Ti stiamo aspettando! Bastano 30 secondi per registrarsi sulla più grande community rossonera e condividere le proprie passioni con migliaia di utenti! registrati subito! (Ti preghiamo di attendere l'attivazione dopo l'iscrizione)

Loading... Latest Posts
Loading...
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Loading...
 

Risultati da 1 a 5 di 5
  1. #1
    Amministratore L'avatar di Admin
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    112,643

    Fassone:"MIlan? Anche la Juve arrivò settima al primo anno...".

    Intervista di calciomercato.com a Marco Fassone, ex AD del Milan


    Dottor Fassone, l’esperienza al Milan non si è chiusa bene.

    "Diciamo che il modo sarebbe potuto essere diverso. E’ logico che quando arriva una nuova proprietà scelga uomini di propria fiducia, ma essere stato licenziato un’ora dopo aver ottenuto dal Tas la riammissione alle Coppe europee è stato doloroso. La mia opinione è che avremmo potuto evitare di finire davanti ad un giudice per arrivare ad un accordo. In tanti anni mi sono trovato nelle condizioni di licenziare dei dipendenti, ma ho sempre preferito evitare il tribunale. Sarebbe stato opportuno anche questa volta".

    La prima considerazione è che il suo lavoro fosse appena cominciato e che il cambio di proprietà lo abbia danneggiato.

    "Al Milan il progetto era triennale, con l’obiettivo di conquistare da subito il terzo o quarto posto. Nel primo anno abbiamo fatto una campagna dispendiosa per rafforzare la squadra in ogni reparto. Il secondo ci sarebbe servito per correggere il tiro laddove ci fosse stata la necessità. Il terzo per integrare la rosa".

    Nell’estate del 2017 lei e Mirabelli realizzate undici acquisti, una squadra intera.

    "Con il senno di poi sarebbe stato meglio fare qualche acquisto in meno e dare un po’ di qualità in più. Ricordo, però, che avevamo una difesa fortissima con Conti, che poi si infortunò lungamente, Bonucci, Romagnoli e Rodriguez con in porta Donnarumma".

    Però i risultati non arrivarono.

    "Non è vero. Con Gattuso, che sostituì Montella, facemmo un ottimo girone di ritorno, una media da terzo posto assoluto. E ricordo che a gennaio non potevamo prendere nessuno avendo speso duecento milioni in estate".

    Il primo anno di una nuova gestione è spesso così.

    "Certo. La Juve del 2010 con Marotta e Paratici arrivò settima".

    Ma duecento milioni sono tanti per arrivare appena in Europa League?

    "Per la verità ne realizzammo anche 60 vendendo dei giocatori che non erano esattamente dei gioielli della squadra".

    Insomma, lei sostiene che il lavoro al Milan non ha dato i suoi frutti per mancanza di tempo.

    "Oggettivamente è stato così. Io credo che in tre anni avremmo potuto raggiungere obiettivi importanti".

    Perché Yonghong Li abbandonò la partita?

    "Perchè si rese conto che non era in grado di saldare il rimborso del debito con Eliott che scadeva ad ottobre. Eravamo in primavera e la sua ricerca di soci fu vana. Allora a luglio non pagò una rata da 32 milioni e il Milan andò a Eliott".

    Come aveva fatto Yonghong Li ad arrivare a lei?

    "Non lo so. So solo che una domenica di agosto del 2016 squillò il telefonò e mi venne proposto un incontro a Milano, perchè con il precedente interlocutore, che si stava occupando della trattativa di acquisto del Milan, i cinesi avevano interrotto i rapporti. La mia avventura partì così fino al closing dell’estate successiva".

    Anche all’Inter lei si occupò di un cambio di proprietà, quello tra Moratti e Thohir.

    "Direi che all’Inter arrivai proprio per questo. Moratti aveva già deciso di vendere e gli serviva un compratore. Io dovevo occuparmi di supportare il presidente nell’attività di vendita. Eravamo nel 2013. Thohir entrò con il 70 per cento delle quote, il resto lo conservò Moratti".

    Dall’Inter quando se ne va?

