparsa.
Persino i vincitori europei furono ridotti a meri attori di secondo piano. Sulla Francia, l'obbiettivo fu comune tra britannici e americani.
Agli inglesi non è mai piaciuta una potenza egemone sul continente, che potesse ostacolare il prestigio dell'impero britannico.
E agli americani non piaceva che gli inglesi godessero del potere che all'epoca avevano, e volevano sostituirsi a loro, con il favore della finanza internazionale (uno di quelli fu l'istituzione della Fed, il più grande organismo di controllo finanziario in mano privata, dell'epoca).
 

Raryof

Senior Member
Registrato
24 Gennaio 2017
Messaggi
11,828
Reaction score
2,580
Ripeto, la Storia vista dai libri di scuola elementare.
Prima di parlare di argomenti che evidentemente non conosci, ignorando persino la geopolitica del tempo e i rapporti di forza all'interno dello stesso stato italiano, leggi.
La guerra non l'hanno mai voluta le Potenze dell'Asse, ma fu una provocazione degli Alleati, in particolare dell'Impero Britannico e degli Stati Uniti, finanziati dal capitalismo sionista, che non poteva tollerare l'emergere della Terza Posizione nello scenario internazionale, in particolare dopo il fallimento del New Deal. L'unica posizione che non prevedeva il controllo dei mercati, in particolare quello petrolifero, in mano al capitale privato.
La guerra del sangue contro l'oro, la Seconda Guerra Mondiale, è stata combattuta per un semplice motivo: rendere il mondo quello che è oggi, schiavo del capitalismo imperante.
Quindi tu pensi che a quei tempi stessero cercando di combattere chi aveva l'oro e lo aveva avuto senza usare la forza ma l'avarizia? il capitalismo attuale che gode per un virus "scappato" di mano?
Ehehe la storia purtroppo non è chiarissima, vero che un'area geografica europea antianglofona e filo tedesca, diciamo, sarebbe stata un problema e infatti hanno creato l'UE per fare in modo di bloccare sul nascere ogni minima pretesa che andasse contro il volere dello zio Sam, ad oggi siamo dove loro avevano progettato che fossimo, in una area geografica sfruttata e succube del potere americano e che non può fare affari con la Russia se non marginalmente, paghiamo care certe pretese americane, da sempre, sempre coi fidi amichetti britannici che hanno devastato mezzo mondo e hanno creato grossi problemi pure a noi, forse perché rinchiusi in un'isoletta piccola, influenzati da popolazioni che venivano dal centro europa, ecco, il problema di quella guerra fu il nemico e i modi in cui alcuni vi entrarono, l'Italia o meglio, le potenze dell'asse avrebbero dovuto fare la guerra esclusivamente alla Gran Bretagna, lasciando perdere gli altri paesi se non quelli confinanti, loro sono sempre stati il popolo che ha goduto di più grazie al colonialismo e grazie a quello ha poi influenzato la nascita di ciò che vediamo oggi, un mondo nelle mani dei loro amichetti che mentre stanno perdendo leadership su leadership cercano in qualche modo di raffreddare certe zone o certe pretese, infatti la scelta della Russia non è casuale, ma le influenze russe su paesi come l'Italia o la stessa Germania sono pericolose.
Vero che gli equilibri mondiali sono già cambiati e presto la Cina prenderà il comando, ma nel frattempo ci tocca sorbirci le ultime scorribande dei famosi "five eyes", se la guerra fosse andata diversamente e la Germania avesse messo ko la Gb l'Italia avrebbe sicuramente avuto un'influenza superiore nella parte sud del continente, Istria e Jugoslavia, Grecia, Spagna (paese amico), Romania, Albania e soprattutto Malta e Libia, mentre la Germania avrebbe scacciato "l'inglese" da noi e avrebbe probabilmente influenzato paesi di lingua comunque germanica, così come i paesi che ho elencato sopra per un motivo o per l'altro sono paesi che hanno subito da sempre un'influenza italiana, per lingua o per vicinanza o perché colonizzati e sia chiaro, avrebbero avuto maggiori vantaggi a rimanere con l'Italia piuttosto che mantenere un'indipendenza legittima.
 

Sam

Junior Member
Registrato
16 Luglio 2018
Messaggi
1,089
Reaction score
1,191
Quindi tu pensi che a quei tempi stessero cercando di combattere chi aveva l'oro e lo aveva avuto senza usare la forza ma l'avarizia? il capitalismo attuale che gode per un virus "scappato" di mano?
Si stava combattendo perché la Terza Posizione aveva dimostrato che un mondo senza signoraggio era possibile.
Un mondo senza commissioni bancarie, senza indebitamento, in cui i Paesi avrebbero commerciato e sfruttato in maniera eguale le risorse.
Un'eresia per gli Stati Uniti e l'Impero Britannico.