    "Nell’autunno del 2015, quando pensavo che sarei rimasto perché mi era stato proposto il rinnovo del contratto. L'allenatore era Mancini, la squadra era prima, ma l’amministratore delegato era Bolingbroke, io direttore generale, e due galli nel pollaio faticavano a starci".

    Lei non sembra esattamente un gallo che voglia soppraffarne un altro.

    "Speravo nella coesistenza, ma non fu possibile. Ci eravamo divisi i compiti - io la squadra e lui tutta l’area business - ma non funzionava".

    A guardar bene l’esperienza più positiva, almeno per lei, è stata Napoli.

    "Due stagioni - 2010-2011 e 2011-2012 - bellissime. Sostituii Pierpaolo Marino, allenatore Walter Mazzarri. Il primo anno giocammo l’Europa League e approdanmmo in Champions League, il secondo vincemmo la Coppa Italia, un trofeo dopo venticinque anni di attesa. Un lavoro che mi riempì di soddisfazione".

    Adesso Marco Fassone fa il consulente.

    "Sì, ma spero per poco tempo ancora. Guardo all’estero anche se molte situazioni, causa Coronavirus, mi sembrano cristallizzate. Aspetto l’occasione propizia, ma deve venire da un campionato qualificato. Altrimenti ascolto, ringrazio, ma declino".
    Segui MilanWorld su Facebook e Twitter per restare aggiornato su tutte le notizie!

    FB: https://www.facebook.com/MilanWorldForum

    Twitter: https://twitter.com/MilanWorldForum

  2. #2
    Senior Member L'avatar di Ruuddil23
    Data Registrazione
    Jan 2017
    Messaggi
    5,246
    Citazione Originariamente Scritto da Admin Visualizza Messaggio
    Intervista di calciomercato.com a Marco Fassone, ex AD del Milan


    Dottor Fassone, l’esperienza al Milan non si è chiusa bene.

    "Diciamo che il modo sarebbe potuto essere diverso. E’ logico che quando arriva una nuova proprietà scelga uomini di propria fiducia, ma essere stato licenziato un’ora dopo aver ottenuto dal Tas la riammissione alle Coppe europee è stato doloroso. La mia opinione è che avremmo potuto evitare di finire davanti ad un giudice per arrivare ad un accordo. In tanti anni mi sono trovato nelle condizioni di licenziare dei dipendenti, ma ho sempre preferito evitare il tribunale. Sarebbe stato opportuno anche questa volta".

    La prima considerazione è che il suo lavoro fosse appena cominciato e che il cambio di proprietà lo abbia danneggiato.

    "Al Milan il progetto era triennale, con l’obiettivo di conquistare da subito il terzo o quarto posto. Nel primo anno abbiamo fatto una campagna dispendiosa per rafforzare la squadra in ogni reparto. Il secondo ci sarebbe servito per correggere il tiro laddove ci fosse stata la necessità. Il terzo per integrare la rosa".

    Nell’estate del 2017 lei e Mirabelli realizzate undici acquisti, una squadra intera.

    "Con il senno di poi sarebbe stato meglio fare qualche acquisto in meno e dare un po’ di qualità in più. Ricordo, però, che avevamo una difesa fortissima con Conti, che poi si infortunò lungamente, Bonucci, Romagnoli e Rodriguez con in porta Donnarumma".

    Però i risultati non arrivarono.

    "Non è vero. Con Gattuso, che sostituì Montella, facemmo un ottimo girone di ritorno, una media da terzo posto assoluto. E ricordo che a gennaio non potevamo prendere nessuno avendo speso duecento milioni in estate".

    Il primo anno di una nuova gestione è spesso così.

    "Certo. La Juve del 2010 con Marotta e Paratici arrivò settima".

    Ma duecento milioni sono tanti per arrivare appena in Europa League?

    "Per la verità ne realizzammo anche 60 vendendo dei giocatori che non erano esattamente dei gioielli della squadra".

    Insomma, lei sostiene che il lavoro al Milan non ha dato i suoi frutti per mancanza di tempo.

    "Oggettivamente è stato così. Io credo che in tre anni avremmo potuto raggiungere obiettivi importanti".

    Perché Yonghong Li abbandonò la partita?

    "Perchè si rese conto che non era in grado di saldare il rimborso del debito con Eliott che scadeva ad ottobre. Eravamo in primavera e la sua ricerca di soci fu vana. Allora a luglio non pagò una rata da 32 milioni e il Milan andò a Eliott".

    Come aveva fatto Yonghong Li ad arrivare a lei?

    "Non lo so. So solo che una domenica di agosto del 2016 squillò il telefonò e mi venne proposto un incontro a Milano, perchè con il precedente interlocutore, che si stava occupando della trattativa di acquisto del Milan, i cinesi avevano interrotto i rapporti. La mia avventura partì così fino al closing dell’estate successiva".

    Anche all’Inter lei si occupò di un cambio di proprietà, quello tra Moratti e Thohir.

    "Direi che all’Inter arrivai proprio per questo. Moratti aveva già deciso di vendere e gli serviva un compratore. Io dovevo occuparmi di supportare il presidente nell’attività di vendita. Eravamo nel 2013. Thohir entrò con il 70 per cento delle quote, il resto lo conservò Moratti".

    Dall’Inter quando se ne va?

    "Nell’autunno del 2015, quando pensavo che sarei rimasto perché mi era stato proposto il rinnovo del contratto. L'allenatore era Mancini, la squadra era prima, ma l’amministratore delegato era Bolingbroke, io direttore generale, e due galli nel pollaio faticavano a starci".

    Lei non sembra esattamente un gallo che voglia soppraffarne un altro.

    "Speravo nella coesistenza, ma non fu possibile. Ci eravamo divisi i compiti - io la squadra e lui tutta l’area business - ma non funzionava".

    A guardar bene l’esperienza più positiva, almeno per lei, è stata Napoli.

    "Due stagioni - 2010-2011 e 2011-2012 - bellissime. Sostituii Pierpaolo Marino, allenatore Walter Mazzarri. Il primo anno giocammo l’Europa League e approdanmmo in Champions League, il secondo vincemmo la Coppa Italia, un trofeo dopo venticinque anni di attesa. Un lavoro che mi riempì di soddisfazione".

    Adesso Marco Fassone fa il consulente.

    "Sì, ma spero per poco tempo ancora. Guardo all’estero anche se molte situazioni, causa Coronavirus, mi sembrano cristallizzate. Aspetto l’occasione propizia, ma deve venire da un campionato qualificato. Altrimenti ascolto, ringrazio, ma declino".
    Ahahahahaha! Questo era lo stesso mantra dei fenomeni che lo sostenevano, si è studiato bene la lezioncina

  3. #3
    Senior Member
    Data Registrazione
    Feb 2017
    Messaggi
    5,662
    Tu e il tuo compare calabrese non lavorerete più, boia che non siete altro. Magrissima consolazione.

  4. #4
    Junior Member L'avatar di Julian4674
    Data Registrazione
    Feb 2014
    Messaggi
    644
    l'unica differenza è che la juve è arrivata settima il primo anno e poi non ha più smesso di vincere, da noi invece si continua ad arrivere settimi anche al secondo, terzo, quarto, quinto anno and so on....
    ----- #gazzidisout ----- Non avrei mai pensato di rimpiangere Galliani

  5. #5
    Junior Member L'avatar di DMC
    Data Registrazione
    Dec 2019
    Messaggi
    332
    Non so bene come spiegarlo ma adesso l'avventura cinese con Fassone e Mirabelli mi sembra come un sogno.
    Qualcosa di surreale accaduto a qualcun'altro molti anni fa.
    "Mi trasferisco a Milano per lavoro, e lì formerò una squadra di veri diavoli che vi darà parecchio filo da torcere."

    Herbert Kilpin, promessa poi mantenuta.

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

Milan World Forum © 2013 Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione, anche solo parziale, di contenuti e grafica.

Powered by vBulletin® • Copyright © 2012, Jelsoft Enterprises Ltd.

Milan World non si assume nessuna responsabilità riguardo i contenuti redatti dagli utenti. Foto e Video (da Youtube) pubblicati su MW non sono hostati su questo sito ma semplicemente riportati da altri media attraverso dei link accessibili a tutti.



P. Iva 03003620600