Churchill a tal proposito disse nel 1960:
Il delitto imperdonabile della Germania prima della Seconda Guerra Mondiale fu il suo tentativo di sganciare la sua economia dal sistema di commercio mondiale, e di costruire un sistema di cambi indipendente di cui la finanza mondiale non poteva più trarre profitto.

o per citare il generale e storico Fuller:
"Non fu la politica di Hitler a lanciarci in questa guerra. La ragione fu il suo successo nel costruire una nuova economia crescente. Le radici della guerra furono l'invidia, l'avidità e la paura."

Ancora oggi vien da ridere quando si legge sui libri di scuola che l'Asse aveva piani di conquista del mondo.

Ehehe la storia purtroppo non è chiarissima, vero che un'area geografica europea antianglofona e filo tedesca, diciamo, sarebbe stata un problema e infatti hanno creato l'UE per fare in modo di bloccare sul nascere ogni minima pretesa che andasse contro il volere dello zio Sam, ad oggi siamo dove loro avevano progettato che fossimo, in una area geografica sfruttata e succube del potere americano e che non può fare affari con la Russia se non marginalmente, paghiamo care certe pretese americane, da sempre, sempre coi fidi amichetti britannici che hanno devastato mezzo mondo e hanno creato grossi problemi pure a noi, forse perché rinchiusi in un'isoletta piccola, influenzati da popolazioni che venivano dal centro europa, ecco, il problema di quella guerra fu il nemico e i modi in cui alcuni vi entrarono, l'Italia o meglio, le potenze dell'asse avrebbero dovuto fare la guerra esclusivamente alla Gran Bretagna, lasciando perdere gli altri paesi se non quelli confinanti, loro sono sempre stati il popolo che ha goduto di più grazie al colonialismo e grazie a quello ha poi influenzato la nascita di ciò che vediamo oggi, un mondo nelle mani dei loro amichetti che mentre stanno perdendo leadership su leadership cercano in qualche modo di raffreddare certe zone o certe pretese, infatti la scelta della Russia non è casuale, ma le influenze russe su paesi come l'Italia o la stessa Germania sono pericolose.
Il problema è che gli inglesi non avevano alcuna intenzione di combattere da soli. Churchill lo disse chiaramente a Mussolini.
Tirarono dentro i francesi per poi abbandonarli dopo Dunkerque. Fecero di tutto per tirar dentro i russi (la guerra all'URSS fu anticipata dalla Germania, dopo che Mosca stava dislocando le truppe verso la frontiera in vista di un attacco, per espandersi ad occidente, come sarà con gli accordi di Jalta) e spinsero affinché entrassero gli americani, che entreranno per loro interessi qualche anno dopo, usando come pretesto la questione di Pearl Harbor.

Vero che gli equilibri mondiali sono già cambiato e presto la Cina prenderà il comando, ma nel frattempo ci tocca sorbirci le ultime scorribande dei famosi "five eyes", se la guerra fosse andata diversamente e la Germania avesse messo ko la Gb l'Italia avrebbe sicuramente avuto un'influenza superiore nella parte sud del continente, Istria e Jugoslavia, Grecia, Spagna (paese amico), Romania, Albania e soprattutto Malta e Libia, mentre la Germania avrebbe scacciato "l'inglese" da noi e avrebbe probabilmente influenzato paesi di lingua comunque germanica, così come i paesi che ho elencato sopra per un motivo o per l'altro sono paesi che hanno subito da sempre un'influenza italiana, per lingua o per vicinanza o perché colonizzati e sia chiaro, avrebbero avuto maggiori vantaggi a rimanere con l'Italia piuttosto che mantenere un'indipedenza legittima.
Purtroppo l'Asse era pericolosa.
Basti pensare a quanti paesi si stessero fascistizzando all'epoca, per capire il rischio enorme che si stava correndo.
Riguardo l’Asia poi, gli USA hanno preferito schiacciare il Giappone per far spazio alla Cina, in quanto la Sfera di co-prosperità era una seria minaccia agli interessi coloniali nell'area.
Riguardo le colonie italiane, basti pensare che l'AFIS venne istituita perché furono gli stessi somali a chiedere agli anglo-americani l'amministrazione italiana.
 
Alto
head>